Nuovo regime forfettario dei Minimi 2019: limite a 65000 euro fino al 2023

Scarica la guida al regime dei minimi e degli ex-minimiIl nuovo regime dei minimi sarà rivisto nel limite massimo di ricavi o volume di affari che passerebbe da 30 mila a 65 mila euro fino al 31 dicembre 2023 rendendo questa agevolazione fiscale uno strumento estremamente conveniente da utilizzare al fine dell’abbattimento delle imposte da versare (e non tasse in questo caso)  oltrechè delle semplificazioni in materia di gestione amministrativa e contabile. Qui vedremo quanto si risparmia con il nuovo regime fiscale super semplificato dei professionisti e da quando entrerà in vigore non solo a livello di minore aliquota fiscale da applicare ai ricavi incassati ma anche in relazione alla riduzione di cui dovremmo beneficiare sulla parcella del dottore commercialista che eventualmente ci assiste nella tenuta della contabilità e nel calcolo delle imposte.




Già con il nuovo regime forfettario dei minimi di cui alla Legge 190 del 2014 si è introdotto un nuovo strumento sia per la definizione dei limiti sia per i coefficienti di redditività che variano in base alla tipologia di attività svolta.

Stante la possibilità di accedere comunque al nuovo regime dei minimi con aliquota ridotta che potete consultare leggendo l’articolo appositamente dedicato sul nuovo regime dei minimi questa novità consente di prorogare fino al 31 dicembre 2019 il regime dei minimi con il vecchio limite a 30 mila euro che era in scadenza per il prossimo 31 dicembre 2016 (cfr  Decisione di esecuzione n. 2016/1988/UE dell’8 novembre 2016).

Nella sostanza nella decisione viene inserita la possibilità di:

  • continuare a esentare i contribuenti minimi dal versamento dell’Iva fino a fine 2019
  • elevare il limite dei ricavi incassati entro cui stare a 65 mila euro

A scanso di equivoci vi riporto l’estratto della Decisione “Con decisione 2008/737/CE del Consiglio (2) l’Italia è stata autorizzata, come misura di deroga, a esentare dall’imposta sul valore aggiunto («IVA») i soggetti passivi il cui volume d’affari annuo non supera 30 000 EUR fino al 31 dicembre 2010 («misura di deroga»). L’applicazione della misura di deroga è stata successivamente prorogata fino al 31 dicembre 2013 dalla decisione di esecuzione 2010/688/UE del Consiglio (3) e fino al 31 dicembre 2016 dalla decisione di esecuzione 2013/678/UE del Consiglio (4), che ha inoltre aumentato la soglia massima di esenzione autorizzata fino a un volume di affari annuo di 65 000 EUR ” (scarica allegato Decisione UE 1988 2016 Regime Minimi innalzamento Limite ricavi)


Ora non mi risulta chiaro che la possibilità di innalzare il limite a 65 mile euro si applichi automaticamente al nuovo regime forfettario dei minimo con aliquota al 5% che, come sapete, prevede il limite dei ricavi in base al codice attività esercitato. Tuttavia sarà auspicabile un chiarimento in tal senso da parte dell’agenzia delle entrate.

Quanto si risparmia con il nuovo regime forfettario dei minimi 2019

In tal modo la tassazione agevolata al 5% … ripeto solo al cinque per cento ai fini Irpef su 64.999 euro porterebbe il contribuente a versare imposte al più per un una somma pari a 3.249,95 euro, lasciando nelle tasche del contribuente ben 61.749 euro.

Attention: The internal data of table “1” is corrupted!

L’aliquota Irpef del regime forfettario dei minimi invece come oramai saprete (leggete spesso Tasse-Fisco.com, vero? Potete anche seguirci su Facebook!) è scesa dal 20% al 5% a titolo di imposta sostitutiva. La tassazione rispetto agli ordinari scaglio di tassazione fiscale prevista per l’Irpef avrebbero dato luogo ad un prelievo erariale pari a 21 mila euro, consentendo un risparmio netto con il regime dei minimi di oltre 17 mila euro.

Quello che infatti inchiodava la prosecuzione di molte attività infatti  era proprio il limite del regime dei minimi di 30 mila euro massimo a cui aggiungerei io anche il limite dei 20 mila (ex 15 mila) euro sui beni strumentali dei contribuenti minimi in quanto di fatto impedisce di dotarsi di alcune fondamentali dotazioni di macchinari o strumenti che potrebbero di fatto consentire la nascita di quella che potrebbe diventare una piccola impresa. Questo SI che è un vero risparmio in grado di far nascere nuove professioni, creare le base per nuovi posti di lavoro (anche se vi ricordo che non potrete assumere nel regime dei minimi pena la decadenza dall’agevolazione) aumentare le spese per consumi e per investimenti. Rispetto delle condizioni e degli altri requisiti: vi consiglio di leggere la guida dedicata al nuovo regime dei minimi in cui come saprete sono tracciate le ulteriori condizioni per accedere a questo regime super semplificato.

