Controllo di tutti i conti correnti bancari e postali: la grande lente del Fisco

Il controllo dei nostri conti correnti bancari tramite l’anagrafe dei rapporti finanziari, di depositi e simili sarà operato dall’Agenzia delle Entrate. Gli istituti di credito saranno tenuti a comunicargli i nostri dati mediante un flusso telematico da inviare periodicamente all’agenzia delle entrate che si chiama appunto anagrafe dei rapporti finanziari e nella sostanza contiene tutte le movimentazioni dei contribuenti che hanno aperti conti correnti o altre posizioni (monte titoli o altro) con istituti i credito. Vediamo anche le novità introdotte dal Decreto Fiscale 2019 e il cosiddetto Evasometro di cui tutti stanno parlando e sui giornali si leggono un sacco di cose non vere o dai titoli sensazionalisti che scrivono giusto per farvi cliccare sull’articolo.




La finalità anti evasione della norma

Questo per rintracciare i contribuenti da sottoporre a controllo e accertamento nell’ambito delle verifiche fiscali da parte dell’agenzia delle Entrate: novità introdotta con il Decreto Salva Italia del Governo Monti per la lotta all’evasione fiscale e al nero.
L’articolo 11 del Decreto Salva Italia infatti impone agli istituti di credito, banche, poste, istituti finanziari di comunicare con l’invio telematico tutte le informazioni relative ai conti correnti bancari dei correntisti clienti.
Dovrà essere emanato un apposito regolamento in tal senso che ne disciplinerà le modalità tecniche di compilazione ed invio dei flussi delle movimentazioni bancarie.

Come funzionano le verifiche sui conti correnti bancari

Il flusso di informazioni tra le banche e l’Agenzia delle Entrate servirà ad indirizzare il controllo e le selezioni dei contribuenti da sottoporre a richieste di informazioni, accertamenti, accessi o verifiche anche se la domanda che ci si potrebbe porre è “nel concreto, come funziona?”, “quali saranno i contribuenti soggetti a controllo?”.
Un’ipotesi potrebbe essere quella di mettere a confronto la colonna dell’estratto conto scalare relativa alle entrate con la somma algebrica dei redditi dichiarati all’interno del 730 o delle dichiarazioni e, laddove evidenzino delle differenze superiori ad un certa soglia, far scattare la verifica. Tuttavia sta per uscire il provvedimento che dovrebbe definitivamente disciplinare l’utilizzo che l’agenzia delle entrate può fare con le risultanze delle comunicazioni che banche ed istituti di credito dovranno effettuare e che in estrema sintesi sarà quello di selezionare solo un insieme di contribuenti che presentano degli indici di movimentazione finanziaria anomali e per questo finiranno sotto una lente più grande del fisco. Ma non saranno oggetto di apposita e specifica indagine finanziaria se non con le stesse modalità che c’erano anche prima.

Come fa l’agenzia delle entrate a controllare i conti correnti

Con un il Sistema di interscambio dati (Sid) l’Agenzia delle Entrate recepisce le comunicazioni di tutti gli istituti di credito, banche, poste italiane e operazioni finanziarie su conto deposito titoli e/o obbligazioni; conto deposito a risparmio libero/vincolato; gestione collettiva del risparmio; gestione patrimoniale; certificati di deposito e buoni fruttiferi; cassette di sicurezza; carte di credito/debito; crediti di firma; finanziamenti; fondi pensione, flussi informatici in cui sono raccolte le informazioni sui consumi di milioni di contribuenti che passano sui conti correnti e il cui fine è quello di stabilire se il reddito dichiarato è in linea con le spese sostenute da ognuno di voi. Tutti questi dati andranno a confluire in un sistema dal nome simpaticissimo, Serpico che andrà ad analizzare le movimentazioni in entrata e uscita.


Saranno pertanto controllati i saldi iniziali e finali del contribuente è in particolare i pagamenti effettuati con carta o con bancomat, gli addebiti e gli accrediti diretti sul conto corrente ma soprattutto i prelevamenti in contanti perchè in realtà una delle cose che più interessa e su cui hanno più potere sono proprio questi in quanto con lo strumento del redditometro successivamente andranno a verificare se ci sono scostamenti e laddove vi siano e siano maggiori di una certa soglia allora quei prelevamenti in contanti saranno la base per la indeterminazione del reddito imponibile che il fisco considera da voi come quello presunto e su cui andranno ad applicarci le imposte, con sanzioni ed interessi.

