Uso promiscuo dell’auto al personale dipendente 2020: tassazione del fringe benefit in busta paga


La concessione dell’auto aziendale al personale è un fringe benefit dato ai quadri, dirigenti e amministratori delegati o particolari categorie di dipendenti e rappresenta un benefit soggetto a tassazione in busta paga o cedolino mensile e un costo deducibile per l’azienda che concede questo premio solitamente ai dipendenti più meritevoli o che svolgono particolari mansioni che li portano a stare spesso in trasferta e ad aver bisogno dell’auto per lo svolgimento della propria attività.




La Manovra di Bilancio 2019 ha inoltre aumentato la tassazione dal primo gennaio 2020 sulle auto aziendali incrementando la percentuale di reddito imponibile attribuito all’utilizzo promiscuo. Vediamo quanto potrebbe valere l’aumento della tassazione delle auto in busta paga considerando stipendi diversi.

La Manovra  determina il reddito imponibile derivante in misura non più pari al 30% dell’importo corrispondente a una percorrenza convenzionale di 15.000 km calcolata sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle ACI ma in misura pari al doppio per cui al del 60 per cento dell’importo. La modifica interviene sull’art. 51, comma 4, lettera a), TUIR.

L’articolo 78 riduce, sino ad azzerarla per alcuni modelli di veicolo, la percentuale di deducibilità dei costi sostenuti per i veicoli aziendali, con riferimento ai veicoli ritenuti inquinanti.

In particolare, per i veicoli diversi da quelli a trazione elettrica e a trazione ibrida termoelettrica, nonché diversi da quelli concessi in uso promiscuo a dipendenti addetti alla vendita, agenti e rappresentanti di commercio, ai fini della determinazione del reddito di lavoro dipendente imponibile è assunto il 60 per cento (invece del 30 per cento) dell’importo corrispondente a una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri, calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio, in caso di emissioni di biossido di carbonio fino a 160 grammi per chilometro. In caso di emissioni superiori a tale soglia, viene assunto il 100 per cento dell’importo.

L’articolo 78 modifica l’articolo 51 del D.P.R. n. 917 del 1986 (Testo unico delle imposte sui redditi – TUIR) recante la disciplina della determinazione del reddito di lavoro dipendente.

In particolare, ai sensi del comma 1 del citato articolo 51, il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta (che comprende i primi 12 giorni del mese di gennaio dell’anno successivo), anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro.

Ai fini della determinazione in denaro dei valori percepiti, il comma 4, lettera a), dell’articolo 51 del TUIR stabilisce che, per le autovetture, gli autoveicoli per trasporto promiscuo di persone e di cose, gli autocaravan (autoveicoli indicati rispettivamente dalle lettere a), c) ed m) dell’articolo 54, comma 1 del decreto legislativo n. 285 del 1992 – codice della strada), i motocicli e i ciclomotori concessi in uso promiscuo, si assume il 30 per cento dell’importo corrispondente a una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri, calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio, al netto dell’ammontare eventualmente trattenuto al dipendente. Il costo chilometrico di esercizio corrisponde a quello desumibile dalle tabelle nazionali che l’Automobile club d’Italia deve elaborare entro il 30 novembre di ciascun anno e comunicare al MEF, che provvede alla pubblicazione entro il 31 dicembre, con effetto dal periodo d’imposta successivo.

L’articolo 78, comma 1, del disegno di legge in esame dispone che, per i veicoli diversi da quelli a trazione elettrica e a trazione ibrida termoelettrica, nonché diversi da quelli concessi in uso promiscuo a dipendenti addetti alla vendita, agenti e rappresentanti di commercio, per la determinazione del reddito di lavoro dipendente venga assunto il 60 per cento (in luogo del 30 per cento) dell’importo corrispondente a una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri, calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio, in caso di emissioni di biossido di carbonio fino a 160 grammi per chilometro, e il 100 per cento in caso di emissioni superiori.

Il nuovo articolo 51 del TUIR definisce dunque tre differenti insiemi di autoveicoli ai fini della determinazione del reddito di lavoro dipendente.  La determinazione dell’imponibile è effettuata applicando all’importo calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio, per una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri:

  • il 30 per cento, per i veicoli a trazione elettrica e a trazione ibrida termoelettrica, nonché per quelli concessi in uso promiscuo a dipendenti addetti alla vendita, agenti e rappresentanti di commercio; e per i veicoli diversi da questi
  • il 60 per cento, in caso di emissioni di biossido di carbonio fino a 160 grammi per chilometro;
  • il 100 per cento, in caso di emissioni di biossido di carbonio superiori a 160 grammi per chilometro.

Quanto vale l’aumento della tassazione auto 2020

A titolo di esempio se prendiamo un lavoratore dipendente con autovettura aziendale concessa in uso promiscuo, prendiamo come esempio un’auto che secondo le tariffe ACI ha un costo chilometrico basato sulla percorrenza annua media convenzione di 15.000 km pari a 0,5 euro per KM . Il fringe benefit a vecchie regole sarebbe pari a 2.250 euro in quanto si prende il costo chilometrico, lo si moltiplica per 15.ooo e si ricava il 30% pari alla quota tassabile.

Dal primo gennaio 2020 scordatevi la decurtazione del 70% per cui si passerebbe a tassarlo integralmente per cui da 2.250 si andrebbe a finire addirittura a 7.500. Il differenziale per una macchina di valore medio quali sono quelle abitualmente date al dipendente ad uso promiscuo sarebbe pari a parità di costo chilometrico a 2.250 – 7.500 = 5.250 euro (Differenza da trattenuta sul netto in busta paga a titolo di maggiori imposte)

Vi rendete conto di cosa stiamo parlando? Significa che se spalmiamo questi soldi su 13 mensilità avremo uno stipendio minore di 403 euro !!! al mese. una follia tutta italiana. Per non parlare delle modifiche che stanno interessando anche il regime forfettario dei minimi. Non sappiamo più dove attingere per aumentare le tasse.

L’incremento della tassazione tuttavia non dovrebbe interessare agenti e rappresentanti di commercio in quanto loro non generano reddito da lavoro autonomo ma di impresa che, al momento sarebbe escluso dalla previsione normativa.

Alcune indiscrezioni quindi parlano di un aumento solo per le vetture super inquinanti ma dovremmo stare attenti a comprendere tra i migliaia di emendamenti quali lasceranno e quali resteranno in vita producendo solo in incremento della tassazione.

Nulla cambia invece rispetto alla deducibilità dei costi delle auto concesse ai dipendenti per la maggior parte del periodo di imposta che resta al 70% come definito dall’art. 164, comma 1, lettera b-bis), TUIR.

https://www.tasse-fisco.com/autoveicoli/aumento-tassazione-aziendali-cosa-cambia-chi-quanto-pesa-trattenuta/46206/

Uso promiscuo dell’auto e uso strumentale dell’auto aziendale

Cosa si intende per uso promiscuo? E’ un concetto che nel corso degli ultimi articoli dedicati proprio al mondo dell’auto e della tassazione legata al suo utilizzo. Molti sarebbero tentati di dire (anche se questo è molto anni ’80) che visto che intesto la macchina alla società scarico tutti i costi tanto di acquisto tanto di noleggio o gestione o manutenzione. Purtroppo il legislatore fiscale ha notato che se ne approfittavano in quanto utilizzavano spesso e volentieri tali mezzi per scopi personali e pertanto ha iniziato ad imporre delle percentuali di deduzione più inferiori rispetto al 100%.

Inoltre nel corso degli anni passati l’Iva era proprio indetraibile mentre a partire dal 2008 a seguito di una sentenza della comunità europea l’Italia non solo è stata obbligata a prevedere la detrazione dell’Iva nella misura del 40% a seguito dell’acquisto di auto ma anche di rimborsare l’Iva non detratta negli anni precedenti. Ma questo fa parte del passato ed ora parliamo del futuro che come sappiamo ha radici nel presente, per cui vi dico che ora è previsto per il dipendente che utilizza per la maggior parte del periodo di imposta l’auto aziendale un regime di deduzione del costo nella misura del 70% tanto dell’acquisto, gestione, manutenzione e anche per le quote di ammortamento.

Attenzione alla maggior parte del periodo di imposta

Ho messo in grassetto per la maggior parte del periodo di imposta perchè per avere riconosciuta la deduzione è necessario appunto che l’auto sia nella disponibilità del dipendente pr la maggior parte del periodo di imposta per cui lui è in servizio, ragguagliato all’anno se prende servizio non il primo gennaio ma un giorno successivo. Sembra un dettaglio ma così non è perchè la maggior parte delle volte il primo anno ci si sbaglia e si va diretti a dedurre tutto il costo ai fini Ires rischiando di farsi accertare  dall’agenzia delle entrate.


Attenzione alla tassazione 2019 se parliamo di minore parte del periodo di imposta ossia acquisto o assegnazione durante l’anno

Qualora l’utilizzo sia effettuato per la minor parte dell’anno ragguagliata al periodo di servizio del dipendente che riceve la macchina aziendale allora si potrà dedurre solo il corrispettivo riferito al fringe benefit sulle auto tassato nella busta paga del dipendente mentre eventuali eccedenze potranno essere dedotte nella misura del massima del 40% dei costi sostenuti.

La tassazione del reddito per il dipendente in busta paga

L’utilizzo del bene vale per il dipendente come reddito e viene calcolato attraverso la quantificazione del valore cosiddetto normale definito dal Tuir e che qui tralascio per non tediarvi troppo. L’importante è che sappiate che tale valore viene assuntivamente considerato pari al 30% del valore che trovate nelle tabelle ACI alla voce costi chilometrici prendendo una percorrenza media di 15.000 KM annue. In pratica si dice che in busta paga viene considerato un fringe benefit soggetto a tassazione irpef e se ci fate caso lo troverete anche nella busta paga.

Utilizzo non promiscuo dell’auto al dipendente

Può succedere che l’auto sia concessa al personale dipendente per l’intera giornata e per tutto il periodo di imposta per fini personali e non professionali o lavorative: in pratica c’è un uso personale del veicolo dato al dipendente e che può essere allo scattare di un grado di carriere (esempio prevista per i dirigenti). In questo caso il valore normale dell’utilizzo, per intenderci sempre rapportato alle tariffe ACI andrà tassato in busta paga e pertanto sarà soggetto a pagamento dell’irpef mediante la ritenuta d’acconto in busta paga.

Deducibilità Irap delle auto

Importante rilevare che tale costo divenendo un vero e proprio costo per il personale seguirà le stesse sorti a livello Irap  per cui tali voci andranno riprese a tassazione con una variazione in aumento del valore della produzione netta valida come base imponibile per l’Irap, divenendo pertanto indeducibili. Per l’Ires invece vale la regola che se tasso in busta paga l’utilizzo del mezzo allora porto in deduzione dal reddito imponibile valido ai fini Ires per cui risparmio il 27,5% di quel costo.

Fatturazione dell’utilizzo e trattamento Iva

Nella pratica mi è capitato di vedere che l’utilizzo dell’auto veniva fatturato al dipendente mediante emissione di una fattura con Iva. Il valore che prendete dal sito dell’ACI per i costi chilometrici e tabelle ACI è già comprensivo dell’Iva però per cui attenti. Infatti quando si emetterà la fattura nei confroti de dipendente per l’utilizzo promiscuo dell’auto allora si dovrà procedere allo scorporo dell’Iva da quel valore.

Vi ricordo inoltre che potete consultare anche gli altri articoli dedicati al monto dell’auto come per esempio il noleggio a lungo termine oppure anche l’auto aziendale Poi potete anche consultare la guida sulla deducibilità fiscale del leasing dove trovate anche gli esempi per il calcolo della percentuale di deduzione del canone e della quota degli interessi impliciti.

Vi ricordo tanto per citarne alcuni che esistono tanti altri articoli dedicati al mondo dell’auto e del fisco dove trovate consigli utili per risparmiare sulle tasse e valutare la scelta migliore tra le diverse configurazioni contrattuali che vi danno la possibilità di disporre del veicolo, come valutare anche la convenienza tra acquisto o leasing dell’auto. Oppure potete ricorre all’utilizzo dell’auto con il noleggio a  lungo termine e valutarne anche qui i riflessi fiscali. Insomma navigando nel sito e tra le diverse parole in celeste scoprite diversi articoli di approfondimento altrimenti sfruttate il motore di ricecra interno al sito per trovare gli argomenti per voi più interessanti. Se siete dei liberi professionisti vi ricordo inoltre l’articolo dedicato proprio alla deduzione costi auto per i professionisti, in cui trovate una mini guida pratica per capie il trattamento fiscale deduzioni e detrazioni legate al mondo dell’auto per i titolari di partita IVA.

Calcolo deduzione Costo auto uso promiscuo 2019

Nel seguito supponiamo l’acquisto di un’autovettura aziendale del costo complessivo di euro pari a 30.000 avvenuto il primo gennaio con utilizzo a partire dalla stessa data per fare un esempio semplice. Il costo è comprensivo di Iva in detraibile che, come sapete, è un costo deducibile. Sappiamo fin da subito che la deduzione per questa tipologia di utilizzo è pari al 70% del costo deducibile. In questo caso il costo deducibile ai fini fiscali è pari a 21 mila euro. La nipote di ammortamento è pari al 25%. Nel seguito si evidenzia lo sviluppo del piano di ammortamento e del massimo costo ammesso in deduzione ai fini IRES.

Anno Ammortamento Costo fiscalmente deducibile Fondo fiscale fine esercizio Valore
Residuo (fiscale)
2018 3.750,00 2.625,00 2.625,00 18.375,00
2019 7.500,00 5.250,00 7.875,00 13.125,00
2020 7.500,00 5.250,00 13.125,00 7.875,00
2021 7.500,00 5.250,00 18.375,00 2.625,00
2022 3.750,00 2.625,00 21.000,00 0,00

Tutti gli altri casi di fringe benefit tassati in busta paga al dipendente

Il concetto di fringe benefit e la sua tassazione  (leggi l’articolo di apporfondimento) comuque è il principio cardine che lega l’utilizzo dell’auto aziendale concesso in usco esclusivo o personale al dipendente dell’azienda all’attribuzione di un corrispondente reddito in capo al dipendente che concorre alla dterminazione del reddito di lavoro al pari delle altri voci perchè come sapete per il principio di omnicomprensività del lavoro dipendente qualsiasi e ripeto qualsiasi bene o dazione in denaro o in natura data al dipendente deve essere quantificata come un benefit e come tale valorizzato e tassato in busta paga. Ricordoc he le parole in grassetto sono articoli di approfondimento.

Potete approfondire e conoscere tanti altri esempi di calcolo del fringe benefit leggendo l’articolo di approfondimento che trovate cliccando sulle parole in celeste come questa sopra.

Vi consiglio di leggere inoltre l’articolo in cui sono riepilogati i casi di tassazione delle auto, motocicli e ciclomotori ai fini Ires ed Irap ed IVA.

http://www.tasse-fisco.com/autoveicoli/costo-revisione-auto-scadenza-ogni-quanto/39575/

http://www.tasse-fisco.com/autoveicoli/tassazione-uso-privato-dipendente-ires-irap-iva-calcolo-fringe-benefit/36882/

http://www.tasse-fisco.com/autoveicoli/leasing-acquisto-mezzo-convenienza-domanda-rate-finanziamento/7133/


Valuta l'articolo
[Totale: 71 Media: 2.6]

54 Commenti

  1. Buongiorno,
    è possibile dare in uso promiscuo un furgone tipo Fiat Doblò 2 posti?
    Grazie

  2. Salve,

    ho una macchina aziendale dove ogni mese addebitano in busta paga queste voci
    ADDEBITO PER USO AUTO AZIENDALE 162,57 24 .
    24 IVA vendite 22% DPR 633/72 35,77
    TOTALE FATTURA EUR 198,34

    Il mio quesito e’ questo come dipendente nella dichiarazione dei redditi posso recuperare una parte dei costi?

    Grazie mille

  3. dipende dalla sua tassazione marginale che può vedere in base agli scaglioni di reddito. Quanto prende di RAL?

  4. con un fringe benefit di € 2388,00 anno, sulle 14 mensilità, al netto quanto mi viene trattenuto mensilmente?
    grazie.

  5. é un comportamento piuttosto restrittivo ma può farlo se effettivamente lei in quei periodi non lavora tutto il mese.certo che così la incentivano a presentarsi il 31 luglio con taniche di benzina :-)

  6. Purtroppo no perchè rappresenta solo la fatturazione di un fringe benefit tassato in busta paga.

  7. Buongiorno.

    Ho un contratto di lavoro come impiegato commerciale (dipendente) a cui viene concesso l’auto aziendale per uso promiscuo.

    A fine anno solare l’azienda emette una fattura per 4500 km sulla base del tariffario ACI

    Esempio: 4500 x 0,4882 = €uro 2.016,90

    All’importo suddetto (€uro 2.016,90), viene ulteriormente caricata l’IVA al 22%.

    Mi è parso di capire che i costi chilometrici ACI dovrebbero già essere comprensivi dell’IVA, per cui la stessa andrebbe scorporata a monte e non addebitata due volte.

    Pertanto l’addebito dovrebbe essere: 1.653,20 + 22% = €uro 2.016,90

    E’ corretta la mia interpretazione?

    Rimango in attesa di un vs. cortese riscontro alla presente, per il quale vi ringrazio.

    Cordiali Saluti.

  8. Buongiorno, sono un venditore impiegato che usa ‘auto aziendale in affitto a lungo termine, 12 mesi all’anno e fino a ieri (sono in questa azienda dal 1992)non mi hanno mai chiesto di non utilizzare il Telepass e la carta di credito aziendali per percorsi e consumi privati relativi ai mesi di ferie Agosto e Dicembre.
    Sono in possesso della lettera di assunzione che su comunicazione scritta a parte dice che solo il chilometraggio ad uso privato verrà decurtato dalla busta paga.
    In busta paga risulta una voce “Valore convenzionale auto” di 209,38 Euro.
    Se fino a ieri potevo usare l’auto tutto l’anno, anche nei periodi di vacanza senza una richiesta scritta di non utilizzo telepass e carta di credito(fino a ieri) e oggi l’azienda manda una mail con questa richiesta, la mia domanda è … è regolare il tutto oppure l’azienda sta facendo un’azione errata nei miei confronti??
    Grazie
    Renzo

  9. La mia azienda mi fattura ogni mese l’auto che utilizzo ad uso promiscuo togliendomi un netto senza applicare in busta come fanno altre aziende l’importo sia in competenze che ritenute solo per pagarci sopra l’irpef sull’importo. Le fatture fatte verso di me per l’uso dell’auto di una cifra netta son in qualche modo detraibili nella dichiarazione dei redditi o altro ? grazie.

  10. buonasera,
    è possibile dare in uso promiscuo come fringe benefit un’auto a un dipendente di primo livello (che andrà in maternità per 5 mesi) di uno studio professionale con due dipendenti? eventualmente si potrebbe stilare una scrittura privata in cui si puntualizzano i compiti di tale dipendente, che sono di segreteria e diventeranno di rapporto e interazione con il fornitore con il quale ci si scambiano materiali inerenti al processo produttivo quasi giornalmente.

  11. é corretto il comportamento perchè il fringe benefiti può essere revocato senza dare alcuna contropartita equivalente dopo

  12. Buonasera
    Premetto che il benefit auto è ad uso promiscuo, tassato in busta paga.
    Possibile che l’azienda possa fare firmare una lettera in cui dice che per i prossimi 3 anni l’auto viene garantita , ma alla scadenza potrebbe non concederla più e non potremmo neanche chiedere una contropartita in soldi?
    Tutto questo è giusto o si può fare qualcosa?
    cordialmente saluto
    Ivan

  13. Non credo se non per accordo interno tra lei e l’azienda in quanto i bisogni del suo familiare a carico sono estranei agli interessi dell’azienda. Può’ però chiederle se può integrare con fondi suoi personali il prezzo dell’auto oltre a quello che le mette a disposizione l’azienda ed acquistare l’auto adatta

  14. Circa la normativa ,un dipendente che gode di fringe benefit ed ha un familiare a carico disabile invalido al 100% ,può richiedere all’azienda un auto adatta per trasportare persone con handicap (van, con porte scorrevoli, monovolumi etc etc) , visto che l’auto è assegnata anche ad uso personale, a quali discipline e normative bisogna riferirsi?

  15. Non ho mai capito granché.
    La mia azienda detrai ogni mese dal netto del mio stipendio ca. 200 € che, guarda caso, corrisponde esattamente al costo km della autovettura, per 15000 km anno divisi per 12 mesi solari.
    Ed ogni anno manda una fattura per questo importo.
    Altri mi dicono che invece questa cifra viene aggiunta al lordo dello stipendio che poi viene tassato in base a tale importo, situazione questa enormemente più conveniente.
    Ma come funziona?

  16. Buongiorno,
    da oltre 2 anni utilizzo la mia auto privata per andare al lavoro in sede e per le trasferte che l’azienda mi chiede (tante).
    L’accordo è verbale e prevede una tariffa fissa di rimborso al km, tutto documentato da note spese.
    Ora mi chiedono di non utilizzare piu’ l’auto privata im ponendomi un auto ad uso promisquo su cui andrò a pagare le tasse.
    Mi posso opporre chidendo di avere un auto aziendale ? in tal caso continuerei ad avere il diritto di utilizzo di tale auto per la tratta casa-lavoro?

    Grazie

  17. Salve
    volevo conoscere i vantaggi che apporta il fringe benefit concesso al dipendente. In effetti quali sono i vantaggi e svantaggi

    Grazie
    Antonio

  18. Salve,vorrei porVi questi quesiti:
    in busta paga ho un fringe benefit pari a 144,77 euro.L’auto aziendale la uso dal lunedì al venerdì solo nelle ore di lavoro, in quanto per accordi scritti non ho il permesso di utilizzare l’auto anche per motivi personali. Le mie domande sono due:
    1.si tratta di fringe benefit, nonostante io non posso usare l’auto per motivi pwersonali?
    2.questi 144,77 sono un costo che influisce sul netto in busta paga?nel senso, se non ci fosse il fringe benefit, la mia paga netta aumenterebbe?
    vi ringrazio anticipatamente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 71 Media: 2.6]
error: Questo contenuto è protetto