HOMEPAGE / Dichiarazione 730 e modello UNICO / Modello 730 Precompilato 2018: istruzioni e dove scaricarlo senza problemi

Modello 730 Precompilato 2018: istruzioni e dove scaricarlo senza problemi

bambino con occhiali e pallottoliereIl Modello 730 precompilato 2017 deve essere scaricato dopo aver chiesto le credenziali di accesso sui tre canali Agenzia Entrate (Entratel, Fisco Online) o anche sul sito dell’INPS, secondo le modalità che vediamo qui di seguito insieme ad ulteriori chiarimenti per le vostre domande su eventuali problemi di accesso.

Credenziali di Accesso al Modello 730 Precompilato 2018

Prima di tutto verificate di avere le credenziali di accesso: i passi per averle sono riportati più avanto. Successivamente verificate che il vostro PC funzioni, ossia il vostro “browser” (software usato per navigare in Internet) non dia problemi di accesso al sito. Una volta che avete acceduto al sito non ci saranno problemi e potrete scaricarvi il Modello 730 pre-compilato per le eventuali correzioni. Per la verifica andate a fine pagina.

L’Agenzia delle Entrate riporta il seguente diagramma di flusso con i passi da seguire.

Il modello 730 precompilato viene messo a disposizione del contribuente, a partire dal 15 aprile, in un’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia delle entrate (www.agenziaentrate.gov.it). Per accedere a questa sezione è necessario essere in possesso del Codice PIN, che può essere richiesto:

  • online, accedendo al sito internet dell’Agenzia www.agenziaentrate.gov.it e inserendo alcuni dati personali; in ufficio, presentando il modulo di richiesta unitamente a un documento di identità.
  • Accedendo nella propria sezione con una identità SPID – Sistema pubblico d’identità digitale;
  • le credenziali dispositive rilasciate dall’Inps;
  • una Carta Nazionale dei Servizi.

Nella sezione del sito internet dedicata al 730 precompilato è possibile visualizzare:

  • il modello 730 precompilato;
  • un prospetto con l’indicazione sintetica dei redditi e delle spese presenti nel 730 precompilato e delle principali fonti utilizzate per l’elaborazione della dichiarazione (ad esempio i dati del sostituto che ha inviato la Certificazione Unica oppure i dati della banca che ha comunicato gli interessi passivi sul mutuo).  Occhio perchè non tutte le informazioni relative alle vostre fonti di reddito o spese sostenute per poter fruire di detrazioni o deduzioni fiscali sono presenti automaticamente e in modo corretto e completo nella dichiarazione dei redditi. Se le informazioni in possesso dell’Agenzia delle entrate risultano incomplete, queste non vengono inserite direttamente nella dichiarazione ma sono esposte nell’apposito prospetto per consentire al contribuente di verificarle ed eventualmente indicarle nel 730 precompilato. Ad esempio, dall’Anagrafe tributaria può risultare l’atto di acquisto di un fabbricato, di cui però non si conosce la destinazione (sfitto, dato in comodato, ecc.). Nello stesso prospetto sono evidenziate anche le informazioni che risultano incongruenti e che quindi richiedono una verifica da parte del contribuente. Ad esempio, non vengono inseriti nel 730 precompilato gli interessi passivi comunicati dalla banca se sono di ammontare superiore rispetto a quelli indicati nella dichiarazione dell’anno precedente (gli interessi passivi pagati per i mutui ipotecari infatti generalmente diminuiscono nel corso degli anni);
  • l’esito della liquidazione: il rimborso che sarà erogato dal sostituto d’imposta e/o le somme che saranno trattenute in busta paga. L’esito della liquidazione non è disponibile se manca un elemento essenziale, quale, ad esempio, la destinazione d’uso di un immobile. Il risultato finale della dichiarazione sarà disponibile dopo l’integrazione del modello 730;
  • il modello 730-3 con il dettaglio dei risultati della liquidazione.