Ricavi non dichiarati al fisco

Altro campanello d’allarme sarà ovviamente qualora da questi controlli vi siano entrate non dichiarate o non fatturate. Certamente non credo che vadano a contestare magari il regalo di mille o due mila euro fatto dal padre al figlio per la laurea o per comprare il motorino però vi segnalo che rappresentano comunque punti di osservazione.

Le esclusioni

Le esclusioni riguarderanno  i finanziamenti personali, i crediti e le garanzie personali ed i fondi pensioni che tanto sono già oggetto di controllo del redditometro per cui anche qui siete controllati mentre restano sotto controlli anche i depositi, i portafogli con strumenti finanziari, i titoli di Stato, i derivati, acquisti di oro e metalli preziosi.

Le tempistiche delle comunicazioni delle banche: 31 marzo di ogni anno

L’intervallo delle comunicazioni che effettueranno le banche il 31 ottobre sui dati relativi al periodo d imposta 2011, mentre il 31 marzo 2014 per le movimentazioni  avvenute dal primo gennaio al 31 dicembre 2012 e così via per ciascun anno. Questi però sono termini prorogati in quanto la scadenza naturale dell’adempimento è previsto per il 20 aprile dell’anno successivo a quello oggetti di controllo.

Oltre a questo ricordo brevemente che con il Decreto Salva Italia è prevista anche l’introduzione nel reato penale di false autocertificazioni e con questo si intende non solo la falsificazione di documento ma anche attestazioni e false risposte ai questionari dell’agenzia delle entrate. Ora v’è anche da dire che un contribuente alle prese con il diritto tributario e la complessità della materia potrebbe essere indotto in errore, ma si spera sempre che vi sia un’accoglienza ed una disponibilità da parte degli operatori dell’agenzia tesa a prendere in considerazione la buona fede dal contribuente rispetto invece ai veri evasori fiscali…

Quando scatta il penale per reati fiscali (articolo di approfondimento)

Si potrebbe pensare ad una violazione della privacy in quanto non tutti hanno piacere a sapere che c’è chi può guardare tutte le sue movimentazioni bancarie, con accesso alle informazioni non solo numeriche bensì anche qualitative ossia dove è stato effettuato un acquisto o sostenuta una spesa, ma c’è da sperare che l’analisi preliminare si fermi solo all’importazione delle informazioni numeriche. Il principio però che deve animare questo genere di riflessioni a mio avviso è sempre lo stesso: se non si ha nulla da nascondere non bisogna temere che vi siano sguardi indiscreti sulle proprie abitudini di acquisto e che esulano dalla reale finalità della legge, che è quella di recuperare reddito imponibile dichiarato dal contribuente e impedire il nero.

Il dramma dell’inversione dell’onere della prova a carico del contribuente

Vi riporto la sintesi della sentenza numero 9535 del 29 aprile 2011 (udienza del 10 febbraio 2011) Corte di cassazione, sezione tributaria in cui la rivista telematica dell’agenzia delle entrate afferma che il DPR n. 600 del 1973, art. 38, non impedisce, pure in presenza di dichiarazione formalmente regolare, l’accertamento in rettifica in forza di valutazioni condotte sulla base di presunzioni gravi, precise e concordanti, come nella specie. Infatti nel processo tributario, nel caso in cui l’accertamento effettuato dall’ufficio finanziario si fondi su verifiche di conti correnti bancari, è onere del contribuente, a carico del quale si determina una inversione dell’onere della prova, dimostrare che gli elementi desumibili dalla movimentazione bancaria non siano riferibili ad operazioni imponibili, ovvero che abbiano già scontato l’imposta, mentre l’onere probatorio dell’Amministrazione è soddisfatto, per legge, attraverso i dati e gli elementi risultanti dai conti predetti (cfr. anche Cass. n. 4589 del 26/02/2009, n. 1739 del 2007).
La documentazione bancaria rinvenuta durante i controlli è utilizzabile dall’amministrazione finanziaria per l’accertamento fiscale ma essendo solo degli indizi che devono essere supportati da altri elementi sono presunzioni relative.

