Deduzione o Detrazione Riscatto della Laurea dei contributi INPS ed INAIL

tutti insieme per i contributi INPS e INAILI contributi previdenziali INPS ed INAIL previdenziali ed assistenziali versati nell’anno per il riscatto degli anni universitari di laurea vanno in deduzione fiscale dal reddito imponibile Irpef (e non in detrazione direttamente dalle imposte) nel 730 come anticipato nell’articolo dedicato all’elenco delle spese detraibili dalla dichiarazione dei redditi. Discorso diverso vedrete in calce all’articolo se ad effettuare o meglio a pagare il riscatto sia una persona (uno a caso: un genitore) per i propri familiari a carico (uno a caso: il figlio).




In calce trovate anche gli articoli di approfondimento dedicato proprio al nuoto tema della convenienza o meno al nuovo riscatto agevolato degli anni di laurea INPS.

Chiarimento: Deduzione o Detrazione

Il primo chiarimento per questa particolare tipologia di spesa riguarda la natura del beneficio concesso dal legislatore fiscale  rispetto al costo sostenuto. Nel caso dei familiari a carico infatti il costo per il riscatto degli anni di laurea che non sono iscritti all’INPS o ad altra forma di previdenza obbligatoria sono e che non stiano lavorando sono detraibili fiscalmente direttamente dal’IRPEF. La detrazione è per il 19% del contributo versato nell’anno oggetto di dichiarazione dei redditi. Nel caso invece sia iscritto ad altra forma di previdenza obbligatoria allora potranno solo essere dedotti fiscalmente dal reddito imponibile del soggetto dichiarante (e pagante).

Quali contributi INPS è possibile dedurre dal reddito nel 730

Saranno deducibili non solo i contributi previdenziali ed  assistenziali versati in ottemperanza a disposizione di legge come quelli che ci trattiene il nostro datore di lavoro in busta paga (e che vedete nel cedolino mensile), ma lo saranno anche quelli versati volontariamente per il riscatto degli anni di laurea.

Quanto risparmio dalla deduzione (o detrazione) dei contributi previdenziali per il riscatto degli anni di laurea

Nel calcolo di convenienza rispetto alla possibilità di avviare o meno un piano di rateizzazione dei contributi previdenziali in oggetto la variabile fiscale gioca il suo ruolo grazie proprio alla deduzione permessa dall’articolo 10 del Tuir che andrete ad indicare nel modello 730. I contributi previdenziali per il riscatto, versati nel corso dell’anno di imposta all’INPS infatti, per il riscatto degli anni di laurea saranno deducibili  dalle imposte da versare. Non viene identificato alcun limite di detrazione o di deduzione per cui l’importo potrà andare ad abbattere completamente l’imposta versata o il reddito imponibile soggetto a tassazione.

Esempio

Supponiamo un riscatto che preveda pertanto un versamento di 3.000 euro annui, mediamente possiamo attenderci un risparmio netto sulle tasse pari ai nostri scaglioni di reddito IRPEF applicati a tale importo. Per intenderci se il nostro reddito imponibile è 10.000 e le imposte sarebbero pari a 2.300 euro, la deduzione del riscatto di laurea porta il reddito imponibile a 7.000 e la nostra imposta sarà corrispondentemente 1.610 con un risparmio rilevante.


Contributi non deducibili dall’Irpef

Non tutti i contributi versati per gli anni di laurea sono deducibili dal reddito imponibile infatti lo saranno solo quelli dall’anno di imposta 2001. Per espressa previsione normativa infatti sono deducibili dal reddito imponibile complessivo i contributi INPS ed INAIL versati in ottemperanza a disposizione di legge nonchè quelli versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatorio di appartenenza ivi compresi quelli per la ricongiunzione di periodi assicurativi. A tal fine sono da ricomprendersi anche quelli per il riscatto degli anni di laurea sia quelli per la buona uscita.

Quanto posso dedurmi nel 730 per il riscatto degli anni universitari

Nella dichiarazione dei redditi i contributi INPS e INAIL versati a tale titolo sono totalmente deducibili sia i contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori sia facoltativi compresi i soldi che avete speso per la ricongiunzione che, a quanto riferitomi da un’addetta INPS, non sono pochi. Apro una parentesi: ma perchè devo pagare in più per ricongiungere dei periodi assicurativi, pago già le tasse, dovrebbero essere ricompresi questi servizi, chiudo parentesi.

