HOMEPAGE / Fisco Auto e Veicoli / Calcolo Bollo 2019 per Auto GAS, Benzina, Diesel, Elettriche, Leasing, Disabili, Minicar

Calcolo Bollo 2019 per Auto GAS, Benzina, Diesel, Elettriche, Leasing, Disabili, Minicar

bollo autoIl bollo auto 2019 è una tassa regionale automobilistica indiretta che grava sul possesso delle autovetture, macchine motocicli, scooter, motocarrozzette, quadricicli o simili e varia in base alla cilindrata e alla classe ambientale euro o, euro 1, euro 2, euro 3, euro 4, euro 5, euro 6 e che è stato oggetto di modifiche da parte del Governo Monti in passato che ha introdotto due super bolli sulle auto o addizionali Irpef per aumentare la tassazione sulle auto di grande cilindrata e anche alla luce del nuovo condono 2019 sul bollo auto che coinvolge anche i tributi regionali come questo introdotto con il Decreto Fiscale 119 del 2018.

Un Tempo si chiamava tassa di circolazione perchè lo dovevano pagare solo le auto autorizzate a circolare su strada. Oggi invece grava sul possesso così lo devono pagare anche quelle non autorizzate. Avete visto come se cambiamo anche solo una parola aumenta il gettito? Siete contenti? La tassa di circolazione è stata introdotta dal DPR n. 39/1953 e modificata dalla Legge n.99/2009 che lo ha trasformato in bollo auto.

Cos’è e come funziona il bollo auto 2019

Come funziona il calcolo del bollo auto, quando è la scadenza e come si paga sono le principale domande a cui il contribuente italiano che possiede e non solo che lo ha di proprietà si deve trovare a fare per evitare il pagamento di sanzioni, multe e more aggiuntive e vedersi recapitare un accertamento fiscale dalle Regione o una cartella di pagamento dall’agenzia delle entrate o della riscossione. Già dalla prima parola “possesso” potete comprendere che non parliamo necessariamente del soggetto che risulta proprietario al PRA dei veicolo ma anche per coloro che lo hanno in locazione finanziaria, leasing (anche se spesso è compreso nella rata mensile o trimestrale che pagate), noleggio a lungo termine o full rent o anche in comodato.

La domanda classica che fanno i lettori è: devo pagare il bollo anche se tengo la macchina o la moto tutto l’inverno in garage? La risposta ora credo la sappiate dare senza il mio aiuto. Comunque è SI, dovrete pagarlo ugualmente. E’ sufficiente essere proprietari di un’auto immatricolata in Italia e iscritta al PRA nella regione di residenza del soggetto proprietario. Per questo anche la riscossione ovvero un ipotetico accertamento fiscale sarà notificato dalla Regione Fanno eccezione il Friuli Venezia Giulia e la sardegna la cui riscossione avverrebbe tramite l’agenzia delle entrate.

Per quello che concerne le modalità di calcolo la quantificazione può essere effettuata on line in base ai Kw, kilowat o kilowattora ovvero ai cavalli fiscali del veicolo.

Ultime notizie sul bollo auto 2019

Fissiamo poi alcuni concetti importanti così da qui e per il futuro saprete gestire in completa autonomia sia il calcolo sia anche l’eventuale omesso versamento o pagamento in ritardo del bollo auto. Se avete ritardato nel pagane on allarmatevi perchè potete utilizzare il ravvedimento del bollo auto che in pratica vi consente di pagare una sanzione ridotta. Se invece vi siete scordati il pagamento di boli di anni precedenti allora verificate la possibilità di fare il condono sul bollo auto o sfruttare la rottamazione ter 2019 introdotta con il decreto fiscale 2018. Nella sostanza le cartelle di pagamento aventi ad oggetto la tassa automobilistica o il bollo auto affidate a Equitalia o Agenzia della riscossione dal 2010 fino al 2017 saranno rotabili con il pagamento del solo tributo e non anche delle more e degli interessi a saldo e stralcio e senza avere più nulla a pretendere per il futuro ossia senza trucco e senza inganno.

Chi deve pagare il bollo auto: ambito soggettivo di applicazione

Il soggetto che deve versare il bollo per la sua auto sarà l’automobilista che risulta essere proprietario del mezzo ed iscritto al PRA nell’ultimo giorno di scadenza del bollo anche se, come vedremo il pagamento potrà gravare su altro soggetto qualora esistano dei contratti o degli accordi in base ai quali l’utilizzo spetta ad altro soggetto. Per esempio nel caso di usufrutto lo dovrà pagare l’usufruttuario o se è concesso in leasing lo dovrà pagare l’utilizzatore o possessore del. mezzo automobilistico.

Chi NON deve versare il bollo auto: soggetti esonerati dal tributo

Esistono particolari categorie di soggetti che non versano il bollo per l’auto in quanto esentate, e che sono principalmente quelle dello Stato date loro in uso, come anche ai diplomatici o ai consoli, quelli per i soggetti invalidi (compresi le carrozze, carrozzelle e simili elettriche e non, velocipedi o altra macchina a propulsione, indicati nella tabella A paerte II all.ta al DPR 633 del 1972). A dire il vero per i soggetti portatori di handicap la previsione del legislatore è molto più complessa per una serie di motivi che sono legati alla tipologia di handicap che permette il riconoscimento dell’esenzione dal bollo e del soggetto che ne fa richiesta e che approfondirò in un altro articolo che merita un maggiore approfondimento.

Come si effettua il calcolo del bollo auto: foglio di calcolo

Per effettuare il calcolo del bollo auto si deve tenere presente la tipologia del veicolo se classe ambientale euro 0, euro 1, euro 2, euro 3, euro 4, euro 5, euro 6 e il numero di kw o cavalli fiscali. A ciascuna categoria o classe ambientale si associa una tariffa da moltiplicare per il numero di cavalli fiscali o Kw. Come vedete il calcolo è piuttosto semplice questa volta (miracolo). Le tariffe sono espresse in Kw per cui se avete a disposizione solo i cavalli fiscali perchè per esempio il veicolo è molto vecchio e al tempo si utilizzava inserire sul libretto di circolazione solo i cavalli fiscali allora dovrete trasformarli in kw sapendo che un cavallo fiscale equivale a 0,74 Kw. Se non avete a disposizione neanche i cavalli fiscali ma avete almeno la cilindrata potete trovare in calce all’articolo la tabella che vi calcola in base alla cilindrata i cavalli fiscali.

Il calcolo della tassa automobilistica o ex tassa di circolazione si effettua in funzione delle tariffe vigenti valide per tutte le regioni attraverso la seguente tabella:

Classe Ambientale Importo fino a 100 Kw Importo oltre 100 Kw
Euro 0 3,00 euro 4,50 euro
Euro 1 2,90 euro 4,35 euro
Euro 2 2,80 euro 4,20 euro
Euro 3 2,70 euro 4,05 euro
Euro 4-5-6 2,58 euro 3,87 euro

Le tariffe diminuiscono con l’aumentare della classe ambientale perchè con l’aumentare della classe ambientale di appartenenza l’inquinamento si riduce.

Per capire come si effettua in pratica il calcolo del bollo auto prendiamo quindi il libretto di circolazione al punto 2 che ci dirà quanti sono i KW del veicolo e alla voce v. 9 vedremo quale è la classe ambientale di appartenenza del veicolo.

Se prendiamo per esempio un caso difficile e prendiamo un’auto euro 2 che non ha espressi i kw ma solo 76 cavalli fiscali. Dovremo prima rapportare i cavalli fiscali in Kw con l’operazione  76 X 0.74 = 56 per la tariffa pari a 2,80. Questo ci porta ad un risultato del bollo pari a 157 euro.

Importante: Il calcolo del bollo per le auto con più di 100 kw avviene in modo leggermente diverso in quanto solo i kw che eccedono i 100 sottostanno alla tariffa maggiorata che trovate nella colonna di destra della tabella sopra riportata e non tutti.

Supponiamo altro esempio riprendendo l’auto di prima; se avesse avuto 120 kw avremo avuto il seguente calcolo:

(100 X 2,80) + (20 x 4,20) = 280 + 8,40 = 288,40 euro di bollo

Superbollo Auto: Per i veicolo con oltre 185 Kw o 250 cavalli fiscali scatta anche il super bollo le cui tariffe e modalità di calcolo le trovate in un articolo ad hoc in calce a questo.