Di questo dobbiamo avere paura e non dell’evasometro…..dell’abuso del diritto al contrario ossia della difficoltà e onerosità e talvolta impossibilità da parte del contribuente di provare la sua buona fede e estraneità ai fatti contestati dall’agenzia delle entrate.

Sistema degli strumenti contro la lotta all’evasione

Anche se sarà oggetto di un futuro articolo dedicato agli strumenti del legislatore fiscale per la lotta all’evasione fiscale, qui si può dire che con l’introduzione della comunicazione da parte delle banche degli estratti conto bancari (o solo movimentazioni bancarie, questo è ancora da chiarire) il sistema degli strumenti alla lotta all’evasione dovrebbe chiudersi in quanto questo era forse l’ultimo baluardo da abbattere per permettere ai verificatori e accertatori di avere tutti i dati a disposizione per ricostruire ragionevolmente il comportamento fiscale del contribuente.

Giurisprudenza a nostro favore

Vi riporto inoltre il testo di una sentenza (n. 21132 del 13 ottobre 2011 del 7 luglio 2011, Corte di cassazione, sezione tributaria – Pres. Bognanni, Rel. Botta in materia di iva in cui si chiarisce che in tema di Iva, l’utilizzazione dei dati acquisiti presso le aziende di credito, ai sensi del Dpr n. 633 del 1972, art. 51, comma 2, n. 2, non è subordinata alla prova che il contribuente eserciti attività d’impresa (o di lavoro autonomo): infatti, se non viene contestata la legittimità dell’acquisizione dei dati risultanti dai conti correnti bancari, i medesimi possono essere utilizzati sia per dimostrare l’esistenza di un’eventuale attività occulta (impresa, arte o professione) sia per quantificare il reddito ricavato da tale attività, incombendo al contribuente l’onere di dimostrare che i movimenti bancari che non trovano giustificazione sulla base delle sue dichiarazioni non sono fiscalmente rilevanti” (Cass. n. 9573 del 2007). La medesima presunzione opera per le imposte dirette ai sensi dell’art. 32, comma primo, n. 7) del Dpr 29 settembre 1973, n. 600.

Altra importante sentenza letta il 23 marzo 2015 sul sole24 ore è della Corte Costituzionale che si è sulla questione di legittimità costituzionale dell’art. 32, co. 1, numero 2, secondo periodo del D.P.R. 600/73, per come modificato dall’art. 1 della Legge n. 311/2004 (nel prosieguo “Finanziaria 2005”) e che in estrema sintesi argomenta sulla presunzione legale secondo cui i prelevamenti o gli importi riscossi nell’ambito di rapporti finanziari costituirebbero ricavi o compensi qualora il contribuente non ne indichi il beneficiario o se non risultino dalle scritture contabili.

Nella pratica si impedisce quasi di prelevare al professionista in quanto se cosi fate l’agenzia delle entrate potrebbe tassarvi il prelievo ai fini dell ‘Irpef Irap e Iva. La corte dichiarano “l’illegittimità costituzionale dell’art. 32, comma 1, numero 2), secondo periodo del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600…come modificato dalla…legge 30 dicembre 2004, n. 311…limitatamente alle parole o compensi” Vi consiglio comunque di leggerla.

Aggiornamento 2013: grazie anche all’opera di sensibilizzazione e di informazione di questo sito si è riusciti a rivedere le originali funzionalità di questo strumento che a mio avviso era al limite della lesione del diritto della privacy e si è arrivati a definire una bozza di provvedimento che sancisca definitivamente che il controllo dei conti correnti bancari e postali attuato dall’agenzia delle entrate attraverso la anagrafe dei conti correnti servirà solo ad individuare dei cluster o insieme di contribuenti da sottoporre successivamente ad indagini finanziarie e fiscali. In pratica non si andranno ad analizzare analiticamente ciascun conto corrente bensì sulla base di parametri di congruenza  si attiveranno degli allert nei database e si formeranno delle liste di contribuenti che saranno accertati con maggiore probabilità rispetto ad altri. Non sarà poi possibile analizzare le singole con maggiore facilità rispetto a prima.