Come chiarito in una precedente risoluzione dell’agenzia delle entrate n. 298/2002 che riporto nel seguito: “Ai sensi del richiamato art.10, comma 1, lett. e), del TUIR, quindi, sono totalmente deducibili i contributi previdenziali ed assistenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge, nonché quelli versati facoltativamente alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza, ivi compresi quelli per la ricongiunzione di periodi assicurativi” e che trovate allegata in calce.

Criterio di cassa come discriminante per la deduzione dei contributi

Prima ho fatto appositamente riferimento ai contributi previdenziali versati nel corso dell’anno di imposta in quanto il legislatore fiscale considera come deducibili per ciascun anno di imposta e senza limiti di importo solo quelli versati effettivamente in quel periodo di imposta.

Dove indicarli nel modello 730: istruzioni per la compilazione

Al pari delle altre spese di questa natura andranno indicato nel quadro RE rigo E 19 (ma potrebbe cambiare di anno in anno per cui occhio sempre alla modifica del modello, ma dovrebbe comunque mantenersi nell’area dedicata agli altri oneri che danno diritto alla detrazione e contraddistinte dal codice 34 che recita testualmente secondo le istruzioni dell’AE  “i contributi versati per il riscatto del corso di laurea dei familiari fiscalmente a carico (art. 1, c. 77, legge 24/12/2007, n. 247). Se i contributi siano stati versati dall’interessato che ha percepito un reddito sul quale sono dovute le imposte, devono invece essere dedotti dal reddito di quest’ultimo”.
Dovrete indicare il codice ‘32’ per i contributi versati per il riscatto del corso di laurea dei familiari a carico. Il riscatto degli anni di laurea, pertanto, è possibile anche per le persone che non hanno ancora iniziato l’attività lavorativa e non sono iscritti ad alcuna forma obbligatoria di previdenza. Se, invece, i contributi sono stati versati direttamente dall’interessato che ha percepito un reddito sul quale sono dovute le imposte, possono essere dedotti dal reddito di quest’ultimo (v. istruzioni del rigo E21).
L’importo deve comprendere le erogazioni indicate con il codice 32 nelle annotazioni del CUD o nella Certificazione Unica.

Riscatto di Laurea: Legge Riferimento

Occhio alle differenti Deduzioni Detrazioni Fiscali

 Art. 20 
 
      Facolta' di riscatto periodi non coperti da contribuzione 
 
  1. In via sperimentale, per il  triennio  2019-2021,  gli  iscritti
all'assicurazione  generale  obbligatoria   per   l'invalidita',   la
vecchiaia e i superstiti  dei  lavoratori  dipendenti  e  alle  forme
sostitutive  ed  esclusive  della  medesima,  nonche'  alle  gestioni
speciali dei lavoratori autonomi, e alla  gestione  separata  di  cui
all'articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, privi di
anzianita' contributiva al 31 dicembre 1995 e non  gia'  titolari  di
pensione, hanno facolta' di  riscattare,  in  tutto  o  in  parte,  i
periodi antecedenti alla data  di  entrata  in  vigore  del  presente
decreto  compresi  tra  la  data  del  primo  e  quella   dell'ultimo
contributo comunque accreditato nelle  suddette  forme  assicurative,
non soggetti a obbligo contributivo e che non siano gia'  coperti  da
contribuzione,  comunque  versata  e  accreditata,  presso  forme  di
previdenza obbligatoria.  Detti  periodi  possono  essere  riscattati
nella misura massima di cinque anni, anche non continuativi. 
  2. L'eventuale successiva acquisizione di  anzianita'  assicurativa
antecedente al 1° gennaio 1996 determina l'annullamento d'ufficio del
riscatto  gia'  effettuato  ai  sensi  del  presente  articolo,   con
conseguente restituzione dei contributi. 
  3.  La  facolta'  di  cui  al  comma  1  e'  esercitata  a  domanda
dell'assicurato o dei suoi superstiti o dei suoi  parenti  ed  affini
entro il secondo grado, e l'onere e' determinato in base  ai  criteri
fissati dal comma 5 dell'articolo 2 del decreto legislativo 30 aprile
1997, n. 184. L'onere cosi' determinato  e'  detraibile  dall'imposta
lorda nella misura del 50 per cento con una  ripartizione  in  cinque
quote annuali costanti e di pari importo nell'anno di sostenimento  e
in quelli successivi. 
  4. Per i lavoratori del settore privato l'onere per il riscatto  di
cui  al  comma  1  puo'  essere  sostenuto  dal  datore   di   lavoro
dell'assicurato  destinando,  a  tal  fine,  i  premi  di  produzione
spettanti al lavoratore  stesso.  In  tal  caso,  e'  deducibile  dal
reddito  di  impresa  e  da  lavoro  autonomo  e,   ai   fini   della
determinazione dei redditi da lavoro dipendente, rientra nell'ipotesi
di cui  all'articolo  51,  comma  2,  lettera  a),  del  decreto  del
Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917. 
  5. Il  versamento  dell'onere  puo'  essere  effettuato  ai  regimi
previdenziali di appartenenza in unica soluzione ovvero in massimo 60
rate mensili, ciascuna di importo non  inferiore  a  euro  30,  senza
applicazione di interessi  per  la  rateizzazione.  La  rateizzazione
dell'onere non puo' essere concessa nei casi in cui i  contributi  da
riscatto debbano essere  utilizzati  per  la  immediata  liquidazione
della pensione diretta o indiretta o nel caso in cui gli stessi siano
determinanti per l'accoglimento di una domanda di  autorizzazione  ai
versamenti volontari; qualora cio' avvenga nel corso della  dilazione
gia'  concessa,  la  somma  ancora  dovuta  sara'  versata  in  unica
soluzione. 
  6. All'articolo 2 del decreto legislativo 30 aprile 1997,  n.  184,
dopo il comma 5-ter, e' aggiunto, in fine, il seguente: 
    «5-quater. La facolta' di riscatto di cui al  presente  articolo,
dei periodi da valutare con il sistema contributivo,  e'  consentita,
fino al compimento del quarantacinquesimo anno di eta'. In tal  caso,
l'onere dei periodi di riscatto e' costituito dal  versamento  di  un
contributo, per ogni anno  da  riscattare,  pari  al  livello  minimo
imponibile annuo di cui all'articolo 1, comma 3, della legge 2 agosto
1990,  n.  233,  moltiplicato  per  l'aliquota   di   computo   delle
prestazioni pensionistiche dell'assicurazione  generale  obbligatoria
per i lavoratori dipendenti, vigenti alla data di presentazione della
domanda

