HOMEPAGE / Società e Redditi / IVA / Registrazione Fattura in ritardo: Novità sulla detrazione Iva dal 2018

Registrazione Fattura in ritardo: Novità sulla detrazione Iva dal 2018

registrazione fattura in ritardoCon la novità introdotta dalla Manovra correttiva 2017, il termine massimo di detrazione Iva subisce una anticipazione e ricade nella dichiarazione relativa all’anno in cui l’operazione è stata “effettuata”. Sappiamo ormai tutti questa previsione criptica come sia stata oggetto di sottovalutazione da parte dell’intero settore di professionisti che non aveva compreso appieno la portata e gli effetti che avrebbe potuto avere, soprattuto sulle imprese di medie, grandi dimensioni che non

L’Agenzia delle Entrate ha finalmente chiarito nella circolare 1 del 2018 come debba interpretarsi questa anticipazione del termine di detrazione e indica come il termine di eventuali registrazione tardive dell’Iva per operazioni effettuate entro il 2017 ma fatturate entro il 30 aprile 2018.

Resta ferma comunque la possibilità da parte del contribuente di presentare una dichiarazione integrativa successiva alla dichiarazione presentata prima del 30 aprile 2018 finalizzata proprio al recupero dell’Iva non detratta. Tuttavia sarebbe sempre meglio avere a disposizione un metodo più semplice ed immediato che questo, sapendo ci comporta a livello di controlli, firme dell’organo deputato al controllo contabile, società di revisione, eventuali visti di conformità e chi più ne ha più ne metta.

L’agenzia delle entrate ha chiarito come il contribuente possa far coincidere l’anno di detrazione come quello di registrazione della fattura ricevuta nel medesimo anno, come previsto dall’art. 18, comma 5, D.P.R. n. 600/1973. La rilevanza della detrazione coinciderà così con l’anno di registrazione della fattura. Questo chiarimento è stata determinante per evitare di mettere mano a processi che difficilmente avrebbero potuto definire e completare il processo di emissione della fattura entro il 16 gennaio.

Esistono tuttavia dei termini di registrazione della fattura, ma quelli non sono variati e concedono con il termine di presentazione della dichiarazione annuale IVA relativa l’anno di ricezione del documento come previsto dall’articolo 25 del D.P.R. n. 633/1972.

Casistiche possibili

Fattura relativa all’operazione effettuata nel 2017 e ricevuta nel 2017 > No Problem: il termine è relativo al 30 aprile dell’anno successivo all’anno di ricezione della fattura ossia il 30 aprile 2018.

Fattura relativa all’operazione effettuata nel 2017 e ricevuta nel 2018 (Prima del 16 gennaio) > No problem: si registra a gennaio utilizzando un sezionale contabile ad hoc e la si riporta nella dichiarazione Iva relativa al 2017 inserendola in corrispondenza del quadro VH del IV trimestre.

Fattura relativa all’operazione effettuata nel 2017 e ricevuta nel 2018 (Dopo del 16 gennaio ma prima del 30 aprile) > No Problem: si registra nel sezionale contabile creato ad hoc dove effettuare la rilevazione di queste casistiche e la si inserisce, come nel caso sopra nella dichiarazione Iva relativa all’anno precedente a quello di ricezione della fattura.

In questo caso se la registrazione viene effettuata dopo il 30 aprile viene perso il diritto alla detrazione Iva come viene chiarito nella circolare 1 del 2018 da parte dell’agenzia delle entrate.

Fattura relativa all’operazione effettuata nel 2017 e ricevuta nel 2018 (Dopo del 16 gennaio ma prima del 30 aprile) > Problema: Si potrà recuperare l’Iva  attraverso la presentazione di una dichiarazione integrativa Iva con tutte le incombenze del caso che questo comporta oppure con apposita istanza di rimborso per il recupero del credito Iva. Entrambe sono soggette a decadenza per cui dovrete monetarie anche quelli.

Iva Indetraibile = Costo deducibile IRES

Come vi ho sempre detto più volte ricordate che l’Iva non detratta diviene un costo deducibile ai fini IRES ed IRAP per cui se da una parte perdete il 22% dell’Iva dall’altra, forse, ne recuperate una buona parte per via della deducibilità ai fini delle imposte dirette.

Vi anici che così sembrerebbe non essere per via di alcuni chiarimenti forniti per casi similari dall’agenzi delle entrate che non mi trovano assolutamente d’accordo. A mio modesto avviso laddove la fattura non sia registrata entro il termine il costo resta comunque un costo strumentale all’attività che, seppur registrato in un anno successivo a quello di compenetra determina al più una sopravvenienza passiva. La sopravvivenza dal 2016 diviene per di più deducibile per cui l’Iva resasi indetraibile per effetto dalla tardiva registrazione viene parzialmente compensata dal minore onere Ires ed Irap.

In conclusione laddove vi sia una ritardo nella richiesta di ricezione o consegna della fattura relativa ad una operazione (cessione di beni o prestazioni di servizi) e non si provveda per tempo all’annotazione tanto della contabilità dello stesso anno quanto entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva (30 aprile anno N+1) e che il contribuente non si avvalga della dichiarazione integrativa, potrà comunque detrarsi il costo ai fini Ires ed Irap sia dello stesso anno sua dell’anno successivo imputando preventivamente il costo in contabilità (pur non essendo di competenza).

Cosa ne pensate?

Detrazione Iva Fatture Anno successivo: Chiarimenti e Risposte alle Domande

 

Valuta l'articolo
[Totale: 5 Media: 3.2]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.