HOMEPAGE / Dichiarazione 730 e modello UNICO / Detrazione spese mediche particolari nel 730 e nell’Unico: medicinali, visite, interventi, cura, dispositivi medici, accompagno, omeopatia

Detrazione spese mediche particolari nel 730 e nell’Unico: medicinali, visite, interventi, cura, dispositivi medici, accompagno, omeopatia

Avete forse già letto un precedente articolo sulla detrazione fiscale delle spese mediche e sanitarie ma questo aggiunge altre informazioni specifiche sulla tipologia di spese mediche, medicinali, interventi chirurgici e fattispecie che godono della deduzione nella dichiarazione dei redditi al fine di poter risparmiare qualcosa.

Quali sono le spese mediche detraibili

Dalle domande che mi ponete infatti ritengo necessario fare un approfondimento sulla tipologia di spese mediche e sanitarie che godono dell’agevolazione. Il principio che cercherei di seguire è quello della prescrizione medica ossia laddove sia una spesa con prescrizione medica in linea generale gode della detrazione fiscale del 19% sempre che si superi la franchigia dei 129,11 euro. Parliamo di totale ossia se avete 30 medicinali da 10 euro dovrete considerare la somma della spesa effettuata e non il costo del singolo medicinale se supera la franchigia.

Qualche esempio di spese mediche detraibili nella dichiarazione fiscale dei redditi

Prima di tutto è bene ribadire che non esiste un vero e proprio elenco di spese mediche detraibili anche perchè altrimenti dovrebbe essere eccessivamente lungo. Detto questo per fare qualche esempio di spese mediche potete portarvi in detrazione le spese mediche generiche specialistiche e non, le prestazioni chirurgiche, gli interventi chirurgici comprese le degenze con alcune eccezioni, l’acquisto o l’affitto di protesi dentarie, le radiografie (intendo tutte le tipologie),  l’acquisto di eventuali attrezzature o apparecchiature mediche dalle siringhe al sistema di pompaggio del sangue ed in ultimo le medicine o i medicinali sempre che siano provati da scontrini parlanti (in pratica al momento dell’acquisto si porge la tessera sanitaria e sullo scontrino viene trascritto il vostro codice fiscale).

Analisi del Sangue detraibile

Le analisi del sangue sono detraibili. se pagate solo il tiket sarà detraibile solo l’importo del Ticket pagato al sistema sanitario nazionale (SSN).

Spese per non vedenti

Leggete l’articolo di approfondimento dedicato alle detrazioni fiscali per i non vedenti.

Chirurgia plastica od estetica detraibile

Interventi con botolino, protesi mammarie, chirurgia plastica e interventi di ristrutturazione fisica in generale con qualsiasi tecnica. In questo caso il principio generale è quello che l’intervento di plastica di per sé è detraibile nei limiti di cui sopra ma purchè sia diretto ad eliminare o attenuare una menomazione fisica, o funzionale ossia vi deve essere una patologia,  (non piscologica a meno casi eccezionali o di sentenze in tal senso di cui non ho memoria o conoscenza o a meno).

Medicina Omeopatica detraibile

La medicina omeopatica è riconosciuta e come tale, laddove vi siano delle prescrizioni mediche in tal senso e siano comprovate da regolare documentazione come le altre godranno del medesimo regime fiscale di  detrazione del 19%.

Analisi per i celiaci

Anche la Celiachia è considerata una malattia tutelata tanto da attribuire al soggetto che ne è caratterizzato la possibilità di essere assunto nell’ambito delle categorie protette. In tal senso anche le analisi specialistiche svolte su soggetti celiaci saranno detraibili dalla dichiarazione dei redditi al pari delle altre, mentre gli alimenti no.

Anche eventuali strumenti tecnici o dispositivi medici necessari e prescritti dal medico nell’ambito sempre di una patologia o sotto l’osservanza dei requisiti documentali e comprova dell’acquisto visti sopra rientrano nell’ambito delle detrazioni fiscali del 19% da indicare nel 730.

Dispositivi medici

I dispositivi medici sono detraibili allorquando rispettino due requisiti a mio avviso: siano marcati CE e l’acquisto sia provato da uno scontrino parlante e vi sia anche una prescrizione medica che servano ai fini dellacura di una patologia. Prova comunque anche a leggere l’articolo di approfondimento legati alla detrazione fiscale dei dispositivi medici.

Spese di Trasporto e degenza non detraibili

Le spese mediche collegate al trasporto e quidni quelle per l’ambulanza non sono detraibili anche se lo sono quelle collegate all’assistenza durante il tragitto. per quello che concerne la degenza invece queste sono detraibili interamente ma limitatamente al paziente e ma non per la quota parte relativa ai parenti del malato.