Il contribuente può accedere alla propria dichiarazione precompilata anche tramite il proprio sostituto che presta assistenza fiscale oppure tramite un Caf o un professionista abilitato. In questo caso deve consegnare al sostituto o all’intermediario un’apposita delega per l’accesso al 730 precompilato.

Ottenere le credenziali di accesso al 730 Precompilato tramite agenzia entrate: come averle

La prima cosa da fare è verificare di avere le credenziali di accesso al sito dell’Agenzia delle Entrate che potrete verificare andando alla voce Accedi al 730 precompilato. Il menù a tendina dà poi la possibilità di entrare nella pagina riservata agli utenti Fisconline o in quella di autenticazione per chi è in possesso del PIN dispositivo dell’Inps in quanto si potrà entrare anche dal sito dell’INPS con le vosre credenziali (quel PIN che vi arrivava in parte a casa mediante posta ed in parte lo scaricavate dal sito al momento della domanda di attribuzione).

Potrete accedere anche direttamente dal sito ufficiale dell’agenzia delle Entrate e andando in alto a destra  dove c’è scritto di inserire un User ID e la password selezionando l’accesso con le credenziali Fisconline o con quelle dell’Inps, come rileva l’agenzia delle entrate occhio perchè la pagina in cui inserire le credenziali è differente a seconda che si acceda come utente di Fisconline o come utente dell’Inps

Accedere al 730 Pre compilato tramite INPS da marzo 2018

Se non vi va di avere altre credenziali di accesso (perchè magari vi state facendo il problema che troppe credenziali in giro potrebbero essere più facilmene trovate e qualcuno potrebbe scaricarsi il vostro 730) allora, se ne siete in possesso, potete accedere mediante il sito dell’INPS con questi passi presi dal sito dell’Agenzia delle entrate. Secondo me è il modo più semplice er la stragrande maggioranza di voi che sono certo si sarà andato a vedere il calcolo della pensione sul sito dell’Ines per cui spesso già risulta come soggetto censito per cui basterà andare sul pulsante inserisci PIN > inserire il precedente PIN.

A questo punto vi chiederanno di rigenerare un nuovo PIN ed uno si aspetta che deve andare poi all’Ines e deve attendere quello cartaceo invece si tratta solo di una rigenerazione istantanea. Il programma vi da un nuovo PIN che inserirete nella pagina successivo avendo premuto il tasto “avanti” ed accederete così alla vostra area personale.

Di qui seguirete i seguenti passi che trovate nella schermata qui sotto.

Nella pagina riservata agli utenti dei servizi online dell’Inps(apre una nuova finestra) occorre inserire il codice fiscale e PIN dispositivo dell’Inps e poi selezionare il pulsante “Accedi”.

Le credenziali non vanno inserite qualora si acceda con la CNS.

Qualora il PIN inserito non fosse di tipo dispositivo, la procedura di autenticazione lo segnala, indicando come convertirlo (per ulteriori informazioni consulta la guida dell’Inps su Come fare per Ottenere e gestire il PIN) (apre una nuova finestra).

Quanto scritto lo potete trovare in una pagina che è stata a mio avviso resa molto semplice per essere compresa da tutti e che potete visitarla sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Nella pagina di accesso come utente di Fisconline occorre inserire il codice fiscale e la password e poi selezionare il pulsante “Accedi”.

L’utente appena registrato a Fisconline, che non ha effettuato il primo accesso a tale servizio, ma accede per la prima volta direttamente al 730 web sarà indirizzato alla pagina del servizio telematico dell’Agenzia delle entrate per effettuare il cambio password.

Se appare il messaggio  “Per il codice fiscale del contribuente il 730 Precompilato non è stato predisposto” occorre verificare se l’utente rientra tra i casi previsti per la predisposizione del 730 precompilato (vedi la sezione A chi interessa).

Accesso alla Home page del modello 730 Precompilato

Se l’autenticazione è andata a buon fine, si accederà alla homepage del sito del proprio 730 precompilato.