Compilazione 730 2020

Come si effettua la compilazione della dichiarazione dei redditi in questo caso?
Come da ultime istruzioni disponibili il contribuente dovrà indicare l’importo pagato nell’anno oggetto di dichiarazione nel quadro Oneri e Spese con il codice ‘32’ per i contributi versati per il riscatto del corso di laurea dei familiari a carico. Il riscatto degli anni di laurea, pertanto, è possibile anche per le persone che non hanno ancora iniziato l’attività lavorativa e non sono iscritti ad alcuna forma obbligatoria di previdenza.
Se, invece, i contributi sono stati versati direttamente dall’interessato che ha percepito un reddito sul quale sono dovute le imposte, possono essere dedotti dal reddito di quest’ultimo (v. istruzioni del rigo E21). L’importo deve comprendere le erogazioni indicate nella
sezione “Oneri detraibili” (punti da 341 a 352) della Certificazione Unica con il codice onere 32.
Rigo E21Contributi previdenziali e assistenziali
Indicare l’importo dei contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e volontari versati all’ente pensionistico di appartenenza. La deduzione spetta anche se gli oneri sono stati sostenuti per i familiari fiscalmente a carico. Rientrano tra queste spese anche:
i contributi agricoli unificati versati all’Inps – Gestione ex Scau – per costituire la propria posizione previdenziale e assistenziale (è indeducibile  la parte dei contributi che si riferisce ai lavoratori dipendenti). I contributi versati per l’assicurazione obbligatoria Inail contro gli infortuni domestici (c.d. assicurazione casalinghe); i contributi previdenziali e assistenziali versati facoltativamente all’ente pensionistico di appartenenza, compresi quelli per la ricongiunzione di periodi assicurativi, per il riscatto degli anni di laurea (sia ai fini pensionistici sia ai fini della buonuscita), per la prosecuzione volontaria e per il cosiddetto “fondo casalinghe”.
Rigo E56 – Pace contributiva o colonnine per ricarica
Indicare le spese sostenute per il riscatto di periodi non coperti da contribuzione (c.d. “pace contributiva”) e quelle per l’installazione infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici.
Indicare:
  • nella colonna 1 il codice che identifica la spesa;
  • nella colonna 2 l’anno in cui è stata sostenuta la spesa;
  • nella colonna 3 la spesa sostenuta.

