Iva agevolata 10% sulla manutenzione ordinaria e straordinaria

L’Iva agevolata al 10% sui lavori di ristrutturazione o di manutenzione ordinaria e straordinaria restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione e sui beni e anche prestazioni professionali nel rispetto di alcune condizioni che potete leggere di seguito.
L’Iva agevolata si applica solo nel caso in cui i lavori di ristrutturazione siano effettuati nell’ambito di un contratto di appalto eccetto alcuni casi. Non vi spaventate perché quello che firmate in genere con la ditta è proprio un contratto di appalto anche se molti di voi non lo sanno, e per paura di sbagliare non richiedono i benefici fiscali.

Vi segnalo che è stata pubblicata la guida gratuita all’applicazione dell’Iva agevolata al 10% sulle ristrutturazioni.

In questo articolo potete leggere dell’Iva agevolata sui lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria mentre se siete interessate ad altre tipologie potete leggere l’articolo dedicato all’Iva agevolata sulla ristrutturazione edilizia, andando sulle prole in celeste.

Iva agevolata sui beni oggetti di lavori di manutenzione
Come anticipato sopra l’Iva agevolata del 10% sui lavori di ristrutturazione per manutenzione ordinaria e straordinaria si applica anche ai materiali impiegati in tali lavori sempreché siano forniti dalla stessa ditta e non da terzi. Non si applica l’Iva al 10% nemmeno per quelli acquistati direttamente dal proprietario/committente, per cui se andate ad acquistare dei materiali non potrete richiedere voi direttamente l’applicazione dell’Iva agevolata del 10%

Come chiarito dall’Agenzia delle Entrate, qualora l’appaltatore fornisca beni di valore significativo, l’aliquota ridotta si applica ai predetti beni soltanto fino a concorrenza del valore della prestazione considerato al netto del valore dei beni stessi. Tale limite di valore deve essere individuato sottraendo dall’importo complessivo della prestazione, rappresentato dall’intero corrispettivo dovuto dal committente, soltanto il valore dei beni significativi. Dovete quindi capire cosa sono i beni significativi che devono essere scomputati dal limite di importo oggetto dell’agevolazione Iva. La parte eccedente deve essere assoggettata ad aliquota ordinaria del 20%.

Per approfondire cosa debba intendersi per lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria potete leggere l’articolo appositamente dedicato andando sulle parole scritte in celeste, cioè i link ad altri articoli in questo blog ;-)

Vi invito a conitnuare la lettura leggendo l’approfondimento sull’ Iva al 10% e al 4%.

I contributi di voi lettori: per quanto riguarda il laminato rientra nel discorso iva al 10% dovunque lo si compri, basta avere sempre al seguito tutta la documentazione (autocertificazione, autorizzazione del Comune, che per la C.I.A. consiste nella copia della domanda presentata riportante il nr. di protocollo.

“Cercherò di chiarire alcuni punti, limitandomi ai soli lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria (cosi come previsto dal DPR 380 aggiornato con L. 73/2010): – IVA – Sulle prestazioni di servizi relativi a interventi di manutenzione, ordinaria e straordinaria, realizzati su immobili residenziali, è previsto un regime agevolato, che consiste nell’applicazione dell’Iva ridotta al 10%. Le cessioni di beni restano assoggettate alla aliquota Iva ridotta invece solo se la relativa fornitura è posta in essere nell’ambito del contratto di appalto.

Tuttavia, qualora l’appaltatore fornisca beni di valore significativo (ascensori e montacarichi, infissi esterni e interni, caldaie, video citofoni, apparecchiature di condizionamento e riciclo dell’aria, sanitari e rubinetteria da bagni, impianti di sicurezza), l’aliquota ridotta si applica ai predetti beni soltanto fino a concorrenza del valore della prestazione considerato al netto del valore dei beni stessi. Serve comunicare al Comune, con CIA o CIL (senza relazione tecnica), l’inizio dei lavori di manutenzione ordinaria, senza richiedere alcun titolo abilitativo; in molti Comuni non c’è l’obbligo di comunicazione. In caso di CIL in manutenzione straordinaria bisogna integrare la relazione tecnica di un geom./ing./arch. Cambia l’applicazione dell’IVA agevolata per gli interventi di ristrutturazione e di restauro conservativo. – 50% – Per i lavori di manutenzione straordinaria eseguiti sulle unità immobiliari residenziali (comprese le pertinenze) e sugli edifici residenziali ed i lavori di manutenzione ordinaria eseguiti sulle parti comuni degli edifici. Serve comunicare al Comune, con CIL (con relazione tecnica), l’inizio dei lavori in manutenzione straordinaria. – 55% – In linea di principio vale quello detto per il 50%, anche se è estesa a qualsiasi unità immobiliare anche non residenziale purchè già esistenti e climatizzate (tranne per i pannelli solari). Questo è quanto spero di essere stato chiaro, Grazie mille.