Scarica il Modello 730 Precompilato

Una volta che avete acceduto alla sezione 730 Pre compilato andando sulla sezione “Visualizza il 730 precompilato”

potete o accettarlo “se vi garba” oppure potete leggere l’articolo dedicato alla modifiche, integrazioni e correzioni del modello 730 Pre compilato  e modificarlo ma solo a partire dal primo maggio.

I dati considerati per il 730 sono presentati in forma di elenco e sono suddivisi in base ai diversi quadri e sezioni del modello 730.

Dopo aver verificato l’elenco delle informazioni, il contribuente – selezionando il pulsante “Successivo” posto in fondo alla pagina – visualizza “Il tuo 730 precompilato”, dove sarà possibile:

  • visualizzare e stampare il modello 730 precompilato e il relativo foglio informativo;
  • verificare l’esito del calcolo;
  • scegliere, a partire dal 1 maggio, se accettare o modificare il 730.

Problemi di accesso al sito del Modello 730 Pre compilato

Nella stessa pagina dell’agenzia delle entrate che vi ho segnalato dove trovate questi contenuti dedicati 730 precompilato  ci sono non solo le istruzioni ma anche una pagina dedicata alle domande frequenti (che si chiamano anche FAQ… per chi non lo sapesse) e i casi che vi si potrebbero presentare che impediscono l’accesso e che potrebbero essere per esempio:

  • Password dimenticata: Un utente che dimentica o smarrisce la propria password può ricrearne una nuova se ha conservato la comunicazione contenente la password di primo accesso (rilasciata al momento dell’abilitazione) e possiede il codice PIN. In questo caso, può ripristinare la password inserendo i dati richiesti dalla funzione “Ripristina password(apre una nuova finestra)” presente all’interno dei servizi telematici. In alternativa può recarsi presso un qualsiasi Ufficio Territoriale e richiedere il ripristino della password di accesso al servizio, utilizzando lo stesso modulo che si compila all’atto della richiesta di abilitazione.
  • Password scaduta: La password di accesso, per motivi di sicurezza, scade dopo 90 giorni e se l’utente prova ad accedere con le proprie credenziali sarà indirizzato alla pagina del servizio telematico dell’Agenzia delle entrate per effettuare il rinnovo della password. Al termine dell’operazione correttamente eseguita, l’utente sarà reindirizzato sulla pagina di accesso al 730 precompilato dove dovrà inserire le credenziali aggiornate.
  • Password bloccata: L’utente, dopo aver effettuato un numero superiore ad 8 tentativi errati di accesso, avrà bloccato la propria password; sarà pertanto indirizzato alla pagina del servizio telematico dell’Agenzia delle entrate per effettuare il ripristino della password.
  • Codici fiscali non utilizzabili

Accedete ma non trovate il Modello 730 precompilato?

Se appare il messaggio  “Per il codice fiscale del contribuente il 730 Precompilato non è stato predisposto” occorre verificare se l’utente rientra tra i casi previsti per la predisposizione del 730 precompilato (vedi la sezione A chi interessa).

Verifica del browser per il modello 730 Pre compilato

Per la verifica cliccate sulle parole verifica del browser per il 730 pre compilato

Chiarimenti e domande sul modello 730 Pre compilato

Per ora vi riporto quelle prese dal sito dell’agenzia delle entrate ma voi potete continuare a farne di nuove

Come posso sapere se è disponibile la mia dichiarazione precompilata?

A partire dal 15 aprile 2015, basta accedere direttamente all’area autenticata del sito (con le credenziali di Fisconline, con la Carta Nazionale dei Servizi o con il PIN dispositivo dell’Inps) o delegare il sostituto d’imposta, un Caf o un professionista abilitato, che richiederà all’Agenzia l’accesso alla dichiarazione precompilata.

