HOMEPAGE / Liberi Professionisti / Versamento acconto contribuenti forfettario minimi: casi di esenzione e obbligo al pagamento

Versamento acconto contribuenti forfettario minimi: casi di esenzione e obbligo al pagamento

indexI soggetti che hanno aderito al nuovo regime dei minimi non sono sempre tenuti al versamento del primo acconto del 30 giugno (salvo proroga) o del secondo acconto IRPEF entro il 30 novembre da versare a novembre e quindi di seguito vediamo insieme come effettuare il calcolo IRPEF e SE procedere al versamento.

Il versamento dell’acconto per coloro che sono nel regime forfettario dei minimi o nel regime fiscale di vantaggio è dovuto dovranno versare un acconto pari al 5% seguendo le stesse modalità viste per il calcolo dell’acconto Irpef ossia prendendo il 100% dell’importo aumentato e versando il 40% a giugno e ora il saldo del 60% entro il 30 novembre. Se la scadenza cade in un giorno festivo si intende prorogata al giorno lavorativi successivo. Occhio ogni anno a verificare se il legislatore introduce eventuali proroghe per il versamento dei saldi e dei primi acconti perché spesso le concede; a tal proposito trovate l’articolo dedicato alle proroghe in calce a questo.

Dove prendo la base di calcolo per l’acconto dei contribuenti minimi

Dovrò prendere il modello Unico che avete trasmesso a settembre e andare al rigo LM14 e vedere se e quanto vale:

  • Se l’importo è inferiore a 51 euro non dovete versare acconti;
  • Se l’importo è compreso tra 52 e 257 euro, l’acconto può essere interamente versato in unica soluzione entro il 1° dicembre mentre se vale oltre i 258 euro allora valgono le regole dell’ acconto irpef descritte sopra

Casi particolari

Passaggio dai minimi al regime ordinario in corso d’anno

I contribuenti minimi hanno cambiato regime passando all’ordinario non dovranno versare l’acconto ma state attenti perchè il prossimo anno vi arriverà una bella batosta per cui mettetevi un 40% di soldini da parte per pagare il prossimo anno saldo pieno senza scomputare acconti e acconti 2015. Questo perché manca il dato storico per cui niente acconto.

Se invece state fuoriuscendo dal regime di vantaggio con aliquota al 5% il discorso cambia in quanto se state entrando nel regime forfettario allora l’acconto per il prossimo anno lo calcolate con il metodo storico o metodo previsionale basandovi sull’anno precedente.

Passaggio dal regime ordinario al forfettario nel corso dell’anno

Non sarete obbligati al versamento dell’acconto anche se volte potrete farlo seguendo il modo previsionale: come per la cedolare secca nel primo anno di applicazione si può sostenere di utilizzare il metodo storico che non da luogo ad acconti o anche versarlo sulla base di una analisi previsionale futura. Nel seguito articolo di approfondimento gratuito che vi spiega come fare pr non pagare o come pagare qualora voleste comunque farlo.

Passaggio al Regime Forfettario dei Minimi: gli Acconti di Giugno non si versano

 

Fattispecie particolari: cumulo con altri redditi

Qualora avete altri redditi ricordate che i minimi viaggiano a sè per cui loro sono coperti dall’imposta sostitutiva e se non dovete versare per una delle ragioni viste sopra l’acconto ma avete altri redditi soggetti ad IRPEF considerate che sarà dovuto l’acconto su quella parte solo che il quadro che dovrete andare a prendere a riferimento naturalmente sarà il quadro RN. Voi comunque basatevi sul fatto che se avete un dato storico si calcola l’acconto se non ce l’avete non si paga quest’anno.

Ex Minimi: Soggetti aderenti al regime dei minimi obbligati al versamento dell’acconto

Saranno obbligati coloro che dovranno versare un’imposta sostitutiva inserita nel quadro CM della dichiarazione dei redditi modello unico che trovate nel rigo CM14 di importo pari o superiore a 52 euro e che ora si chiama LM14. Verificate sempre con il modello relativo all’anno oggetto di calcolo in modo da non sbagliarvi.

Soggetti esonerati dal versamento dell’acconto sull’imposta sostitutiva

Saranno esentati dal versamento dell’acconto di giugno o di novembre i contribuenti che aderiscono al regime de minimi e che non hanno versato imposte perché non dovute) sempre lo stesso rigo di cui sopra) o sono entrati nel regime dei minimi nel medesimo anno di imposta. Certo ci si chiede perché se si versa un’imposta sostitutiva versare l’acconto Irpef visto che la sostitutiva soddisfa pienamente ed in modo adeguato il versamento dell’imposta però funziona così e ci si deve allineare purtroppo.

Scadenza versamento acconto minimi

Qualora foste obbligati e siete a corto di memoria vi ricordo che per il versamento del primo acconto la scadenza è del 16 Giugno o 16 luglio con la solita maggiorazione dello 0,40% mentre per il versamento del secondo acconto la scadenze è il 30 novembre (se scade nei festivi slitta al primo giorno lavorativo successivo). Per il calcolo poi è lo stesso che si vede per l’IRPEF ossia vale la regola del 40%  a giugno e 60% a novembre. Nel seguito un esempio di onere per interesse aggiuntivo che andreste a corrispondere laddove vi avvaleste della rateizzazione riferito al 2015.

Rata Data di versamento Interesse applicabile
2 16.7.2015 0,00%
3 20.8.2015 0,33%
4

16.9.2015

0,66%
5 16.10.2015 0,99%
6 16.11.2015 1,32%

Proroga dei versamenti da effettuare il 30 giugno

Leggete anche gli articoli dedicati alle eventuali proroghe dei versamenti tasse e imposte di giugno per gli importo derivanti dalla dichiarazioni dei redditi 730 e modello Unico che spesso e volentieri vengono disciplinate da apposito Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

La risoluzione 64/E del 28 giugno 2019 serve e a chiarire che per gli acconti del 2019 da versare a giugno 2019 viene introdotta una proroga dei versamenti dal 30 giugno al 30 settembre 2019 anche per coloro che aderiscono al regime forfettario o dei minimi. L’Agenzia chiarisce l’ambito di applicazione dell’all’articolo 12-quinquies del DL Crescita. La proroga si estende a tutti i contribuenti per i quali risultano approvati i nuovi ISA e che esercitano, in forma di impresa o di lavoro autonomo, tali attività prescindendo dal fatto che gli stessi applichino o meno gli ISA e dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito, per ciascun ISA, dal relativo decreto ministeriale di approvazione.

Beneficiano della proroga pertanto anche i contribuenti che al 31 dicembre 2018 aderiscono al regime forfettario dei contribuenti minimi di cui alla Legge 23 dicembre 2014, n. 190 e anche quelli che applicano il regime fiscale di di vantaggio di cui al Decreto-Legge 6 luglio 2011, n. 98.

Quanto sopra, ricordiamo nuovamente, con la sola esclusione dei contribuenti che dichiarano ricavi o compensi di ammontare superiore a euro 5.164.569, che dovranno invece rispettare la scadenza ordinaria.

Cosa accade per gli ex minimi ai fini dell’acconto irpef

Chi esce dal regime dei minimi nel medesimo anno di imposta non dovrà versare l’acconto

Come si effettua il versamento Ordinario

Acconto Termini Codice tributo Rateazione
Primo acconto 

30 giugno salvo solite proroghe

Nel 2019 per i soggetti per i quali sono stati approvati gli ISA il versamento slitta al 30 settembre, o 31 ottobre con maggiorazione),

(nel 2016 fu il 6 luglio o 22 agosto con maggiorazione dello 0,40%)

 

1793

(regime di vantaggio)

1790

(Nuovo regime dei minimi forfettario )

Rateizzabile massimo fino a novembre 2016
Secondo acconto 30 novembre

 

1794

(regime di vantaggio)

1791 (Nuovo regime dei minimi forfettario )

Non rateizzabile

Proroga versamento 2019

Proroga versamenti Giugno 2019 a settembre 2019: quando e chi beneficia della proroga

Entro il 30 settembre 2019 potranno essere effettuati i versamenti in scadenza “tra il 30 giugno e il 30 settembre 2019″ tutti i contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale cosiddetti “ISA”. nel seguito vi riporto il testo dell’articolo 12-quinquies, comma 3, del DL Crescita: “Per i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale di cui all’articolo 9-bis del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito, per ciascun indice, dal relativo decreto di approvazione del Ministro dell’economia e delle finanze, i termini dei versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, da quelle in materia di imposta regionale sulle attività produttive, di cui all’articolo 17 del decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 2001, n. 435, nonché dell’imposta sul valore aggiunto, che scadono dal 30 giugno al 30 settembre 2019 sono prorogati al 30 settembre 2019.
4. Le disposizioni di cui al comma 3 si applicano anche ai soggetti che partecipano a società, associazioni e imprese ai sensi degli articoli 5, 115 e 116 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, aventi i requisiti indicati nel medesimo comma 3. “

Per questi soggetti sarà possibile beneficiare anche della scadenza del 31 ottobre con la maggiorazione del 31 ottobre 2019.

VERSAMENTO 1° RATA ENTRO IL 30/09/2019 VERSAMENTO 1° RATA ENTRO IL 31/10/2019 
rata scadenza interessi % rata scadenza interessi %
I Rata 30/09/2019 I Rata 31/10/2019
II Rata 16/11/2019 0,33
II Rata 16/10/2019 0,33% (*) Maggiorazione 0,40% dell’importo da versare
II Rata 18/11/2019 0,66%

Secondo acconto (scadenza originaria 30 novembre)

Nuova Scadenza 02/12/2019

Secondo acconto (scadenza originaria 30 novembre)

Nuova scadenza 02/12/2019

La dichiarazione dei redditi dei contribuenti nel Regime Forfettario dei Minimi 2019

La dichiarazione dei redditi dei contribuenti nel Regime Forfettario dei Minimi 2019

Valuta l'articolo
[Totale: 2 Media: 2]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

1 commento

  1. Avatar

    Professionista contribuente minimo chiude l’attività al 31.12.2016. A gennaio 2017 diventa dipendente. Non deve in dichiarazione dei redditi l’accconto 2017 cod.tributo 1793/2017? Versa soltanto il saldo 2016 cod tributo 1795/2016, vero?

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Questo contenuto è protetto