HOMEPAGE / Persone Fisiche e IRPEF / Acconto INPS: Guida al Calcolo del Contributo Previdenziale

Acconto INPS: Guida al Calcolo del Contributo Previdenziale

inpsVi presente una mini Guida al calcolo dell’Acconto INPS per punti per i titolari di partita IVA  in scadenza non solo il prossimo 16 giugno ma secondo le scadenze viste di seguito facendo distinzione tra quelli che superano il minimale e non, disciplinati dalla legge 335 del 1995 che impone ai lavoratori autonomi non iscritti a delle casse autonome il versamento mediante modello F24 e secondo termini, modalità e scadenze di seguito sintetizzate e anche molto simili a quelle previste per il calcolo dell’acconto Irpef, Ires ed Iva.

Chi deve versare l’acconto INPS di cui alla Legge 335 del 1995

I soggetti obbligati al versamento dei contributi sono i soggetti titolari di partita iva e quindi lavoratori autonomi e professionisti non iscritti a delle casse di competenza come può essere la cassa previdenziale dei dottori commercialisti, o la cassa degli avvocati o dei geometri o ingegneri, i quali dovranno procedere la pagamento dell’acconto per l’anno successivo (nell’esempio il 2010) sulla base dei dati reddituali da poco comunicati relativi all’anno precednete con il modello Unico  persone fisiche. In sintesi tutti gli artigiani ed i commercianti iscritti all’INP.

Se volete dei riferimenti normativi potete visionare quanto disciplinato dall’articolo 18, D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 241 oltrechè la circolare INPS n. 24 dell’8 febbraio 2013).

Quali sono le aliquote da applicare al reddito per il calcolo del contributo anche se meglio verificarle di volta in volta sul sito dell’INPS
Le aliquote dovute per la contribuzione alla gestione separata dell’Inps per il 2014 sono:

  1. Liberi professionisti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie 27,72%;
  2. titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria 22%;
  3. Collaboratori e figure assimilate non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie 28,72%;
  4. titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria 22%

I contributi sono del 22,20% e del 22,29% rispettivamente, per artigiani e commercianti. Invece, per gli iscritti alla Gestione separata INPS non assicurati presso altre forme previdenziali, l’aliquota da applicare per la contribuzione sale al 27,72% se liberi professionisti e al 28,72% per collaboratori e figure assimilate.

Per gli iscritti alla gestione separata, nella circolare 18 del 2014 sono fissati il massimale annuo di reddito pari a 100.123 euro)e il minimale per l’accredito contributivo pari ad euro 15.516 euro.

Artigiani e commercianti

Nella circolare 19 del 2014 invece sono fissate le aliquote per artigiani e commercianti che fissa l’aliquota al 22,20%  per gli artigiani e al 22,29% per i commercianti mentre il minimale sale a 15.516 ed il massimale a  76.718 euro, per coloro che si sono iscritti all’Inps prima dell’1 gennaio 1996, ovvero a 100.123 euro se iscritti a partire da quella data.

Contribuenti con il secondo lavoro

Per i soggetti con il doppio lavoro che hanno sia una copertura previdenziale dal proprio datore e sia una propria dovranno versare il 17% del reddito prodotto come lavoro autonomo. Ricordiamo che secondo le previsioni normative è fatta salva la possibilità di applicare ed addebitare in fattura al cliente il 4% del contributo previdenziale INPS. Tali soggetti dovranno prendere cin considerazione per il calcolo il rigo RE25 o RE 21 della dichiarazione e calcolare il 6,8% oppure il 50% del 17%.

Lavoratori autonomi senza altra copertura assicurativa

Per questi l’aliquota sale al 26,72% e sempre fino al raggiungimento di un massimale contributo pari ad euro 92.147 euro, come nel caso sopra descritto.

Calcolo dell’acconto INPS

Per il calcolo dell’acconto INPS si seguono le stesse regole per gli acconti irpef, ires ed Irap, per cui applicheremo sul dovuto una prima rata del 40% da versare entro la scadenza del 16 giugno (16 luglio con la maggiorazione dello 0,40%) e la seconda rata entro il 30 novembre e pari al restante 60%. Tali soggetti dovranno prendere in considerazione il rigo RE 21 del modello unico persone fisiche o il rigo RE 25 e calcolar eper la prima rata il 10,688% ed idem per la seconda rata o il 50% di 26,72%.

Aderenti al regime agevolato fiscale dei Minimi

Se aderite invece al regime agevolato fiscale dei minimi dovrete prendere come base di calcolo la differenza tra il rigo CM6 e CM9 e sul risultato applicare le percentuali sopra indicate. Essendo state introdotte diverse novità su tale regime vi segnalo l’articolo di approfondimento dedicato all’acconto dei contribuenti minimi.

Cosa è il massimale contributivo

Il massimale contributivo è il limite oltre il quale il contributo previdenziale non risulta dovuto ed è pari per i soggetti che non risultano iscritti ad altra forma previdenziale a 24.621,68 euro mentre per coloro che risultano avere anche un’altra forma di contribuzione questo limite scende a 15.664,99 euro.

