Controllo Ipoteca su casa online e cancellazione: come si fa l’Ispezione Ipotecaria

L’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione il servizio per la consultazione gratuita e la verifica della cancellazione delle ipoteche su casa o altri fabbricati direttamente online e gratuitamente per cui potrebbe essere molto utile per esempio allorquando avete una casa che vi interessa davanti e verificare le eventuali pendenze da cui risulta gravato l’immobile poter verificare il suo stato al catasto quanto meno in termini di ipoteche.

Da quando è operativo il servizio

Come si accede al servizio di consultazione e verifiche delle ipoteche online

Ci si dovrà sempre preliminarmente identificare al portale dell’agenzia delle entrate se si vuole gestire la verifica da casa o tramite Fisconline, Entratel, SPID oppure anche recandosi presso gli sportelli dell’agenzia delle entrate e facendo la fila.

Nel caso di stipula del compromesso per acquistare un’abitazione principale viene richiesta, in presenza di ipoteca sull’immobile la contestuale cancellazione dell’ipoteca e che questo risulti dalla visura aggiornata nel catasto. Spesso però si può verificare un ritardo tra la comunicazione della banca e l’aggiornamento dei dati catastali presso la conservatoria (anche di mesi !!!). Basti pensare che migliaia di immobili costruiti prima degli anni ’70 non sono proprio censiti. A garanzia dell’acquirente tuttavia possono essere inserite clausole contrattuali nell’atto volte ad esimerlo da eventuali responsabilità.

Ispezione ipotecaria – Che cos’è

L’ispezione ipotecaria permette la consultazione dei registri, delle note e dei titoli depositati presso i Servizi di pubblicità immobiliare dell’Agenzia. L’ispezione può riguardare ogni nominativo censito e viene richiesta presso gli uffici provinciali – Territorio con esclusione delle sedi di Trento, Bolzano, Trieste e Gorizia nelle quali vige il sistema del libro fondiario.

In alternativa è possibile utilizzare il servizio online, limitatamente alle informazioni archiviate in formato elettronico. Con le ispezioni ipotecarie è possibile visionare informazioni riguardanti le tipologie di formalità presenti nella banca dati ipotecaria: le trascrizioni, le iscrizioni e le annotazioni.

Trascrizioni ipotecarie

In queste formalità, per lo più relative ad atti di trasferimento o costituzione di diritti su beni immobili, il soggetto referenziato nell’ispezione può comparire come parte “a favore” (per esempio, l’acquirente) o come parte “contro” (per esempio, il venditore). Mediante l’ispezione delle trascrizioni è possibile visionare anche quelle relative ad atti di costituzione di vincoli di vario genere (pignoramenti, sequestri, domande giudiziali).

Iscrizioni ipotecarie

L’ispezione delle iscrizioni consente la visione delle formalità relative alla costituzione di ipoteche su immobili derivanti, per esempio, da contratti di finanziamento.

Annotazioni

In questo caso si visionano quelle formalità che modificano precedenti trascrizioni, iscrizioni o annotazioni, come le cancellazioni di ipoteche e di pignoramenti.

Ispezione richiesta in ufficio

L’ispezione può essere richiesta presso gli sportelli dei Servizi di pubblicità immobiliare degli uffici provinciali – Territorio dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 13,00. L’orario dell’eventuale apertura pomeridiana per i soli servizi di certificazione ed ispezione è pubblicato sulle pagine dei singoli uffici.. Nell’ultimo giorno lavorativo del mese l’orario è limitato alle 11.00.

L’utente deve presentare allo sportello il modulo di richiesta di ispezione Modello 310. Gli utenti meno esperti possono utilizzare il Modello 310 – semplificato. I moduli sono disponibili anche in formato cartaceo presso gli uffici.

L’ispezione, solo per il periodo inerente la meccanizzazione degli uffici, può essere effettuata anche in ambiti circoscrizionali diversi da quello dell’ufficio dove viene presentata la richiesta (per esempio, è possibile recarsi presso l’ufficio provinciale – Territorio di Roma per richiedere una consultazione sui registri informatizzati dell’ufficio provinciale – Territorio di Napoli). La ricerca può essere fatta su qualsiasi circoscrizione del territorio nazionale, a esclusione delle province di Trento, Bolzano, Trieste, Gorizia e delle altre zone nelle quali vige il sistema tavolare.

Tramite i canali dell’Agenzia Fisconline e Entratel, chi ha estinto un proprio debito può controllare lo stato della comunicazione di estinzione dell’obbligazione inviata dal creditore, come per esempio la banca, consultando gratuitamente l’apposito registro. Il servizio è attivo su tutto il territorio nazionale ad eccezione delle Provincie Autonome di Trento e Bolzano e delle altre zone in cui vige il sistema tavolare
Accedendo al servizio, il debitore che ha estinto il mutuo può verificare se il creditore ha inviato la comunicazione, se questa è in lavorazione e se la pratica è andata a buon fine con la cancellazione dell’ipoteca. In caso contrario, può conoscere i motivi per cui l’iter si è eventualmente interrotto.