Il regime è a tempo determinato

Essendo un regime fiscale che di fatto limita il prelievo dell’Iva nelle casse dello Stato l’applicazione è stata concessa ed autorizzata dalla Unione Europea ma solo per un ulteriore triennio e quindi fino al 31 dicembre di 5 anni anni successivi per cui sarebbe il caso che il Parlamento si sbrigasse.

Nuovo emendamento con il limite a 65 mila euro

Già nel 2016 si tentò di introdurre l’emendamento che innalzava il limite dei ricavi. In questo documento trovate il testo dell’emendamento presentato per innalzare il limite dei minimi fino a 50 mila euro. Parliamo dell’emendamento G/1058/16/6 (testo 2) – BELLOT, BITONCI: Il Senato, in sede di esame del disegno di legge n. 1058, recante delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita, valutato il provvedimento in discussione; considerato che una delle finalità principali del provvedimento è quella di sostenere ed incentivare la ripresa economica e che secondo gli ultimi dati forniti dal Dipartimento delle Finanze, nel 2012, su tre partite Iva aperte, una rientra nel cosiddetto regime dei contribuenti minimi, il quale prevede una imposta forfetaria, che sostituisce Irpef e Irap, del 5 per cento per i primi 5 anni di attività (prima era del 20 per cento ma senza limiti temporali), né l’applicazione dell’IVA, né a debito né a credito (cioè scaricabile), obblighi contabili ridotti al minimo, esenzione dagli studi di settore e dalle comunicazione per lo spesometro; stimato che con la decisione 2013/678/UE dei Consiglio UE pubblicata nella gazzetta ufficiale europea n. L316 del 27/11/13, in deroga all’articolo 285 della direttiva 2006/112/CE, l’Italia è autorizzata a esentare dall’lVA i soggetti passivi il cui volume d’affari non superi i 65.000 euro annui; impegna il Governo a valutare l’opportunità di perfezionare il vigente regime fiscale dei minimi, adottando un regime di determinazione forfetaria delle imposte dirette e dell’IVA per i giovani di età inferiore ai trentacinque anni che intraprendono attività d’impresa o lavoro autonomo il cui volume d’affari annuale non ecceda i cinquantamila euro.

Legge di Bilancio 2020: nuovi limiti

Altre novità dal primo gennaio 2020 per effetto delle modifiche introdotte dalla Legge di Bilancio 2020. In particolare l’articolo 88 sopprime il regime che prevedeva dal primo gennaio 2020 la possibilità anche per coloro che superavano il limite di 65 mila euro (e fino a 100 mila euro) di aderire al regime forfettario ella flat tax con imposta sostitutiva al 20%

Dal primo gennaio sono fuori anche coloro che intendono o che sono nel regime dei minimi ma sostengono costi per il personale e per il lavoro accessorio di importo superiore a 30 mila euro. Stessa cosa nel caso i 30 mila euro siano stati percepiti nell’anno precedente.

Nel seguito trovate le novità approvato che caratterizzano non solo l’incremento del limite dei ricavi soglia per restare nel regime ma anche altre novità. Nel seguito l’articolo gratuito di approfondimento.

http://www.tasse-fisco.com/liberi-professionisti/nuovo-regime-minimi-forfettario-15-limite-ricavi-sintesi/19531/

http://www.tasse-fisco.com/liberi-professionisti/nuovo-regime-forfettario-minimi-tabella-ricavi-limite-come-funziona-ricavi-requisiti-convenienza/40890/

http://www.tasse-fisco.com/liberi-professionisti/flat-tax-convenienza-calcolo-come-funziona-cose/39252/

http://www.tasse-fisco.com/liberi-professionisti/convenienza-regime-forfettario-minimi-esempi-calcolo-tasse-tabella-xls/41270/

http://www.tasse-fisco.com/liberi-professionisti/nuovo-regime-minimi-forfettario-15-limite-ricavi-sintesi/19531/

http://www.tasse-fisco.com/liberi-professionisti/regime-forfettario-minimi-cosa-cambia-novita-pratica/41123/

Aggiornamenti e riferimenti normativi

Decisione UE 1988/2016 dell’8 novembre 2016
Decisione n. 2013/678/UE del Consiglio UE


Valuta l'articolo
[Totale: 21 Media: 2.9]

47 Commenti

  1. Sul sole XXIV ore on line del 4 agosto 2014 e’ stato pubblicato (per gli abbonati) un approfondimento sulla riforma dei regimi agevolati prevista dalla legge delega (articolo di Raffaele Rizzardi). Qualcuno ha avuto modo di leggere l’articolo?

  2. veda l’articolo principale dove le do le prime indicazioni sul regime…sono le parole evidenziate in azzurro che rimandano ad altri articoli.

  3. Salve io sono disoccupato e ho 38 anni volevo sapere se posso usufruire del regime minimo per 5 anni grazie

  4. Se sei confusa sei nel posto giusto per cui ti posso rispondere che non ci si capisce niente; scherzo ovviamente. Al momento ti posso rispondere concretamente che non è applicabile e che non è prevista una data entro cui sarà introdotto per cui si dovrà attendere come scritto nell’articolo che cercherò come al solito di aggiornare alloqruqando si verificheranno delle novità.

  5. Buona sera a tutti, ci sono aggiornamenti in merito alla tanto dibattuta questione dell’aumento della soglia a 65.000 €?
    Trovo notizie un po’confuse in merito, ed ho necessità di capire quanto sia concreta la possibilità che si realizzi questa felice variazione.

  6. Ho aperto la partita IVA 20 dicembre 2010, naturalmente senza effettiva attività nel 2010.
    Nel 2011 sono rimasto nei limiti del previsti.
    Nel 2012 ho superato il limite dei 15 mila e, il 31/12/2012, ho chiuso la partita IVA.
    Quando posso riattivare la nuova partita IVA con il regime attuale?
    Devo attendere 3 anni dal 31/12/2012?
    Grazie a chi può aiutarmi.

  7. In caso di apertura in corso d’anno della partita iva in regime dei minimi il tetto di 30.000€ deve essere considerato pro-rata sul numero mesi residui oppure considerato sempre a 30.000€? Grazie

  8. Io ho aperto la mia PIV agevolata 5 anni fa. Durante questo periodo ho portato il mio fatturato sui 26/28 mila euro l’anno. Lavorando nel turismo e dopo un perido, pieno, di 5 anni posso affermare che non riesco in nessuna maniera a fatturare di più. A fine 2014 dovrò chiuderla. Davvero non ci sono speranze per chi come me si trova in questa situazione? Ho 40 anni e penso con angoscia al 2015.

  9. Buongiorno, scrivo per avere chiarimenti in merito alle tempestiche entro il quale verrà discusso il possibile Regime dei Minimi a 65000€, anche per mettere in luce che allo stato attuale non pare ci siano possibilità che una legge simile passi. Infatti sarà noto ai tanti che stanno cercando di distruggere il regime dei minimi considerando chi ne fa parte alla stregua di evasori delinquenti. A mio parere rimarrà tutto come adesso con in più l’accanimento con controlli a tappeto. Spero vivamente di sbagliarmi. un saluto
    Giova

  10. Personalmente troverei giusto per i liberi professionisti che hanno fatturati inferiori ai 60 mila euro un regime diverso da quello ordinario anche perchè facendo 2 conti anche coi minimi attualmente 30milaeuro comprese di ev. spese, macchina cellulare e di attrezzature per la professione, poi c’è anticipo dell’anno successivo, e la botta della previdenza che per gli iscritti all’albo è leggermente meglio ma per quelli sotto inps è una vera mazzata.
    30000- 27.7%inps-5%+5% = 19521/12=1626€ al mese senza ferie, malattia, tredicesima in lavori spesso di responsabilità questo è abbastanza vergognoso.

  11. 1) E’ già entrata in vigore la norma ? NO
    2) Se non ho capito male , la tassazione totale è del : 5% + 27% (inps )= 32% totale? NON è detto
    3) I contributi come vengono calcolati ? legga l’articolo dedicato all’acconto INPS sfruttando il motore di ricerca interna del sito.
    4) Il periodo massimo del regime dei minimi è di 5 anni , esatto? dopo questo tempo bisogna inquadrarsi a regime normale ? Si se se nel frattempo ha compiuto 35 anni altrimenti fino al compimento del 35esimo anno di età

    Grazie a tutti

  12. E quindi? Vi sarà’ questo nuovo tetto dei 50000 euro? Se si quali potrebbero essere i tempi di applicazione. Sono in procinto di aprire la P.iva in regime dei minimi ed ho 40 anni… La nuova soglia e’ valevole fino al 31/12/2016? Grazie.

  13. Salve a tutti, grazie per questa info utilissima .
    Alcune domande per favore , che non mi è chiara la situazione:

    1) E’ già entrata in vigore la norma ?
    2) Se non ho capito male , la tassazione totale è del : 5% + 27% (inps )= 32% totale?
    3) I contributi come vengono calcolati ?
    4) Il periodo massimo del regime dei minimi è di 5 anni , esatto? dopo questo tempo bisogna inquadrarsi a regime normale ?

    Grazie a tutti :)

  14. M A G A R I…però appena esce qualcosa vi tengo aggiornati sempre su questo post ok? Se avete qualche notizia prima passatela

  15. Ragazzi novità su questo fronte? La delega fiscale è stata approvata alla camera, ma nel testo finale non vi è alcun riferimento alla modifica in oggetto?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 21 Media: 2.9]
error: Questo contenuto è protetto