HOMEPAGE / Persone Fisiche e IRPEF / Modello ISEE 2019: calcolo e compilazione per il reddito medio

Modello ISEE 2019: calcolo e compilazione per il reddito medio

modello iseeIl modello ISEE introduce con alcune novità tese e perfezionarne l’utilizzo, ad oggi ancora carente e, a mio modesto avviso, ancora non in grado di individuare perfettamente i soggetti veramente più meritevoli di godere di agevolazioni fiscali, prestazioni sociali, sconti, ed agevolazioni varie. Cerchiamo in questo articoli di di tracciarne in sintesi le nuove caratteristiche per fornire un concreto supporto al suo utilizzo anche per l’anno 2014.

ISEE o ISE: cosa sono

L’ISEE è l’indicatore della situazione economica equivalente è l’attestato contenente l’indicatore I.S.E.E. consente ai cittadini di accedere, a condizioni agevolate, alle prestazioni sociali o ai servizi di pubblica utilità ed è dato dal rapporto tra l’indicatore della situazione economica (I.S.E.) e il parametro desunto dalla Scala di Equivalenza.
L’I.S.E.(Indicatore della Situazione Economica) è il valore assoluto dato dalla somma dei redditi e dal 20% dei patrimoni mobiliari e immobiliari dei componenti il nucleo familiare.

Come si compila il modello ISEE 2019

Se la volete fare molto breve andate ad un cafe  ve lo fanno gratis per cui limitatevi a vedere quale è la documentazione da portare per il modello ISEE e cercate il CAF più vicino e più comodo per voi. Se invece volete cimetarvi in altro modo allora presentate la dichiarazione sostitutiva (assumendosi la responsabilità di quello che scrive) e la presenta all’ente, scuola, asilo che fornisce la prestazione desiderata o l’agevolazione richiesta o al CAF. Se lo dovete presentare all’INPS ricordatevi che si può fare solo on line ossia telematicamente collegandosi al sito Internet www.inps,it, nella sezione “Servizi On-Line” (v. circolare INPS n. 2 del 12.01.2011 e circolare INPS n.130 del 10.10.2011).

Calcolo dell’ISEE 2019

L’ISEE è calcolato sulla base dei redditi, dei patrimoni e della composizione del nucleo familiare.
Entro 4 giorni lavorativi dalla ricezione della DSU i soggetti che la hanno acquisita trasmettono in via telematica i dati in essa contenuti al sistema informativo dell’ISEE.
Entro il 4° giorno lavorativo successivo a quello della completa e valida ricezione dei dati autodichiarati e dell’inoltro della relativa richiesta da parte dell’INPS avviene l’acquisizione dei dati dell’anagrafe tributaria da parte del sistema informativo ISEE.
Entro il 2° giorno lavorativo successivo a quello dell’acquisizione dei dati dell’anagrafe tributaria l’INPS (in base ai dati autodichiarati, a quelli acquisiti dall’Agenzia delle entrate e quelli presenti nei propri archivi) determina l’ISEE e lo rende disponibile.
Pertanto entro 10 giorni lavorativi viene calcolato e reso disponibile l’ISEE.
Nel caso eccezionale in cui trascorrano 15 giorni lavorativi dalla data di presentazione della DSU senza che il dichiarante abbia ancora ricevuto l’attestazione, è possibile compilare l’apposito Modulo integrativo (FC.3) per autodichiarare i dati per il calcolo dell’ISEE ed ottenere un’attestazione provvisoria, valida fino al momento del rilascio dell’attestazione precedentemente richiesta (vedi Istruzioni parte 4).
In caso di imminente scadenza dei termini per l’accesso ad una prestazione sociale agevolata, i componenti il nucleo familiare possono comunque presentare la relativa richiesta accompagnata dalla ricevuta di presentazione della DSU. L’Ente erogatore potrà acquisire successivamente l’attestazione relativa all’ISEE interrogando il sistema informativo ovvero, laddove vi siano impedimenti, richiedendola al dichiarante.

La nuova Dichiarazione sostitutiva UNICA o DSU 2019

Nel seguito intanto trovate il modello e le istruzioni che mi sembrano piuttosto chiare. Per agevolarvi nella lettura vi dico che iniziano dalla pagina 23 del pdf che potete scaricare qui in allegato gratuitamente qui sotto.