Viene aggiunto inoltre che le stesse informazioni saranno utilizzate anche dalla Guardia di Finanza per le medesime finalità, anche in coordinamento con l’Agenzia delle Entrate, nonché dal Dipartimento delle Finanze, ai fini delle valutazioni di impatto e della quantificazione e del monitoraggio dell’evasione fiscale.

Evasomentro: cos’è e come funziona

Giusto per farvi capire il clamore che sta avendo una modifica alla norma che dovrebbe consentire all’agenzia delle entrate di affinare il controllo sui conti correnti e il cosiddetto evasometro. Nella pratica l’agenzia delle Entrate sta esaminando la movimentazione dei conti correnti che si sono movimentati per oltre un milione di euro l’anno. Al momento sarebbero meno di 200 le posizioni sotto osservazione.

L’agenzia delle Entrate potrà attingere all’Anagrafe dei conti correnti disciplinata e come disposto dall’art. 16-quater del Decreto Legge n. 119/2018 insieme alla Guardia di Finanza per la lotta ed il contrasto all’evasione
La novità consiste nella possibilità di utilizzare i dati macro aggregati per indirizzare la lotta all’evasione ma come prima non potrà per così dire frugare in ciascuna singola posizione. I risultati della ricerca saranno quindi utilizzati come prima solo per orientare gli accertamento fiscali dell’Ade e della Gdf.

Il nuovo articolo 16-quater del Decreto prevederà che “con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate, sentiti le associazioni di categoria degli operatori finanziarie il Garante per la protezione dei dati personali, sono stabilite le modalità della comunicazione di cui al comma 2, estendendo l’obbligo di comunicazione anche ad ulteriori informazioni relative ai rapporti strettamente necessarie ai fini dei controlli fiscali. Il provvedimento deve altresì prevedere adeguate misure di sicurezza, di natura tecnica e organizzativa, per la trasmissione dei dati e per la relativa conservazione, che non può superare i dieci anni”. Nella sostanza quindi si passa da un orizzonte temporale precedente limitata ai periodi accertabili fiscalmente ad un periodo di 10 anni.

Come si evince dal Decreto l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza “realizzano annualmente piani d’intervento coordinati sulla base di analisi di rischio sviluppate mediante l’utilizzo delle banche dati nonché di elementi e di circostanze emersi nell’esercizio degli ordinari poteri istruttori e d’indagine”.

Giusto anche sapere che troppi prelievi prestano il fianco a considerazioni inerenti l’eccessivo utilizzo di contante. Come sapete il Legislatore dal 2011 ha iniziato a modificare il limite di utilizzo de contante e non in ultimo la Legge di Bilancio 2020 ha ridotto ulteriormente il limite. Per approfondire puoi leggere articolo sul limite utilizzo del contante

Nuova sentenza 2014 contro il redditometro

Segnaliamo la sentenza 6 ottobre 2014, n. 228 della Corte Costituzionale che elimina la presunzione di imponibilità dei prelievi non giustificati da sportello per i lavoratori autonomi accertati ex articolo 32 del DPR 600 del 1973. In passato infatti e non poche vittime ha mietuto questa presunzione legale in forza della quale e con molta scioltezza si prendevano gli estratti conto, si andava a guardare i prelievi effettuati sul conto corrente e si sosteneva che quelli sarebbero andavano a remunerare fornitore pagati in nero per cui non sapendo di colpire si colpiva colui che aveva prelevato i soldi dallo sportello, applicando l’aliquota dell’imposta Irpef e affermando che quelle erano imposte evase. A queste si aggiungevano sanzioni ed interessi in forza dell’art. 32, D.P.R. n. 600 del 1973. Inutile dire poi che dietro quelle due parole “non giustificati” ci potrebbe essere dietro un modo di interpretazioni a cui si sono susseguite interpretazioni, sentenze etc etc.

