HOMEPAGE / Dichiarazione 730 e modello UNICO / Dichiarazione dei Redditi per defunto da parte degli eredi

Dichiarazione dei Redditi per defunto da parte degli eredi

successione dichiarazione defunto eredi (bara con rosa)Vediamo come comportarci nel caso della dichiarazione dei redditi per un defunto da parte degli eredi, perché ahimè i defunti sono ancora soggetto ad obblighi nelle persone che subentrano nella gestione del loro reddito e patrimonio: Facciamo prima di tutto attenzione alle scadenze per la compilazione della dichiarazione dei redditi, modello 730 o modello Unico.

Chi è obbligato alla presentazione della dichiarazione dei redditi del defunto

Sono obbligati gli eredi, quindi ad esempio moglie e/0 figli, che rispondono solidalmente dell’eventuale presentazione della dichiarazione anche perché hanno interesse a farlo. Per quello che concerne la compilazione il frontespizio è stato strutturato per accogliere infatti questa particolare situazione, inserendo la crociera che si sta presentando la dichiarazione dei redditi “per altri”.

In questo articolo potete trovare cosa si intende e quali sono gli eredi del defunto. L’articolo è dedicato alla successione e a come si divide il patrimonio tra gli eredi.

Una volta che avete capito chi tra i familiari è l’erede, il più volenteroso avrà quindi cura di inserire gli estremi anagrafici e  soprattutto il codice fiscale nel frontespizio del Modello dove dovranno essere indicati il codice fiscale e gli altri dati personali del contribuente deceduto. La sezione è “Dichiarazione presentata dagli eredi o da altri soggetti diversi dal contribuente”.

Termini di presentazione della dichiarazione da parte degli eredi

Dobbiamo prima fare una distinzione tra modello 730 e modello Unico. Nel seguito trovate una tabella esemplificativa  contenuta nelle istruzioni dove sono indicate le scadenze in base alla data del decesso e alla modalità di presentazione. In tal modo se siete in ritardo con una scadenza potete verificare se cambiando la modalità siete ancora in tempo.

Dichiarazione Modello Unico

PRESENTAZIONE AGLI UFFICI POSTALI

PRESENTAZIONE TELEMATICA

DATA DEL DECESSO

TERMINI DI PRESENTAZIONE

DATA DEL DECESSO

TERMINI DI PRESENTAZIONE

1° gennaio 2015 – 29 febbraio 2016

Termini ordinari:
dal 2 maggio 2016 al 30 giugno 2016

1° gennaio 2015 – 31 maggio 2016

Termini ordinari: 30 settembre 2016

1° marzo 2016 – 30 giugno 2016

Termini prorogati di 6 mesi: 31 dicembre 2016

1° giugno 2016 – 30 settembre 2016

Termini prorogati di 6 mesi: 31 marzo 2017

2017

PRESENTAZIONE AGLI UFFICI POSTALI

PRESENTAZIONE TELEMATICA

DATA DEL DECESSO

TERMINI DI PRESENTAZIONE

DATA DEL DECESSO

TERMINI DI PRESENTAZIONE

1° gennaio 2016 – 28 febbraio 2017

Termini ordinari:
dal 2 maggio 2017 al 30 giugno 2017

1° gennaio 2016 – 31 maggio 2016

Termini ordinari: 30 settembre 2017 (se scade sabato termine prorogato al primo giorno lavorativo successivo)

1° marzo 2017 – 30 giugno 2017

Termini prorogati di 6 mesi: 31 dicembre 2018

1° giugno 2017 – 30 settembre 2017

Termini prorogati di 6 mesi: 31 marzo 2018 (se scade sabato termine prorogato al primo giorno lavorativo successivo)

Per tutte le date inserite nelle tabella vale la regola che se la data di scadenza coincide con un sabato  una domenica il termine slitta al primo giorno lavorativo successivo.

2017

prorogati

PRESENTAZIONE AGLI UFFICI POSTALI

PRESENTAZIONE TELEMATICA

DATA DEL DECESSO

TERMINI DI PRESENTAZIONE

DATA DEL DECESSO

TERMINI DI PRESENTAZIONE

1° gennaio 2016 – 28 febbraio 2017

Termini ordinari:
dal 2 maggio 2017 al 30 giugno 2017

1° gennaio 2016 – 30 giugno 2017

Termini ordinari: 31 ottobre 2017 (se scade sabato termine prorogato al primo giorno lavorativo successivo)

1° marzo 2017 – 30 giugno 2017

Termini prorogati di 6 mesi: 31 dicembre 2018

1° giugno 2017 – 31 ottobre 2017

Termini prorogati di 6 mesi: 30 aprile 2018 (se scade sabato termine prorogato al primo giorno lavorativo successivo)

Termini di versamento da parte degli eredi: quando devono versare le imposte e le tasse per il defunto

Per le persone decedute nel 2015 o entro il 16 febbraio 2016 i versamenti devono essere effettuati dagli eredi nei termini ordinari per cui sempre entro il 16 Giugno o 16 luglio con la maggiorazione dello 0,4%. Per le persone decedute successivamente, i termini sono prorogati di sei mesi e scadono quindi il 16 dicembre 2016 o 16 gennaio con la maggiorazione dello 0,4%.

Fattispecie particolari: se il defunto era a credito nella precedente dichiarazione

Se nel 2015 la persona deceduta aveva presentato il Modello 730 dal quale risultava un credito successivamente non rimborsato dal sostituto d’imposta, l’erede può far valere tale credito nella dichiarazione presentata per conto del deceduto. A tal proposito nell’Appendice si legge che per i Crediti risultanti dal Mod. 730 che non risultano rimborsati dal sostituto d’imposta”.

Se il contribuente ancora non ha avuto il rimborso, anche solo parziale in tutto o in parte perché è avvenuto il decesso i relativi crediti potranno essere portati in diminuzione dall’IRPEF dovuta per questa dichiarazione. Analogamente, in caso di rimborso non effettuato dal sostituto di imposta a causa del decesso del contribuente, il credito IRPEF può essere portato in diminuzione nella dichiarazione presentata dagli eredi per conto del deceduto.

L’importo spettante da indicare al rigo RN36 colonna 2 per il credito IRPEF è indicato al punto 64 della Certificazione Unica (per il dichiarante) e al punto 264 della Certificazione Unica (per il coniuge). Questi sono i dati riferiti alla dichiarazione dei redditi sull’anno di imposta 2015 e anche se il meccanismo deve ritenersi valido per gli anni successivo a meno di modifiche confrontate sempre il rigo se è rimasto invariato con il modello relativo all’anno di vostro interesse. E’ opportuno verificare con le istruzioni relative alla compilazione dell’anno di interesse le modalità di indicazione e gestione del credito.

Le detrazioni valide per gli eredi

Vi ricordo visto che ci siamo che gli eredi hanno diritto alla detrazione d’imposta (oppure alla deduzione dal proprio reddito complessivo) per le spese funebri sostenute per il defunto dopo il decesso.

Altra situazione doppiamente spiacevole che potrebbe interessare alcuni lettori:Cartelle di pagamento del defunto: come gestirle

Le cartelle Equitalia del defunto dopo la successione non vanno pagate per le sanzioni: chiarimenti

Valuta l'articolo
[Totale: 45 Media: 2.9]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.