Modello ISEE e DSU 2017 + Istruzioni – Messaggio numero 1764 del 27-04-2017_Allegato n 1 (Da scaricare gratuitamente)

Cosa cambia dal 2014 e dal 2015

In sostanza al fine di scongiurare l’enorme platea di soggetti che abusano dell’autocertificazione per godere ingiustamente di sconti, detrazioni fiscali, benefici fiscali e altro ancora, si è cercato di ridurre le fattispecie in cui è consentita l’autocertificazione da un lato, aumentare i controlli dall’altro anche se immaginate quanto possa essere difficile essendo centinaia di migliaia le persone che lo utilizzano più di una volta a testa, e per tantissime fattispecie, e vengono rimodulati i parametri che lo alimentano al fine di garantire un maggiore grado di attendibilità del modello alla effettiva realtà economica patrimoniale e finanziaria del soggetto… per cui via alle cosiddette sperequazioni nelle prestazioni sociali.

Si privilegia sempre la famiglia e soprattutto quelle numerose e con disabili al cui interno poi sono disciplinate anche le fattispecie con  disabili minorenni e/o anziani non autosufficienti con o senza figli cercando quindi di perfezionare lo strumento ancora di più, anche se per me il problema fondamentale è nell’evasione fiscale e nel controllo a posteriori delle dichiarazioni.

In questo senso un passo in avanti viene fatto in quanto il reddito complessivo dichiarato nel modello ISEE non sarà possibile autocertificarlo nelle totalità delle sue componenti ma solo per alcune: per esempio il reddito imponibile non sarà preso solo quello dichiarato ma finalmente (siamo un po’ in ritardo in questo, ammettiamolo) viene incrociato con il modello 730 o modello Unico (il che mi fa pensare che c’era gente che dichiarava un reddito IRPEF nel 730 e poi ne scriveva un altro inferiore nel modello ISEE, commettendo un vero e proprio falso punibile penalmente) e quelli relativi alle prestazioni ricevute dall’Inps saranno compilati direttamente dalla pubblica amministrazione.

Nuovo modello Isee 2019: disabilità

Inoltre il nuovo modello Isee 2017 o meglio dal 29 maggio 2016, e limitatamente ai casi di disabilità, farà differenziazione sul tipo di servizio richiesto e riordina i servizi verso le famiglie con carichi familiari particolarmente gravosi valutando in tal modo diversi casi di disabilità che varieranno in base non solo al reddito imponibile ma anche alla composizione del nucleo familiare e alle fattispecie di disabilità. Non dovranno essere conteggiati nel reddito disponibile valido ai fini del calcolo dell’ISEE i trattamenti previdenziali come le indennità di accompagnamento, di comunicazione o frequenza o anche le pensioni di invalidità e anche altri eventuali trattamenti assistenziali. Anche le eventuali social card o carte di debito non concorrono alla formazione del reddito imponibile se ricevute per le proprie condizioni di disabilità.

Saranno invece da includere eventuali altri trattamento economici sociali ricevuti in base ad altre condizioni personali non dipendenti dalla disabilità come per esempio il contributo di maternità o per le famiglie numerose o per l’abitazione principale in affitto.

Non si potrà più beneficiare inoltre delle detrazioni previste per le spese destinate all’assistenza personale e neanche quelle per il ricovero presso case di cura e non si avrà diritto nemmeno ad alcuna detrazione o sconto nel caso in cui in famiglia vi siano disabili.

Tuttavia non si deve pensare che le disabilità non contino più ma ma muta la modalità di calcolo per considerarle ai fini ISEE: più in particolare l’eventuale presenza nel nucleo familiare di soggetti con disabilità consentirà di beneficare di una maggiorazione dello 0,5% sulla scala di equivalenza come definito nell’allegato 3 del D.P.C.M. n. 159 del 2013, e in particolare per ogni componente il nucleo con disabilità media, grave o non autosufficiente, si avrà una maggiorazione dello 0,5 al parametro della scala di equivalenza di cui all’allegato 1 del D.P.C.M. segnalato.

Gli immobili nel modello ISEE 2019

Per quello che concerne gli immobili varia una cosa ossia il valore da prendere e da inserire nel modello in quanto si prenderà il valore degli immobili rivalutato ai fini IMU il chè significa che sarà molto più alto rispetto a quello ai fini ICI di fatto creando un seprazione anocra più marcata tra chi ha casa e chi no, il che mi sembra giusto.

Consulta l’articolo di approfondimento dedicato alla Indicazione di Immobili e fabbricati nel Modello Isee o nella DSU.