Una volta effettuato l’accesso alla dichiarazione precompilata, quali documenti e informazioni posso visualizzare?

E’ possibile visualizzare:

  1. il modello 730
  2. un foglio informativo, che contiene l’elenco delle informazioni in possesso dell’Agenzia delle entrate, con le relative fonti, dove è specificato quali dati sono stati utilizzati e quali no per la predisposizione della dichiarazione
  3. l’esito della liquidazione della dichiarazione (cioè il rimborso da ricevere o le somme da versare). In alcuni casi, questa informazione non è immediatamente disponibile: ad esempio se manca un elemento essenziale (quale la destinazione d’uso di uno o più immobili posseduti), l’applicazione segnala che la dichiarazione non è liquidabile e viene indicato il quadro che deve essere completato a cura del contribuente. Il risultato finale della dichiarazione sarà poi disponibile dopo la necessaria integrazione del 730 e comunque prima dell’invio dello stesso.

Una volta effettuato l’accesso alla dichiarazione precompilata, quali sono le operazioni che posso eseguire?

Utilizzando le funzionalità disponibili all’interno dell’applicazione web dedicata alla dichiarazione precompilata, è possibile anzitutto visualizzare e stampare il proprio modello 730 precompilato e il relativo foglio informativo. Dopo aver verificato la correttezza e la completezza della dichiarazione, si può accettarla oppure modificarla. Infine, è possibile inviare la dichiarazione precompilata direttamente all’Agenzia delle entrate. Se si rientra fra i destinatari della dichiarazione precompilata ma non non c’è un sostituto d’imposta che possa effettuare il conguaglio, tramite un’apposita funzionalità è possibile versare le somme eventualmente dovute con il modello F24, che viene proposto già precompilato, oppure indicare il conto corrente bancario sul quale ricevere l’eventuale rimborso da parte dell’Agenzia delle entrate. Inoltre, nell’applicazione web è possibile consultare la dichiarazione trasmessa e la ricevuta telematica dell’avvenuta presentazione. Al fine di ricevere eventuali comunicazioni relative alla propria dichiarazione precompilata, è necessario indicare, in un’apposita sezione dell’applicazione web, un indirizzo di posta elettronica valido.

L’Agenzia delle Entrate mi ha messo a disposizione il 730 precompilato; posso non considerarlo e presentare il 730 ordinario al mio sostituto d’imposta (o al Caf) come gli altri anni?

Si, se si riceve il modello 730 precompilato non si è obbligato a utilizzarlo. E’ possibile, infatti, presentare la dichiarazione dei redditi con le modalità ordinarie (modello 730 ordinario o il modello Unico).

Quali sono i termini per la  presentazione della dichiarazione precompilata?

A partire dal 15 aprile è possibile visualizzare e stampare la propria dichiarazione nell’area autenticata del sito internet dell’Agenzia delle entrate. Dalla stessa data i sostituti d’imposta, i Caf e i professionisti abilitati possono richiedere l’accesso alla dichiarazione precompilata dei contribuenti dai quali hanno ricevuto specifica delega. A partire dal 1° maggio è possibile accettare o modificare la dichiarazione e trasmetterla via web all’Agenzia delle entrate. Dalla stessa data i sostituti d’imposta, i Caf e i professionisti abilitati possono trasmettere i modelli 730 precompilati accettati o modificati.

Posso fare accedere il Caf (il sostituto o un professionista abilitato) al mio 730 precompilato?

Si. Se non si vuole accedere direttamente al 730 precompilato, è possibile rivolgersi al proprio sostituto d’imposta (se presta  assistenza fiscale), a un Caf o a un professionista abilitato, fornendo un’apposita delega, insieme alla copia di un documento di identità, in formato cartaceo o in formato elettronico. La delega deve contenere (oltre all’indicazione del proprio codice fiscale e dell’anno d’imposta cui si riferisce la dichiarazione 730 precompilata) la data di conferimento e la precisazione che la stessa vale, oltre che per l’accesso alla dichiarazione 730 precompilata, anche per la consultazione del foglio informativo, cioè l’elenco delle informazioni nella disponibilità dell’Agenzia delle Entrate, con indicazione distinta dei dati inseriti e di quelli non inseriti nel 730 precompilato e delle fonti informative.

