Lavori Già Iniziati e Bonus 110% Risparmio Energetico: Si può

La domanda che attanaglia alcuni contribuenti è se nel caso di interventi già iniziati nel corso del 2020 si riesce a rientrare comunque nel beneficio fiscale. Il DL rilancio 2020 ha introdotto il MAXI bonus per gli interventi che tendono al risparmio energetico sotto forma di detrazione del 110% sull’IRPEF e con la possibilità cedere il credito per i soggetti che non hanno sufficiente tasse da poter abbattere.

Nel seguito alcune delle principali domande che ci si pone per cercare di capire quali sono i casi in cui si potrebbe rientrare nell’applicazione del beneficio fiscale maxi. Alcune le trovate nel seguito:

  1. Che succede però se rientrate in quell’insieme di contribuenti che avevano già iniziato i lavori già iniziati prima dell’entrata in vigore della norma agevolativa?
  2. Si può chiedere il super bonus 110% se i lavori ancora non sono stati pagati?
  3. Si può richiedere la detrazione fiscale IRPEF o anche cedere il credito se sono stati pagati degli acconti e i lavori non sono ancora finiti?
  4. Si può richiedere la detrazione fiscale IRPEF o anche cedere il credito se sono stati pagati degli acconti e anche il saldo perchè i lavori sono terminati con il collaudo ma non è stata ancora fatta la “chiusura lavori“?

L’ecobonus e il sisma bonus al 110% sarà riconosciuto, fermo restando i requisiti di cui ci siamo occupati più volte negli articoli incentrati su questo argomento spetta per le spese sostenute dal primo luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021. Ci ha contattato qualche lettore nelle ultime ore che ha già iniziato alcuni lavori potenzialmente agevolabili al 110% o che è in procinto di farlo al giorno. Anche ditte edili e amministratori di condominio sono in dubbio su come procedere in alcuni casi: meglio aspettare l’ufficialità e rimandare gli interventi oppure si possono iniziare i lavori e ottenere comunque il bonus al 110% quando ammesso?

Cosa dice la Legge a proposito?

Il DL rilancio precisa che la detrazione fiscale spetta solo per le “spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021“. Dal dettato letterale questi sembrerebbero escluse tuttavia non ravvedo alcun motivo per cui trovandosi le spese nel medesimo anno di imposta in questione non vi sarebbe motivo per escludere anche gli acconti pagati o altre somme pagate prima.

Mi sentirei di escludere quelle che sono terminate entro il primo luglio, ma quelle che alla data del primo luglio non sono ancora terminate non vedo perchè debbano essere escluse.

Tuttavia sarà necessario un chiarimento da parte dell’agenzia delle entrate sul tema in quanto in questo caso il bonus è sostanzioso per cui ci si attende una risposta a questo tipo di domande.

Lavori condominiali

Nel caso di lavori condominiali poi sappiamo che i pagamenti in genere sono suddivisi in due momenti diversi in quanto il primo momento coincide con quello in cui sono versate le somme, acconti o saldi, all’amministratore di condominio.

Il momento successivo è quello in cui l’amministratore riversa le somme/quote condominiali incassate all’impresa di costruzione o ditta appaltatrice. In questo caso rileva il momento in cui l’amministratore condominiale paga la ditta. Se questo è avvenuto dopo il primo luglio e nel rispetto degli altri requisiti richiesti per il MAXI Bonus 110% allora il beneficio fiscale potrà essere utilizzato.

Se ancora non avete pagato alcunchè invece vi consiglio di attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto e anche sentire fin da subito l’architetto o ingegnere che vi seguirà durante gli interventi.

https://www.tasse-fisco.com/incentivi/bonus-110-tutti-lavori-agevolazione-fiscale-sintesi/50473/

 

https://www.tasse-fisco.com/incentivi/requisiti-bonus-detrazione-110-classi-energetiche-quali-condizioni/50277/

Elenco-lavori-ristrutturazione

Cessione del credito di imposta per la detrazione fiscale

Nel caso di contribuenti che si situano nella  No Tax Area  e budini hanno un’imposta non sufficiente  sfruttare le eventuali detrazioni di imposta generate a fronte di spese sostenute per interventi di riqualificazione o risparmio energetico vi segnalo la possibilità di poter cedere a terzi il credito. A tal proposito ho scritto un articolo di sintesi su come si effettuala cessione del credito di cui trovate il link nel seguito:

http://www.tasse-fisco.com/case/cessione-credito-detrazioni-fiscali-irpef-risparmio-energetico-come-quanto/35547/


Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 4]

25 Commenti

  1. Salve Ho cominciato a fare il lavori di ristrutturazione con il bonus 110 tutto regolare anno fatto il cappotto e montaggio di fotovoltaico e ci sono fermati da due mesi con la scusa che non ci sono materiale.luglio 2021

  2. Buongiorno,
    Ho acquistato casa a dicembre 2020.
    Per incompetenza del geometra è stato accantonato il 110% per la ristrutturazione straordinaria 50%
    Difatti ad oggi i lavori non sono iniziati nonostante la comunicazione Scia al Comune di competenza.
    In maniera autonoma (visto che, a detta del geometra potevamo farlo) abbiamo provveduto a smaltire il tetto perché era precario e dei lavori interni.
    Ad oggi, nelle condizioni in cui si trova la casa (solo i muri perimetrali e solaio) posso richiedere il bonus sismico e bonus 110% .
    L’impresa non ha iniziato ancora e sono 7 mesi che non si riesce a partire.
    Grazie

  3. Salve, a novembre 2020 ho completato una richiesta per accesso a Ecobonus con detrazione in 10 anni del 50% a seguito di installazione nei 90 gg precedenti ( Agosto 2020) di schermature solari ( ex l.296/2000 comma 345B) presso il mio appartamento in comproprieta’ con mia moglie. Pertanto ho ricevuto il numero di CPID e sembra sia tt ok.
    Adesso invece, a livello condominiale ci stiamo apprestando ad accedere al Superbonus 110 con sconto diretto in fattura mediante lavori per cappotto termico, ed altri eventuali lavori trainati.
    la prima e’ stata fatta a livello del singolo appartamento, la seconda invece ovviamente avverra’ a livello condominiale.
    Possono coesistere le due detrazioni ?

  4. Buonasera, avrei iniziato dei lavori di ristrutturazione nel 2018 con presentazione di pratica annessa a breve scadranno i 3anni e purtroppo non credo che finiremo i lavori in tempo. in questa ristrutturazione abbiamo effettuato un cambio di destinazione d’uso di una parte dell’immobile. la domanda è la seguente posso lo stesso effettuare la domanda di superbonis anche se i lavori non sono finiti?e soprattutto se è possibile accedervi,la parte ampliata (di cambio di destinazione d’uso da cantina a casa) rientra nelle spese di detrazione?grazie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 4]
error: Questo contenuto è protetto