Le altre misure e gli strumenti nella lotta all’evasione

Oltre alle misure messe a punto dal Decreto Salva Italia il sistema degli strumenti della lotta all’evasione era già stato novato dalle precedenti manovre del 2010 e del 2011. Parlo in primis del nuovo redditometro e dell’accertamento sintetico ma soprattutto dell’inversione dell’onere della prova a carico del contribuente, che di fatto ha consegnato il manico nella mani del Fisco attribuendo assoluto potere nella rideterminazione del reddito imponibile del contribuente che, in base ad una stima statistica del fisco, deve provare con enorme difficoltà in molti casi che quella ricostruzione in realtà non corrisponde al vero.
E’ il caso anche per le società ed i professionisti titolari di partita Iva degli studi di settore e dell’inasprimento delle pene connesse alle violazioni tributarie e alla possibilità di procedere ad accertamento anche in caso di corretta compilazione dello studio ma in presenza di un reddito imponibile dichiarato in Unico superiore al 10% del reddito accertato in caso di diversa compilazione dello studio.
Anche per quello che concerne l’esecutività dell’accertamento viene abbandonata la previsione di esecutività dopo l’iscrizione al ruolo in quanto l’atto di accertamento diviene esecutivo subito dopo i 60 giorni dalla notifica. Per ulteriori approfondimenti potete prendere spunto anche dalla circolare numero 83607/2012 del 19 marzo 2012 della Guardia di Finanza.

Pignoramento dei conti correnti bancari e postali

Leggi anche articolo su Pignoramento e confisca dei conti correnti bancari o postali per vedere come e quanto evitare che Equitalia pignori i vostri conti correnti bancari o postali o confischi beni mobili e immobili dove per beni deve intenerii l’accezione più ampia ricomprendendo anche azioni, quote o partecipazioni.

Limiti all’uso del contante e spesometro: le altri armi per scovare gli evasori

Oltre a questo c’è sempre da ricordare anche due altri importanti strumenti di raccolta di tutte le informazioni disponibili sui comportamenti del contribuente: lo spesometro, ossia la comunicazione delle operazioni effettuate dai contribuenti titolari di partita Iva e la riduzione all’utilizzo del contante che scende la cui soglia di tracciabilità del contante scende al di sotto dei mille euro.

MONEY TRANSFER

Vi sono poi altri strumenti per esportare denaro all’estero; molto utilizzato è il Money Tranfer di cui vi segnalo l’articolo di approfondimento dedicato proprio alla Guida al Money Transfer

Ulteriori punti

Le indagini bancarie dovranno supportare un accertamento e potranno servire per rettificare eventualmente i dati a cui è arrivata l’agenzia delle entrate. Il primo punto che vi potranno contestare saranno i prelievi che, paradosso, sono usati per determinare quanto avete evaso per loro, ossia prelievo 100, evado 100, pago le tasse più sanzioni su 100. Per cui dovrete dimostrare chi erano effettivamente i beneficiari di quel prelievo (io per esempio talvolta prelevo prima di andare al ristorante o uscire e non pago sempre con la carta per cui, a distanza di anni non è per niente facile dimostrare che sei andato al cinema o al ristorante e hai pagato in contanti…impossibile se non per un malato mentale che si tieni in fila tutti gli scontrini da quando è nato; il che mi fa sospettare di problemi mentali e non di evasione fiscale.

Inoltre le movimentazioni bancarie dovranno essere acquisite all’interno di una indagine autorizzata pena la nullità dell’accertamento qualora l’agenzia delle entrata ne sia entrato in possesso (escluso il caso in cui non siate state voi a consegnargliele spontaneamente) autorizzazione.

Novità 2017: Condono sui prelievi ed incassi

Vi segnalo le importanti novità contenuti nella Manovra economica di bilancio 2017 sul tavolo per gli evasori fiscali che potranno beneficiare del condono chiamato Voluntary Disclosure che consentirà dietro un forte risparmio di imposta di riportare i soldi in patria o di regolarizzare prelevamenti da sportello finalizzati a pagamenti in nero.

Riferimento normativo

Il riferimento normativo è contenuto nell’articolo 11 del Decreto legge 201 del 2011 anche ribattezzato Decreto Salva Italia 2012 intitolato emersione della base imponibile e più in particolare dell’articolo 11 comma 6 che recita: “6. Nell’ambito dello scambio informativo previsto dall’articolo 83, comma 2, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, l’Istituto Nazionale della previdenza sociale (INPS) fornisce all’Agenzia delle entrate ed alla Guardia di finanza i dati relativi alle posizioni di soggetti destinatari di prestazioni socio-assistenziali affinché vengano considerati ai fini della effettuazione di controlli sulla fedeltà dei redditi dichiarati, basati su specifiche analisi del rischio di evasione.

Successivamente nel 2015 è stata emanato apposito provvedimento Provvedimento 28 maggio 2015 – Dati oggetto della comunicazione che recita “Gli operatori finanziari, indicati all’articolo 7, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 605, comunicano all’Anagrafe Tributaria, a decorrere dal 2014, la giacenza media annua unitamente alle informazioni relative ai saldi e ai movimenti dei rapporti finanziari previste dal provvedimento del 25 marzo 2013 sulla base della tabella che costituisce l’allegato n. 1 al presente provvedimento.”

Già il provvedimento 25 marzo 2013 indicava che dovevano essere comunicato annualmente le seguenti informazioni, relative alla tipologia di rapporti contenuti nell’allegato 1, attivi nel corso dell’anno di riferimento:

a) i dati identificativi del rapporto, compreso il codice univoco del rapporto, riferito al soggetto persona fisica o non fisica che ne ha la disponibilità, inclusi procuratori e delegati, e a tutti i cointestatari del rapporto, nel caso di intestazione a più soggetti;

b) i dati relativi ai saldi del rapporto, distinti in saldo iniziale al 1° gennaio e saldo finale al 31 dicembre, dell’anno cui è riferita la
comunicazione;

c) per i rapporti accesi nel corso dell’anno il saldo iniziale alla data di apertura, per i rapporti chiusi nel corso dell’anno il saldo
contabilizzato antecedente la data di chiusura;

d) i dati relativi agli importi totali delle movimentazioni distinte tra dare ed avere per ogni tipologia di rapporto come indicato nella tabella allegato 1, conteggiati su base annua.

Tracciabilità del Contante
Guida pratica Spesometro 2011
Guida al Redditometro

Domanda

Considerando che per l’accesso all’archivio dei rapporti finanziari non è più previsto (per scopi di selezione)  il  processo autorizzativo,  quali sono le regole che consentono all’Agenzia l’accesso alla specifica sezione?

Risposta

L’articolo 11, comma 3, del decreto  legge  6  dicembre  2011,  n.  201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214  prevede che sia un Provvedimento direttoriale a stabilire, sentite  le  associazioni di categoria degli operatori finanziari ed il Garante per la protezione  dei dati personali, le modalità di  comunicazione,  nonché  adeguate  misure  di sicurezza, di natura tecnica e organizzativa, per la trasmissione dei dati e per il relativo trattamento. Con provvedimento del Direttore dovranno altresì individuarsi i  criteri per  l’elaborazione  con  procedure  centralizzate  delle  specifiche  liste selettive di contribuenti a maggior rischio di evasione di cui al successivo comma 4 della norma.


Valuta l'articolo
[Totale: 33 Media: 2.9]

33 Commenti

  1. Spesso poi il problema sollevato dall’agenzia delle entrate deve essere risolto con la consulenza di un commercialista che, giustamente, deve essere pagato dal contribuente. Ma il contribuente, anche quando ha ragione, non viene risarcito da nessuno. E questo non mi sembra giusto…

  2. Alla fine del 2009 affittai a correttissimo inquilino che ora se ne va un bilocale abitato da mia mamma fino alla sua morte. Mettemmo in un libretto postale al portatore intestato all’inquilino le 3 mensilità di deposito che ora egli andrà ad incassare in posta.
    Nè io nè lui sapevamo della restrizione a 1000€ di massimale voluta da Monti nel 2012 e, non avendo le Poste comunicato alcunchè all’inquilino, normalmente residente nell’appartamento, non lo estinguemmo. Ora nessuno, proprio nessuno, sa dirci se, reincassato l’importo di sua proprietà in Posta, all’intestatario verrà, entro qualche tempo, inviata dall’Erario cartella con multa pari all’entità del deposito o, addirittura di 3000€ o più. Ma è possibile che un uso, fino ad allora invalso e perfettamente legale e non certo motivato, a quanto posso rappresentarmi, da possibili riciclaggi, considerate le somme esigue versate, pari a 2-3 mensilità di deposito cauzionale, possano essere state oggetto di una simile persecuzione, senza perequazione sensata delle eventuali sanzioni? Non ci sono state class action in proposito dopo il 201 ? Come comportarsi per essere comunque equi (tra persone civili -normali- che si rispettano e si fidano dell’altro, non legalisti), a proprie spese, indipendentemente da quando il legislatore non lo è ? Grazie infinite.

  3. […] L’accesso ai conti correnti bancari è lo strumento di indagine ed accertamento messo a disposizione dell’Agenzia delle Entrate ed è sufficiente uno scostamento del 20% tra quanto dichiarato ai fini reddittuali e quanto “entrato” in banca per far scattare tutta una serie di presunzioni di evasione. Ma, anche se alcune recenti sentenze della Corte di Cassazione limitano alcune pratiche un po’ eccessive, a preoccuparsi non deve essere solo chi riceve e versa ma anche chi preleva e paga. Il prelevamento ingiustificato potrebbe infatti essere considerato alla stregua di un’entrata in nero. […]

  4. Vorrei capire una cosa:Se sposto una cifra di 30000 euro (risparmi di una vita) da un conto deposito a mio nome ad un altro conto deposito,sempre e solo a mio nome,ci sono problemi?Sarò soggetto a fornire spiegazioni?

  5. Quello che vuole salvo poi potere trovarsi a fornire spiegazioni per importo superiori a mille euro.

  6. vorrei sapere quanto i puo’ prelevare in contanti da un conto corrente o libretto di risparmio .grazie

  7. No, si tratta di un libretto nominativo intestato a me. Grazie della risposta rapidissima.

  8. No ci mancherebbe soprattutto se deriva da attività lecite dichiarate fiscalmente. L?unica cosa che le chiedo è se si tratta di libretti postali al portatore che seguono come legge dall’articolo una disciplina differente in quanto in estrema sintesi sono trattati come fossero liquidità pertanto hanno una normativa sull’antiriclaggio più stringente.

  9. Sto mettendo da parte, con il contributo dei miei genitori, mese per mese su un libretto postale una somma di denaro che servirà per gli studi all’estero di mio figlio. Questo potrebbe essere soggetto a controlli? Sono impiegata statale. Grazie.

  10. Buongiorno vorrei brevemente chiedere un’informazione riguardo la mia esperienza alcuni anni fa avevo una attività commerciale e allo stesso tempo ero impiegato come dipendente a tempo indeterminato e a tempo pieno per un’altra societa. Versavo contributi INPS come commerciate e con ritenuta sulla busta paga. Per dirla in breve su indicazione del dirigente INPS dell’ufficio di zona si è ritenuto sufficiente la contribuzione come dipendente. Quindi ho smesso di versare i contributi come commerciante e mi sono stati restituiti quelli versati in precedenza. Dopo qualche tempo l’agenzia delle entrate mi chiese i soldi non versati più le sanzioni, ma grazie alle motivazioni date da dirigenti dell INPS ho avuto ragione. Il problema è che da quel momento ogni anno sono sottoposto ad almeno 2/3 accertamenti fiscali nonostante abbia chiuso l’attività da oltre 5 anni e vivo di un normale stipendio. La mia sensazione è che ciò che mi riguarda sia vagliato con particolare cura. Quindi vi chiedo sono finito in qualche lista nera? E se si come posso fare a risolvere questa situazione che è motivo di ansia e di stress per me è per mia moglie? Grazie e mi scuso se mi sono dilungato

  11. Una curiosità,
    sono un pensionato e vorrei chiedere questo:da diversi anni faccio dei prelievi mensili per togliere soldi dal conto e tenerli materialmente in tasca sono un evasore per eventuali controlli?

  12. Lei ha ragione solo a metà in quanto non è che i politici non hanno controlli ci mancherebbe….certo hanno l’immunità che è una vergogna ma i controlli ce li hanno e come. Su Monti poi mi tocca nel profondo perchè pensi che a distanza di tre anni questi quattro che ora scorrazzano sulle poltrone ancora stanno cercando di scopiazzarlo malamente o di eliminare le norme che avevano permesso all’Italia riprendere la retta via. In sostanza…Monti lo dovrebbe ringraziare e se la dovrebbe prendere con qualcun altro, si fidi di me.

