730 Guida pratica compilazione, scadenza, esonero e versamento tasse Irpef

La nuova guida alla compilazione del Modello 730 contiene i casi di esonero dalla dichiarazione dei redditi, le detrazioni di imposta, la scadenza per l’invio, le modalità di versamento e di pagamento di imposte e tasse con modello F24 dovute dai contribuenti sulla base dei dati (con i link utili di approfondimento, in basso) Troverete altresì indicato come procedere alla presentazione della dichiarazione dei redditi, l’invio telematico, il software per la compilazione del modello 730 e le aree tematiche di approfondimento e il solito spazio dedicato ai vostri commenti e suggerimenti.

Chi è esonerato dalla compilazione e presentazione del 730
Esistono tanti casi di esonero dalla compilazione del 730 e cerchiamo di evidenziarli qui sinteticamente: in primis i lavoratori dipendenti e pensionati /anche sepossessori di abitazione principale) che subiscono le ritenute dal proprio datore di lavoro il quale è obbligato a trattenerle e che hanno solo un CUD a fine anno. Anche in presenza di più CUD (ossia avete avuto nel periodo di imposta più lavori) ma avete richiesto all’ultimo di effettuare il conguaglio di fine anno in busta paga sarete esonerati. Anche in presenza di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa o lavori a progetto non è obbligatorio presentare il 730 sempre che siano state effettuate correttametne le ritneute ed eventualente il conguaglio in presenza di più collaborazioni o lavori a progetto. Questi casi di esonero valgono sempre se sono state trattenute correttamente in busta paga le addizionali regionali e comunali dal datore di lavoro (anche se dubito che molti di voi siano in grado di stabilirlo perchè è un calcolo complicato).

Non dovrete compilare il 730 anche se avete redditi esenti da imposta come (Vi potete aiutare con l’articolo dedicato a quali sono i redditi esenti). Per fare un esempio tali redditi possono essere quelli erogati a titolo di borse di studio, rendite Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, pensioni di guerra, pensioni dei  militari di leva, alcuni redditi di pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell’Interno ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili, sussidi, pensioni sociali o come anche redditi soggetti ad imposta sostituiva come i proventi derivanti dal possesso di BOT, CCT, CTZ e altre oppure redditi che sono stati oggetto di ritenuta alla fonte a titolo di imposta come gli interessi attivi maturati su conto corrente e che sono già soggetti al ritenuta del 27,50% (dal 2012 diventa del 20%) ma che non vanno confuusi con quei redditi che sono si soggetti a ritenuta ma a titolo di acconto.

Stesso discorso per i redditi che hanno subito la tassazione alla fonte a titolo di imposta ossia come gli interessi attivit sui conti correnti bancari o soggetti a tassazione sostitutiva come nel caso degli interessi sui BOT o CCT, CTZ, o altri titoli di Stato. A tal fine vi potete leggere l’articolo dedicato alla tassazione delle rendite finanziarie.

Esistono poi anche dei casi di esonero per livelli di reddito minimo non raggiunto e alla presena di alcune condizioni tali per cui il legislatore permette l’esonero dalla compilazione del 730 ed è il caso di lavoratori dipendente  o redditi assimilati (anche più lavori) o pensionati che lavorano per tutti i 365 giorni e non raggiungono un reddito di 8.000 euro annui al netto dell’abitazione principale. Il reddito dell’abitazione principale infatti dovete sapere che non concorre alla determinazione del reddito imponibile per cui il limite di reddito non dovrà prenderlo in considerazione. nel caso di presenza della pensione il limite scende a 7.500 (e risale a 7.750 per gli over 75 anni di età) e 185,92 euro per i terreni. vale anche in questo caso però il discorso della corretta rilevazione delle addizionali regionali e comunali.

Anche mogli (o mariti) che percepiscono un assegno dell’ex coniuge familiare (esclusivamente l’assegno di mantenimento della moglie ed escludendo quello destinato ai figli) sempre che sia inferiore a 7.500 euro l’anno.
Non procedono alla compilazione i soggetti che percepisocno un reddito la cui detrazione non è rapportata al periodo di lavoro come i redditi diversi come per esempio da prestazione occasionale che subiscono una ritenuta secca e che se inferiore a 4.800 euro potranno non compilare il 730.

Oppure nel caso di compensi per attività sportive dilettantistiche che se inferiori ai 28.158,28 non determineranno l’obbligo alla compilazione del 730 per la dichiarazione dei redditi annuale.

Sono esonerati anche coloro che hanno esclusivamente un reddito derivante dal possesso di redditi di terreni e fabbricati per un importo non superiore a 500 euro annui ricomprendendo in questo caso anche il reddito prodotto dall’abitazione principale (ossia la rendita catastale mper intenderci).

Saranno esonerati anche coloro i quali seppur in possesso di un reddito superiore alle cifre sopra riportate hanno una imposta lorda inferiore ai 10,33 euro che si ottiene calcolando il reddito percepito meno le detrazioni per carichi di famiglia, meno le detrazioni per redditi di lavoro dipendente, pensione e/o altri redditi  meno le ritenute subite nel corso del periodo di imposta.

Dove e a chi presentare il 730
Sarà possibile presentare il 730 al proprio datore di lavoro sempre che questo sabbia comunicato entro il 15 gennaio di prestare assistenza fiscale altrimenti potrete presentari ad un CAF portando la documentazione per il 730 oppure ad Caf-dipendenti oppure ancora servendovi si un professionista abilitato alla professione come i dottori commercialisti (scelta consigliata).

Quando si presenta il 730: la scadenza per la presentazione
La scadenza per la presentazione della dichiarazione è fissata per il 30 aprile ma occhio sempre alle proroghe oppure entro il 31 maggio se il modello è presentato al Caf o a al  un professionista abilitato. Per coloro che si sono avvalsi del datore di lavoro la liquidazione ed il pagamento delle imposte avverrà nella busta paga del mese di luglio a titolo di saldo Irpef  e primo acconto per l’anno successivo, delle addizionali regionale e comunale all’IRPEF, ma si potranno anche avere dei rimborso per le maggiori imposte pagate anche se è raro che il conguaglio sia positivo.Per i titolari di redditi di pensione invece il pagamento avverrà nel mese di agosto o settembre.

Come risparmiare sulle tasse e pagarne di meno: deduzioni e detrazioni
Vi consiglio di leggere gli articoli che trovate evidenziati in celeste ce rimandano a degli articoli di approfondimento in cui trovate l’ elenco delle detrazioni e deduzioni per il 730 che vi aiuterà a guidarvi nella indicazione delle spese sostenute sia nella dichiarazione 730 sia nel modello Unico a seconda di quello che compilate: la più famosa forse è la detrazione delle spese mediche superiori a 129,11 euro ma in questa piccola guida fiscale troverete ad esempio anche come portare in detrazione gli interessi passivi sul mutuo ai fini irpef oppure anche, dato il periodo di iscrizione alle scuole e asili come si fa a portare in deduzione delle rette scolastiche dei figli a carico. Ma non è finita in quanto le detrazioni e le deduzioni sono tante e annoverano anche le detrazioni Irpef per i familiari a carico per esempio anche la deduzione dei contributi previdenziali versati alla colf o badanti.

Conguaglio a credito a debito in busta paga
Fermo restando il rpcesso di liquidazione delle imposte per coloro che non hanno un sostituto di imposta e che avete avuto modo di leggere nella guida al 730, discorso a parte merita il dipendente che si troverà ad avere il conguaglio 730 a credito o a debito in busta paga a apartire dal mese di luglio o, nel caso dei pensionati, dal mese di agosto.

Software per la compilazione del 730
Potete trovare ed utilizzare il software per la compilazione del 730 sul sito dell’agenzia delle entrate con anche le istruzioni.

730_2013_editabile: scarica direttamente la versione pdf da modificare

Modello 730 e istruzioni che potete trovare sul sito dell’agenzia delle entrate o qualora aveste dei problemi nel reperirle potete scaricarle gratuitamente nella pagina moduli e modelli.

Leggi il nuovo articolo dedicato al BONUS FISCALE 2014 per capire quanto puoi risparmiare

Articoli di approfondimento e consigli utili:
Elenco della documentazione da portare al CAF
Calcolo Primo Acconto Irpef di Giugno (A novembre invece avremo il pagamento del secondo acconto Irpef)
Tabella Deduzioni e detrazioni 730 e mod.Unico

Ti è piaciuto l'articolo? Per continuare a darvi spunti gratuiti, condividi questo articolo tramite i pulsanti qui sopra!

65 Commenti

  1. Dal 15/09/2014 iniziero un lavoro con contratto lap con scadenza 31/10/2014(probabile che lo rinnovano).Ora io sono a carico di mio papà e l’azienda per cui lavoro mi chiede se voglio usufruire delle detrazioni oppure no,ora io non so cosa significa cosa comporta per me o nel caso per mio papà?

  2. Lavoro 2 contract lavoro stipendio anno e 6.800 e bisognio compilare 730 ?grazie

  3. SI

  4. Sono amministratore di sostegno di un disabile che ha delle obbligazioni in banca e dei buoni postali devo dichiararli al fisco anche se sono già tassati alla fonte

  5. no

Trackbacks/Pingbacks

  1. Interessi Passivi sui Mutui……come detrarli | blogfinanziamenti - [...] dell’abitazione principale. Non rientrano nell’ambito di applicazione della detrazione nella compilazione del 730 o dichiarazione dei redditi Irpef gli interessi passivi …

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>