HOMEPAGE / Società e Redditi / IVA / Codici ATECO per la P.Iva: Cosa sono, Quali scegliere, Non sottovalutarli

Codici ATECO per la P.Iva: Cosa sono, Quali scegliere, Non sottovalutarli

I codici ATECO servono ad identificare delle classi di attività in base alla tipologia di attività svolta ai fini dell’aperta della partita Iva e sono richiesti al momento dell’apertura della partita Iva e sono definiti dall’ISTAT.

Definizione: cosa sono

I codici ATECO sono un sistema di classificazione delle attività economica che funziona ad albero e si articolo su cinque livelli e gradi di approfondimento. La struttura di classificazione è ad “albero” e parte dal livello 1, più aggregato distinto in 21 sezioni, fino a giungere al livello massimo di dettaglio, punto 6, comprendente 1.226 sotto categorie. La struttura gerarchica serve per guidare la scelta del contribuente che, per approssimazioni successive, partendo dalle sezioni arriverà a classificarsi nella specifica sotto categoria che meglio descrive la sua attività.

La classificazione è standardizzata a livello europeo fino alla quarta cifra, mentre le categorie e le sotto categorie rispettivamente livello 5 e 6) possono differire tra i singoli Paesi per meglio cogliere le specificità nazionali.

ATTENZIONE: non sottovalutate l’importanza di scegliere il corretto codice fiscale ATECO in quanto a questi sono agganciati i vecchi studi di settore o parametri o nuovi codici di affidabilità economica. Cosa sono questi indici e a cosa servono. Molti di voi sicuramente li conosco altri invece li sentono nominare per la prima volta.

In base funziona così: voi dichiarate una serie di informazioni qualitative (costi, ricavi, personale utilizzato, ore di lavorazione etc) e in base a queste informazioni per il fisco dovrete dichiarare almeno X ricavi. Se non li dichiarate e siete molto al di sotto della soglia vi inviano un bell’avviso di accertamento automatico chiedendovi spiegazioni e se non soddisfate le richieste vi richiedono le tasse sul differenziale tra quanto da voi dichiarato come ricavo e quanto per loro è quello corretto.

Presto, al pari della fine che ha fatto il redditometro, moriranno a mio modesto avviso perchè frutto di assunzioni contestabili in sede di contenzioso per cui come al solito funziona perchè purtroppo molti contribuenti sono ignoranti e preferisco pagare qualsiasi cosa gli venga contestata dall’agenzia delle entrate senza domandarsi cosa fare.

Se proprio si vuole proseguire con questo ragionamento distorto da parte del fisco allora che si ragioni in modo bi direzionale: se dichiara di meno della media pago di più ma se dichiaro invece più della media allora verso di meno ok? oppure mi viene riconosciuto un credito di imposta. Che ne dite? Non sottovalutateli quindi…

Nel seguito sono descritti i codici ATECO che sono divisi in famiglie o classi di attività macro. Al loro interno sono declinate sotto classi di attività cona la specifica spiegazione del contenuto.

Consiglio: laddove non troviate precisamente l’attività che state cercando non posizionatevi du una diversa perchè potrebbe avere caratteristiche in termini di costi, ricavi, tempi di lavorazione e risorse molto diverse dalla vostra e potrebbe esporvi ad accertamento fiscali sulla base delle ricostruzioni automatiche dei ricavi minimi stimati dal fisco.

I contribuenti devono utilizzare, negli atti e nelle dichiarazioni da presentare all’Agenzia delle Entrate, i codici attività indicati nella tabella di “Classificazione delle attività economiche – ATECO 2007“. P

er conoscere gli obiettivi e la struttura di questa classificazione si rinvia a Presentazione della classificazione Ateco 2007 – pdf

Tecnicamente la classificazione si articola in cinque livelli, comprendenti, rispettivamente, le voci identificate da un codice:

  1. alfabetico (sezioni);
  2. numerico a due cifre (divisioni);
  3. numerico a tre cifre (gruppi);
  4. numerico a quattro cifre (classi);
  5. numerico a cinque cifre (categorie);
  6. numerico a sei cifre (sotto categorie).