Una piccola curiosità: anche l’imposta di bollo che vedete applicata sulla fattura da parte dei medici o di coloro che effettuano prestazioni esenti articolo 10 del DPR 633 del 1972 pertanto se pagherete una visita 101,81 euro perché vi hanno applicato la marca da bollo da 1,81 euro, la vostra spesa detraibile sarà 101,81 euro. Inoltre se ve la applicano in fattura ve la devono anche apporre, perché non sono poche le volte che mi è capitato di vedere fatture che riportavano l’imposta dell’imposta di bollo ma la marca da bollo non c’era e non era stata data al paziente.

Le cure termali e le terme detraibili

E tenetevi forte perchè anche se non sembrerebbe a prima vista, le cure termali osno detraibili per il 19% al pari delle altre spese mediche almeno questa è la posizione dell’agenzia delle entrate ache quest volta pur non condividendo pienamente vi invito a considerare tali per riparmiare un pò sulle tasse.

Non sono invece detraibili tutta una serie di prodotti e sostanze naturali che a mio avviso poco hanno a che vedere con la medicina in senso stretto come per esempio i prodotti naturali che non sono medicinali.

Mi hanno chiesto anche se le spese per il viaggio, vitto e alloggio per sostenere un’importante operazione chirurgica fossero detraibili: ho risposto che non lo erano limitatamente al viaggio mentre l’alloggio in ospedale per esempio rientra ma non per esempio tutti i servizi accessori come per esempio TV o pernottamento di un compagno ecc e sempre che siano comprovati dalle ricevute e prove dell’avvenuto intervento chirurugico.

Leggete anche l’articolo dedicato alla Detrazione fiscale costi per palestre, ginnastica posturale, palestre, corsi di yoga e simili anche se vi ricordo che annualmente questa detrazione deve essere verificata in quanto non rientra in quelle fisse

Ricordo che le spese mediche che sono coperte ossia rimborsate seppur parzialmente dalle vostre assicurazioni non possono essere portate in detrazione nè per l’intero eccetto la parte non rimborsata dall’assicurazione. Vi riporto il testo dell’articolo in modo da fugare eventuali dubbi: “si considerano rimaste a carico del contribuente anche le spese rimborsate per effetto di contributi o premi di assicurazione da lui versati e per i quali non spetta la detrazione d’imposta o che non sono deducibili dal suo reddito complessivo né dai redditi che concorrono a formalo. Si considerano, altresì, rimaste a carico del contribuente le spese rimborsate per effetto di contributi o premi che, pur essendo versati da altri, concorrono a formare il suo reddito, salvo che il datore di lavoro ne abbia riconosciuto la detrazione in sede di ritenuta“.

In pratica se le spese mediche che avete sostenute vi sono state rimborsate da un assicurazione che pagate con premi che non vi potete detrarre allora la spesa mediche o imponibili in busta paga, seppur rimborsata è detraibile. A tal proposito leggevo su una rivista del fisco che la disposizione del Tuir si riferisce alle spese sanitarie il cui rimborso è connesso a una polizza sanitaria stipulata dal datore di lavoro, i cui premi, versati da quest’ultimo, concorrono alla formazione del reddito del dipendente, oppure il cui rimborso proviene direttamente dal datore di lavoro e concorre alla formazione del reddito del dipendente, oppure le spese mediche il cui rimborso deriva da casse finalizzate esclusivamente all’assistenza sanitaria; in tale caso, però, le spese sanitarie sono detraibili solo sull’importo eccedente i 3.615,20 euro, parallelamente a quanto previsto dall’articolo 51, comma 1, lettera b), del Tuir, secondo cui i contributi versati, dal datore o dal lavoratore, alle suddette casse non concorrono alla formazione del reddito fino a tale soglia, oppure le spese mediche il cui rimborso è legato a polizze sanitarie stipulate dal contribuente. Infatti, in questo caso, il premio pagato non può essere portato in detrazione, in conformità a quanto previsto dall’articolo 15, comma 1, lettera f), del Tuir, che ammette la detrazione per un importo non superiore a 1.291,14 euro dei “premi per assicurazione aventi per oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5% da qualsiasi causa derivante, ovvero di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana“.

Come detto per le modalità di compilazione delle detrazioni potete leggere l’articolo originario scritto in merito appunto alla detrazione fiscale delle spese mediche e sanitarie che insieme a queste informazioni e chiarimenti vi può essere molto di aiuto.

Vi ricordo sempre che potete anche leggere gli altri articoli dedicati proprio alle detrazioni fiscali e deduzioni usufruendo della tabella riepilogativa si sintesi con l’elenco delle detrazioni e degli articoli di approfondimento collegati.

