HOMEPAGE / Casa, immobili, terreni / Pagamento IMU e cambio di residenza o variazione in corso d’anno

Pagamento IMU e cambio di residenza o variazione in corso d’anno

casa sorridente con caminettoLa variazione o cambio di residenza ai fini del pagamento dell’IMU o imposta municipale propria sembrava una di quelle domande facili invece trovare chi ti da un chiarimentio sembra un’impresa ardua. Cerchiamo qui di capire come fare in questo caso che penso sia anche molto comune o quantomeno facile da riscontrare nella pratica indipendentemente dal caso analizzato dal Legislatore di acquisto dell’immobile in corso d’anno.

A tal fine sarà necessario prima di tutto tenere a mente la solita regola dei 15 giorni secondo cui laddove si effettui o anche acquisti casa per esempio il 3 del mese quel mese si computa ai fini dell’IMU. Nel caso anche in cui modificassi semplicemente la residenza sempre lo stesso giorno tre del mese allora ai fini del calcolo dell’IMU quel mese lo considererò nel calcolo dei mesi in cui ho beneficiato dell’immobile. Se fosse accaduto invece il 16 o il 18 del mese vale il contrario.

Facciamo un esempio per dare un chiarimento

Nel caso quindi di immobile adibito ad abitazione principale supponiamo fino al 18 aprile e successivamente adibito a seconda casa perchè ne ho comprata un’altra o mi sono semplicemente trasferito in un altro comune, in un latra casa, allora dovrà splittare il calcolo, ossia dividere i calcoli in due.

Nel primo intervallo di tempo che va dal primo gennaio al 18 aprile considero 4 mesi pieni di IMU calcolata con agevolazione prima casa e aliquota ridotta e per i restanti otto mesi di possesso calcolerò invece una tassazione piena non potendo beneficiare nè delle agevolazioni fiscali IMU previste per l’abitazione principale nè potendo applicare l’aliquota ridotta.

Spero di aver dato una risposta a coloro i quali è capitato nel corso dell’anno.

Vi ricordo comunque sempre tutti gli altri articoli dedicati all’IMU a partire dalla guida IMU con la sintesi degli elementi e le caratteristiche da sapere assolutamente di questo nuovo ed odiato tributo, oltre anche agli altri che vi guideranno nel Calcolo-IMU.

Vi ricordo poi sempre di verificare le aliquote del vostro comune: faccio un esempio: MIlano le ha aumtate al massimo ed ha prevista tutta una serie molto specifica di riduzioni per cui state molto attenti in sede di calcolo dell’acconto.

Per esempio ancora Roma le ha aumentate sull’abitazione principale del 25% ed è tanto lo vedrete quando andrete a pagare il saldo.

Importante:

Il cambio di residenza rappresenta un caso che vi obbliga alla presentazione della denuncia IMU in quanto rappresenta un elemento che potrebbe incidere sulla determinazione del tributo.

Gli articoli di Tasse-Fisco sull’IMU

Rispetto alle modalità di pagamento, al calcolo dell’IMU e alle aliquote IMU applicate vi segnalo i seguenti articoli di approfondimento

Scadenza   IMU (le date per l’acconto e il saldo)
Guida   all’IMU (con sotto-link specifici)
Calcolo   IMU (come calcolare quanto pagare)
Aliquote   IMU
Codici   tributo
IMU   per gli immobili di categoria D (alberghi, pensioni, teatri, ecc.)
La   tassa IMU sui terreni
Agevolazioni   ed esenzioni IMU
Dichiarazione   IMU
Pagamento   IMU in ritardo

Nuovo articolo dedicato all’ IMU e TASI per Residenti all’estero con Immobili in Italia

Riferimenti Normativi: Articolo 13 del Decreto Salva Italia e Decreto sul Federalismo Municipale.

 

3 commenti

  1. in genere tutti si scordano mentre lei invece l’ha fatta troppo presto. Direi di no comunque

  2. ho cambiato residenza in altro comune il 9 febbraio 2016 per stipulazione atto di vendita previsto per il 10 marzo la vendita dell’ immobile non e’ avvenuta il commercialista mi dice che devo pagare l’imu della mia proprieta’, da cui ho tolto la residenza ,come seconda casa.non posso fare niente?

  3. Buongiorno,
    ho acquistato un immobile con atto il 1°luglio. Al tempo dell’acquisto vivevo nel nucleo famigliare dei miei genitori. In questi mesi ho provveduto a ristrutturarla e nel mese corrente (dicembre) sono arrivati i mobili. Non ho eseguito immediatamente il cambio di residenza (da comune limitrofo a quello di prossima destinazione) poiché fui consigliato di attendere in quanto il vigile per il controllo sarebbe tenuto a verificare, ad esempio, la presenza di mobilia (non ho approfondito in merito e non so se sia un passaparola mal arrivato). Ora scopro che sarò tenuto a pagare l’IMU come seconda casa sull’immobile a me intestato.
    Come mi devo comportare?

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.