HOMEPAGE / Persone Fisiche e IRPEF / Tassazione NASPI o Indennità disoccupazione INPS: calcolo Irpef

Tassazione NASPI o Indennità disoccupazione INPS: calcolo Irpef

Vediamo quali e se dovrete versare delle tasse o imposte Irpef sull’assegno per la disoccupazione che sarete riusciti ad aggiudicarvi per capire quanto effettivamente vi resta in tasca e poter pianificare liberamente eventuali spese in questo momento difficile.

L’ indennità di disoccupazione NASpI, percepita in sostituzione del reddito di lavoro dipendente, in forza di quanto disposto dall’art. 6, comma 2 del Tuir, costituisce reddito della stessa categoria di quello perduto o sostituito per cui molto probabilmente sarà quello d lavoro dipendente precedentemente perso.

Essendo l’assegno di disoccupazione erogato dall’INPS, sarà egli stesso ad adottare i prelievi alla fonte a titolo di ritenuta d’acconto svolgendo lo stesso ruolo del vostro datore di lavoro precedente che operava come sostituto di imposta come previsto e disciplinato dall’articolo 64 del DPR n. 600 del 1973, sulle somme erogate a titolo di indennità NASpI:

  • L’INPS pertanto applica le ritenute IRPEF, determinate ai sensi dell’art. 11 del Tuir secondo gli ordinari scaglioni di reddito Irpef.

Nel seguito trovate gli scaglioni di reddito irpef attualmente vigenti

Scaglioni reddito  Irpef Aliquota Irpef lordo
da 0 a 15.000
euro
23% 23% del reddito
da 15.000,01 a
28.000 euro
27% 3.450 + 27% sulla parte eccedente i 15.000 euro
da 28.000,01 a
55.000 euro
38% 6.960 + 38% sulla parte eccedente i 28.000 euro
da 55.000,01 a
75.000 euro
41% 17.220 + 41% sulla parte eccedente i 55.000 euro
oltre 75.000 euro 43% 25.420 + 43% sulla parte eccedente i 75.000
euro

Questo significa che la prima tassazione sarà del 23% su quanto previsto come assegno a fine mese.

  • L’INPS inoltre applicherà eventuali detrazioni di imposta (per spese mediche, assicurazioni, interessi su mutuo, detrazioni per familiari a carico, detrazioni per lavoro autonomo al pari di quanto avviene se scegliete di presentare la dichiarazione con il vostro datore di lavoro. In genere infatti i lavoratori dipendenti comunicano tali informazioni per farsi fare direttamente il calcolo delle tasse d pagare ed il conguaglio Irpef di giugno o di fine anno in busta paga. In questo caso l’Inps svolge la stessa funzione. Basti pensare che oggi le dichiarazioni die redditi precompilate possono essere scaricate dalla sezione del sito dell’INPS.
  • Nella domanda per la NASPI dovrete indicare anche la composizione del vostro nucleo familiare in quanto danno diritto alle detrazioni per i familiari a carico mogli, figli, e altri familiari;

A fine anno l’INPS effettuerà il conguaglio di Irpef di fine anno (che si effettua solitamente a giugno) e anche l’eventuale rimborso di cui avrete diritto nel caso in cui la vostra imposta sia a credito a fine anno per via delle detrazioni fiscali come previsto dall’articolo 23, comma 3 del DPR n. 600 del 1973);

  • rilascia la Certificazione Unica (art. 4, comma 6-ter del DPR. 322 del 1998).

Questo è quanto chiarito anche nella circolare 94 del 2015 dell’INPS.

Calcolo NASPI: come calcolare l’importo dell’assegno di disoccupazione?

NASPI 2018 domanda Indennità disoccupazione Calcolo Importo

Le Detrazioni e Deduzioni fiscali in presenza della NASPI

Valuta l'articolo
[Totale: 92 Media: 2.6]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

1 commento

  1. Avatar

    Buongiorno
    Negli ultimi 4 anni ho percepito redditi superiori a 50.000 euro l’anno.
    Come è possibile che l’INPS mi calcoli il NASPI a 998 euro netti per i primi 4 mesi?
    Premetto che non sono occupato dal primo gennaio 2017 e ho fatto domanda di NASPI il giorno 8 gennaio

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.