HOMEPAGE / Dichiarazione 730 e modello UNICO / 730 Guida pratica compilazione, scadenza, esonero e versamento tasse Irpef

730 Guida pratica compilazione, scadenza, esonero e versamento tasse Irpef

730 esonero dichiarazione dei redditiLa nuova guida alla compilazione del Modello 730 anche precompilata contiene i casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi, le detrazioni di imposta, la scadenza per l’invio, le modalità di versamento e di pagamento di imposte e tasse con modello F24 dovute dai contribuenti sulla base dei dati (con i link utili di approfondimento, in basso). Troverete altresì indicato come procedere alla presentazione della dichiarazione dei redditi, l’invio telematico, il software per la compilazione del modello 730 e le aree tematiche di approfondimento e il solito spazio dedicato ai vostri commenti e suggerimenti.

Chi è esonerato dalla compilazione e presentazione del 730

Esistono tanti casi di esonero dalla compilazione del 730 e cerchiamo di evidenziarli qui sinteticamente: in primis i lavoratori dipendenti e pensionati (anche sepossessori di abitazione principale) che subiscono le ritenute dal proprio datore di lavoro, il quale è obbligato a trattenerle, e che hanno solo un CUD a fine anno. Anche in presenza di più CUD (ossia avete avuto nel periodo di imposta più lavori) ma avete richiesto all’ultimo di effettuare il conguaglio di fine anno in busta paga, sarete esonerati. Anche in presenza di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa o lavori a progetto non è obbligatorio presentare il modello 730, sempre che siano state effettuate correttametne le ritenute ed eventualente il conguaglio in presenza di più collaborazioni o lavori a progetto. Questi casi di esonero valgono sempre se sono state trattenute correttamente in busta paga le addizionali regionali e comunali dal datore di lavoro (anche se dubito che molti di voi siano in grado di stabilirlo perchè è un calcolo complicato).

Anche i contribuenti che hanno sui redditi derivanti da immobili detenuti a titolo di abitazione principale e relative pertinenze come box garage rock cantine E altri immobili non dati in affitto.

Non dovrete compilare il 730 anche se avete redditi esenti da imposta (vi potete aiutare con l’articolo dedicato a quali sono i redditi esenti). Per fare un esempio tali redditi possono essere quelli erogati a titolo di borse di studio, rendite Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, pensioni di guerra, pensioni dei  militari di leva, alcuni redditi di pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell’Interno ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili, sussidi, pensioni sociali o come anche redditi soggetti ad imposta sostituiva come i proventi derivanti dal possesso di BOT, CCT, CTZ e altre oppure redditi che sono stati oggetto di ritenuta alla fonte a titolo di imposta come gli interessi attivi maturati su conto corrente e che sono già soggetti al ritenuta alla fonte ma che non vanno confuusi con quei redditi che sono si soggetti a ritenuta ma a titolo di acconto.

Stesso discorso per i redditi che hanno subito la tassazione alla fonte a titolo di imposta ossia come gli interessi attivit sui conti correnti bancari o soggetti a tassazione sostitutiva come nel caso degli interessi sui BOT o CCT, CTZ, o altri titoli di Stato. A tal fine vi potete leggere l’articolo dedicato alla tassazione delle rendite finanziarie.

Esistono poi anche dei casi di esonero per livelli di reddito minimo non raggiunto e alla presena di alcune condizioni tali per cui il legislatore permette l’esonero dalla compilazione del 730 ed è il caso di lavoratori dipendente  o redditi assimilati (anche più lavori) o pensionati che lavorano per tutti i 365 giorni e non raggiungono un reddito di 8.000 euro annui al netto dell’abitazione principale. Il reddito dell’abitazione principale infatti dovete sapere che non concorre alla determinazione del reddito imponibile per cui il limite di reddito non dovrà prenderlo in considerazione. nel caso di presenza della pensione il limite scende a 7.500 (e risale a 7.750 per gli over 75 anni di età) e 185,92 euro per i terreni. vale anche in questo caso però il discorso della corretta rilevazione delle addizionali regionali e comunali.

Anche mogli (o mariti) che percepiscono un assegno dell’ex coniuge familiare (esclusivamente l’assegno di mantenimento della moglie ed escludendo quello destinato ai figli) sempre che sia inferiore a 7.500 euro l’anno.
Non procedono alla compilazione i soggetti che percepisocno un reddito la cui detrazione non è rapportata al periodo di lavoro come i redditi diversi come per esempio da prestazione occasionale che subiscono una ritenuta secca e che se inferiore a 4.800 euro potranno non compilare il 730.
Oppure nel caso di compensi per attività sportive dilettantistiche che se inferiori ai 28158,28 non determineranno l’obbligo alla compilazione del 730 per la dichiarazione dei redditi annuale.

Sono esonerati anche coloro che hanno esclusivamente un reddito derivante dal possesso di redditi di terreni e fabbricati per un importo non superiore a 500 euro annui ricomprendendo in questo caso anche il reddito prodotto dall’abitazione principale (ossia la rendita catastale mper intenderci).

Saranno esonerati anche coloro i quali seppur in possesso di un reddito superiore alle cifre sopra riportate hanno una imposta lorda inferiore ai 10,33 euro che si ottiene calcolando il reddito percepito meno le detrazioni per carichi di famiglia, meno le detrazioni per redditi di lavoro dipendente, pensione e/o altri redditi  meno le ritenute subite nel corso del periodo di imposta.

Anche nel caso in cui avete avuto solamente redditi fondiari derivanti da terreni e/o da fabbricati o immobili nel corso dell’anno per un totale complessivo inferiore a euro 500 non sarete obbligati alla presentazione in quanto sarete esonerati. Lo stesso nel caso in cui avete avuto solamente reti derivanti dai terreni per un ammontare complessivo inferiore a € 185,92.

A proposito di pensioni sono esonerati anche i contribuenti che hanno solo redditi di lavoro dipendente percepiscono una pensione (o uno o l’altro), che siano stati interrogati da un unico soggetto sostituto d’imposta oppure anche erogati da più soggetti a per il quale si è chiesto all’ultimo sostituto di imposta di effettuare il conguaglio in tal modo dovresti avere un’unica certificazione unica in cui sia riportato l’intero periodo in cui avete lavorato durante l’anno di imposta.

Anche nel caso in cui avete incassato redditi da pensione per un ammontare complessivo inferiore a € 7500 E purché rispettino le detrazioni previste per i coniugi e i familiari a carico insieme dovute le addizionali comunali regionali sarete esonerati.

Esonero in base ai limiti di reddito

Il caso di prestazioni occasionali il limite di reddito entro il quale si godrà dell’esonero dalle dichiarazioni diretti sarà pari a € 4800.

Esistono poi dei casi di esonero sono caratterizzati dalla presenza di sotto del quale sarà possibile beneficiare di discussione dalla dichiarazione dei redditi e che e pari a € 8000 nel caso di lavoro dipendente può redditi assimilati a quello di lavoro dipendente purché il lavoratore sia stato in servizio dal 1 gennaio al 31 dicembre E sempre che siano rispettate le condizioni per le detrazioni previste del coniuge o dei familiari a carico e non siano dovute addizionali comunali o regionali.

Nel caso invece di redditi di pensione sempre con un periodo non inferiore anno solare il limite sarà pari a € 7750 purché di almeno 75 anni di età.

Nel caso invece sia più giovane di 75 anni e percepisca sempre di dimensioni come il punto precedente il limite al di sotto del quale sarà possibile beneficiare dell’esenzione sarà pane € 7500.