Resta sempre l’annoso problema del conto corrente nella dichiarazione ISEE

Sul lato dei conti correnti, come più volte evidenziato nell’articolo dedicato alla compilazione del modello ISEE resta fermo il problema della compilazione del quadro relativo alle disponibilità finanziarie perché almeno per i liberi professionisti suppniamo al 31 dicembre dell’anno avranno gran parte della liquidità che dovrà essere impegnata nel giugno successivo per pagare le tasse per cui l’indicatore non dovrebbe tenerne conto perché quei soldi non sono effettivamente disponibili (sarei un pazzo a richiare di investire quei solid in mood non siscuro per poi trovarmi a giugno a non averli per pagare le tasse). Tuttavia non mi sembra che lo abbiano risolto questo problema e come capirete non è di poco conto in quanto molti non dichiarano nulla come liquidità.

Altro discorso invece quelli che non indicano azioni, obbligazioni e che anche in questo caso commettono un illecito in quanto per l0agenzia delle entrate per il tramite della banca d’italia e degli istituti di finanziamento è in grado tranquillamente di sapere quali e quante azioni avete per cui state attenti se volete fare i furbetti.

Il valore di depositi bancari e conti correnti prima doveva essere quello  registrato al 31 dicembre dell’anno precedentementre oggi vale la consistenza media laddove questa sia superiore.

Le novità rispetto al precedente modello Isee si sostanziano nel fatto di includere anche i redditi tassati con imposte sostitutive come avviene per esempio con il trattamento di fine rapporto. Saranno anche considerati tra i redditi che alimentano il calcolo dell’ISEE il valore medio gli assegni assistenziali per il nucleo familiare, le pensioni di invalidità, le indennità di accompagnamento e altri.

A tal proposito potete consultare anche l’articolo dedicato al calcolo della giacenza media dei conti per il modello ISEE

Quali dati da indicare nel modello ISEE o nella DSU

Vi ricordo sempre gli articoli dedicati ai dati da indicare nel modello ISEE per non farvi arrivare impreparati al CAF o al momento della compilazione e riportare tutti i dati che occorrrono. In ultimo segnalo ai più avventurosi, ossia quelli che girano con macchina ed hanno proprietà ma sono talmente avidi da voler essere scambiati per poveri e sfruttare questo indicatore, anche l’articolo dediato al redditometro e modello ISEE (purtroppo credetemi… ce ne sono).

Scarica il Modello DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica)

Modello ISEE 2017 + Istruzioni – Messaggio numero 1764 del 27-04-2017_Allegato n 1 (Da scaricare gratuitamente)

Modello ISEE Dichiarazione Sostitutiva Unica

Assegni, sconti ed agevolazionie con il modello ISEE e DSU

Leggete anche l’articolo dedicato alla DSU e ISEE per l’iscrizione a scuola o quello dedicato al nuovo assegno per il nucleo familiare.

Ho trovato una sezione sul sito dell’INPS che consente di effettuare il calcolo del modello ISEE

Allegato 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 5 dicembre 2013, n. 159
 
Definizione ai fini ISEE della condizione di disabilita' media, grave e di non autosufficienza (articolo 1,  comma  1,  lett.  l); articolo 6, comma 3, lett. b); articolo 10, comma  7,  lett.c)) 

