Successione Conti Correnti Bancari: cosa fare, utilizzo, pagamenti

cassaforte banca

Conti correnti bancari e successioni

Al momento della morte di un genitore o di qualsiasi altro familiare che ci vede chiamati all’eredità è necessario conoscere cosa fare con i conti correnti bancari intestati al defunto per conoscere quando è possibile effettuare i prelievi, pagamenti, bonifici o anche disporre del conto titoli.

La successione dei conti correnti bancari è un tema molto delicato in quanto può determinare notevoli problemi in capo agli eredi per diverse ragioni. Potrebbero avere bisogno fin da subito della disponibilità delle somme di denaro per pagare le utenze della casa del de cuius, oppure potrebbero avere bisogno di effettuare dei pagamenti immediati tali per cui l’attivo ereditario potrebbe venire compromesso o perdere di valore. Questo potrebbe ledere i diritti di altri eredi che potrebbero chiederne la restituzione a chi li ha autorizzati o disposti.

È bene sapere che i conti correnti bancari del defunto non possono essere utilizzati dagli eredi, siano essi figli o anche la moglie del defunto, fino alla chiusura della successione stessa.

Soltanto dopo la chiusura della successione sarà possibile liquidare le somme presenti sul conto.

Qualora gli eredi, durante la successione, abbiano effettuato delle spese, è possibile richiedere la restituzione delle stesse al momento della liquidazione dell’attivo ereditario. Tuttavia si dovrà dimostrare di averlo fatto nell’interesse dell’attivo ereditario o per il soddisfacimento di debiti a fronte di contratti non cessati per causa attribuibile alla morte.

In quel momento è come se foste un liquidatore di una società che si deve preoccupare solo di non rovinare l’attivo ereditario gestendone la manutenzione. Consiglio tutavia di informare smepre anche gli altri eredi, se esistono di eventuali costi sostenuti e di mantenerne sempre una ricevuta in modo da dimostrare l’impiego di soldi.

Si dovrà naturalmente mantenere copia o ricevuta del pagamento e dimostrare anche che il pagamento non era sproporzionato rispetto a quanto effettivamente dovuto.

La banca deve infatti evitare che i conti correnti siano svuotati o destinati e ledere gli interessi legittimi degli altri eredi o aventi titolo.

Pagamento di contratti

La maggior parte dei contratti si risolvono con la morte del defunto ma potrebbe non essere così pertanto si tratta, per esempio di anticipare spese per le utenze della casa del defunto o delle altre proprietà oppure per la donna di servizio oppure per le cure e le spese mediche degli ultimi giorni di vita

Altro caso potrebbe essere il pagamento del funerale.

Sono tipici esempi che possono interessare gli eredi legittimi che successivamente possono avere diritto alla restituzione di queste somme.

L’annosa questione riguarda i conti correnti, le polizze di assicurazione, il TFR etc. Queste sono le voci che pososno nascondere dei tesoretti sconosciuti agli eredi. Questi potrebbero essere tentati da impossessarsene.

Vero è che la banca adotta procedure stringenti per l’utilizzo di queste somme per cui svuotare un conto corrente di un familiare no è possibile se non con il favore di direttori di banca per cui è una fattispecie che non merita interesse ai nostri fini.

Successione dei conti correnti: cosa fare

Dopo la morte del de cuius e necessario prima di tutto fornire un certificato di morte alla banca o anche detto dichiarazione di atto notorio da farsi dare balla circoscrizione nel comune di residenza del defunto.

I conti correnti bancari saranno congelati fino alla chiusura della successione.

Tuttavia è necessario porre in essere una serie di azioni volte a modificare il diritto di disporre delle somme dal de cujus agli aventi diritto, ossia gli eredi.

Successione conti correnti: Cosa si fa in pratica

È necessario prima di tutto prendere appuntamento presso la circoscrizione e recarsi muniti del proprio documento di identità e del codice fiscale e fotocopia del documento di identità del defunto, nonché del certificato di morte del defunto che vi ha rilasciato l’ospedale o la clinica dove era ricoverata e chiedere la dichiarazione di atto notorio.

