HOMEPAGE / Persone Fisiche e IRPEF / Info IRPEF 2017: chi la deve pagare, come si calcola e quando si paga

Info IRPEF 2017: chi la deve pagare, come si calcola e quando si paga

 L’Irpef è l’imposta (non tassa) sul reddito delle persone fisiche e la principale imposta di cui si chiariscono le principali caratteristiche in questo articolo (informazioni, chi deve pagarla, quando e come avviene il pagamento).
Grava su ognuna delle persone fiscalmente residenti in Italia su tutte le tipologie di reddito ovunque prodotte nel mondo.

Chi paga l’Irpef nel 2017

In una frase ci sono tre concetti molto importanti che vi servono a capire come l’Irpef colpisca ognuno di noi, anche se siamo imprenditori che hanno semplicemente quote societarie, grava sui redditi ovunque prodotti nel mondo per cui non è che se posizionate una vostra attività all’esterno non sarete soggetti al versamento delle imposte in italia. Ultimo concetto è quello della residenza fiscale di cui avete avuto modo di leggere nell’articolo proprio dedicato alle metodologie per verificare se per il fisco siete considerati fiscalmente residenti in Italia o meno. Leggi l’articolo dedicato alla residenza fiscale.

Su cosa si paga l’Irpef

L’irpef abbiamo visto sopra che si paga su tutti i redditi prodotti che abbiamo visto possono essere di 6 tipologie: Redditi da lavoro autonomo (per esempio quelli dei liberi professionisti per intenderci come avvocati, commercialisti, architetti medici) redditi di capitale (derivanti dall’impiego di capitale e quindi per esempio quelli derivanti dal possesso di azioni, obbligazioni, titoli di stato, ecc), redditi di lavoro dipendente (qui non c’è bisogno che spiego che sono i redditi derivanti da rapporti di lavoro subordinato), reddito fondiari derivanti dal possesso di terreni e redditi diversi (rappresentano la categoria residuale che chiude il sistema di norme a riguardo e tra cui menziono per esempio i redditi derivanti dalle vincite, oppure quelli derivanti dalle prestazioni occasionali).

Come si paga l’irpef e come si calcola

La metodologia con cui si effettua il pagamento dell’irpef può variare a seconda delle tipologie di reddito: a titolo di esempio alcune tipologie di reddito sono esenti oppure subiscono la tassazione al momento della loro generazione per cui non entrano nella dichiarazione dei redditi che come sapete è il modello 730 o il modello Unico. In pratica alla somma dei redditi prodotti per ogni tipologia di reddito visto sopra che confluisce tutta in un unico monte di redditi si applicano le deduzioni e le detrazioni di imposta, si vedono le somme che sono state versate nel corso dell’anno a titolo di acconto e si versa ogni anno il saldo Irpef dovuto a titolo di differenza.

In questo caso so che vi potrà interessare per risparmiare un elenco delle detrazioni e deduzioni fiscali.

Quanto si paga a titolo di Irpef

L’Irpef è un’imposta progressiva sul reddito delle persone fisiche che si paga secondo il sistema degli scaglioni di reddito che ormai conoscerete tutti: partono dal 23% e arrivano al 45% anche per l’approfondimento sul meccanismo di calcolo si rinvia all’articolo proprio dedicato agli scaglioni Irpef.

Gli attuali scaglioni Irpef ricordo che sono i seguenti

Scaglioni reddito  Irpef Aliquota Irpef lordo
da 0 a 15.000
euro
23% 23% del reddito
da 15.000,01 a
28.000 euro
27% 3.450 + 27% sulla parte eccedente i 15.000 euro
da 28.000,01 a
55.000 euro
38% 6.960 + 38% sulla parte eccedente i 28.000 euro
da 55.000,01 a
75.000 euro
41% 17.220 + 41% sulla parte eccedente i 55.000 euro
oltre 75.000 euro 43% 25.420 + 43% sulla parte eccedente i 75.000
euro

Come potete vedere la tassazione e lo scaglione superiore si applica solo sulla quota di reddito imponibile che supererà il limite dello scaglione immediatamente inferiore.

Quando si paga l’Irpef

L’Irpef è un’imposta che si applica in diversi modi a seconda delle diverse tipologie di reddito e fattispecie: per comodità qui possiamo semplificare dicendo che nell’ambito dei rapporti di lavoro dipendente si attua un prelievo mensile in busta paga e tra marzo e giugno si procede con la liquidazione del saldo Irpef e del versamento dell’acconto IRPEF per l’anno successivo.

Nel caso invece dei redditi di lavoro autonomo l’irpef si versa entro il 16 giugno (o 16 luglio maggiorando l’importo da pagare dello 0,40%) distinguento tra saldo Irpef dell’anno e acconto Irpef per l’anno successivo. Il primo acconto è pari al 40% del saldo riferito all’anno precedente mentre entro il 30 novembre si pagherà il secondo ed ultimo acconto pari al restante 60%.

Questo è un articolo che spigea in modo molto semplice e assolutamente riduttivo le principali caratteristiche del tributo principale che grava sui contribuenti italiani.

Come posso abbattere o ridurre le tasse, le imposte o l’Irpef da versare

Prima di tutto vi indico un articolo dove trovate l’elenco delle detrazioni e deduzioni fiscali per farlo e li dentro troverete tantissimi articoli di approfondimento. Senza dirvi troppe frottole o farvi acquistare guide a pagamento con scritte delle ovvietà consultate l’articolo e spero che troviate tanti modi per risparmiare sulle tasse in genere in relazione alla tipologia di costi sostenuti o alla vostra situazione soggettiva o di un vostro familiare.

Novità 2017

Cambiano le scadenze naturali fino al 2016 identificate nel 16 giugno. A partire dal Saldo 2016 e Acconto 2017 dovrete versare il primo acconto entro il 30 giugno (o 31 luglio con la maggiorazione dello 0,40%) così come previsto dalla Legge di Bilancio 2017.

Articoli correlati

Vi ricordo poi questa serie di articoli come

Come rimediare a errori nel 730 o modello unico

Correzione di errori nel 730 sia a credito sia a debito di imposta

Errore del commercialista: chi paga la multa

83 commenti

  1. Nell’anno della percezione avrebbe dovuto essere tassata

  2. Si è normale

  3. Dipende se sta generando redditi qui in Italia e vuole sapere dove pagare le imposte o sta chiedendo solo che fine faranno i contributi INPS.

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.