HOMEPAGE / Liberi Professionisti / Gestione Separata INPS 2019 2020 per Liberi professionisti Iva versamento Guida pratica

Gestione Separata INPS 2019 2020 per Liberi professionisti Iva versamento Guida pratica

INPSDopo avere avviato la vostra attività nasce l’esigenza di aprire la vostra posizione previdenziale INPS 2020 e versare i contributi, cosa che può avvenire essenzialmente in 2 modi ossia attraverso la vostra cassa previdenziale di appartenenza (cassa dottori commercialisti, cassa forense, cassa ingegneri, architetti, e altre) o attraverso la gestione separata INPS.
Questo articolo vi descrive in sintesi chi deve versare i contributi alla gestione separata e chi all’INPS, nonchè le modalità per l’individuazione del reddito imponibile soggetto al prelievo previdenziale, l’indicazione in fattura del contributo addebitato al cliente per rivalsa, le modalità di calcolo e anche quelle di versamento mediante modello F24. Il contributo alla gestione separata sarà versato in misura pari ad una aliquota di finanziamento moltiplicato per una base imponibile: il risultato sarà l’importo del contributo previdenziale da versare all’Inps secondo le modalità e tempistiche sotto descritte a fronte della prestazione lavorativa erogata.

Dove nasce l’obbligo al versamento del contributi INPS

Vi riporto direttamente il passo della norma che vi aiuterà a capirne l’origine: “A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all’iscrizione presso una apposita Gestione separata, presso l’INPS, e finalizzata all’estensione dell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti, i soggetti che esercitano per professione abituale, ancorché non esclusiva attività’ di lavoro autonomo di cui al comma 1 dell’articolo 49 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni ed integrazioni, nonché i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, di cui al comma 2, lettera a), dell’articolo 49 del medesimo testo unico e gli incaricati alla vendita a domicilio di cui all’articolo 36 della legge 11 giugno 1971, n. 426. Sono esclusi dall’obbligo i soggetti assegnatari di borse di studio, limitatamente alla relativa attività”. La parte in grassetto evidenza propria la caratteristica principale che impone l’apertura della partita Iva ossia professione abituale, ancorché non esclusiva attività di lavoro autonomo.

Soggetti obbligati al versamento del contributo previdenziale alla gestione separata INPS

Chi deve versare il contributo alla gestione separata INPS e procedere al pagamento con modello F24 dei contributi previdenziali ed assistenziali. Come visto sopra sono coloro che hanno aperto la partita Iva e coloro che superano determinati limiti reddituali pur non avendola aperto e svolgono prestazioni occasionali. Prima di tutto sono coloro che, come scritto in questo articolo, emettono ricevute fiscali per prestazioni occasionali, di importo complessivamente superiore a 5 mila euro l’anno e che dovranno versare il contributo INPS solo sul differenziale rispetto alla soglia limite dei 5 mila euro e sempre chè non li versino già ad una cassa specifica di appartenenza, o anche quelli che, pur potendosi iscrivere, non lo fanno o non versano il contributo soggettivo.

Poi abbiamo una serie di categorie minori di soggetti che hanno l’obbligo di versamento e che sono  i venditori a domicilio, oppure i soci di associazioni in partecipazione che apportano solo lavoro o anche le mini collaborazioni ossia inferiori a 30 giorni e/o a fronte di compensi inferiori a 5 mila euro per lo stesso datore di lavoro.

La prima domanda da porsi

Prima di tutto dovrete identificare la vostra tipologia di reddito e porvi la domanda: faccio reddito di impresa o di lavoro autonomo e professionale. Questa domanda potrebbe sembrare semplice in realtà nasconde una riflessione sulla natura del vostro lavoro o attività, la dotazione di mezzi, beni mobili ed immobili, dotazioni di capitale e capacità organizzative che mettete a servizio del raggiungimento del vostro reddito. In questa sede ci occupiamo dei professionisti e se ne avrete bisogno parlerò anche dei conributi previdenziali dovuti da coloro che generano reddito di impresa.

Laddove prevalgano le vostre doti professionali rispetto a quelle di capitale ed organizzazione allora saremo in presenza di un’attività professionale di lavoro autonomo (e molti di voi come prima risposta sostengono che senza di loro certo l’azienda non esisterebbe, quindi è di lavoro autonomo :-)
Oltre a questi le ulteriori caratteristiche dell’attività professionale è la continuità e l’abitualità (presupposto di cui abbiamo parlato più volte per identificare i soggetti obbligati all’apertura della partita Iva), l’autonomia nello svolgimento dell’attività, ossia l’assenza della subordinazione.

Aliquote contributive 2019

Tutto quanto sopra premesso, le aliquote dovute per la contribuzione alla Gestione separata per l’anno 2019 sono complessivamente fissate come segue:

Collaboratori e figure assimilate Aliquote
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali è prevista la contribuzione aggiuntiva Dis-Coll

34,23%

(33,00 +

0,72 +0,51 aliquote aggiuntive)

Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali non è prevista la contribuzione aggiuntiva Dis-Coll

33,72%

(33,00 +

0,72 aliquote aggiuntive)

Soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria 24%

 

Liberi professionisti Aliquote
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie

25,72%

(25,00 IVS +

0,72 aliquota aggiuntiva)

Soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria 24%

 

In merito alle aliquote di computo che si sono succedute nel tempo nella Gestione separata, si rinvia alla circolare n. 7/2007.

Ripartizione contributi INPS tra datore di lavoro e lavoratore

Aziende committenti

La ripartizione dell’onere contributivo tra collaboratore e committente è stabilita nella misura rispettivamente di un terzo (1/3) e due terzi (2/3).

Si ricorda che l’obbligo del versamento dei contributi è in capo all’azienda committente, che deve eseguire il pagamento entro il 16 del mese successivo a quello di effettiva corresponsione del compenso, tramite il modello “F24” telematico per i datori privati e il modello “F24 EP” per le Amministrazioni pubbliche. Per le Amministrazioni pubbliche – quali ad esempio le amministrazioni centrali dello Stato che continuano a versare tramite mandato di tesoreria – si rinvia a quanto illustrato nella circolare n. 23/2013 e nel messaggio n. 8460/2013.

Liberi professionisti

Per quanto concerne i professionisti iscritti alla Gestione separata, si ricorda che l’onere contributivo è a carico degli stessi ed il versamento deve essere eseguito, tramite modello “F24” telematico, alle scadenze fiscali previste per il pagamento delle imposte sui redditi (saldo 2018, primo e secondo acconto 2019).

Compensi corrisposti ai collaboratori entro il 12 gennaio 2019

L’articolo 51 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR), dispone che le somme corrisposte entro il 12 del mese di gennaio si considerano percepite nel periodo di imposta precedente (c.d. principio di cassa allargato). Ne consegue che il versamento dei contributi in favore dei collaboratori di cui all’articolo 50, comma 1, lett. c-bis, i cui compensi, ai sensi dell’articolo 34 della legge 21 novembre 2000, n. 342, sono assimilati a redditi da lavoro dipendente, è riferito a prestazioni effettuate entro il 31 dicembre 2018 e pertanto devono essere applicate le aliquote contributive previste per l’anno di imposta 2018 (24% per i titolari di pensione e per chi è già assoggettato ad altra previdenza obbligatoria; 33,72% per coloro che sono privi di altra previdenza obbligatoria e per i quali non è dovuta l’aliquota aggiuntiva per la Dis-Coll; 34,23% per chi è anche obbligato ad aliquota Dis-Coll).

Per le modalità e i termini di versamento dei contributi dovuti in relazione ai compensi erogati entro il 12 gennaio 2019 si rinvia a quanto già precisato nella circolare n. 10/2002.

Contributo Minimo INPS e Massimo 2019

Per l’anno 2019 il massimale di reddito previsto dall’articolo 2, comma 18, della legge n. 335/95 è pari a € 102.543,00. Pertanto, le aliquote per il 2019 si applicano, con i criteri sopra indicati, facendo riferimento ai redditi conseguiti dagli iscritti alla Gestione separata fino al raggiungimento del citato massimale.

Minimale – Accredito contributivo 2019

Per l’anno 2019 il minimale di reddito previsto dall’articolo 1, comma 3, della legge n. 233/1990 è pari a € 15.878,00.

Conseguentemente, gli iscritti per i quali è applicata l’aliquota del 24% avranno l’accredito dell’intero anno con un contributo annuo di € 3.810,72, mentre gli iscritti per i quali il calcolo della contribuzione avviene applicando l’aliquota maggiore avranno l’accredito con un contributo annuale pari ai seguenti importi:

– € 4.083,82 (di cui € 3.969,5 ai fini pensionistici) per i liberi professionisti che applicano l’aliquota del 25,72%;

–  € 5.354,06 (di cui € 5.239,74 ai fini pensionistici) per i collaboratori e figure assimilate che applicano l’aliquota al 33,72%;

– € 5.435,04 (di cui € 5.239,74 ai fini pensionistici) per i collaboratori e figure assimilate che applicano l’aliquota al 34,23%.

Reddito minimo annuo Aliquota Contributo minimo annuo
€ 15.878,00 24% € 3.810,72
€ 15.878,00 25,72% € 4.083,82 (IVS € 3.969,5)
€ 15.878,00 33,72% € 5.354,06 (IVS € 5.239,74)
€ 15.878,00 34,23% € 5.435,04 (IVS € 5.239,74)

I Codici tributo da utilizzare per l’F24

Nel modello F24 indicherete i codici P10 o PXX, mentre nel campo relativo al codice sede farete riferimento alla vostra residenza anagrafica. Nel periodo di riferimento indicherete invece il mese e l’anno di riferimento nella forma mmaaaa.
Approfondite anche la differenza tra reddito di impresa e reddito da lavoro autonomo in quanto sono previsti due diversi regimi di applicazione dei contributi previdenziali ed anche dei casi di esenzione.

Come si versa il contributo INPS alla gestione separata

Il versamento si effettua con modello F24 e nella sezione INPS si indicherà come codice tributo il CXX per le collaborazioni.

Esempio di calcolo contributo per un lavoratore autonomo iscritto solo alla gestione separata senza altra forma di contribuzione e con reddito lordo IRPEF pari a 30 mila euro

Imponibile 30.000,00
Aliquota 25,72%
Contributi complessivi 7.716,00
Quota lavoratore 6.516,00
Quota committente (4%) 1.200,00

Come vedete non sono pochi….

Altro esempio on reddito pari a 15 mila euro

Imponibile 15.000,00
Aliquota 25,72%
Contributi complessivi 3.858,00
Quota lavoratore 3.258,00
Quota committente (4%) 600,00

 

Gestione Separata INPS 2019 2020 per Liberi professionisti Iva versamento Guida pratica

Prestazione occasionale: si devono versare i contributi INPS?

Vi anticipo che l’obbligo all’iscrizione alla gestione separata INPS scatta anche quando superate la soglia di esenzione prevista per coloro che che effettuano prestazioni occasionali sopra la soglia di esenzione dei 5 mila euro lordi.

Per approfondimento leggere l’articolo gratuito dedicato alla prestazione occasionale.

Contributi INPS per i contribuenti del regime dei Minimi

Potete leggere l’articolo di approfondimento dedicato proprio al versamento dei Contributi INPS per i contribuenti del regime dei Minimi

Scadenza per il versamento dei contributi alla gestione separata INPS

Valgono le regole viste per il versamento degli acconti Irpef ossia assistiamo alle solite scadenze del 16 giugno o del 16 luglio con la maggiorazione dello 0,40% per quello che concerne gli acconti (che possono beneficiare anche della rateizzazione) e del versamento del secondo acconto (che deve essere versato in un’unica soluzione) e che subiscono spesso e volentieri delle proroghe che potete leggere eventualmente qui di seguito.

Rateizzazione contributi Previdenziali INPS

Al pari di quanto avviene per l’Irpef o l’Ires anche i contributi previdenziali potranno essere rateizzati con la maggiorazione a titolo di interessi dello 0,33% mensili.

Ricordiamo che il versamento del contributo previdenziale, seppur rateizzato, nel caso in cui non sia pagato non potrà essere oggetto di successivo ravvedimento per cui eventuali omessi versamenti saranno sanzionati con una aliquota minima pari al 30% oltre ad applicazione degli interessi.

Riferimenti normativi: tra i principali Legge 134/2012, articolo 46 Decreto del Ministero D.M. 2 maggio  1996,  n. 281

Guida al versamento Gestione Separata INPS

Guida alla compilazione della fattura

Borse di studio e gestione separata

Potete leggere l’articolo dedicato al versamento dei contributi INPS per i titolari di borse di studio, dottorati di ricerca e assegni periodici. Nell’articolo sono riportati in sintesi i casi di iscrizione obbligatoria, le tempistiche e le modalità di versamento dei contributi previdenziali INPS. Sono ricompresi anche i casi Erasmus o Socrates o altri programmi della Comunità Europea.

Procacciatore d’affari: Trattamento Fiscale IRPEF, Ritenute, IVA, INPS, Forfettario

Esempio Calcolo Contributi INPS 2019 Lavoratori Autonomi, Dipendenti: Tutti i casi

Elenco Attività con Codici ATECO per la Gestione Separata INPS 2020

La normativa di riferimento lo trovate nella Legge 335 del 1995

I massimali di reddito superati i quali non sono più dovuti contributi alla gestione separata Inps

TABELLA MASSIMALI REDDITO INPS STORICA

Anno Categoria assicurati Massimale Aliquota Contributo
annuo massimo
Lire Euro Lire Euro
1996 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati (dal 1/04/96) 132.000.000 68.172,31 10% 13.200.000 6.817,23
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati (dal 30/06/96)
1997 Tutti gli iscritti 137.148.000 70.831,03 10% 13.714.800 7.083,10
1998 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 139.480.000 72.035,41 12% 16.737.600 8.644,25
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati 10% 13.948.000 7.203,54
1999 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 141.991.000 73.332,23 12% 17.038.920 8.799,87
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati 10% 14.199.100 7.333,22
2000 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 144.263.000 74.505,62 13% 18.754.190 9.685,73
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati 10% 14.426.300 7.450,56
2001 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 148.014.000 76.442,85 13% 19.241.820 9.937,57
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati 10% 14.801.400 7.644,29
2002 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 152.010.749 78.507,00 14% 21.281.505 10.990,98
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati 10% 15.201.075 7.850,70
2003 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 155.658.682 80.391,00 14% 21.792.215 11.254,74
Titolari di pensione diretta 12,50% 19.457.335 10.048,88
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o titolari di pensione indiretta 10% 15.565.868 8.039,10
2004 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati (esclusi associati in partecipazione) – fino a E. 37.883 159.550.584 82.401,00 17,80% 29.261.993 15.112,56
Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati (esclusi associati in partecipazione) – da E. 37.884 a
E. 82.401
18,80%
Titolari di pensione diretta 15,00 23.932.588 12.360,15
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o titolari di pensione indiretta 10,00 15.955.058 8.240,10
Associati in partecipazione iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati – fino a E. 37.883 17,30% 28.464.234 14.700,55
Associati in partecipazione iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati – da E. 37.884 a E. 82.401 18,30%
2005 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati (esclusi associati in partecipazione) – fino a E. 38.641 162.741.557 84.049,00 18% 30.172.702 15.582,90
Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati (esclusi associati in partecipazione) – da E. 38.642 a
E. 84.049
19%
Titolari di pensione diretta 15% 24.411.234 12.607,35
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o titolari di pensione indiretta 10% 16.274.156 8.404,90
Associati in partecipazione iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati – fino a E. 38.641 17,50% 29.358.984 15.162,65
Associati in partecipazione iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati – da E. 38.642 a E. 84.049 18,50%
2006 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati (esclusi associati in partecipazione) – fino a E. 39.297 165.508.487 85.478,00 18,20% 31.016.733 16.018,81
Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati (esclusi associati in partecipazione) – da E. 39.298 a
E. 85.478
19,20%
Titolari di pensione diretta 15% 24.826.273 12.821,70
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o titolari di pensione indiretta 10% 16.550.849 8547,80
Associati in partecipazione iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati – fino a E. 39.297 17,70% 30.189.199 15.591,42
Associati in partecipazione iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati – da E. 39.298 a E. 85.478 18,70%
2007 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 168.817.572 87.187,00 23,50%
fino al 6/11/07
39.672.236 20.488,95
23,72%
dal 7/11/07
40.043.535 20.680,76
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati 16% 27.010.812 13.949,92
2008 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 171.687.125 88.669,00 24,72% 42.441.063 21.918,98
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati 17,00% 29.186.811 15.073,73
2009 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 177.182.259 91.507,00 25,72% 45.571.276 23.535,60
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati 17,00% 30.120.984 15.556,19
2010 Non iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria e non pensionati 178.421.472 92.147,00 26,72% 47.674.220 24.621,68
Iscritti ad altra forma pensionistica obbligatoria o già pensionati 17,00% 30.331.650 15.664,99

Come vedete ne abbiamo fatta di strada. A titolo di esempio vi segnalo che nel 2013 le aliquote contributive erano così suddivise:

  1. Contribuenti che hanno anche altra posizione previdenziale o che percepiscono un reddito da pensione indiretta, o che sono titolari di pensione diretta a carico di qualsiasi gestione previdenziale: 20% di cui 2/3 (13,33%) a carico del datore di lavoro ed un terzo a carico proprio (6,67%);
  2. Contribuenti senza altra copertura previdenziale: 27,72% di cui 2/3 (18,48% a carico del datore di lavoro e un terzo 9,24% a carico proprio e fino a Euro 99.034

Aliquote Anni precedenti: Quanto vale il contributo dovuto alla gestione separata INPS nel 2017

Anche qui ci corre in soccorso in modo più agevole la norma che detta chiaramente quanto si deve versare all’articolo 2 comma 29 della Legge 335 del 1995: “29. Il contributo alla Gestione separata di cui al comma 26 e’ dovuto nella misura percentuale del 10 per cento ed e’ applicato sul reddito delle attivita’ determinato con gli stessi criteri stabiliti ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, quale risulta dalla relativa dichiarazione annuale dei redditi e dagli accertamenti definitivi. Hanno diritto all’accreditamento di tutti i contributi mensili relativi a ciascun anno solare cui si riferisce il versamento i soggetti che abbiano corrisposto un contributo di importo non inferiore a quello calcolato sul minimale di reddito stabilito dall’articolo 1, comma 3, della legge 2 agosto 1990, n. 233. e successive modificazioni ed integrazioni. In caso di contribuzione annua inferiore a detto importo, i mesi di assicurazione da accreditare sono ridotti in proporzione alla somma versata. I contributi come sopra determinati sono attribuiti temporalmente dall’inizio dell’anno solare fino a concorrenza di dodici mesi nell’anno. Il contributo e’ adeguato con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale di concerto con il Ministro del tesoro, sentito l’organo di gestione come definito ai sensi del comma 32.”

Il contributo minimale che si descrive nel passaggio sopra viene disciplinata dalla precedente norma all’articolo 1 della Legge 233 del 1990: “3. Il livello minimo imponibile ai fini del versamento dei contributi previdenziali dovuti alle gestioni di cui al comma 1 da ciascun assicurato e’ fissato nella misura del minimale annuo di retribuzione che si ottiene moltiplicando per 312 il minimale giornaliero stabilito, al 1 gennaio dell’anno cui si riferiscono i contributi, per gli operai del settore artigianato e commercio dell’articolo 1 del decreto-legge 29 luglio 1981, n. 402, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 settembre 1981, n. 537, e successive modificazioni ed integrazioni”

A sua volta DL 402 del 1981 all’articolo 1 recita: “Minimale di retribuzione ai fini contributivi – A decorrere dal periodo di paga in corso al 31 maggio 1981 i limiti minimi di retribuzione giornaliera, ivi compresa la misura giornaliera dei salari medi convenzionali, sono stabiliti, per tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza ed assistenza sociale, nelle misure risultanti dalle tabelle A e B allegate al presente decreto. I limiti minimi di retribuzione di cui al comma precedente sono aumentati ogni anno, a partire dal 1982, nella stessa misura percentuale delle variazioni delle pensioni che si verificano in applicazione dell’art. 19 della legge 30 aprile 1969, n. 153, con arrotondamento alle 10 lire per eccesso, e sono soggetti a revisione triennale da effettuarsi con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale in riferimento ai minimi previsti dai contratti collettivi nazionale di categoria raggruppati per settori omogenei.
La prima revisione triennale ha effetto dal 1 gennaio 1984. Con la stessa decorrenza di cui al primo comma, il limite minimo di retribuzione giornaliera per i lavoratori soci di società e di enti cooperativi, anche di fatto, e loro organismi associati soggetti alle norme di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1970, n. 602, per i pescatori della piccola pesca marittima e delle acque interne di cui alla legge ((13 marzo 1958)), n. 250, e per i lavoratori a domicilio, e’ stabilito, per tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza ed assistenza sociale, in L. 10.000.  L’ammontare del limite minimo di retribuzione di cui al comma precedente varia nella stessa misura percentuale e con la stessa decorrenza delle variazioni delle pensioni che si verificano in applicazione dell’art. 19 della legge 30 aprile 1969, n. 153, con arrotondamento alle 10 lire per eccesso.  Il presente articolo non si applica ai contributi dovuti per gli addetti ai servizi domestici e familiari ed ai contributi dovuti per la prosecuzione volontaria dell’assicurazione generale obbligatoria.  Con effetto dal 1 gennaio 1981 le tabelle A, B e C allegate al decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1968, n. 488, sono sostituite dalle tabelle C, D ed E allegate al presente decreto.

Le aliquote contributive INPS della gestione separata 2017

Le aliquote contributive della gestione separata per i prossimi anni

Nella circolare n.12 del 2017 l’INPS introduce le nuove aliquote per il calcolo dei contributi da versare alla gestione separata INPS nonché i massimali al di sopra dei quali scatta l’esenzione.  L’aliquota per i lavoratori dipendenti non agricoli, autorizzati alla prosecuzione volontaria nel FPLD è del 33% mentre quella per il versamento  dei contributi IVS relativa ai lavoratori dipendenti non agricoli resta ferma al 27,87%.
Per gli artigiani e commercianti di età superiore ai 21 anni l’aliquota è del 23,55% se artigiani e del 23,64% se commercianti mentre per se collaboratori  diventa del 20,55% se artigiani o del 20,64% se commercianti;

Contributo minimo Inps 2017 gestione separata

L’importo del contributo minimo da versare alla gestione separata è pari a euro 3.887,04 su base annua e euro 323,92 su base mensile per i professionisti e a € 4.975,44 su base annua e € 414,62 su base mensile per gli altri iscritti.

Le aliquote contributive per i prossimi anni saranno costituite da una base fissa dello 0,72% e di una variabile che nel 2017 sarà pari al 25%. Questo sempre che non abbiate superato il massimale contributivo visto sopra al di sopra del quale il versamento non sarà più obbligatorio. Mi raccomando sempre di verificare le aliquote ed i massimali con l’INPS in quanto sono soggetti a variazioni.

Novità in vista per il 2018 per artigiani e commercianti che nel 2018 dovranno versare il 24%  L’adeguatezza delle pensioni, però, è anche un problema di carriera e di reddito: se durante la vita lavorativa si alternano periodi di attività ad altri di inattività e se il reddito è comunque basso, si fatica ad accumulare un montante contributivo adeguato e a maturare i requisiti minimi per il pensionamento, perché nella gestione separata a chi versa meno del minimale non viene accreditato tutto l’anno di anzianità, ma solo i mesi corrispondenti a quanto pagato.

Valuta l'articolo
[Totale: 14 Media: 3.6]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

67 commenti

  1. Tasse-Fisco

    Legga il nuovo articolo dedicato all’agente immobiliare occasionale

  2. Avatar

    sono dipendente di una azienda privata,un amico che ha un agenzia immobiliare mi ha chiesto se li do una mano per segnalazioni e passare qualche cleinte,mi ha spiegato che nel caso vada a buon fine un affare mi da una perc. però devo fare io la ricevuta di prest. occasionale a lui,
    domande:
    che cosa rischio?
    io sono già iscritto all’inps ,che dicitura va messa nella ricevuta?
    grazie in anticipo

  3. Avatar

    Salve, sto aprendo una partita iva, per libera professione con regime dei minimi e vorrei sapere se guadagnando € 12.000,00 l’ anno devo pagare i contributi per la gestione separata calcolato sui € 12.000,00 o solo sulla somma che eccede i 5.000,00,? E poi è vero che aprendo una p. Iva nel 2016 a giugno 2017 dovrò versare oltre a quanto dovuto per il 2016 anche gli acconti del 2017?

  4. Avatar
    Annalisa Antignano

    Il collaboratore occasionale effettua l’iscrizione. il procedimento è molto semplice basta scaricare il modulo sul sito dell’Inps ed inviarlo . Se chiami il call center ti danno tutte le spiegazioni. Se invece non vuoi seccature rivolgiti ad una agenzia di servizi (20 euro e ti fa il tutto).
    Saluti
    Annalisa

  5. Avatar

    Per coloro che collaborano con cooperative sociali in maniera occasionale, in caso di superamento dei 5000€, l’iscrizione alla gestione separata viene effettuata dal committente o dal prestatore stesso?
    Grazie

  6. Tasse-Fisco

    Grazie Annalisa del contributo :-)

  7. Avatar
    Annalisa Antignano

    Carissimo Ezio, verserà alla gestione separata inps l ‘importo a debito calcolato sulla base del reddito percepito nella dichiarazione dei redditi. Cordiali Saluti

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.