Con quel documento sarà necessario recarsi in banca, mostralo e depositarlo in banca. La banca così potrà variare l’intestazione del conto ai nuovi amente diritto che potranno disporre delle somme liberamente.

Senza un documento la banca sicuramente non consentirà alcun prelievo da parte degli eredi fino al momento della chiusura della successione. Potrebbe invece esserci la possibilità di disporre di piccole somme del conto corrente nel caso della contestazione dello stesso oppure esercizio della delega da parte degli eredi legittimi per piccole somme.

Ricordo che la banca può opporsi e rifiutare gli esercitare le azioni richieste dagli eredi quando si configura un prelievo sproporzionato rispetto alle piccole spese di cui potrebbero avere bisogno. La ragione risiedere nel diritto degli altri eredi legittimi a non vederlo ridotto l’attivo ereditario. Non esiste una disposizione normativa che individua e quantifica i limiti in termini di valore.

Tuttavia la banca opererà discrezionalmente questa relazione in base anche alla tipologia dei rapporti in essere con l’intestatario del conto e delle somme presenti su questo e altri conti correnti a lui intestato.

Successione Conto corrente e dossier titoli aperto

Nel caso in cui il defunto avesse un portafoglio titoli attivo con azioni obbligazioni etf fondi o altri strumenti finanziari nel momento della morte vi consiglio di leggere l’articolo di approfondimento dedicato proprio alla successione e portafoglio titoli: cosa fare?

Del resto sempre più spesso i genitori lasciano ai propri figli dei titoli che talvolta non sia il tempo di liquidare per questo è necessario comprendere se l’operazione ovvero la successione è considerata dal fisco come una operazione realizzativa e come tale soggetta a tassazione. Ci occuperemo di questo particolare aspetto non articolo sopra evidenziato.

Leggi anche

Beni esenti da tasse nella successione

Morte del Dipendente TFR ai Figli, Coniuge e Familiari

Morte di un Genitore: cosa fare

Esempio calcolo Tasse di successione

Successione e Conti correnti cointestati

Come spesso accade marito e moglie hanno un proprio conto corrente cointestato. Lo stesso potrebbe aversi nel caso di genitori e figli. Tuttavia è bene sapere che nonostante vi sia la contestazione del conto corrente, una volta che è venuto a mancare il marito o il padre o la moglie e quindi uno dei soggetti intestatari del conto, gli altri soggetti non possono disporre totalmente delle somme presenti sul conto. In teoria infatti seppure i titolari del conto cointestato potrebbero avere il potere di disporre potrebbero non essere gli unici eredi o aventi diritto a disporre delle somme presenti sul conto corrente.
Gli altri soggetti intestatari infatti possono solo procedere ad operazioni di ordinaria amministrazione ossia gestire le entrate effettuare anche uscite di modesto importo e ovviamente non non finalizzate a scaricare o svuotare il conto corrente. Un esempio sono il pagamento delle bollette della luce del gas o di altre utenze o di altri contratti che potrebbero non risolversi con la successione o morte del defunto oppure non essere conveniente farlo.

È bene sapere che la quasi totalità dei contratti con la morte del soggetto intestatario si risolve di diritto senza necessità di effettuare alcuna comunicazione. Per questo molti optano invece per una comune delega sui conti correnti. Con la delega, è possibile disporre delle somme a qualsiasi titolo e limitatamente all’importo e alla tipologia di operazioni eventualmente individuate dal defunto quando era ancora in vita.

Tuttavia è bene sapere che gli altri eredi legittimi potrebbero disconoscere le operazioni effettuate dall’avente delega e richiedere la restituzione delle somme qualora questo abbia ridotto o infranto i diritti degli altri eredi legittimi.

Naturalmente la delega dovrà essere rilasciata prima della morte del de cuius e quando sì è stato in condizioni di intendere e di volere.

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati