Tutti i contributi e le agevolazioni per Neo Mamme: bebè, natalità, assegno, asilo nido, sostegno, maternità, congedi

Le agevolazioni per le neo mamme sono molteplici e i nomi spesso si assomigliano per cui nasce l’esigenza di scrivervi un articolo che possa fare un riassunto in sintesi delle agevolazioni, dei congedi e dei contributi a sostegno delle nuove famiglie. Nel seguito vediamo di fornire alcuni importanti indicazioni e chiarimenti su quali sono, quanto valgono, chi può accedere ai benefici e come ottenere queste agevolazioni anche per fornirvi alcune risposte alle vostre domande.

Dal 1° gennaio 2022 è possibile presentare la domanda per l’Assegno unico e universale tramite il servizio on line messo a disposizione dall’ente erogatore (INPS). La prestazione sarà pagata a partire da marzo e andrà a sostituire le altre prestazioni e detrazioni.

L’Assegno unico e universale è un sostegno economico alle famiglie attribuito per ogni figlio minorenne a carico e fino alla maggiore età e, al ricorrere di determinate condizioni, fino al compimento dei 21 anni di età. L’Assegno unico è riconosciuto anche per ogni figlio a carico con disabilità senza limiti di età.

È “unico” perché mira a semplificare e potenziare gli interventi in favore della genitorialità e della natalità, è “universale” perché è garantito a tutte le famiglie con figli a carico residenti e domiciliate in Italia.

Con il messaggio 31 dicembre 2021, n. 4748 si forniscono i requisiti e le indicazioni necessarie per la presentazione della domanda.

IMPORTANTE

L’assegno unico universale sostituisce/assorbe le seguenti prestazioni:

L’Assegno unico assorbe le seguenti prestazioni:

  • il premio alla nascita o all’adozione (Bonus mamma domani);
  • l’assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori;
  • gli assegni familiari ai nuclei familiari con figli e orfanili;
  • l’assegno di natalità (cd. Bonus bebè);
  • le detrazioni fiscali per figli fino a 21 anni.

La prestazione non assorbe né limita gli importi del bonus asilo nido.

I tempi per presentare le domande

Chi presenta la domanda entro il 30 giugno 2022 avrà comunque gli arretrati da marzo. Per le domande presentate dal 1° gennaio al 28 febbraio 2022 il pagamento è previsto a marzo, per le domande presentate successivamente il pagamento sarà effettuato il mese successivo alla presentazione delle stesse. Per i nuovi nati l’Assegno unico decorre dal settimo mese di gravidanza.

L’importo varia in base all’ ISEE

L’importo dell’Assegno unico, che non concorre alla formazione del reddito complessivo imponibile ai fini IRPEF , è determinato secondo il valore ISEE che, quindi serve per fare la domanda anche se non è obbligatorio. Chi non presenta l’ ISEE avrà l’importo minimo e potrà comunque presentarlo in un secondo momento. La domanda si presenta nelle stesse modalità dell’Assegno temporaneo.

Assegno unico compatibile con il Reddito di Cittadinanza

L’Assegno unico è compatibile con la fruizione di altre misure in denaro a favore dei figli a carico erogate dalle regioni, province autonome di Trento e di Bolzano e dagli enti locali, ed è compatibile con il Reddito di Cittadinanza nei termini e secondo i vincoli indicati. Ai nuclei familiari percettori del Reddito di Cittadinanza l’Assegno unico sarà corrisposto dall’INPS, senza necessità di presentare domanda.

Il servizio è accessibile liberamente, senza credenziali di accesso, ed è consultabile da qualunque dispositivo mobile o fisso.

LEGGI quindi l’Assegno Unico Figli e Famiglia: in calce all’articolo potete trovare il link anche alla guida per comprendere fin da subito le modifiche normative in atto a valere dal prossimo anno.

Bonus Asilo NIDO

Oltre a questi due sostegni economici trovate anche il bonus asilo nido che consiste in un contributo di mille euro per ano scolastico e richiede sempre il rispetto di alcuni requisiti  e modalità di presentazione della domanda. Il contributo è indirizzato al rimborso delle rate pagate per l’asilo nido sia pubblico sia privato. La differenza rispetto agli altri è che questa misura è limitata ad un fondo che il cui budget viene determinato annualmente dalla leggi di Bilancio per cui chi prima lo richiede prima lo ha.

E’ una misura istituita nel 2016 dalla Legge di Bilancio 2017 e già precisamente dall’articolo 1, comma 355, della Legge 232/2016

Anche questa misura viene corrisposta tramite assegno mensile dall’INPS. Il valore dell’assegno mensile sarà pari a 90,91 euro al mese.

Il rimborso viene effettuato a posteriori per cui sarà necessario conservare le ricevute della scuola o farsi rilasciare apposita dichiarazione delle rate versate.

Da segnalare che, come visto in precedenza le spese per l’asilo nido sono detraibili nella misura del 19% del costo sostenuto per ciascun anno di imposta ai fini IRPEF. In questo caso invece il premio non è cumulabile con la detrazione per cui dovete fare un piccolo calcolo di convenienza per vedere se vi conviene più sfruttare la detrazione per asili nido oppure richiedere assegno.

Congedo di paternità e parentale

Oltre a questi sostegno economico ricordo sempre che esiste il congedo parentale che vale sia per le mamme sia per neo papà. Nel caso di papà vale anche un mese in più.

Oltre questo esiste anche il congedo di paternità che consiste in miseri 5 giorni a casa dopo la nascita il che mi sembra veramente da paese incivile considerando che quei giorni sono i mesi in cui la famiglia ha modo di stare insieme e conoscerei per la prima volte nonché avviare la gestione della famiglia. Il congedo di paternità può essere sfruttato entro i 5 mesi di vita del figlio.

Nel seguito vi fornisco anche un elenco di tutti i congedi e permessi disponibili per i lavoratori dipendenti che sono nella fase di nascita, affidamento o adozione di un bambino

Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di congedo di maternità/paternità lavoratori dipendenti
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di congedo di maternità/paternità lavoratori autonomi
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di congedo di maternità/paternità lavoratori iscritti alla gestione separata
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di congedo parentale lavoratori dipendenti
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di congedo parentale lavoratrici autonome
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di congedo parentale lavoratori iscritti alla gestione separata
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di congedo parentale su base oraria per lavoratori dipendenti
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di congedo obbligatorio lavoratori dipendenti
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di congedo facoltativo lavoratori dipendenti
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di riposi per allattamento
Manuale d’uso per l’utilizzo delle funzionalita’ di acquisizione delle domande di assegno di maternità dello Stato

Assegno Unico Familiare

Bonus Bebè: come richiederlo

Bonus Asilo Nido

Bonus Mamma (e papà) per i figli

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

1 commento

  1. Grazie per il riassunto. Una nota, il congedo di parternità è stato alzato per il 2020 a 7gg e da gennaio 2021 a 10 giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati