HOMEPAGE / Società e Redditi / Omessa Fatturazione e Registrazione: Multe, Sanzioni e rischi di Accertamento

Omessa Fatturazione e Registrazione: Multe, Sanzioni e rischi di Accertamento

fattura contenuti minimi richiestiDopo aver affrontato le problematiche relative alla multa o sanzione da mancata emissione dello scontrino fiscale ed i rischi in cui si incorre che possono arrivare anche alla chiusura dell’attività, potete consultare anche le risposta alla domanda sull’omessa fatturazione o mancata registrazione in contabilità delle fatture cercando di vedere prima di tutto le conseguenze a cui potete andare incontro, ma anche le diverse fattispecie in quanto sanzionato non è solo il soggetto persona fisica o giuridica (società) che emette la fattura ma anche quella che non la riceve e non si attiva o la riceve sbagliata e non si attiva per la rettifica. Potete leggere prima di tutto la guida alla fatturazione nel caso siate a digiuno della materia.

Partiamo con il dire che l’obbligo di emissione della fattura insieme alle modalità di fatturazione sono state oggetto già di approfondimento all’interno dell’articolo dedicato alla guida pratica alla fatturazione.

Le tipologie di omissioni definite dal legislatore

Leggendo il testo normativo individuiamo diverse tipologie di infrazioni che possono consistere nella vera e propria omissione della fatturazione, nella fatturazione a cui non è seguita una registrazione (mancata registrazione), o sottofatturazione (cessione di beni e servizi indicandone un numero inferiore), o sovraffaturazione (cessione con emissioe della fattrua per importi più elevati rispetto a quelli realmente trnsitati come può avvenire nel caso di società facenti parte di uno stesso gruppo che per trasferire utile da una società controllante o ad una controllata o viceversa pososno utilizzare questo metodo fraudolento) e possono essere considerate più o meno gravi non tanto in relazione alla frequenza quanto in relazione all’imponbile evaso tenendo a mente sempre alcuni valori minimi.

Omessa fatturazione o regisrazione delle operazioni di cessioni di beni o prestazione di servizi

Questa tipologia di fattispecie in realtà disciplina anche tante altre fattispecie omissive che espongono al rischio di una sanzione che può andare dal 100% al 200% della imponibile evaso.

In realtà per omissione o mancata registrazione di operazione impoinibili si intende ricomprendere anche quei casi errata registrazione, mancata emissione della nota di credito per le eventuali rettifiche in aumnto o in diminuzione dell’imponibile, mancata autofatturazione, falsa indicazione della data di emissione per lucrare sulla disponibilità di liquidità che come ormai saprete ha un valore (ci stanno quasi basando la nuova legge delega per lo sviluppo sulla disponibilità di liquidità :-)).

Sospensione attività per i professionisti

Il Decreto Legge 138/2011 ha introdotto una nuova sanzione per i professionisti iscritti in albi professioniali (i.e. commercialisti, avvocati, ingegneri, medici, ecc) per l’omessa o rotardata emissione della fattura allorquando si contestino quattro violazioni di questo genere nell’arco di un quinquennio e che consise nella sospensione dell’attività che dovrà essere decretata dal consiglio dell’Ordine di appartenenza. MI viene unpò da sorridere poi per verificare come e se il professionista nonostante la sanzione disciplinare stia o moneno sospendendo l’attività o meno (che faccio vado a casa sua a verificare?!?). La novità si applica a partire dalle violazioni contestate dal 13 agosto 2011 (data di entrata in vigore del D.L. 138/2011

Nel caso invece di operazioni non imponibili IVA o esenti la sanzione scende notevolmente in qaunto può andare dal 5% al 10% dei corrispettivi omessi o non totalmente regsitrati o riferita sempre ad una delle fattispecie viste sopra e sempre con un minimo di 516 euro.

Ma può succedere anche il caso di errata applicazione della normativa rispetto all’applicazione dell’Iva (per esempio nel caso delle operazioni di riaddebito che sono imponibili o di risarcimento che sono esenti, e che sono fattispecie molto particolari di andare a trattare e che possono generare una sanzione in caso comportamento errato pari al 100% dell’ammontare eventualmente detratto in più o anche autofatturato in meno.

Sanzioni per chi la riceve

Il legislatore ha posto una serie di violazione anche nei confronti del soggetto che pur ricevendo una fattura non conforme ai disposti normtivi in materia di Iva non attiva la procedura di segnalazione all’agenzia delle entrate.

Si può verificare il caso in cui il cessionario al momento della consegna del bene o al momnto di effettuazione del servizio non riceva fattura e non la riceva per i 4 mesi successivi, decorsi i quali ha 30 giorni di tempo per denunciare l’accaduto all’agenzia delle entrate e provvedendo contestualmente ad emettere l’autofttura con il pagamento dell’imposta dovuta precedentemente a carico del cessionario, in quanto in questo caso i debitori d’impost sono solidlmente responsabili al versamento dell’imposta utilizzando il codice tributo 9399.

Capita invece più spesso il caso di ricevimento di una fattura errata che riporta quantità, imponibili, imposta, errori di calcolo o altri errori che influenzano il corretto adempimento dell’imposta e come tale andrebbero rettificate o mediante l’emissione di una nota di credito da parte del cedente ossia di colui che vende i beni o i servizi oppure se questo non avviene denunciando l’accaduto all’agenzia delle entrate entro 30 giorni dal ricevimento della fattura sbagliata e sempre procedendo al versamento per conto del cedente qualora ve ne fosse bisogno.

Nel caso in cui invece si verifichi una sovrafatturazione ossia l’applicazione di prezzi di cessione inferiore all’effettivo scambio di merci o di servizi allora simao in presenza di un intento fraudolento diretto a trasferire fondi da una socità all’altra (spesso da quello che sono in perdita fiscale a quelle che sono in utile) oppure può capitare che si assista ad una sottofatturazione ossia fatturazione ad un valore inferiore a quello di mercato o al valore normale in quanto una parte viene fatta transitare in nero.

Possiamo dire che nel primo dei casi e soprattutto nel caso di catene o gruppo societari esiste una normativa sul trasfer pricing diretta a combattere questi intenti elusivi obbligando la società a provare che a ppunto i prezzi di trasferimento sono quelli che normalmente si registrerebbero in condizioni di mercato similari nel luogo, nel temo e nello spazio in cui è avvenuta la vendita.

Nel secondo caso invece e semprechè stiamo parlando di soggetti giuridici e non di persone fisiche allora il cessionario è solidalmente responsabile del pagamento del tributo.

Fatturazione Falsa

Discorso a parte invece per la falsa fatturazione che rappresenta un evento disciplinato dal diritto penale e che ve lo ricordo per i piccoli furbetti che scatta anche in presenza di falsa fatturazione o fatturazione per operazioni insesistenti o anche sovraffatturazione o sottofatturazione di un solo euro per cui non cercate di abbassare artificiosamente i vostri ricavi o reddito imponibile con questo mezzo perchè incorrerete in due tipologie di reati che sono appunto la falsa fatturazione ed anche la dichiarazione fraudolenta in quanto il dato si cristallizza in una serie di documenti che sono firmati lo stesso dal legale rappresentante. In questi casi però parliamo di sanzioni penali per reati tributari.

Vi segnalo come articolo di approfondimento anche quello relativo alla multa o sanzione da mancata emissione dello scontrino fiscale che può portare alla sospensione dell’attività oltrechè l’applicazione di sanzioni amministrative di tipo pecuniario.

Vi ricordo anche l’articolo dedicato a come rimediare se avete indicato l’aliquota Iva sbagliata in fattura.

Emissione della nota di credito: termini e modalità

Avete quando emettere la nota di credito conviene ed p obbligatorio; ora leggete l’articolo dedicato all’emissione della nota di credito in cui trovate acnhe un fac simile per la compilazione.

Appronfondimento

Nuovo approfondimento sull’omessa fatturazione

Fatture sbagliate? NO problem con la nota di credito

Potete consultare il nuovo articolo dedicato non solo all’emissione della nota di credito ma in cui troverete anche le modalità per recuperare l’Iva e versare eventualmente minori imposte se vi siete sbagliati. A tal proposito potete leggere la Guida all’emissione della nota di credito.

Articoli di approfondimento:
Guida alla Fatturazione Mancata emissione scontrino rischi e sanzioni

53 commenti

  1. A volte mi portate delle vicende che mi lasciano senza parole…e stento a credere quello che leggo. Io farei un esposto proprio alla Guardia di Finanza dicendo che vorreste portare all’attenzione dei media la vicenda. Il loro capo o comandante ne sarà felice :-)
    Non mi stupirebbe sentire che il parrucchiere magari ha qualche trascorso antipatico con i due finanzieri perché altrimenti non si spiega. Al suo posto chiamerei striscia la notizia o le iene…purtroppo ci è rimasto veramente solo questo. A verbale spero che abbia inserito che i suoi effetti personali erano nel parrucchiere e che c’erano testimoni. MI opporrei al verbale e denuncerei i due finanzieri. Non so se si possa parlare di abuso d’ufficio.

  2. Ero dal parrucchiere con mia sorella, visto che la mia l’ acconciatura andava per le lunghe le ho chiesto se poteva andare a prendere nell’ agenzia viaggi dirimpetto dei biglietti perchetemevo che chiudesse, poi sarebbe tornata in parrucchiera per andare via insieme. Fuori e’ stata fermata dalla Gf in borghese che ha multato il negoziante per nn aver emesso la fattura. Mia sorella oltre ad aver lasciato me in negozio aveva lasciato anche i suoi effetti personali, e nn aveva pagato nn perché il parrucchiere e’ solito nn fare fattura, ma semplicemente perché avrei pagato tutto io. I due finanzieri hanno argomentato dicendo che si può uscire da un esercizio solo con regolare fattura e che nn si può uscire senza neanche per andare a prendere un caffè per poi rientrare. Ho sentito violata la mia sfera privata e pensò che forse ci sia stata un’ applicazione un po rigida della norma. E’ giusto essere così fiscali?

  3. salve

    abbiamo una struttura alberghiera in fitto di ramo di azienda dal 2012 per la durata di anni 9.
    nel 2013 abbiamo eseguito dei lavori straordinari che il proprietario , con scrittura privata, ci ha riconosciuto il 50% per un massimale di euro 60.000,00 oltre iva da decurtare sui canoni semestrali in 4 rate.
    la locazione è di euro 60.000,00 oltre iva annui.
    abbiamo provveduto ad emettere le 4 fatture di euro 15.000,00 oltre iva per le 4 semestralità.
    il proprietario ad oggi non ci ha mai emesso nessuna fattura, e con questa scadenza sono 5 semestri che non riceviamo documenti contabili.
    abbiamo diffidato più volte a 1/2 pec e R/a, ma senza sortire esiti positivi.
    abbiamo cercato di emettere l’auto fatturazione, ma non siamo in condizioni di anticipare noi l’iva.
    inoltre la mancata registrazione ci genera ulteriori difficoltà in quanto siamo costretti a pagare mensilmente i contributi e le tasse, non potendo usufruire del credito di iva.

    Possiamo denunciare alla Guardia di Finanza la situazione…
    come possiamo tutelarci, visto che ad oggi, dal 2013 al 1° sem 2015 dobbiamo ricevere fatture per 150.000,00 oltre iva, e questa iva ci serve tanto..?

    Grazie per la vs attenzione

  4. Ho scritto proprio un articolo dedicato all’omessa fatturazione del professionista. Sfrutti il motore di ricerca interna per trovarlo, grazie

  5. Vorrei sapere come comportarmi : per una causa persa ho pagato con assegno l’avvocato di controparte .A distanza di un anno mi sono resa conto che mentre per un secondo pagamento (bonificatogli) mi ha mandato fattura, per il primo no.Ora, avendogli mandato richiesta di invio del documento a suo tempo emesso con duplicato conforme l’originale (nel caso l’avesse emessa e non mi fosse stata recapitata!)vorrei essere certa che non mi rifili una fattura falsa essendo io un privato.Il principio è che se io ti pago interamente tu paghi anche le tasse come le pago io!!!!!!