|=============|================|================|===================|
|  CATEGORIE  |   Disabilita'  |   Disabilita'  |       Non         |
|             |      Media     |      Grave     |  autosufficienza  |
|=============|================|================|===================|
|Invalidi     |- Invalidi      |- Inabili totali|- Cittadini di eta'|
|civili       |67->99%         |(L. 118/71,     |compresa tra 18 e  |
|di eta'      |(D.Lgs. 509/88) |artt. 2 e 12)   |65 anni con diritto|
|compresa tra |                |                |all'indennita' di  |
|18 e 65 anni |                |                |accompagnamento    |
|             |                |                |(L. 508/88, art. 1,|
|             |                |                |comma 2, lettera b)|
|=============|================|================|===================|
|             |-Minori di eta' |- Minori di eta'|Minori di eta'     |
|             |con difficolta' |con difficolta' |con diritto        |
|             |persistenti a   |persistenti a   |all'indennita' di  |
|             |svolgere i      |svolgere i      |accompagnamento    |
|             |compiti e le    |compiti e le    |( L. 508/88,       |
|             |funzioni propri |funzioni proprie|art. 1)            |
|Invalidi     |della loro eta' |della loro eta' |                   |
|civili minori|(L. 118/71,     |e in cui        |                   |
|di eta'      |art. 2 - diritto|ricorrano le    |                   |
|             |all'indennita'  |condizioni di   |                   |
|             |di frequenza)   |cui alla L.     |                   |
|             |                |449/1997, art. 8|                   |
|             |                |o della L.      |                   |
|             |                |388/2000,       |                   |
|             |                |art. 30         |                   |
|             |                |                |                   |
|=============|================|================|===================|
|             |                |                |                   |
|             |- Ultrasessanta |- Ultrasessanta |- Cittadini        |
|             |-cinquenni con  |-cinquenni con  |ultrasessanta      |
|             |difficolta'     |difficolta'     |-cinquenni con     |
|             |persistenti a   |persistenti a   |diritto            |
|Invalidi     |svolgere i      |svolgere i      |all'indennita' di  |
|civili       |compiti e le    |compiti e le    |accompagnamento    |
|ultrasessanta|funzioni propri |funzioni propri |(L. 508/88, art. 1,|
|-cinquenni   |della loro eta',|della loro eta',|comma 2, lettera b)|
|             |invalidi 67->99%|inabili 100%    |                   |
|             |(D. Lgs. 124/98,|(D.Lgs. 124/98, |                   |
|             |art. 5, comma 7)|art. 5, comma 7)|                   |
|=============|================|================|===================|
|Ciechi civili|- Art 4 L.      |- Ciechi civili |- Ciechi civili    |
|             |138/2001        |parziali        |assoluti           |
|             |                |(L. 382/70 - L. |(L. 382/70 - L.    |
|             |                |508/88 - L.     |508/88 - L.        |
|             |                |138/2001)       |138/2001)          |
|=============|================|================|===================|
|             |- Invalidi      |- Sordi         |                   |
|             |Civili con      |pre-linguali,   |                   |
|             |cofosi esclusi  |di cui all'art. |                   |
|Sordi civili |dalla fornitura |50 L. 342/2000  |                   |
|             |protesica       |                |                   |
|             |(DM 27/8/1999,  |                |                   |
|             |n. 332)         |                |                   |
|             |                |                |                   |
|=============|================|================|===================|
|             |                |                |                   |
|             |- Invalidi      |- Inabili       |-Inabili con       |
|             |(L. 222/84,     |(L. 222/84,     |diritto all'assegno|
|INPS         |artt. 1 e 6 -   |artt. 2, 6 e 8) |per l'assistenza   |
|             |D.Lgs. 503/92,  |                |personale e        |
|             |art. 1, comma 8)|                |continuativa       |
|             |                |                |(L. 222/54, art. 5)|
|=============|================|================|===================|
|             |- Invalidi sul  |- Invalidi sul  |- Invalidi sul     |
|             |lavoro 50->79%  |lavoro 80->100% |lavoro con diritto |
|             |(DPR 1124/65,   |(DPR 1124/65,   |all'assegno per    |
|             |art. 66)        |art. 66)        |l'assistenza       |
|             |- Invalidi sul  |- Invalidi sul  |personale e        |
|INAIL        |lavoro 35->59 % |lavoro >59%     |continuativa       |
|             |(D.Lgs 38/2000, |(D.Lgs 38/2000, |(DPR 1124/65 -     |
|             |art.13 -        |art. 13 - DM    |art. 66)           |
|             |DM 12/7/2000 -  |12/7/2000 - L.  |- Invalidi sul     |
|             |L. 296/2006,    |296/2006, art 1,|lavoro con         |
|             |art 1,          |comma 782)      |menomazioni        |
|             |comma 782)      |                |dell'integrita'    |
|             |                |                |psicofisica di cui |
|             |                |                |alla L.296/2006,   |
|             |                |                |art 1, comma 782,  |
|             |                |                |punto 4            |
|             |                |                |                   |
|=============|================|================|===================|
|             |                |                |                   |
|             |- Inabili alle  |- Inabili       |                   |
|             |mansioni        |(L. 274/1991,   |                   |
|INPS gestione|(L. 379/55, DPR |art. 13 - L.    |                   |
|ex INPDAP    |73/92 e DPR     |335/95, art. 2) |                   |
|             |171/2011)       |                |                   |
|             |                |                |                   |
|=============|================|================|===================|
|             |- Invalidi con  |- Invalidi con  |- Invalidi con     |
|             |minorazioni     |minorazioni     |diritto all'assegno|
|             |globalmente     |globalmente     |di superinvalidita'|
|Trattamenti  |ascritte alla   |ascritte alla   |(Tabella E allegata|
|di privilegio|terza ed alla   |prima categoria |al DPR 834/81)     |
|ordinari e   |seconda         |Tab. A DPR      |                   |
|di guerra    |categoria Tab.  |834/81          |                   |
|             |A DPR 834/81    |(81->100%)      |                   |
|             |(71->80%)       |                |                   |
|=============|================|================|===================|
|Handicap     |                |- Art 3 comma 3 |                   |
|             |                |L.104/92        |                   |
|=============|================|================|===================|

