Spese Sanitarie non detraibili fiscalmente: esclusioni

Abbiamo visto come per la detrazione fiscali di farmaci, visite mediche specialistiche e spese sanitarie siano richiesti alcuni specifici requisiti per fruire della detrazione fiscale IRPEF.

Tuttavia vi sono delle limitazioni e delle esclusioni che operano alla base della detrazione e che dipendono dalla tipologia e della finalità della prestazione medica ricevuta.

Spese Sanitarie escluse dalla Detrazione Fiscale IRPEF

La detrazione non spetta per le spese relative a :

  • conservazione delle cellule staminali del cordone ombelicale ad uso “autologo”, cioè per future esigenze personali (Risoluzione 12.06.2009 n. 155);
  • circoncisione rituale non finalizzata alla soluzione di patologie cliniche e le spese per il test del DNA per il riconoscimento della paternità (parere Min. Salute 20 ottobre 2016);
  • prestazioni rese dagli osteopati, in quanto l’osteopata non è annoverabile fra le professioni sanitarie riconosciute. Le prestazioni di osteopatia, riconducibili alle competenze sanitarie previste per le professioni sanitarie riconosciute, sono detraibili se rese da iscritti a dette professioni sanitarie (Circolare 21.05.2014 n. 11, risposta 2.1);
  • prestazioni rese dai pedagogisti, in quanto quella del pedagogista non può essere considerata una professione sanitaria (Circolare 02.03.2016 n. 3, risposta 1.2);
  • prestazioni di massofisioterapia rese da soggetti aventi titoli conseguiti dopo il 17 marzo 1999, anche in presenza di prescrizione medica;
  • trattamenti di haloterapia (o Grotte di sale) in attesa che il Ministero della Salute svolga specifici approfondimenti (Circolare 02.03.2016 n. 3, risposta 1.1);
  • acquisto e realizzazione di una piscina, ancorché utilizzata per scopi terapeutici (idrokinesiterapia), considerato che l’agevolazione interessa il trattamento sanitario e non anche la realizzazione o l’acquisto delle strutture nelle quali il trattamento può essere svolto (Circolare 13.05.2011 n. 20, risposta 4.2);
  • frequenza di corsi in palestra anche se accompagnate da una prescrizione medica (Circolare 01.06.2012 n. 19, risposta 2.3).

Il principio per la comprensione della detraibilità della spesa o no va rintracciato prima di tutto nella cura di una patologia finalizzata al ripristino di attività fisiche e cognitive.

https://www.tasse-fisco.com/dichiarazione-dei-redditi-730-o-unico/dispositivi-medici-detraibili-spese-mediche/11762/

Dove indicarlo nel 730 o nel modello Unico

Una volta soddisfatte queste condizioni ossia definizione del dispositivo medico, marcatura CE, corrispondenza tra soggetto che detrae il costo e soggetto che lo indica nella dichiarazione e prova dell’acquisto con lo scontrino parlante lo potrà indicare nella dichiarazione dei redditi modello 730 al rigo E1 o se usa il modello Unico il rigo RP1.
La detrazione vale anche se lo avete acquistato per un familiare che avete a carico fiscalmente come definito anche nell’articolo dedicato alla guida fiscale delle spese mediche e sanitarie.




Nuovi articoli:

Detrazione spese medicine, cure medicinali, estero o su internet

Detrazione spese attività sportive e abbonamento a per Altri familiari

Detrazione fiscale Spese mediche sostenute all’estero: interventi, protesi, dispositivi medici, cure,

Detrazione fiscale parafarmaci, prodotti fitoterapici e integratori, fermenti

Detrazione visite logopedia e disturbi apprendimento

Quali spese sanitarie non sono detraibili fiscalmente


Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 5]
error: Questo contenuto è protetto