Riferimenti normativi

Articolo 15 del Tuir
D.lgs n. 507 del 1992
D.Lgs n. 46 del 1997
D.Lgs n. 332 del 2000

Detrazione delle apparecchiature mediche e dispositivi: come si scaricano e limiti

Vi segnalo anche un articolo dedicato alla detrazione fiscale delle apparecchiature mediche

Riguardo la prescrizione medica

Potete poi approfondire ulteriormente l’argomento leggendo l’articolo dedicato a quando serve la prescrizione medica per la detrazione fiscale delle spes

52 commenti

  1. No ma avete una franchigia iniziale di 129,11 euro.

  2. So che va di fretta in questi giorni ma se legge bene l’articolo e quelli correlati trova la risposta anche alle sue domande.

  3. ma avete accettato o no la mia domanda? o il fatto che gli ultimi commenti siano del 2014 significa che non funzionate più?

  4. quale legge escluderebbe dal rimborso le spese sanitarie non prescritte da un medico (dell’asl? o la ricevuta di un medico privato o quella di una visita privata intra moenia equivalgono a una prescrizione?); quanto alle farmaceutiche vengono riconosciuti solo i ticket? e allora come possono essere riconosciute le spese per omeopatia che non hanno mai richiesto prescrizione? Spero in una risposta in tempi brevi, perchè sto decidendo se usare il 730 precompilato dell’Agenzia entrate in cui un sacco di spese non mi sono state
    registrate (colpa dei commercialisti pubblici o privati o dell’Agenzia?) grazie

  5. Buon giorno, gradirei conoscere se c’è un tetto massimo per le detrazioni sanitarie sulla denuncia dei redditi mod. 730. Ringraziando anticipatamente, saluto lo staf

  6. Sarebbe meglio averla ma non è una condizione necessaria per ottenre la detrazione fiscale

  7. Salve,
    vorrei sapere se per detrarre la fattura per l’acquisto di occhiali da vista deve essere la prescrizione del medico specialista.
    grazie

  8. Tante domande e poche risposte… Il senso di questo sito quale sarebbe??

  9. buonasera! quest’anno sosterrò rilevanti spese odontoiatriche e, molto probabilmente, alla fine dell’anno, non avrò saldato tutto l’importo dovuto (anche perchè neppure il lavoro sarà finito…) la o le fatture d’acconto, in mio possesso, daranno origine ad un rimborso da parte dello stato? oppure il rimborso avverrà, in un unica soluzione, quando nell’anno ancora dopo (2016) presenterò la fattura a saldo? da aggiungere che dispongo anche di una assicurazione connessa al lavoro che mi rimborserà solo dietro presentazione della fattura a saldo e dal momento che gli importi ricevuti dalle assicurazioni, vanno detratti dall’imponibile della spesa medica di riferimento, confesso che se invece lo stato rimborsasse già a partire dalle fatture di acconto, non ci capirei più nulla e mi verrebbe il sospetto di aver involontariamente “fregato” lo stato…
    Grazie!

  10. Buongiorno
    Sono portare di protesi acustica.
    Di solito acquisto le batterie di ricambio su un sito on line che mi rilascia regolare fattura (in cui oltre alla mia intestazione è indicato “batterie per protesi acustiche” nonchè che i prodotti sono marcati CE.

    Questo mio fornitore ora ha cambiato metodologia di fatturazione e non mi rilascia più la fattura vera e propria ma uno “scontrino parlante”. In esso sono sempre indicati i dati salienti, ovvero il mio codice fiscale, la descrizione e la quantità del prodotto acquistato, con il relativo prezzo, l’indicazione che trattasi batterie per protesi acustiche e che sono marcate CE.

    Va comunque bene questo documento da portare in detrazione ?

    Ringrazio anticipatamente
    Davide

  11. Le spese mediche specialistiche, quali esami clinici (analisi, radiografie ecc.), per essere detraibili fiscalmente devono essere supportate oltre che dalla fattura del Laboratorio esterno anche dalla prescrizione del medico odontoiatra? Grazie della risposta e molti saluti G. Plet

  12. Non mi ricordo dove ma avevo letto qualcosa sull’argomento ora lo cerco e le faccio sapere. No le spese di trasporto non sono detraibili. Al più quelle per la degenza e per le cure prestate sull’ambulanza, ma non il costo dell’ambulanza. Va da se che quelle per il traporto come può essere appunto come nel suo caso il treno no…..purtroppo. Non lo tovo giusto ci tengo a dirlo perchè la dislocazione degli ospedali seppur capillare sul territorio penalizza chi come lei deve sostenere costi per spostamenti ch epossono diventare molto molto cari

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.