Posso sapere quali soggetti hanno effettuato l’accesso alla mia dichiarazione precompilata?

Si. E’ possibile delegare più soggetti ad accedere alla propria dichiarazione precompilata e, nel contempo, visualizzare l’elenco di quelli ai quali sono stati resi disponibili la dichiarazione precompilata e il foglio informativo, tramite le apposite funzionalità presenti nell’area autenticata 730 precompilato, oppure consultando il proprio cassetto fiscale.
Non ho ricevuto il 730 precompilato, pur avendo i requisiti per presentare il 730. Perché? In generale, per il 2015 sono destinatari del 730 precompilato i contribuenti che, contemporaneamente: abbiano presentato il 730/2014, oppure il modello Unico persone fisiche/2014 pur avendo i requisiti per presentare il modello 730 siano maggiorenni
non risultino, dalla dichiarazione dell’anno scorso, legalmente incapaci nel 2014 abbiano percepito redditi di lavoro dipendente e assimilati, per i quali i sostituti d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico) abbiano trasmesso nei termini all’Agenzia delle Entrate la Certificazione Unica 2015 (ex Cud) nel 2014 non abbiano avuto una partita Iva attiva nemmeno per un giorno (a eccezione dei produttori agricoli che si avvalgono del regime di esonero).
Inoltre, il 730 precompilato non viene predisposto per i contribuenti per i quali, alla data di elaborazione della dichiarazione, sia noto il decesso all’Anagrafe Tributaria. Verificato tutto ciò, bisogna comunque considerare che il 730 precompilato non viene predisposto se, con riferimento al 2013, il contribuente ha presentato dichiarazioni correttive nei termini o integrative, per le quali, al momento della elaborazione della dichiarazione 730 precompilata, è ancora in corso l’attività di liquidazione automatizzata.

Posso presentare il 730 precompilato in forma congiunta?

Si, ma non direttamente tramite il sito dell’Agenzia. Per il primo anno di avvio sperimentale la dichiarazione  precompilata può essere presentata in forma congiunta esclusivamente al sostituto che presta assistenza fiscale, al Caf o al professionista abilitato. Se i coniugi hanno presentato il modello 730/2014 in forma congiunta, sono predisposte due distinte dichiarazioni 730 precompilate, una per ciascun coniuge che abbia i requisiti per rientrare nella platea dei destinatari della dichiarazione precompilata.

Modifica o rettifica del 730 inviato sbagliato

Una volta compilato e presentato il 730 se verificate che vi siano stati degli errori o delle rettifiche da apportare leggete l’articolo dedicato alle rettifiche o modifiche del 730 alla luce della NUOVA RIAPERTURA DEI TERMINI PER VARIARE IL 730.

730 2018 Precompilato sbagliato cosa fare: modifiche, integrazioni o correzione

Modello da compilare con Istruzioni per la compilazione

Modello Redditi Persone fisiche – Fascicolo 1

Modello Redditi Pf – Fascicolo 1 – pdf (aggiornato con Provvedimento del 15 marzo 2018)

Istruzioni per la compilazione del fascicolo 1 – pdf (aggiornate con Provvedimento del 15 marzo 2018)

Modello Redditi Persone fisiche – Fascicolo 2

Modello Redditi Pf – Fascicolo 2 – pdf (aggiornato con Provvedimento del 15 marzo 2018)

Istruzioni per la compilazione del fascicolo 2 – pdf (aggiornate con Provvedimento del 15 marzo 2018)

Modello Redditi Persone fisiche – Fascicolo 3

Parametri

Valuta l'articolo
[Totale: 3 Media: 3.7]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.