Calcolo giacenza media

Vi segnalo il nuovo articolo dedicato al calcolo della giacenza media dei conti per il Modello ISEE

Calcolo giacenza media conto Modello ISEE 2018 dall’estratto conto bancario

Differenza Tra Stato di Famiglia e Nucleo Familiare: Definizione, come funzionano

Bonus Asilo Nido 2018 INPS: Domanda, Requisiti e Chiarimenti

Valuta l'articolo
[Totale: 8 Media: 3.1]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

50 commenti

  1. Devo compilare l”isee mia madre appartiene al mio nucleo famigliare volevo sapere se devo aggiungere anche dei suoi buoni fruttiferi che in passato ha cointestato con i miei fratelli ,dove io non sono attualmente beneficiaria.

  2. Buongiorno,

    dovrei presentare l’ISEE universitario, ma ho un dilemma.

    Ho un fratello che vive all’estero ma che non è stato ancora cancellato dallo stato di famiglia ( ancora non l’hanno iscritto all’AIRE).

    In questo caso, vistochè risulta nello stato di famiglia dovrei conteggiare anche lui giusto?
    Mentre per quanto riguarda i beni che ha all’estero? ( del tipo conto corrente o lavori svolti e tassati fuori dall’ Italia?)

    Grazie mille

  3. Tasse-Fisco

    direi di si, perchè non dovrebbe? Sono sempre disponibilità liquide. Certo tralasciamo il fatto che alla fine uno difficilmmente li preleva dal conto :-)

  4. salve, vorrei un’informazione:
    il conto online di scommesse sportive va indicato nell’isee
    grazie

  5. Tasse-Fisco

    diviso tre

  6. Salve vorrei un’informazione:

    Ho dei buoni fruttiferi postali intestati sia a me,che a mia mamma e mia sorella (che non sono nel mio stato di famiglia), dovendo fare la dichiarazione ISEE , il valore di questi ultimi verra’ conteggiato per intero e diviso 3?

    graize mille

  7. Tasse-Fisco

    provi a legger ela sentença del TAR del lazio e le sentenze del consiglio di stato del 29 febbraio 2016. Il principio che penso di poter estrapolare è che le indennità corrisposte non concorrono a formare il reddito ai fini ISEE in quanto è come se andassero a ristabilire la situazione economica con un pari avente diritto senza indennità. IN altre parole, mi scusa per la loro semplicità. L’indennità va a compensare un deficit e non a creare una situazione migliorativa rispetto a chi quel deficit per fortuna non ce l’ha. Spero di esserle stato utile.

  8. salve io ho preso ISE ma non capisco come mai il reditto si aumenta in questo modo avendo 4 persone a caricho 3 minori 1 disabile 1 reditto da 9800, euro e ISE pari a 3566,euro, reditto aumentatto da 9800, euro a13,140. euro. ho provato al”agenzia delle entrate e mi hanno confermato il reditto dichiarato dall mod, 730. non riesco a capire come l”anno passato avevo 1 reditto da 18.000, euro e 1 ISE ,da 2,300. euro.mi potreste spieghare dove li prendano questi reditti aggiuntivi. grazie.

  9. Tasse-Fisco

    1) Si
    2) SI
    3) giacenza media non è nessuna delle due.Se prende l’estratto conto forse potrebbe trovarlo in uno dei prospetti finali. In alternativa nel seguito dovrebbe prendere la somma dei saldi di ogni giorno dell’anno e dividerli per 365. MI rendo conto che è una follia da far fare, soprattutto se avete più conti.

  10. buon giorno, devo fare il modello isee per i miei genitori. Non avendolo mai fatto ( ON LINE ) avrei bisigno di alcuni chiarimenti;
    1) il reddito da pensione va’ indicato ?
    2) la prima casa va indicata nel prospetto del patrimonio immobiliare?
    3) GIACENZA MEDIA DEL LIBRETTO POSTALE;DEVO INDICARE IL TOTALE O SOLO LA SUA PERCENTUALE

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.