I codici che identificano le spese per le quali spetta la detrazione del 50 per cento sono i seguenti:

  • ‘1’ per il riscatto di periodi non coperti da contribuzione (c.d. “pace contributiva”). Possono fruire del riscatto dei periodi non coperti da contribuzione coloro che al 31 dicembre 1995 non avevano anzianità contributiva. La detrazione spetta anche ai superstiti dell’assicurato o dai suoi parenti ed affini entro il secondo grado che hanno presentato domanda e sostenuto l’onere per conto dell’assicurato stesso. La detrazione spetta sull’ammontare effettivamente versato nel corso dell’anno d’imposta ed è ripartita in 5 rate di pari importo.
    Non può essere indicata la spesa sostenuta nel 2019 che nello stesso anno è stata fruita in sostituzione delle retribuzioni premiali e indicata nel punto 581 e/o 601 della Certificazione Unica 2020.
  • Non possono essere indicate in questo rigo le somme per cui spetta la detrazione prevista per gli inoccupati (Righi da E8 a E10, codice 32) o per cui spetta la deduzione dal reddito complessivo (rigo E21).

Vi invito sempre a verificare però con il modello davanti e le istruzioni se non sono intervenute piccole modifiche nella numerazione delle righe interessate a seconda dell’anno di imposta per il quale state compilando o verificando la dichiarazione.

Detrazione degli oneri versati per il riscatto degli anni di laurea dei familiari a carico

In questo caso parliamo di detrazione fiscale dei contributi versati per il riscatto degli anni di laurea nella misura del 19%. In questo caso quindi il vantaggio fiscale è maggiore rispetto ai casi visti sopra in quanto qui parliamo di detrazione direttamente dall’imposta mentre negli altri casi parliamo di deduzione del costo dal reddito imponibile. Saranno pertanto avvantaggiati immagino i genitori che si trovano a doverli pagare per i propri figli e penso che in fondo questa sia stata la motivazione principale del miglio trattamento di favore. Tuttavia lo Stato ancora una volta delude il contribuente introducendo una norma speciale che deroga a quella ordinaria introducendo una detrazione del 50% del costo sostenuto in 5 anni contro una deduzione al 100% del costo sostenuto nell’anno di sostenimento come prevederebbe il regime ordinario del riscatto. Che dire? Che non si accontenta di incassare ma vuole anche incassare tutto subito e dare il risparmio dilazionato concedendo minori benefici fiscali rispetto al regime ordinario. Gli sarebbe costato tanto lasciare tutto com’era e invogliare più persone a richiedere il riscatto?

Procedura riscatto anni Laurea

La domanda di riscatto andrà presentata tramite il portale dell’INPS nella propria area riservata a cui si accede con le proprie credenziali personali che sono il codice fiscale ed il codice PIN.

Selezionando la funzione riscatto anni si laurea sarà possibile richiedere il riscatto di uno o già anni insieme.

Nel messaggio n. 4488 del 10 novembre 2017 l’INPS comunica che il portale è stato rinnovato ed è contraddistinto dalle sezioni:
  • Inserisci domanda riscatto laurea dove indicare i periodi interessati e allegare la documentazione a supporto che sarà il certificato di laurea
  • Modalità di pagamento dove è possibile se pagare con carta, bonifico o bollettino
  • Invio della domanda
  • Consulta domande: nella quale visualizzare lo stato delle domande inviate

E’ possibile anche fare una simulazione del calcolo che forse è la cosa che più ci interessa perchè molti di noi non hanno la minima idea di quello che potrebbe costare

Trovate anche una breve Scheda informativa” dove sono riepilogate le caratteristiche dell’istituto del riscatto degli anni di laurea ai fini previdenziali.

 

Riferimenti normativi
Articolo 10 del Tuir

Articoli 13 e 16 del Decreto Legislativo n. 47 del 2000

Circolare AE 29 del 2001

Risoluzione Agenzia delle Entrate 298 2002

http://www.tasse-fisco.com/incentivi/riscatto-anni-laurea-inps-figli-familiari-carico-deduzione-detrazione-irpef-costo-calcolo-e-convenienza/41589/

http://www.tasse-fisco.com/incentivi/riscatto-anni-laurea-inps-figli-familiari-carico-deduzione-detrazione-irpef-costo-calcolo-e-convenienza/41589/

http://www.tasse-fisco.com/finanziaria-manovra-dl/riscatto-laurea-inps-agevolato-rateizzazione-come-funziona-costo-convenienza-calcolo/41545/

http://www.tasse-fisco.com/finanziaria-manovra-dl/quali-corsi-laurea-riscatto-specialistica-dottorato-post-lauream/41561/

http://www.tasse-fisco.com/dichiarazione-dei-redditi-730-o-unico/elenco-spese-detrazione-redditi-730-guida-fiscale-tabellatasse/2537/

http://www.tasse-fisco.com/dichiarazione-dei-redditi-730-o-unico/occhiali-vista-lenti-contatto-detrazione-tasse-irpef/37565/


Valuta l'articolo
[Totale: 26 Media: 3.2]

26 Commenti

  1. conviene la nuova norma la il regime fiscale rispetto a quello ordinario è stato modificato come legge nel seguito: “1. In via sperimentale, per il triennio 2019-2021, gli iscritti
    all’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidita’, la vecchiaia e i superstiti dei lavoratori dipendenti e alle forme sostitutive ed esclusive della medesima, nonche’ alle gestioni

    speciali dei lavoratori autonomi, e alla gestione separata di cui

    all’articolo 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335, privi di

    anzianita’ contributiva al 31 dicembre 1995 e non gia’ titolari di

    pensione, hanno facolta’ di riscattare, in tutto o in parte, i

    periodi antecedenti alla data di entrata in vigore del presente

    decreto compresi tra la data del primo e quella dell’ultimo

    contributo comunque accreditato nelle suddette forme assicurative,

    non soggetti a obbligo contributivo e che non siano gia’ coperti da

    contribuzione, comunque versata e accreditata, presso forme di

    previdenza obbligatoria. Detti periodi possono essere riscattati

    nella misura massima di cinque anni, anche non continuativi.

    2. L’eventuale successiva acquisizione di anzianita’ assicurativa

    antecedente al 1° gennaio 1996 determina l’annullamento d’ufficio del

    riscatto gia’ effettuato ai sensi del presente articolo, con

    conseguente restituzione dei contributi.

    3. La facolta’ di cui al comma 1 e’ esercitata a domanda

    dell’assicurato o dei suoi superstiti o dei suoi parenti ed affini

    entro il secondo grado, e l’onere e’ determinato in base ai criteri

    fissati dal comma 5 dell’articolo 2 del decreto legislativo 30 aprile

    1997, n. 184. L’onere cosi’ determinato e’ detraibile dall’imposta

    lorda nella misura del 50 per cento con una ripartizione in cinque

    quote annuali costanti e di pari importo nell’anno di sostenimento e

    in quelli successivi.

  2. Per capire cosa conviene, bisogna fare simulazioni?
    Deduzione o detrazione?
    Eventualmente, genera credito di imposta?

  3. La legge speciale del riscatto agevolato ha modificato il trattamento ordinario del riscatto per cui si parla di deducibilità in 5 anni al 50%. Sono estremamente sorpreso in negativo di questo perchè non solo non si sono accontentati di innalzare l’età pensionabile in modo inaccettabile tanta che quella si è messa anche a piangere in mondo visione per il danno che gli hanno fatto commettere, non solo hanno aperto la finestra del riscatto facendolo pagare neanche poco….e nemmeno hanno mantenuto il precedente regime fiscale di detrazione totale del contributo che sarebbe stato pià favorevole…senza parole ancora una volta per come ci trattano…alla faccia dello statuto del contribuente e della collaborazione.

  4. Buongiorno
    Ho presentato domanda di riscatto di laurea in base all’art. 5quater art.2 D.Lgs. 184/1997.
    Non mi è chiaro se posso detrarre nel 730 l’importo che andrò a pagare e in che percentuale.
    Grazie

  5. Buongiorno, dovrei riscattare il periodo di laurea 1996/2000, ma ho letto poco sopra nel vostro articolo che “per espressa previsione normativa” sarebbero deducibili solo i contributi a partire dall’anno d’imposta 2001, per cui sembrerebbe che rimarrei fuori dal beneficio fiscale IRPEF, circostanza che potrebbe farmi propendere verso altri strumenti. Potrei avere il riferimento normativo di cui parlate? Grazie

  6. Non è una procedura disciplinata da normativa tuttavia dovrebbe provare a presentare istanza per la rideterminazione del piano rate attraverso l’area riservata. In alternativa sentire il call center a cui devo dire rispondono bene a differenza di alcuni uffici dove non sanno o sembra che ti stanno facendo un piacere a darti risposte inadeguate…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 26 Media: 3.2]
error: Questo contenuto è protetto