Differenza Tra Stato di Famiglia e Nucleo Familiare: Definizione, come funzionano

Lo definizione di stato di famiglia è diversa dal nucleo familiare e per questo vi fornisco alcuni importanti chiarimenti in risposta alla domande riguardanti gli elementi costitutivi, a cosa servono entrambi, quando si utilizzano uno o l’altro, quali sono le agevolazioni fiscali o assistenziali a cui è possibile accedere e quali requisiti richiesti per la loro formazione  : nel seguito trovate il chiarimento sulla corretta definizione ai fini della presentazione di domani di agevolazioni

Che cos’è lo Stato di Famiglia: come si chiede

Lo stato di famiglia è un certificato rilasciato dal Comune di residenza anagrafica della persona fisica in cui trovate l’indicazione di tutti i componenti del nucleo familiare ovvero della famiglia anagrafica per cui legati tra loro da un vincolo di parentela. Non vi sono esclusioni dalla famiglia anagrafica dipendenti dal grado di parentela. 

La definizione di famiglia anagrafica o nucleo famigliare ossia le persone che sono parenti tra loro perchè legate da un vincolo di parentela di qualsiasi grado oppure che siano affini o che siano legati da legami di tutela legale o da vincolo di matrimonio.

Per essere ricompresi nel nucleo familiare quindi sarà necessario che i soggetti conviventi siano:

  • parenti (genitori, figli, fratelli, sorelle, zii, nonni, cognati, nuore, cugini)
  • affini
  • coniugi
  • tutori o tutelati

Vi sono poi casi particolari di esclusione dal nucleo familiare come per fare un esempio un amico o il vicino di casa che si trasferisce a vivere con voi non farà parte del nucleo familiare.

Il nucleo famigliare si ha quindi quando i parenti vivono sotto lo stesso tetto ossia hanno la stessa residenza anagrafica.

Il Certificato o Stato di famiglia serve a certificare quante persone abitano nello stesso tetto anche ai fini della ripartizione del valore che una abitazione può avere ai fini della richiesta di assistenza o agevolazioni fiscali con il modello ISEE. Per fare un esempio avrà più diritto, a parità di condizioni economiche chi vive in una casa di 80 mq in 7 persone piuttosto che un nucleo familiare proprietario della stessa casa dove ne abito solo 3.

Talvolta può convenire anche uscire dallo Stato di famiglia per poter credere a delle specifiche agevolazioni fiscali o trattamento specialistici come assegni di famiglia, bonus, indennità etc. Basterà solo presentare una domanda di uscita dal nucleo famigliare e costituire un nucleo famigliare a sè. La condizione però dovrà essere quella di vivere in un altra casa con altro indirizzo o interno nello stesso palazzo o stabile.

Come richiedere lo stato di famiglia?

Il certificato di stato di famiglia deve essere presso il Comune di Residenza e purtroppo non riscontro spesso che sia possibile richiederlo on line per cui sarà necessario recarsi di persona presso l’Ufficio anagrafe del Comune della propria residenza, presentando un documento valido d’identità (carta di identità nazionale o europea o il passaporto ma non la patente di guida).

Quanto costa e dura lo Stato di famiglia

Il certificato ha una validità 6 mesi. Il costo varia da Comune a Comune, ma di norma è di 0,26 euro se rilasciato su carta libera oppure di 16,70 euro se rilasciato in bollo. Tuttavia, è possibile ottenere il certificato di stato di famiglia su carta libera anche gratuitamente on line utilizzando la Carta dei servizi (la tessera sanitaria).

Nel seguito vi fornisco alcuni chiarimenti in merito alla richiesta presso i principali comuni d’Italia

Che cos’è il nucleo familiare e come funziona

A cosa serve allora il nucleo familiare? Il Nucleo familiare serve principalmente a definire i componenti per poter credere a trattamento integrativi o indennitari o segni che vengono corrisposto quasi sempre attraverso la presentazione del Modello ISEE (l’Indicatore della situazione economica equivalente) o della DSU (la Dichiarazione Sostitutiva Unica) in cui si riepilogano le informazioni anagrafiche del nucleo, i redditi prodotti ed il patrimonio posseduto.

