HOMEPAGE / Società e Redditi / Revisione legale dei conti: Guida alle novità del collegio sindacale

Revisione legale dei conti: Guida alle novità del collegio sindacale

Il nuovo controllo legale dei conti dal 2010 in primis modifica il nome dei revisori contabili che da ora acquisteranno l’appellativo di revisori legali dei conti e da una rivisitazione degli obblighi posti a carico dell’organo di controllo. Il D.Lgs. n. 39 del 2010 ha modificato la disciplina del controllo legale dei conto sostituendo alla figura del revisore contabile quella del revisore legale dei conti  annuali  e  dei conti consolidati

Come cambia il collegio sindacale

Prima di tutto dal 2010 quelli che prima erano chiamati revisori contabili ora saranno i nuovi  revisori legali e quindi iniziate a contattare il tipografo per corrispondenza biglietti da visita e qualsiasi documentazione ufficiale, siti e quant’altro avete sparso in giro.

Inoltre i vecchi revisori contabili saranno automaticamente denominati revisori legali e saranno atuomaticamente confermati tali senza il bisogno di superare ulteirori esami di stato.

Dal 7 aprile 2010, data di entrata in vigore del nuovo decreto sul controllo legale dei conti la revisione legale sostituisce il controllo contabile ma solo nei termini en altre piccole novità da rispettare secondo sempre i principi di revisione sanciti dalla direttiva europea 2006/43/CE  e sono abrogate le direttive n.84/253/CEE del Consiglio.

Cambia l’esame di idoneità che prevederà le seguenti materie oltre al consueto tirocinio professionale di tre anni e le relazioni semestrali:

  1. contabilità generale;
  2. contabilità analitica e di gestione;
  3. disciplina del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato;
  4. principi contabili nazionali e internazionali;
  5. analisi finanziaria;
  6. gestione del rischio e controllo interno;
  7. principi di revisione nazionali e internazionali;
  8. disciplina della revisione legale;
  9. deontologia professionale ed indipendenza;
  10. tecnica professionale della revisione;
  11. diritto civile e commerciale;
  12. diritto societario;
  13. diritto fallimentare;
  14. diritto tributario;
  15. diritto del lavoro e della previdenza sociale;
  16. informatica e sistemi operativi;
  17. economia politica, aziendale e finanziaria;
  18. principi fondamentali di gestione finanziaria;
  19. matematica e statistica.

La revisione dovrà essere svolta secondo i principi di  revisione adottati dalla Commissione europea nella circolare della Direttiva  n.  2006/43/CE.  I principi  di  revisione  internazionali che sono adottati comunque saranno pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale  dell’Unione europea in tutte le lingue ufficiali della Comunità.

Cosa fa il nuovo revisore legale dei conti

Il revisore legale o  la  società  di  revisione  legale  si esprimono in merito al bilancio  di esercizio e al bilancio consolidato verificando la  regolare  tenuta   della contabilità sociale e la corretta rilevazione dei fatti  di  gestione  nelle scritture contabili attraverso una relazione al bilancio e delle verifiche periodiche (massimo ogni 90 giorni).   

Come si compone la relazione del revisore legale al bilancio di esercizio

La  relazione si compone di  un  paragrafo  introduttivo  che  identifica  i  conti   sottoposti al vaglio dell’organo di controllo indicando quali son stati i principi adottati ed esprimendo un giudizio sul bilancio che può avere dei rilievi in merito ai fatti di gestione e anche indicare una difformità e non coerenza tra la relazione sulla gestione redatta dagli amministratori ed i fatti rilevati di bilancio.

Il revisore legale o la società di revisione è responsabile della verità delle loro attestazioni e conserva copia dei  documenti  e delle carte di lavoro utilizzate per esprime il  proprio giudizio sul bilancio di esercizio e sul bilancio consolidato.

Segnalerà inoltre nell’ambito del suo incarico eventuali impedimenti sorti nella sua attività

Profili di responsabilità del revisore legale dei conti.

I revisori legali e le società di revisione legale rispondono in  solido tra loro e con  gli  amministratori  nei  confronti  della  società  soggetta a controllo derivanti dalla loro inadempienza e sono responsabili  nei  limiti  del  danno cagionato.

La richiesta di risarcimento decade dopo il termine di 5 anni dalla data della relazione di revisione sul  bilancio d’esercizio o sul bilancio consolidato

Cosa controlla il revisore legale o la società di revisione

Il revisore legale o la società di revisione legale controllerà la regolare tenuta dei  libri  contabili, i sistemi informativi contabili, l’idoneità dei sistemi di controllo interno e la consulenza in caso di riorganizzaizone aziendali, operazioni straordinarie. Vigilerà sulle attività di formazione del personale nonché sulle attività di selezione e gestione del personale. Controllerà la gestione del portafoglio titoli, eventuali contenziosi in essere che vedono la società coinvolta valutando anche passività potenziali.

Elemento di profonda novità riguarda la relazione di trasparenza del revisore legale e la società di revisione legale  che da oggi dovranno pubblicare sul proprio sito Internet, entro tre mesi dalla fine di ogni esercizio  sociale, la relazione di trasparenza annuale contenente la  descrizione della forma giuridica e della struttura  proprietaria e di governo, nonché del sistema di controllo interno la predisposizione eventualmente di un elenco dei rapporti intrattenuti con gli enti di interesse pubblico.

La relazione conterrà anche una dichiarazione inerente la verifica delle misure predisposte dalla società ai fini della formazione continua nonché delle informazioni  sulla struttura finanziaria della società.

Novità anche la tipologia di informazione che dovrà essere data per verificare la composizione dei servizi di consulenza, nonché gli onorari riconosciuti ai soci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.