Dove e a chi presentare il 730

Sarà possibile presentare il 730 al proprio datore di lavoro sempre che questo abbia comunicato entro il 15 gennaio di prestare assistenza fiscale, altrimenti potrete presentarlo ad un CAF portando la documentazione per il 730 oppure a Caf-dipendenti oppure ancora servendovi di un professionista abilitato alla professione, come i dottori commercialisti (scelta consigliata!). Le modalità tuttavia per il 2015 come avrete avuto modo di sapere dai quotidiani e dal bombardamento mediatico avverrà in via sperimentale per i titolari di redditi di lavoro dipendente tramite il 730 precompilato.

Quando si presenta il 730: la scadenza per la presentazione

La scadenza per la presentazione della dichiarazione è fissata per il 30 aprile, ma attenzione sempre alle proroghe oppure entro il 31 maggio se il modello è presentato al Caf o ad un professionista abilitato. Per coloro che si sono avvalsi del datore di lavoro la liquidazione ed il pagamento delle imposte avverrà nella busta paga del mese di luglio a titolo di saldo Irpef  e primo acconto per l’anno successivo, delle addizionali regionale e comunale all’IRPEF, ma si potranno anche avere dei rimborso per le maggiori imposte pagate anche se è raro che il conguaglio sia positivo.Per i titolari di redditi di pensione invece il pagamento avverrà nel mese di agosto o settembre.

Entro quando presentare il 730

Vi ricordo che con il 730 precompilato le scadenze sono cambiate per cui vi invito a leggere l’articolo dedicato alle nuove scadenze del 730