  6. probabilmente è già tardi!! Aprile 2014 ho acquistato un cucciolo presso un allevamento rispondendo ad una inserzione su internet costo 500€ accetto e. Mi accordo per il ritiro presso l’allevamento , scelgo il cucciolo tutto bene bellissimo !! Per il pagamento mi chiede se pagavo in contanti perché mi avrebbe fatto una fattura inferiore €150 accetto consapevole di tutto, chiedo il certificato Enci mi dice che costa 160€ e che c’è da firmare dei moduli firmo moduli e fattura che non mi consegna dicendo che mi avrebbe spedito il tutto.
    Ad oggi non ho ricevuto nulla nonostante gli abbia sollecitato tante volte. Ora ho pagato 660€ e non so cosa fare la cosa che mi interessava di più era il
    certificato Enci . Cosa rischio se lo denuncio alla GDF .
    Grazie attendo vostro consiglio .

  7. Deontologicamente fa schifo, moralmente anche di più, professionalmente il medico dovrebbe averle fatto chiarezza perchè la fattura si da per scontata essnedo obbligatoria

  8. Salve. Stamattina mi sono rivolto ad un centro medico privato per far togliere dei punti di sutura a mia figlia. Dopo aver preso accordi..e richiesti certificato medico e regolare fattura…il medico e’ venuto a casa per l intervento. Solo dopo mi ha comunicato che per avere la fattura avrei dovuto pagare piu del dovuto e presentarmi al suo studio privato per visita di controllo a pagamento. Mi sembra una cosa regolare…o sbaglio? Cosa dovrei fare?

  9. Salve a settembre dello scorso anno mi sono operato all’inguine per un intervento di laserliposi tramite un medico chirurgo specializzato.Dopo l’intervento ho richiesto la fattura ma il medico mi ha invogliato a rinunciarci facendomi uno sconto di 200 euro su un importo di 1000 ed io ho accettato.Dopo giorni dal intervento si presentavo dei problemi di bruciatura dovuti ad un modo sbagliato di operare da parte del medico, io mi sono rivolto a lui ma lui mi asssicurava che usando una crema tutto si sarebbe sistemato. A distanza di mesi io mi ritrovo con una cicatrice molto evidente e varie zone pilifere bruciate così ho contattato il medico e gli ho detto che dovrebbe risarcirmi per il danno, in più gli rammentavo il fatto che lui non avesse emesso fattura per quel intervento ma lui mi risponde che la fattura me l’avrebbe data dopo, io sarei dovuto andare da lui per i controlli saldare l’ultima parte del corrispettivo e lui avrebbe emesso la fattura, questo ovviamente è tutto falso perché io ho pagato l’importo da lui chiesto e sono stato da lui altre volte ma non dovevo pagargli più nulla. A questo punto oltre a sentirmi danneggiato dal cattivo operato del medico mi sento anche preso in giro ed ho voglia di farmi risarcire in via civile ma pensavo anche che sia giusto denunciarlo all’ufficio delle entrare. Voi cosa ne pensate? Pensate davvero che il medico possa dimostrare che io dovevo pagargli qualcosa e per questo non ha emesso la fattura? grazie

  10. Sì, certo, ma quando mi sono accordato per la spesa, dissero che era di 2500 compresa spedizione; chiesi quale tipo di pagamento e mi si disse contanti alla consegna. Pagai alla consegna tutti 2500 (ovviamente,altrimenti il trasportatore non avrebbe scaricato la merce..)e quindi “secondo me” la trattativa era finita. Le rogne seguenti riguardo il reso di un articolo rovinato mettiamole da parte. A me la fattura dissi che non serviva ma “supponiamo” che loro l’abbiano onestamente fatta per la loro regolare contabilità; “facciamo ancora finta” che non me l’abbiano spedita in quanto dissi loro che non mi interessava; a questo punto, che loro la fattura l’avessero fatta solo di 1000eu, o di 2000 o 4000 o 100000 ecc ecc a me non deve creare problema, giusto? IO trattai per 2500 e 2500 pagai con regolari ricevute della ditta. Quindi mi sembra chiaro che anche per loro la cifra richiesta era il SALDO, non un’acconto… Se oggi mi arriva una fattura di 2500+iva e io sono tenuto a pagare i rimanenti 550, per lo stesso motivo potrebbero mandarmela di qualsiasi altro importo superiore e io…dovrei continuare a pagare la differenza? Sembra alquanto illogico no?

  11. No aloro solo se subiscono una serie verifica sipettiva che gli controlla anche le email ma non è una cosa semplice. Di sicuro inizialmente stavate conravvenendo a norme tributarie e di antiriclaggio a fronte delle quali vi sono sanzioni salate e anche pene in alcuni casi. Immagino poi che lo sconto che le ha concesso in cambio del pgamento in contanti nemmeno fosse stato troppo alto come spesso propongono (“Ti levo l’Iva”…un classico…..però lo sconto per le minori imposte ires che versa la tua società non me lo abbuoni?…). Lato suo al momento c’è solo un rischio di sanzioni per ritardata fatturazione e liquidazione Iva.

  12. Salve, ho acquistato merce da una ditta, e durante la trattativa (fatta tutta tramite mail) al momento del preventivo di spesa la Ditta stessa mi chiede se “deve fare fattura oppure no”! Io ho sinceramente risposto che l’unica cosa che mi interessava era pagare il meno possibile e quindi la ditta stessa mi propone di pagare i 2500eu i contanti in quanto non ci sarebbe stata fattura, aggiungendo che avrebbe fatto più consegne in quanto il trasportatore non può ricevere più di 1000 x volta. Mi fecero tre consegne nello stesso giorno! Ovviamente pagai alla consegna. Chiesi se mi si poteva sostituire un articolo (del valore di 300eu) in quanto difettoso e mi si disse di rispedirlo che l’avrebbero sostituito o rimborsato. Dopo due mesi di continui solleciti via mail da parte mia,con le loro sempre più svariate scuse decisi di avvisarli che avrei agito per vie legali, avendo appositamente fatto tutto via mail per poter tenere registrazione delle loro risposte dove confermavano il dovuto rimborso/sostituzione dell’articolo. A quel punto si rifecero sentire (avevano interrotto le risposte per un paio di settimane) e, come spesso accade, il creditore che insiste per avere la sua merce (o suoi soldi) va a finire che passa per maleducato perchè ha continuato a chiedere. Di tutta risposta, “offesi” per aver detto loro che mi sarei rivolto ad un legale, mi dissero che allora mi avrebbero fatto la fattura e che così avrei dovuto pagare anche i 500eu circa di iva. E mi hanno mandato la fattura. Datata 15 ottobre ma fatta ieri sera. A questo punto, andando per vie legali, io sarei disposto a pagare volentieri l’iva ma vorrei sapere se anche loro andassero in contro a sanzione, visto che, come ripeto, ho documenti che attestano la loro iniziale richiesta se volevo la merce con fattura oppure no.

  13. Buongiorno,

    il mio ex comercialista non ha mai emesso fattura per le sue prestazioni a me e mia madre,ci rilasciava fogliettini firmati che indicava la somma che mia madre gli dava in contanti, per il pagamento delle sue prestazioni e delle tasse da pagare.
    Inviava le dichiarazioni agl’enti preposti telematicamente e risulta il suo codice fiscale come depositario di tali dichiarazioni.
    C’è la possibiltà per procedere ad una denuncia?

    Premetto che:
    Quest’anno mi è arrivata una sanzione da parte di Equitalia di €2800,00 per una mancata dichiarazione di disoccupazione del 2008(Lui dice che non l’ho avvertito, cosa non vera, ma non ci sono prove).
    A mia madre, sempre Equitalia gli ha inviato una cartella esattoriale di € 4500,00 per aver dichiarato il 50% dell’usufrutto di appartamenti( premetto che il commercialista negl’anni precedenti ha dichiarato il 100% nel 2008 50% nel 2009 il 100% 2010 il 50% e 2011 di nuovo il 100%)la sua risposta è stata “siete voi che mi dite cosa dichiarare”.
    Le multe ovviamente le stiamo pagando.

    Ultime richieste
    Mi ha inviato tramite il suo legale la richiesta di €4000,00 da parte di mia madre e €1000,00 da parte mia, per prestazioni effettuate nel 2012/2013.
    La beffa è che per il 2012/2013 io risulto un evasore fiscale perhè non è stata fatta la dichiarazione.

    Ora il suo Avv. vuole chiudere a €1500,00 per tutte le richieste, ma continua a non inviarmi la specifica delle richieste(almeno cosi dice il mio avv.)
    Come potrei procedere?… Cosa dovrei fare?

    Grazie

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.