  13. Come al solito i controlli valgono solo per i cittadini onesti che già pagano e dichiarano tutto. Vorrei sapere come lo Stato controllerà i redditi oscuri della malavita, dei politici disonesti, degli Italiani ladri e ricchi che parcheggiano i loro panfili nei porti della Croazia (e affini) e i “paradisi fiscali” come li controlleranno?… e poi mi vengono a parlare dell’ipocrita legge sulla privacy!
    Io devo denunciare tutti i “ca…i” miei, mentre i rappresentanti pubblici, da noi votati, no? VERGOGNA, MONTI E TUTTI I SOCI-COMPARI!

  14. Capisco il rodimento da rientro post vacanze però perchè sostiene che avrei l’anello al naso. Se mi è sfuggito qualcosa siamo ben lieti di farci illuminare da lei, anche perchè se può essere d’aiuto a qualcuno o darci maggiori informazioni, spunti o anche semplicemente punti di vista diversi dal mio o dai lettori…ben vengano siamo qui apposta per confrontarci…se invece opterà per il silenzio, buon rientro e a presto.

  15. Beh, non sarebbe il minimo secondo lei. Se il suo vicino alzasse il materasso e tirasse fuori duecento mila euro lei non si chiederebbe dove li ha presi e soprattutto non si chiederebbe come mai li tiene a casa invece di investirli o depositarli su un conto corrente? Insomma non abbiamo mica l’anello al naso

  16. D’accordo… lo sapevamo, tutto deve passare per gli istituti di credito perchè l’obiettivo finale è il controllo totale dei movimenti. Magari dopo l’abolizione del contante.

    Mi viene in mente che ho qualche migliaio di euro di risparmi in contanti in casa. Ne deduco che se non li spendo e li versassi poi sul conto corrente, uno di questi giorni potrei essere chiamato a giustificare questa “anomalia”.

    Giusto?

  17. Mi sembra tanto la solita legge fatta all’italiana in modo superficiale , dove la mancata definizione in modo dettagliato di che tipo di dati esportare e il come catturare l’evasore , farà si che la legge sia esponga a cause per la violazione della privacy alle quali le banche si devono attenere.
    Ora il problema sara’ trovare una modalità di indagine che non vada a violare le ristrettive normative sulla privacy dell’individuo.

  18. Per la serie salviamo i ricchi e opprimiamo i poveri e la classe produttiva. Per salvare le speculazione finanziare delle banche, adesso azzannano i conti degli italiani. Privacy ? In Italia? Mai avuto diritti alcuni gli italiani. La costituzione italiana? roba da dittatori, non ci riconosce alcun diritto. Elezioni democratiche? Una presa per i fondelli Potere Referendario? Come ? Raccogliere mezzo milione di firme su carta nel 2011, quando siamo nell’era di internet? Come mai l’accesso democratico non si informatizza? Strano no? Alla fine per salvare il sistema monetario usuraio, si schiavizza completamente un popolo. Lo schema Ponzi deve sopravvivere, costi quel che costi…Anche se significhi ufficializzare il grande fratello orwelliano. Basta con la moneta debito, basta con denaro stampato a go-go elargito ai ricchi e accollato ai popoli e la classe produttiva, basta caste privilegiate. Basta Regole e Regolucce per costruire recinti ai furbi, alle banche e i soliti ricchi speculatori. Basta Tasse. Libertà!! Meno Male che Dio giudicherà questi corrotti alla fine dei giorni!! AMEN

  19. Vista la mole dei dati e per evitare di ripercorrere la via delle famose cartelle pazze, l’Agenzia delle Entrate definirà dei parametri di analisi piuttosto stringenti al fine di far emergere posizioni fiscali palesemente incoerenti. In ogni caso il solito idraulico/elettricista/falegname non verrà beccato a meno che non si compra barche e auto di lusso, etc. etc.
    Anche i grossi evasori non verranno beccati perché già da molto tempo si tutelano intestando barche e macchine di lusso a società più o meno di comodo.
    Briatore docet.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 33 Media: 2.9]
error: Questo contenuto è protetto