Differenza Tra Stato di Famiglia e Nucleo Familiare

La differenza tra nucleo familiare e Stato di Famiglia risiede nel fatto che lo Stato di famiglia legge solo i componenti della famiglia che abitano sotto lo stesso tetto ossia nella stessa casa mentre il nucleo famigliare ha una connotazione più fiscale in quanto è costituito da tutti i familiari che sono legati tra loro da un legame di dipendenza fiscale.

per fare un esempio potremmo avere un nucleo familiare dove i genitori ed i figli a carico fiscalmente vivono in due abitazioni diverse. Nel nucleo familiare il vincolo che lega i parenti tra loro non è la medesima abitazione ma è il fatto di essere fiscalmente a carico. Per essere fiscalmente a carico ricordo che non si devono aver superato i 2840, 51 euro di reddito annuo. Per approfondimenti vi segnalo la Guida Gratuita per i Familiari Fiscalmente a carico

In pratica il nucleo familiare può ricomprendere oltre ai componenti della famiglia anagrafica che abitano nella stessa abitazione anche i soggetti non conviventi a carico fiscalmente. Nel seguito alcuni esempi: genitori conviventi non sposati o separati. In questo caso uno indicherà l’altro come “altra persona del nucleo“;

Altro esempio potrebbero essere i genitori non sposati né conviventi ma che sono legati tra loro per un vincolo di parentela essendo genitori dello stesso figlio/a. 

Anche nel caso in cui due genitori siano divorziati ai fini ISEE potranno indicarsi come stesso nucleo famigliare ma facendo riferimento alla famiglia anagrafica di uno dei due o all’ultima residenza avuta in comune;

Al contrario altro esempio potrebbero essere due coniugi separati e non conviventi senza prole: questi faranno parte di due nuclei famigliari autonomi semprechè si siano separati legalmente o siano divorziati.

Casi particolari Stato di famiglia o Nucleo familiare

Due stati di famiglia

Non è possibile essere parte di due stati di famiglia diversa a meno che l’anagrafe del comune non sia in ritardo con il recepimento e l’aggiornamento delle informazioni o voi abbiate presentato qualche dichiarazione mendace. Tuttavia sarà possibile che all’interno della stessa abitazione vi siano due o più stati di famiglia: è l’esempio di due perone che non sono legati da nessun legame di parentela ma che abitano insieme. Ne sono un esempio gli stupendi universitari o le persone anziane che si trovano a condividere la stessa casa.

Figli che vivono con i nonni o da soli. Se sono fiscalmente a carico dei genitori, rientrano nello stesso nucleo familiare. Se non sono a carico del padre e/o della madre e vivono con i nonni, fanno parte del nucleo familiare dei nonni. Se vivono da soli e sono economicamente autonomi (non dipendono da nessuno) hanno il proprio nucleo familiare.

Potrebbe essere il caso di figli che vivono con i nonni i cui genitori si sono separati. Se sono fiscalmente a carico dei genitori faranno parte del nucleo dei genitori (madre o padre) ma se non lo sono rientreranno in quello dei nonni.

Figli non più a carico fiscalmente: rientreranno in un nucleo famigliare autonomo

A titolo di esempio nel seguito trovate nel seguito le pagine relative alle richieste dello stato di famiglia per alcuni comuni d’italia:

 

Una volta che conoscete la differenza tra Stato di Famiglia e Nucleo familiare potete leggere gli articoli correlati che potrebbero farvi scoprire risparmi ed agevolazioni legati proprio a questi due concetti.

Detrazione e Deduzione delle spese rimborsate dal datore di lavoro

Convivenza e Stato di famiglia: come fare a dimostrare di essere conviventi

Bonus Famiglie a basso reddito

Come funziona la Carta Acquisti in base all’ISEE

Agevolazioni e Contributi per la famiglia

Come presentare Assegni per il nucleo familiare

Guida alla Domanda dello Stato di Famiglia

Valuta l'articolo
[Totale: 7 Media: 4.3]

58 Commenti

  1. Buongiorno, mi sono sposato a settembre 2021 ho casa in fase di costruzione e nel frattempo sono appoggiato a casa di mia zia, però la mia residenza c’è l’ho a casa dei miei genitori ugualmente mia moglie a casa dei suoi. Se chiedo un ISEE uscirebbe sproporzionato. C’è modo di sviare il problema?
    Grazie e buona giornata

  2. mio marito e tedesco e ha la residenza in germania ma non appare sull mio stato di famiglia perchè?

  3. Buongiorno,
    io e mio marito non abbiamo reddito, ma abbiamo la residenza da mio figlio che invece lavora, se nella sua dichiarazione dei redditi non ci mette a carico, nel suo isee compariranno anche le nostre figure con le nostre proprietà?
    Ringrazio in anticipo per la risposta.
    Cordialmente

  4. sono pensionato e vivo solo. Se viene a convivere con me una ragazza madre con figlio disabile come sarebbero considerati

  5. sono pensionato e vivo solo. Se viene a convivere con me una ragazza madre con figlio disabile come sarebbero considerati

  6. Figlio coniugato e separato, rientrato nella famiglia di origine (stesso stato di famiglia) ma non a carico fiscalmente, può essere considerato come nucleo famigliare autonomo? Grazie

  7. Buonasera, ho la residenza con mia madre ma io vivo in un altra casa con contratto di affitto.
    Ho 28 anni, non sono fiscalmente a carico e non ho figli e non sposato.
    Posso fare un isee come familiare non convivente?

  8. Buongiorno,
    l’anno scorso ho venduto casa e da agosto 2021 io, il mio compagno e la nostra bambina abitiamo a casa di mia sorella che si è trasferita momentaneamente a casa dei miei per farci una cortesia.
    Abbiamo tutti e 4 la residenza a casa di mia sorella (lei perchè dovrebbe abitarci, noi perchè ci abitiamo)
    Devo fare l’ISEE ma, avendo la stessa residenza, vogliono inserirmi anche mia sorella anche se non abitiamo insieme e naturalmente non contribuisce nella vita economica mia e del mio compagno.
    Posso fare qualcosa?

  9. Mio figlio si è sposato a luglio 2021. La loro casa non è ultimata e sono ospiti da amici. Devono rogitare nell anno e dovrebbero chiedere isee per agevolazione under 36. Il problema è che risultano residenti con i rispettivi genitori e in questo modo L isee risulterebbe superiore al limite fissato. Potrebbero trasferire la residenza nella casa ospitante ma non sappiamo se L ospitante è d accordo o meglio si preferisce evitare e poi dovrebbero richiedere separazione dal nucleo familiare. Ci sarebbe la casa della nonna che è in casa di cura da anni e che è intestata al padre della moglie di mio figlio ed a suo fratello con usufrutto la nonna (che non ha spostato la residenza in casa di cura); la casa non ha utenze attive ma si potrebbero attivare. Per spostare la residenza invece nella loro futura casa, prima deve essere abitata e rogitata (immagiamo). Stiamo cercando un modo per non perdere le agevolazioni prima casa under36, che non sono poche, ma la situazione mi sembra un po’ ingarbugliata. Se potete aiutarmi a chiarire le idee. Grazie

  10. Buongiorno. Io e il mio compagno e il bambino in arrivò Vorremmo chiedere la residenza a Bologna nella casa dove risiede mia sorella. È possibile avere due stati di famiglia?

  11. Buongiorno, convivo con la mia compagna ed abbiamo 2 figli di 10 e 7 anni . La residenza è diversa dal domicilio , volevo sapere se è necessario anche il mio isee per calcolare L assegno unico
    Grazie
    Saluti

  12. buongiorno
    la figlia è nello stato di famiglia della madre che è senza reddito e la madre è a carico del padre pensionato
    il padre ha riconosciuto la figlia, prende gli assegni familiari,, pero è residente in altro appartamento
    il padre ha vinto un concorso pubblico prendendo punti dichiarando che è padre.
    Ma aveva omesso di dichiarare sul 730 che la figlia era a suo carico , l’incongruenza è che prende gli assegni familiari e non ha mai avuto il beneficio della detrazione dalle tasse dei vari ticket
    mi piacerebbe sapere se nella sua situazione vale il fatto di essere padre di una bambina, oppure no. Grazie

  13. Buonasera, mio figlio autonomo a livello fiscale, vive da solo, se porta la residenza presso di noi – genitori – x un periodo di tempo, cosa può fare per non risultare sullo stesso stato di famiglia/nucleo familiare?. Grazie

  14. Buon giorno, sono una donna, lavoratrice, madre di un bambino, che a seguito della separazione è dovuta tornare a vivere con il figlio piccolo a casa del proprio genitore. Rientro nel nucleo famigliare di mio padre (nonno del bambino) perché residenti presso la medesima abitazione, o posso tenere il mio nucleo (mamma + figlio) distinto da quello del genitore/nonno?

  15. Salve. Io e mia moglie viviamo con lo zio ULTRAOTTANTENNE poichè bisognoso di assistenza e con un reddito bassissimo. Ora succede che la Rai ci chiede il pagamento di un altro abbonamento che di fatto paghiamo io e mia moglie sulla bolletta Enel intestata a nostro zio. Cosa dobbiamo fare per risolvere questa situazione tenuto conto anche che nostro zio, come già detto, è ultraottantenne? Grazie

  16. Buonasera mio padre ha la residenza in un’abitazione mentre mia madre in un’altra all’interno dello stesso comune di residenza.
    Sono andato al comune per dei chiarimenti e risultano in due stati di famiglia diversi perché non sono nello stesso stato di famiglia?
    Sono sposati in regime di comunione di beni grazie

  17. Salve, figlia autonoma a livello fiscale, vivo da sola ma la residenza risulta la medesima dei miei genitori, quindi solo il domicilio è diverso. Rientro nello stesso nucleo familiare dei miei genitori?

  18. Salve. Noi siamo una coppia convivente con una bambina di 5 anni ma adesso siamo separati fisicamente vivendo sotto nello stesso tetto. Io ho intenzioni di andare a vivere all’estero ma vorrei sapere come dovrei comportarmi anagraficamente? Cambio di stato di famiglia?annullarlo dal nucleo familiare? Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati