HOMEPAGE / Persone Fisiche e IRPEF / Come si fa una donazione: l’atto, i tipi e le imposte

Come si fa una donazione: l’atto, i tipi e le imposte

donazioneUna guida su “Come si fa una donazione” al figlio o al parente, in sintesi e per punti.
Prima di tutto vediamo cosa si intende per DONAZIONE, come si fa, ossia se è necessario un particolare atto per donare qualcosa ai propri cari.

Che cos’è la donazione

La donazione è un atto con cui un soggetto donante dona beni o diritti a un altro soggetto, detto donatario, senza corrispettivo.

I diversi tipi di donazione

La donazione può essere destinata al soddisfacimento di un’obbligazione a carico del donatario e quindi diciamo “vincolata” in quanto il donante può imporre al donatario di effettuare una prestazione o anche subordinarla al compimento di un atto o al raggiungimento di uno scopo ed il cui mancato rispetto di tale condizione non si verificherà il passaggio dei beni o dei diritti in capo al donatario.
Sara’ possibile anche imporre al soggetto che riceve i diritti solamente in un certo momento nel futuro. Oppure potrà applicare un diritto di usufrutto quindi il soggetto donante finche’ resterà in vita non si perfezionerà la donazione.

Come si effettua una donazione

Vi dico che sono necessarie alcune caratteristiche per porre in essere tale operazione e prima di tutto bisogna essere capaci di intendere e di volere e di avere la disponibilità dei diritti al momento della donazione o anche fare una previsione generica dei beni di cui in fututo si avrà la proprietà ed il diritto di trasferimento (ossia la proprietà per itnenderci).
Tuttavia non sarà importante essere maggiorenni.
Successivamente sarà necessario che non sia contenuto nell’atto che disciplina la donazione un corrispettivo per la stessa, altrimenti verrebbe a cadere il concetto di donazione.
Un’altra caratteristica necessaria della donazione e’ che il donatario debba espressamente accettare la donazione e qui entriamo in un argomento un pò complesso in quanto occorrerrà valutare la convenienza ad accettare o meno l’eredità, o accettarla con il beneficio dell’inventario.E’ ad esempio il caso di beni derivanti da attività illecite del donante.

A tal proposito però vi segnalo che è uscito il nuovo articolo con una vera e propria Guida alla Donazione 

Fattispecie particolari che impediscono la donazione

È possibile che la donazione non si perfezioni per fattispecie che si originano dopo la donazione stessa come per esempio dopo il perfezionamento della donazione e qui ci sono per esempio la successiva rinuncia da parte del donatario oppure la nascita di figli a carico del donante entro un certo periodo di tempo. Oppure possono essere anche delle fattispecie legate ad azioni specifiche del donatario che possono essere ingratitudine oppure eventuali ingiurie donatario nei confronti della donante.
La donazione deve essere effettuata per atto pubblico pena la sua nullità dei suoi effetti nullità :questo implica che nel caso in cui non si osservi la forma della tubino la donazione non si perfezionerà e quindi non avrà effetto nei confrotni dei terzi.
Spesso si assiste alla donazione di denaro o di beni, o anche la donazione della prima casa ai figli, oppure anche la donazione di terreni.

Donazione Beni Mobili

Nel caso di donazione di beni mobili sarà necessario specificarne il nome ed il valore a pena di nullita’ (per fare un esempio mobili , quadri o auto) ed il loro valore a meno che il loro modico valore non sia trascurabile a tal punto da non essere necessario indicarlo. Se volete una misura precisa del modico valore questa non esiste ma deve essere ragionevole, considerata anche la consistenza patrimoniale del defunto oltre che dal valore assoluto dei beni che formano l’oggetto della cosa donata.
Questo significa che dovrete andare presso un notaio e redigere l’atto di donazione facendo il possibilmente per assistere lui nel valutare eventuali ripercussioni delle vostre volontà anche in relazione ai diritti dei vostri eredi. Spesso infatti, anche involantariamente, le volontà del defunto vanno a intaccare la quota legittima che spetta ai futuri eredi che potrebbero anche impugnare la donazione una volta che sia intervenuta la morte del donante.

Imposta sulle donazioni

Vi ricordo sempre di consultare e di valutare al fine della donazione anche l’impatto che ha l’imposta sulle donazioni e se vi è sfuggito prima il link vi riscrivo che è uscita la nuova Guida alla Donazione 

2 commenti

  1. E’ nell’articolo sbagliato; dovrebbe inserire nel motore di ricerca interno canone rai e vedrà che troverà l’articolo dove si parla delle esenzioni sul canone RAI

  2. Mio padre ha 82 anni e percepisce una pensione di invalidità con assegno di accompagnamento più una reversibilità.
    Deve pagare comunque il canone Rai o è esonerato ?
    Grazie

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.