HOMEPAGE / Dichiarazione 730 e modello UNICO / Dichiarazione dei redditi unica congiunta (730): convenienza e come compilarla

Dichiarazione dei redditi unica congiunta (730): convenienza e come compilarla

730I coniugi possono presentare il  730 congiunto o dichiarazione dei redditi congiuntamente, il chè se a primo avviso potrebbe presentare un risparmio di tempo, in realtà vi sveliamo che non rappresenta alcuna convenienza in termini di minori tasse da pagare o imposte da versare. Giova ricordare infatti che la dichirazione dei redditi sarà unica ma i moduli da compilare saranno distinti (come se avessimo due dichirazioni deri redditi distinte) solo che andranno presentate insieme e andranno sommati algebricamente i risultati.

Novità del 2015 nel 730 congiunto

La novità di rilievo di questo 2015 sarà senza dubbio la dichiarazione dei redditi precompilata o 730 precompilato che prevederà appunto una sessione di comunicazioni con date serrata per gli operanti del settore. Per i contribuenti l’unico vero problema verso i primi dell’anno sarà quello di raccogliere quante più informazioni possibili da comunicare al proprio datore di lavoro il quale a sua volta le farà confluire nel flusso telematico che andrà ad alimntare i database dell’anagrafe tributaria dell’agenzia delle entrata in cui sono custodite le vostre informazioni relativamente a deduzioni e detrazioni di imposta spettanto a loro parere.

Chi può presentare il 730 congiunto e quando è possibile farlo

La dichiarazione può essere presentata in forma congiunta quando entrambi i coniugi possiedono esclusivamente i seguenti redditi e almeno uno dei due può utilizzare il Modello 730.
La dichiarazione può essere presentata in forma congiunta quando entrambi i coniugi possiedono esclusivamente redditi indicati nel paragrafo 3 e almeno uno dei due può utilizzare il Modello 730. Quando entrambi i coniugi hanno i requisiti per utilizzare il Modello 730 (paragrafo 3), possono presentarlo in forma congiunta al sostituto d’imposta di uno dei due oppure a un Caf o a un professionista abilitato. Non è possibile utilizzare la forma congiunta se si presenta la dichiarazione per conto di persone incapaci, compresi i minori e nel caso di decesso di uno dei coniugi avvenuto prima della presentazione della dichiarazione dei redditi. Nella dichiarazione congiunta va indicato come dichiarante il coniuge che ha come sostituto d’imposta il soggetto al quale viene presentata la dichiarazione, oppure quello scelto per effettuare i conguagli d’imposta se la dichiarazione viene presentata a un Caf o a un professionista abilitato.

Chi può utilizzare il 730

Possono procedere alla compilazione del modello 730 ossia possonoutilizzare il Mod. 730 i contribuenti che nell’anno precedente ed oggetto di dichiarazione sono:  pensionati o lavoratori dipendenti (compresi i lavoratori italiani che operano all’estero per i quali il reddito è determinato sulla base della retribuzione convenzionale definita annualmente con apposito decreto ministeriale), persone che percepiscono indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente (es. integrazioni salariali, indennità di mobilità), soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca, sacerdoti della Chiesa cattolica, giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali, comunali, ecc.), persone impegnate in lavori socialmente utili;

Anche i lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all’anno. Questi contribuenti possono rivolgersi: al sostituto d’imposta, se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di aprile al mese di luglio 2013, a un centro di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti (Caf-dipendenti) o a un professionista abilitato, se il rapporto di lavoro dura almeno dal mese di giugno al mese di luglio e si conoscono i dati del sostituto d’imposta che dovrà effettuare il conguaglio.

Anche il personale della scuola con contratto di lavoro a tempo determinato, che si può rivolgere al sostituto d’imposta o a un Caf-dipendenti o a un professionista abilitato, se il contratto dura almeno dal mese di settembre dell’anno n al mese di giugno dell’anno n+1, lavoratori che posseggono soltanto redditi di collaborazione coordinata e continuativa (art. 50, comma 1, lett. c-bis, del TUIR) almeno nel periodo compreso tra il mese di giugno e il mese di luglio e conoscono i dati del sostituto che dovrà effettuare il conguaglio, presentando il Mod. 730 a un Caf-dipendenti o a un professionista abilitato, produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (Mod. 770 semplificato e ordinario), IRAP e IVA.

Anche quando entrambi i coniugi hanno i requisiti per utilizzare il Modello 730  possono presentarlo in forma congiunta al sostituto d’imposta di uno dei due oppure a un CAF o a un professionista abilitato.

Non è possibile utilizzare la forma congiunta se si presenta la dichiarazione per conto di persone incapaci, compresi i minori e nel caso di decesso di uno dei coniugi avvenuto prima della presentazione della dichiarazione dei redditi. Nella dichiarazione congiunta va indicato come dichiarante il coniuge che ha come sostituto d’imposta il soggetto al quale viene presentata la dichiarazione, oppure quello scelto per effettuare i conguagli d’imposta se la dichiarazione viene presentata a un CAF o a un professionista abilitato.

Dal punto di vista delle scadenze ci sono Variazioni

I termini per la presentazione saranno gli stessi e la condizione per poter procedere con questa modalità prevede che almeno uno dei due coniugi abbia un datore di lavoro che sia funga da sostituto di imposta e provveda a recepire la dichirazione dei redditi congiunta.

Potete consultare inoltre non solo la categoria dedicata alla compilazione del 730 o all’Unico come per esemmpio l’articolo dedicato all’elenco delle spese per la detrazione nella dichiarazione dei redditi in cui troverete tantissime voci che sono sicuro non credevate potevano detrarsi dalla dichiarazione dei redditi abbattendo così le tasse da versare.

Cosa comporta la presentazione della dichiarazione congiunta

Niente in particolare se non il fatto che subentra un regime di responsabilità solidale nel versamento delle imposte che ne scaturiscono e che sono indicate all’interno indipendentemente dal fatto che poi un avviso sia inoltrato ad uno e non all’altro dei coniugi anche perchè si presuppone che vivano insieme.

Quali beni e redditi entrano in comunione dei beni

Potete leggere l’articolo di approfondimento legato a quali beni e redditi entrano in comunione legale

Guida al nuovo 730 precompilato

Vi ricordo soprattutto di leggere l’articolo dedicato al nuovo 730 precompilato, dove troverete anche le modalità per procedere alla correzione di eventuali errori commessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.