SCADENZE CONTRIBUENTE SOSTITUTO DI IMPOSTA CAF O PROFESSIONISTA
ENTRO IL 28 FEBBRAIO 2016 Riceve dal sostituto d'imposta la Certificazione Unica dei redditi percepiti e delle ritenute subite. Consegna al contribuente la Certificazione Unica dei redditi percepiti e delle ritenute subite.
ENTRO IL 7 MARZO 2016 Invia all'Agenzia delle Entrate le certificazioni uniche rilasciate
A PARTIRE DAL 15 APRILE 2016 Puu00f2, tramite i servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate, accedere alla dichiarazione pre-compilata
ENTRO IL 7 LUGLIO 2016 Presenta al proprio sostituto d'imposta, Caf o professionista abilitato la dichiarazione Mod. 730 e la busta contenente il Mod. 730-1 per la scelta della destinazione dellu2019otto, cinque e due per mille dellu2019Irpef. Rilascia ricevuta dell'avvenuta presentazione della dichiarazione e della busta da parte del contribuente.Rilascia ricevuta dell'avvenuta presentazione della dichiarazione e della busta da parte del contribuente.
ENTRO IL 7 LUGLIO 2016 Trasmette telematicamente all'Agenzia delle Entrate le dichiarazioni predisposte. Trasmette telematicamente all'Agenzia delle Entrate le dichiarazioni predisposte.
ENTRO IL 7 LUGLIO 2016 Riceve dal sostituto d'imposta, Caf o professio- nista abilitato copia della dichiarazione Mod. 730 e il prospetto di liquidazione Mod. 730-3. Controlla la regolarita' formale della dichiara- zione presentata dai contribuenti, effettua il calcolo delle imposte, consegna al contribuen- te copia della dichiarazione Mod. 730 e il pro- spetto di liquidazione Mod. 730-3 Verifica la conformitu00e0 dei dati esposti nella dichiarazione, effettua il calcolo delle imposte e consegna al contribuente copia della dichia- razione Mod. 730 e il prospetto di liquidazione Mod. 730-3.
ENTRO IL 7 LUGLIO 2016 Presenta telematicamente all'Agenzia delle Entrate la dichiarazione Mod. 730 e il Mod. 730- 1 per la scelta della destinazione dell'otto, cinque e due per mille dell'Irpef. Nei giorni successivi alla presentazione del Mod. 730 riceve ricevuta telematica dell'avvenuta presentazione.
A PARTIRE DAL MESE DI LUGLIO 2016 (Per i pensionati a partire dal mese di agosto o settembre Riceve la retribuzione con i rimborsi o con le trattenute delle somme dovute. In caso di rateizzazione dei versamenti di saldo e degli eventuali acconti u00e8 trattenuta la prima rata. Le ulteriori rate, maggiorate dell'interesse dello 0,33 per cento mensile, saranno trattenute dalle retribuzioni nei mesi successivi. rateizzati) la parte residua, maggiorata dellu2019in- teresse nella misura dello 0,4 per cento men- sile, sarau0300 trattenuta dalle retribuzioni dei mesi successivi. Trattiene le somme dovute per le imposte o effettua i rimborsi. In caso di rateizzazione dei versamenti di saldo e degli eventuali acconti trattiene la prima rata. Le ulteriori rate, maggiorate dell'interesse dello 0,33 per cento mensile, le tratterra' dalle retribuzioni nei mesi successivi. Se la retribuzione u00e8 insufficiente per il paga- mento delle imposte (ovvero degli importi rateizzati) trattiene la parte residua, maggiora- ta dellu2019interesse nella misura dello 0,4 per cento mensile, dalle retribuzioni dei mesi suc- cessivi.
ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2016 Comunica al sostituto du2019imposta di non voler effettuare il secondo o unico acconto dell'Irpef o di volerlo effettuare in misura inferiore rispet- to a quello indicato nel Mod. 730-3.
ENTRO IL 25 OTTOBRE 2016 Puu00f2 presentare al CAF o al professionista abilitato la dichiarazione 730 integrativa.
A NOVEMBRE 2016 Riceve la retribuzione con le trattenute delle somme dovute a titolo di acconto per l'Irpef. Se la retribuzione u00e8 insufficiente per il pagamento delle imposte, la parte residua, maggiorata dell'interesse nella misura dello 0,4 per cento mensile, sarau0300 trattenuta dalla retribuzio- ne del mese di dicembre. Aggiunge alle ritenute le somme dovute a titolo di acconto per l'Irpef.Se la retribuzione u00e8 insufficiente per il pagamento delle imposte trattiene la parte residua, maggiorata dell'interesse nella misura dello 0,4 per cento mensile, dalla retribuzione del mese di dicembre.
ENTRO IL 10 NOVEMBRE 2016 Riceve dal Caf o dal professionista abilitato copia della dichiarazione Mod. 730 integrativo e il prospetto di liquidazione Mod. 730-3 integrativo. Verifica la conformitu00e0 dei dati esposti nella dichiarazione integrativa, effettua il calcolo delle imposte e consegna al contribuente copia della dichiarazione Mod. 730 integrativo e il prospetto di liquidazione Mod. 730-3 integrativo; comunica al sostituto il risultato finale della dichiarazione.
ENTRO IL 10 NOVEMBRE 2016 Trasmette telematicamente all'Agenzia delle Entrate le dichiarazioni integrative.

Come risparmiare sulle tasse e pagarne di meno: deduzioni e detrazioni

Vi consiglio di leggere gli articoli che trovate evidenziati in celeste, che rimandano ad altri articoli di approfondimento e in cui trovate l’elenco delle detrazioni e deduzioni per il 730 che vi aiuterà a guidarvi nella indicazione delle spese sostenute sia nella dichiarazione 730 sia nel modello Unico, a seconda di quello che compilate: forse la più famosa è la detrazione delle spese mediche superiori a 129,11 euro ma in questa piccola guida fiscale troverete ad esempio anche come portare in detrazione gli interessi passivi sul mutuo ai fini irpef oppure anche, dato il periodo di iscrizione alle scuole e asili come si fa a portare in deduzione delle rette scolastiche dei figli a carico. Ma non è finita in quanto le detrazioni e le deduzioni sono tante e annoverano anche le detrazioni Irpef per i familiari a carico per esempio anche la deduzione dei contributi previdenziali versati alla colf o badanti.

Conguaglio a credito a debito in busta paga

Fermo restando il processo di liquidazione delle imposte per coloro che non hanno un sostituto di imposta (e che avete avuto modo di leggere magari nella guida al 730), discorso a parte merita il dipendente che si troverà ad avere il conguaglio 730 a credito o a debito in busta paga a apartire dal mese di luglio o, nel caso dei pensionati, dal mese di agosto.

Guida alla Dichiarazione dei Redditi Precompilata 730 o certificazione Unica

Software per la compilazione del 730

Potete trovare ed utilizzare il software per la compilazione del 730 sul sito dell’agenzia delle entrate con anche le istruzioni. Modello 730 e istruzioni che potete trovare sul sito dell’agenzia delle entrate o qualora aveste dei problemi nel reperirle potete scaricarle gratuitamente nella pagina moduli e modelli.

Articoli di approfondimento e consigli utili:
Elenco della documentazione da portare al CAF
Calcolo Primo Acconto Irpef di Giugno (A novembre invece avremo il pagamento del secondo acconto Irpef)Vi invito poi a leggere oltre alle modalità di compilazione del 730 l’articolo dedicato a tutte le detrazioni e deduzioni fiscali che sono state previste dal legislatore e che vi consentiranno di versare meno tasse.

Cosa posso scaricare dalle tasse

Tabella Deduzioni e Detrazioni 730 e mod.Unico: troverete diversi modi per pagare meno imposte e tasse perché a dispetto di quello che si possa pensare le deduzioni e le detrazioni di imposta sono molteplici per cui almeno una letta è consigliabile per verificare se potete risparmiare qualche soldo.

Correggere il 730 precompilato: come fare

Potete leggere cosa fare se volete apportare modifiche, integrazioni o correzioni al 730 precompilato.

Sintesi novità del 730 2016

Vi segnalo il nuovo articolo contenente le novità del 730 2016 valido per dichiarare i redditi relativi all’anno di imposta 2015 prossimo alla scadenza.

88 commenti

  1. Il risultato dovrebbe cambiare e sua figlia la può inserire manualmente lei in base ai mesi spettanti.

  2. Salve, vorrei sapere se nel 730 dovrei inserire “figlio con disabilità'” mio figlio di 10 anni a cui è stata riconosciuta nel 2014 l’invalidità civile ed ha il comma 1 della legge 104 perché affetto da diabete mellito.

  3. mio figlio ha solo il reddito di 10.000 di un solo sostituto d’imposta. così com’è, può non presentare il 730? Inoltre, se dovesse detrarre le spese mediche le posso detrarre io come padre o per forza lui.

  4. Ho un CU2015 con imposta lorda inferiore alla detrazione per lavoro dipendente (Imposta a Zero) ma ho una seconda casa non locata nello stesso comune di residenza con reddito di Eur 42. Per il CU rientro nell’esenzione di presentazione 730, ma per la seconda casa non rientrerei. Mi chiedo se sono esentata dalla presentazione del 730 (a questo punto UNICO online) oppure no? Oppure la presento comunque anche se sarei esentata per non rischiare? Grazie

  5. salve ho quote di immobili e percepisco un affitto di un immobile che risulta ancora intestato a mio padre deceduto e dove non ē stata ancora fatta la successione vorrei sapere come mi devo comportare con le tasse quali pagare e a quali scadenze .
    Grazie.

  6. Dovrebbe verificare se è considerabile come familiare a carico da inserire eventualmente nella dichiarazione. Per far questo può leggere l’articolo dedicato alla definizione di familiare a carico ai fini della dichiarazione de redditi.

  7. salve,se in un preliminare di vendita di immobile l’acquirente e’ inadempiente,il venditore deve dichiarare al fisco l’introito della caparra?grazie

  8. domenico affortunato

    la quota non dedotta del tfr, in quale rigo viene inserito sul 730

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 1 =