Esempi:
I lavori di riqualificazione energetica degli edifici sono assoggettate a Iva in base alle aliquote previste per gli interventi di recupero del patrimonio immobiliare per cui la manutenzione ordinaria e straordinaria (per intenderci quelli che nel 2013 sono stati oggetto di agevolazione fiscale ecobonus, su immobili residenziali potrà beneficiare dell’aliquota ridotta mentre per le cessioni di beni, si dovrà provare ulteriormente che la fornitura dei materiali avviene nell’ambito del contratto di appalto. Tuttavia, se l’appaltatore fornisce beni di valore significativo (ad esempio, infissi, caldaie), l’aliquota ridotta si applica a tali beni solo fino a concorrenza del valore della prestazione considerato al netto del valore dei beni stessi.

Il contributo di voi lettori sarà di aiuto a tutti. Grazie Ancora

Guida all’applicazione dell’Iva al 4%

Guida all’applicazione dell’Iva al 10%

Ti è piaciuto l'articolo? Per continuare a darvi spunti gratuiti, condividi questo articolo tramite i pulsanti qui sopra!

39 Commenti

  1. Sto cercando di capirci qualcosa di più per sostituire una caldaia da caldaia a gas a una a biomassa e, essendo prima casa, posso usufruire dell’iva agevolata al 10 ma non ci sto capendo niente!!! La dia o la comunicazione inizio lavori va fatta per forza?
    Girando su internet ho letto questo:

    Come è noto, per poter detrarre dalle imposte sui redditi il 36% delle spese sostenute per effettuare una ristrutturazione, fino ad un importo di 48.000 euro, era necessario, prima dell’inizio dei lavori per cui si intendeva usufruire delle detrazioni, inviare una comunicazione di inizio lavori, redatta su un modello predisposto, al Centro Operativo di Pescara, allegando una serie di documenti, tra cui il titolo abilitativo e i dati catastali o, in loro mancanza, un’autocertificazione.

    La novità consiste nel fatto che si potranno iniziare i lavori senza inoltrare alcuna comunicazione preventiva, ma tutti i dati relativi agli interventi svolti dovranno essere comunicati a posteriori nella Dichiarazione dei Redditi. Si introduce in questo modo una delle semplificazioni in materia fiscale annunciate dal Decreto.

    Sarà valido anche per l’iva?? HELPPPP!!!

  2. Quello che non riesco a capire e’ cosa si debba fare per interventi che il fisco considera manutenzione straordinaria (rifacimento di un bagno con spostamento/sostituzione tubi) quando il comune dice che è ordinaria e non vuole nessuna cia/dia/scia….

  3. Salve vorrei sapere se la riverniciatura della cancellata del condominio può godere dell’ova al 10%. Grazie

  4. Devo realizzare, a servizio della mia abitazione, un impianto di smaltimento di acque reflue con sistema ad evapotraspirazione. Il mio tecnico ha presentato una scia in Comune per iniziare i lavori. Le vasche dell’impianto vengono fornite da me, mentre la mano d’opera è fornita da ditta specializzata nel settore. Volevo sapere, se l’IVA sul materiale può essere applicata nella misura del 10%.

  5. Buonasera
    Ho intenzione di effettuare una pavimentazione esterna,( movimento terra + posa masselli autobloccanti) adiacente alla casa di mia proprieta’ e chiedo se tale intervento di manutenzione , credo “straordinaria”, puo’ usufruire di IVA agevolata ( 4% o 10%). Stessa cosa per mettere uncancello con relativo automatismo di apertura/chiusura .

    Inoltre chiedo se il costo per entrambe le operazioni puo’ essere dedotto dalla denuncia dei redditi e in che percentuale ( 50% ?) .

    Grazie, Cordiali saluti
    Danilo

  6. Salve desidero sapere se nell’acquisto di una cucina è previsto il 10%
    Grazie distinti saluti

  7. Buongiorno,
    sono proprietario di un fabbricato in costruzione i cui lavori sono fermi da 10 anni, per problemi di allagamenti al seminterrato vorrei completare con un massetto di cemento il viale di accesso (rampa) ed installare delle griglie di raccolta acque piovane, nonchè mettere un cancello di chiusura. Al comune devo presentare una comunicazione di inizio lavori come manutenzione ordinaria. Poichè tali lavori verranno effettuati da una ditta ma penso senza alcun contratto di appalto visto che non sono molti, posso usufruire di IVA agevolata al 4% o al 10%. Faccio presente che attualmente non è più prima casa.
    Inoltre chiedo se il costo puo’ essere dedotto dalla denuncia dei redditi e in che percentuale.
    Grazie, Cordiali saluti
    Tobia

  8. buongiorno,devo aprire una scia per ristrutturazione bagno della casa e apertura di una porta in un muro portante,vorrei sapere se posso usufruire dell’iva al 10% sull’acquisto dei mobili di una cucina.Grazie

  9. Salve,dovrei fare un copertura con struttura di ferro e coibentato,potrei acquistare il tutto con l’iva agevolata al 10%? Così come anche i blocchi di cemento o forati? Ho una concessione edilizia per manutenzione straordinaria con Ristrutturazione,Ampliamento e Verifica sismica fabbricato.

  10. Buongiorno, non ci sto capendo niente per quanto riguarda l’iva al 10% su manutenzione ordinaria e straordinaria.
    Sono un ebanista ho fornito un portone con lavorazione e posa in opera a un condominio, ho fatturato al 22%, ora in condominio mi chiede la nota credito per quanto riguarda l’iva che dice di aver diritto aL 10%. La prego mi può dire come devo fatturare? Appetto una vostra risposta al mio indirizzo e-mail. Grazie.

  11. Salve, ad integrazione dell’impianto esistente devo far installare tubature di gas metano in una mia abitazione(no condominio), per portare il gas nel locale cucina e fare 2 fori di aereazione, mi chiedevo se devo comunicare al comune questa attivita che andra a svolgere l’impresa e se si rientra in attivita di libera edilizia. Inoltre si tratta di manutenzione straordinaria e quindi poter usufruire dell’iva al 10%? Grazie

  12. Buonasera
    Ho intenzione di effettuare una pavimentazione esterna,( movimento terra + getto masetto + posa decking in legno composito) e chiedo se tale intervento di manutenzione straordinaria, puo’ usufruire di IVA agevolata 10%, in particolare, dato l’elevato costo del materiale da posare se questo è da onsiderarsi “bene significativo” e quindi da ivare parzialmente al 22%.

    Grazie, Cordiali saluti
    valentina

  13. Qual è la legge di riferimento per l’iva agevolata al 10% per le manutenzioni ordinarie?
    Il contratto d’aapalto deve essere scritto e in qualche modo registrato?!

    Grazie, cordiali saluti
    Ignazio

  14. Buon giorno, questa settimana inizieranno i lavori di rifacimento del nostro bagno che abbiamo classificato come manutenzione straordinaria. Poiché cambierò anche i mobili e me li farò fare da un falegname; mi aiutate a capire se per i mobili potrò usufruire dell’iva al 10% o no?
    Grazie, saluti

  15. Buon giorno, questa settimana inizieranno i lavori di rifacimento del nostro bagno che abbiamo classificato come manutenzione straordinaria. Poiché cambierò anche i mobili e me li farò fare da un falegname; mi aiutate a capire se per i mobili potrò usufruire dell’iva al 10% o no?
    Grazie, saluti

  16. Si ma avrebbe dovuto seguire la procedura per il riconoscimento sia in fase di acquisto sia in fase di pagamento

  17. buongiorno!
    L’Iva al 10% si applica solo all’immobile o anche alle parti esterne? Es.: la mia casa indipendente e’ parzialmente circondata da un muro che intenderei stonacare, pulirne i sassi e rintonacare. Manutenzione ordinaria, quindi. L’Iva qual è? Essendo un muro non dell’immobile, ma esterno ad esso, pur essendo di proprieta’,il lavoro su descritto non comporta iva agevolata oppure sì ?
    Grazie

  18. buongiorno!
    L’Iva al 10% si applica solo all’immobile o anche alle parti esterne? Es.: la mia casa indipendente e’ parzialmente circondata da un muro che intenderei stonacare, pulirne i sassi e rintonacare. Manutenzione ordinaria, quindi. L’Iva qual è? Essendo un muro non dell’immobile, ma esterno ad esso, pur essendo di proprieta’,il lavoro su descritto non comporta iva agevolata oppure sì ?
    Grazie

  19. Ho sostituito gli infissi dell’appartamento usufruendo della detrazione del 65% per risparmio energetico.Gli importi in fattura sono i seguenti: € 3500 beni significativi e € 2500 manodopera. Come sarà applicata l’IVA e quali saranno gli importi?
    Grazie, buon lavoro

Trackbacks/Pingbacks

  1. Iva ridotta al 10% anche dopo allaccio impianto fotovoltaico? - [...] esistente, soggetto ad IVA 10%. Ad ogni modo, segnalo questi due link interessanti sul tema: Iva agevolata 10% sulla …

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>