Codici tributo da utilizzare

Oltre ai dati da indicare inerenti il codice della sede che si desume dal cap di residenza o domicilio fiscale, alla matricola che non sempre deve esere indicata, i codice tributo da indicare nel modello di versamento F24 sono per i soggetti con aliquota di contribuzione previdenziale pari al 17% è il P10,  mentre per i titolari di partita a che versano il 26,72% il codice tributo è il PXX.

Esistono poi i seguenti codici:

  • AP (contributi eccedenti il minimale di reddito artigiani)
  • CP (contributi eccedenti il minimale di reddito commercianti)
  • APR (contributi eccedenti il minimale di reddito artigiani) per i pagamenti rateali
  • CPR (contributi eccedenti il minimale di reddito commercianti) per i pagamenti rateali

Quando versare i contributi INPS

Il calendario delle scadenze prevede una netta distinzione tra i contributi dovuti sul minimale e quelli dovuti sulla quota di reddito che supera il minimale.
I seguenti versamenti per i contributi dovuti sul minimale, ossia 16 maggio, 20 agosto, 17 novembre 2014 e 16 febbraio 2015 mentre per quelli dovuti sulla quota di reddito che supera il minimale, i termini sono gli stessi previsti per il pagamento delle imposte sui redditi  ossia 16 giugno (saldo e primo acconto e 30 novembre per i secondi acconti)

Aliquote

Chi aderisce alla sola gestione separata INPS deve versare anche un ulteriore contributo per la maternità, gli assegni per il nucleo familiare, la degenza ospedaliera la malattia (cfr art. 59, comma 16, della legge n. 449/1997,). L’addizionale si calcola applicando una aliquota addizionale pari allo 0,72 per cento. Per il 2013 a titolo di esempio le aliquote sono così pari al 27,72 per cento (27 per cento a titolo di contributo IVS e 0,72 a titolo di aliquota aggiuntiva), dovuto per tutti i soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie e non pensionati;

Cambiando ogni anno vi condiglio di andare sul sito dell’INPS alla sezione dedicata alla gestione separata in cui le troverete sempre aggiornate

VI segnalo inoltre i Codici Tributo per gli acconti Irpef, Irap, Iva.

Mentre per per i soggetti soggetti titolari di pensione o che hanno anche un’altra forma di previdenza applicheranno il 20%

Guida primo acconto irpef Acconto Iva

48 commenti

  1. Guardi di amici che hanno chiuso la partita iva per colpa dell’iNPS ne conosco per cui sono d’accordo con lei. Con il nuovo regime dei minimi l’effetto batosta si attenua ma dovrebbe verificare se ha ancora i requisiti per rientrarvi. Se non vi rientra più, riconosco che la quota INPS a mio avviso è assurda da sostenere.

  2. Salve
    Il comm Dice che un anno si paga molto e l’anno dopo meno perché si versano gli acconti .
    Fine 2014 stessa situazione attuale e ho versato 8000€ di contributi INPS oltre logicamente quelli base trimestrali .
    2015 solo i trimestrali e ora fine 2016 altra batosta .
    Il fatturato è aumentato di 5mila € rispetto dichiarazione precedente .
    Così si mettono in ginocchio le Famiglie !!

  3. Si guardi lasciamo perdere quest’argomento perché considerando che non li vedrò mai questi soldi preferire non parlarne. Mi sembra strano nel suo caso un salto così grande da un anno all’altro per cui deve avere avuto qualche vicenda particolare (cambio regime, incremento rilevante del fatturato….oppure si è sbagliato il commercialista e glielo chieda)

  4. Salve
    Sono un agente di commercio con partita IVA , pago regolarmente i contributi INPS trimestrale 900€ circa , ma quest anno il commercialista mi ha detto che devo pagare 16000€ di contributi INPS tra saldo e acconto entro fine 2016 (8+8circa)

    Ma come é possibile mi sembra una somma enorme !!!

    È possibile ??

  5. Io sono un caso particolare perché ho un affittacamere e pago i contributi a percentuale, senza rispettare il minimale. La mia domanda é questa: Come devo pagate gli acconti? Come tutti nella parte che eccede il minimale o sul totale? Grazie

  6. Diventano un credito di imposta utilizzabile in compensazione con gli altri tributi

  7. Buongiorno,
    Ma se verso l’acconto per i contributi e l’anno successivo nn fatturo nulla (o molto di meno) i soldi versati che fine fanno? Grazie!

  8. E’ un pò altino ma dipende dal ftto che passa dal regime dei minini all’ordinario per cui quest’anno paga il 100% del saldo e anche l’acconto. Vedrà che il prossimo anno pagherà molto di meno perchè dall’imposta dovrà detrarre i contributi che verserà adesso e a novembre…certamente però non so se tornerà mai ai livelli del regime dei minimi :-).

    Se vuole vivere benne nella sua vita faccia così….consideri il 50% di quello che prende come reddito disponibile e vderà che a fine anno non avrà sorprese negative ma positive dpo che va dal commercialista.

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.