HOMEPAGE / Casa, immobili, terreni / Sintesi Cedolare secca sugli affitti e le locazioni e Circolare Agenzia Entrate

Sintesi Cedolare secca sugli affitti e le locazioni e Circolare Agenzia Entrate

A quasi tre mesi dall’applicazione del nuovo regime opzionale della cedolare secca sugli affitti l’agenzia delle entrate fa uscire la circolare 26 del 2011 per rispondere alle numerose domande dei proprietari, inquilini, affittuari, locatori e locatari di immobili, case e appartamenti che si trovano a dover decidere se aderire alla cedolare secca, e rispettare tutti gli adempimenti previsti.
Per capire chi può aderire all’imposta cedolare secca, come attivare l’adesione, come si calcola, quando si versa l’acconto ed il saldo della cedolare, come utilizzare i nuovi modelli di adesione e quelli attualmente attivi, e le eventuali sanzioni connesse al mancato soddisfacimenti delle previsioni normative propedeutiche all’applicazione del nuovo regime fiscale.

Nella circolare 26 del 2011 si ripercorrono le tappe viste nei mesi precedenti dando ulteriori indicazioni su come comportarsi nelle diverse fattispecie che i contribuenti si trovano a dover affrontare.

In definitiva non abbiamo rilevanti novità da segnalare rispetto a quanto analizzato rispetto al provvedimento attuativo e all’articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 entrato in vigore il 7 aprile 2011, che ha appunto introdotto dal primo gennaio 2011, un nuovo regime fiscale opzionale che introduce la possibilità di pagare una cedolare secca del 19% o del 21% sugli affitti di abitazioni (classe catastale A escluse le A10) in sostitutione delle imposte sui redditi, imposte di registro addizionali regionali e comunali e imposta di bollo derivanti dalla locazione o affitto per finalità abitative.

Novità 2013
Vi segnalo inoltre che nel calcolo della convenienza e limitatamente ai conratti di affitto o di locazione a canone concordato l’aliquota scende al 15% già a decorrere sui canoni che sono maturati nel 2013, per effetto dell’introduzione dell’articolo 4 del D.L. n. 102 del 2013 per cui il calcolo dovrà essere fatto alla luce di un ulteriore risparmio del 4%.

Nella guida pratica alla cedolare secca avete avuto modo di farvi un’idea immediata delle caratteristiche principaie del nuovo istituto analizzando i soggetti che possono richiedere l’adesione al nuovo regime.
Scadenza e versamento cedolare secca.

Nella stessa guida avete avuto modo di vedere quali sono i pro ed i contro dell’adesione e le prossime scadenze.

Poi avete avuto modo di leggere quanto riportato in merito al calcolo della convenienza della cedolare secca perchè non è scontato che il regime sia conveniente. Possiamo comunque concludere con ragionevole attendibilità che la cedolare secca è tanto più conveniente quanto maggiore sarà il reddito imponibile Irpef in capo al soggetto che effettua l’opzione e ne percepisce i proventi da locazione, sempre al di sopra della break even legato alla composizione del suo reddito imponibile.
Calcolo convenienza cedolare secca

Inoltre avete avuto modo di capire operativamente come avviene il pagamento dell’acconto della cedolare secca di giugno e del saldo di novembre analizzando i casi di esenzione dal pagamento e le modalità di versamento con anche l’indicazione dei codici tributo da utilizzare.

Se non avete regsitrato il contratto di affitto nella sezione Moduli e Modelli troverete anche il modello per la registrazione del contratto di locazione dell’agenzia delle entrate e che potete esercitarvi a compilare (Richiesta di registrazione contratto e adempimenti).

Scadenza versamento Acconto e Saldo cedolare secca

Codici tributo versamento cedolare secca

Inoltre si è potuto descrivere anche come aderire alla cedolare secca descrivendo le modalità ed i casi di adesione con il modello Siria ed il modello 69 (non sempre utilizzabile) o anche direttamente mediante l’indicaizone nella dichiarazione dei redditi 730 2012 o Unico 2012.

Come aderire alla cedolare secca

21 commenti

  1. Ciao a tutti,
    Io ho lo stesso identico problema di Eleonora, vorrei aprire un B&B, in un appartamento che ho preso in affitto, ma per ovvi motivi il proprietario vuole affittare solo con contratto a cedolare secca e questo a quanto pare non e’ possibile.
    1 dove e’ scritto ciò’??
    2 come posso trovare una soluzione??

    Rispondete vi prego!!,!

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.