Le ispezioni ipotecarie possono essere effettuate secondo due modalità:

  • ricerca per soggetto, per immobile o incrociata soggetto/immobile, al fine di individuare ed eventualmente visionare le note di interesse
  • ispezione diretta per nota di cui l’utente già conosce gli estremi identificativi.

E’ possibile escludere dall’ispezione le formalità di iscrizione cancellate o non rinnovate allo scadere del loro termine di efficacia (20 anni). Analogamente, è possibile escludere le formalità di trascrizione delle domande giudiziali, dei sequestri conservativi e dei pignoramenti, non rinnovate entro lo stesso termine. Oltre alle note è possibile consultare i relativi titoli, indicandone gli estremi identificativi sul modello di richiesta.

Ispezioni per soggetto, per immobile o incrociata

L’utente presenta il modello 310 con l’indicazione dei dati relativi al soggetto e/o all’immobile oggetto della ricerca.

Se la ricerca nella banca dati informatizzata ha dato esito positivo, l’operatore consegna l’elenco sintetico e lo sottopone al richiedente per la selezione delle note da visionare. Per il periodo precedente il 24 luglio 1957, la ricerca sulle persone fisiche può essere eseguita indicando, oltre ai dati anagrafici, anche la paternità.

Negli uffici di Milano, Napoli, Roma e Torino, per ricerche relative anche al periodo precedente il 1 gennaio 1973, occorre presentare presso la Sezione stralcio (Milano 3 , Napoli 3, Roma 3 e Torino 3) un ulteriore modello 310.

Se la consultazione dell’archivio informatizzato si rivela insufficiente, la ricerca può essere estesa all’archivio cartaceo; in questo caso, il personale dell’ufficio consulta i registri cartacei (rubriche, tavole, repertori) e sottopone al richiedente i repertori per la selezione delle note da visionare.

Ispezioni per nota

L’utente indica nel modello 310 il numero identificativo, l’anno della formalità che intende visionare e i dati di almeno un soggetto o di un immobile presente nella nota. Il servizio è gratuito se viene richiesto per beni immobili dei quali il richiedente risulta titolare, anche in parte, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento (ispezione ipotecaria personale).

Se, invece, il richiedente non è titolare, neanche in parte, dell’immobile per il servizio si applicano i tributi previsti dalla tabella tasse ipotecarie – pdf.

Tabella tasse ipotecarie_TABELLA_DELLE_TASSE_IPOTECARIE_2014

Consultazione personale

Con il servizio telematico “Consultazione personale” è possibile consultare la banca dati ipotecaria, a titolo gratuito e in esenzione da tributi, relativamente agli immobili di cui il soggetto richiedente risulti titolare, anche per quota, del diritto di proprietà o di altri diritti reali di godimento. Per utilizzare il servizio è necessario essere registrati ai servizi telematici “Entratel/Fisconline”.

Ispezione ipotecaria online

In alternativa, se il richiedente non è titolare neanche in parte dell’immobile, può utilizzare il servizio “Ispezione ipotecaria online”. E’ necessario, in questo caso, registrarsi ai servizi finanziari online di Poste Italiane S.p.A., che consentono di effettuare il pagamento dei tributi dovuti. Per ogni consultazione effettuata, il costo del servizio è maggiorato del 50% rispetto alla tariffa base applicata allo sportello. A decorrere dal 1° ottobre 2012 l’importo dovuto è ridotto del 10%. Per ogni nominativo oggetto della ricerca sono dovuti 9,45 euro. Se nell’elenco sintetico relativo al soggetto sono presenti più di 30 formalità, sono corrisposti ulteriori 4,73 euro per ogni gruppo di 15 formalità. Per ogni formalità consultata sono dovuti 5,40 euro. Poste Italiane applica commissioni variabili in relazione alla modalità di pagamento telematico scelta. Il servizio, limitato alle sole persone fisiche, è disponibile per ricerche su qualsiasi circoscrizione del territorio nazionale, a esclusione delle province di Trento, Bolzano, Trieste, Gorizia e delle altre zone nelle quali vige il sistema tavolare. Non può essere effettuata la ricerca di dati relativi a periodi precedenti l’informatizzazione di un ufficio.

Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 5]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

6,081FansMi piace
4FollowerSegui
12,409FollowerSegui
356FollowerSegui

Articoli più commentati

articoli correlati

error: Questo contenuto è protetto