Nel seguito le macro attività che contraddistingue i codice ATECO. Altro interno si aprono le sotto categorie:

  1. Agricoltura, silvicoltura, pesca ed estrazione di minerali da cave e miniere [ div. da 01 a 09 ]
  2. Manifattura (produzione / fabbricazione di beni) [ div. da 10 a 32 ]
  3. Riparazione / manutenzione prodotti e macchine / installazione apparecchiature industriali [ div. 33 ] (x riparazione computer ed elettronica di consumo vedi div. 95)
  4. Fornitura energia / acqua – gestione reti fognarie – trattamento rifiuti – risanamento ambiente [ div. da 35 a 39 ]
  5. Edilizia / ingegneria civile ( installazione manutenzione e riparazione impianti in edifici o in altre opere di costruzione) [ div. da 41 a 43 ]
  6. Commercio di beni (e riparazione autoveicoli e motocicli) [div. da 45 a 47 ]
  7. Trasporti / magazzinaggio e infrastrutture del settore [div. da 49 a 53 ]
  8. Alloggio e ristorazione (comprese pasticcerie e gelaterie) [div. da 55 a 56 ]
  9. Editoria / cinema / tv / radio / musica [ div. da 58 a 60 ]
  10. Telecomunicazioni / informatica / serv.di informazione (ag.stampa ) [ div. da 61 a 63 ]
  11. Finanza e assicurazioni e ausiliari [div. da 64 a 66 ]
  12. Attività immobiliari [div. 68 ]
  13. Attività legali / contabilità/ cons, aziendale / p.r ./ architettura e ingegneria; collaudi ed analisi tecniche / pubblicita’ e ricerche di mercato [ div. da 69 a 73 ]
  14. Altre attività professionali tecniche, industriali e di altri settori / consulenza e intermediazione in vari ambiti / veterinari [ div. da 74 a 75 ]
  15. Servizi: noleggio, ricerca / selezione personale, ag. viaggi, vigilanza , servizi ad edifici (pulizia), cura del paesaggio, servizi di supporto a imprese, fiere e convegni [div. da 77 a 82 ]
  16. Istruzione, sanità e assistenza sociale [ div. da 85 a 88 ]
  17. Arte e intrattenimento / sport / divertimento / lotterie e scommesse [ div. da 90 a 93 ]
  18. Riparazione a beni di uso personale e casa (compreso computer ed elettronica di consumo) / servizi per la persona [div. da 95 a 96 ]

Come scegliere il codice corretto

In pratica partite dalla categoria generica e andate sempre più nel specifico. Nel seguito vi segnalo il servizio gratuito della union camere che in base funziona partendo dalle macro classi e andando ad individuare le sotto categorie e la descrizione per ciascuno specifico codice. Il servizio consente la ricerca anche  per parola ed è gratuito.

Servizio di Infocamere, per l’individuazione dell’attività secondo la classificazione ATECO

Nel tempo la classificazione è cambiata per cui ne seguito trovate la tabella di raccordo tra vecchi e nuovi codici ATECO

Tabella di raccordo codici Ateco 2007/Atecofin 2004 – pdf  (127 KB)

Normativa e prassi

Provvedimento del 16/11/2007 – pdf  – Classificazione delle attività economiche da utilizzare in tutti gli adempimenti posti in essere con l’Agenzia delle Entrate (pubblicato in G.U. del 21/12/2007)

Risoluzione n. 262 del 24/06/2008 – pdf  – Risposte a quesiti in merito alla indicazione dei codici di classificazione delle attività economiche a seguito dell’adozione della nuova tabella ATECO 2007

Costi partita IVA: le spese di apertura, fisse e annuali

Apertura partita Iva con Regime forfettario dei Contribuenti Minimi: La Guida Fiscale, i vantaggi e le novità

Iniziare la propria attività: i passi da seguire per la libera professione e Lavoro Autonomo

 

Valuta l'articolo
[Totale: 7 Media: 3.6]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.