Come chiudere conto corrente cointestato

firma congiuntaCome abbiamo visto in molti dei nostri ultimi articoli (dedicati ai conti specifici per ciascuna banca, ad esempio Unicredit o Banca Sella), chiudere un conto corrente bancario non è più da anni un’operazione difficile e lo stesso vale per i conti cointestati. E’ abitudine comune aprire conti di questo tipo ad esempio tra moglie e marito o tra un genitore ed un figlio.

La grande distinzione da fare è subito quella tra conto corrente cointestato a firme congiunte oppure a firme disgiunte. Nel primo caso serviranno le firme di entrambi gli intestatari per la chiusura del conto corrente, nel secondo basterà invece la firma di un solo intestatario del conto.

Anche in questo caso il decreto Bersani obbliga gli istituti finanziari a chiudere il conto a 0 spese, a meno che sul contratto con la banca siano previste spese diverse, come ad esempio quelle di gestione del conto regolamentate da un canone mensile o annuale. Il tutto in massimo 12 giorni, come da direttiva europea in questione recepita in Italia dal 2015, a meno che non esistano cause ostative alla chiusura del conto stesso.

Chiusura di un conto corrente cointestato a firma congiunta

Anche in questo caso si può scegliere di chiudere un conto recandosi nella filiale della vostra banca, oppure tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno.
Nel primo caso dovrete recarvi entrambi nello stesso momento o in giorni diversi a firmare la modulistica di chiusura del conto, oppure inviare una raccomandata con le vostre 2 firme e tutte le carte, i bancomat, i libretti degli assegni e le eventuali chiavette di home banking allegate alla raccomandata stessa. Dovrete poi comunicare un IBAN intestato ad entrambi per ricevere il saldo del vostro conto corrente.

Se uno dei due cointestatari fosse in disaccordo alla chiusura del conto, ci si dovrà rivolgere al giudice di pace che provvederà a dividere soldi e spese in due, con la conseguente trasformazione da parte della banca del conto originario in due conti correnti diversi tra di loro. A quel punto l’intestatario del conto che voleva chiuderlo potrà procedere autonomamente e chiedere l’invio della sua parte su un altro IBAN, oppure riceverla tramite assegno circolare (per le piccole somme potrete farvele liquidare anche in contanti).

Chiusura di un conto corrente cointestato a firma disgiunta

In questo secondo caso uno dei due o più intestatari del conto potrà procedere alla chiusura del conto esclusivamente con la propria firma e senza bisogno di quella degli altri cointestatari (sia recandosi in banca che tramite raccomandata con ricevuta di ritorno). Dovrete comunque successivamente comunicare la chiusura del conto agli altri cointestatari per via più o meno formale.

Chiusura di un conto corrente cointestato in caso di morte

Se uno dei cointestatari dovesse morire, ecco che entrerebbero in scena gli eredi del de cuius, che erediteranno ciascuno una parte del conto corrente e potranno dare l’assenso o meno alla chiusura del conto in questione.

Chiusura di un conto cointestato in caso di separazione

In fase di separazione tra 2 coniugi, il conto corrente cointestato potrà essere chiuso a prescindere solo se sono d’accordo entrambi i coniugi (ricordo l’articolo dedicato al mutuo cointestato). Se tutti e 2 fossero d’accordo ad entrambi spetterà una quota, secondo quanto recita la normativa vigente ed il contenuto del contratto del conto corrente.

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

6,081FansMi piace
4FollowerSegui
12,409FollowerSegui
356FollowerSegui

Articoli più commentati

articoli correlati

error: Questo contenuto è protetto