Esistono poi due grandi fattispecie che sono rappresentate dal:

Pagamento del bollo per l’auto usata

Pagamento Bollo auto nuova

Vi anticipo comunque che, se state andando ad acquistare un’autovettura per un disabile, dovete farla intestare al soggetto portatore di handicap o al soggetto che ce l’ha a carico nella dichiarazione dei redditi, altrimenti rischiate di non vedervi riconosciuta l’agevolazione fiscale… sempre che ne venga fatta esplicita richiesta tramite raccomandata, ecc, ecc.

Veicoli elettrici: esenzione del bollo auto per 5 anni

I veicolo elettrici godono dell’esenzione dal pagamento del bollo, esenzione quinquennale dal pagamento della tassa automobilistica, ed è valido sia per le auto sia per i ciclomotori o motocicli. Negli anni successivi, trascorso il quinquennio, si avrà una decurtazione comunque del 75% del bollo da versare.

Veicoli a GAS o GPL

Per gli autoveicoli con propulsione a metano o a GPL sarà possibile godere di una agevolazione fiscale che questa volte esercita i suoi effetti sulla base imponibile su cui applicare l’imposta di bollo in quanto sarà prevista una decurtazione pari al 75% del bollo auto. L’importante vi ricordo che il dispositivo GPL sia conforme alle direttive Europee per la circolazione degli automezzi e che dovrete farvi spiegare dal soggetto venditore.

Frequenza del pagamento delle tasse automobilistiche: Ogni quanto si versa il bollo auto

scadenze bollo auto 2019La tassa automobilistica basata sul possesso delle auto si versa annualmente ed è a carico del proprietario dell’auto. Inutile dire che già in una sola frase emergono due dubbi applicativi: uno legato alla scadenza che alcuni pensano sia annuale ma che decorrerà dalla data di acquisto altri che pensano scatti dalla data di prima immatricolazione.
Lo stesso genere di dubbi nasce anche dalla circostanza su chi sia il soggetto tra acquirente e venditore che deve pagare il bollo o anche se sia il concessionario a doverlo versare.

Per il Piemonte e la Lombardia la scadenza del bollo è il 31 dicembre dell’anno successivo per cui per il 2018 sarà il 31 dicembre 2019, mentre per il 2019 sarà il 31 dicembre 2020.

Il PRA o in alternativa le ex Motorizzazioni

Acqsuito auto usata e mancato pagamento del bollo auto

Per scovare chi non paga il bollo auto si fa riferimento al Pubblico registro Automobilistico o PRA ed in assenza di iscrizione del mezzo si farà riferimento alle risultanze delle vecchie motorizzazioni automobilistiche per cui una soluzione al momento dell’acquisto di un’autovettura usata potrebbe essere quello di farvi fare un fotocopia dell’ultimo bollo pagato versato per stare sereni

Automezzi di società di leasing

I pagamento del bollo è carico del proprietario dell’autovettura sempre secondo lo stesso concetto visto sopra basandosi sull’iscrizione al PRA; pertanto tra i due soggetti obbligato sarà il soggetto proprietario del mezzo.

La tassa di circolazione delle MINICAR

Le Minicar non versano il bollo auto ordinario in quanto nel loro caso si parla di tassa di circolazione essendo legato il pagamento all’utilizzo come accade per la tuo storiche ed ai ciclomotori. Il pagamento dovrebbe avvenire entro il 31 gennaio di ciascun anno ed ha valore annuale ma da intendersi come anno solare per cui avrà scadenza il 31 dicembre di ciascun anno e perciò il pagamento dovrebbe essere effettuato entro la scadenza massima del prossimo 31 gennaio. A tal proposito potete leggere l’articolo dedicato proprio al pagamento del

bollo o tassa di circolazione delle MINICAR

Fattispecie particolari: esenzioni e riduzioni del bollo o della tassa automobilistica

Ma esistono anche delle riduzioni del bollo a seconda dell’utilizzo che se ne fa del mezzo come per esempio le macchine per la scuola guida che versano solo il 60% del bollo auto, calcolato secondo le tariffe ordinarie, oppure il 50% per i veicoli per il trasporto di merci, alimentari ecc (quelli solitamente di peso inferiore alle 12 tonnellate).

CALCOLO BOLLO AUTO ACI (on line e gratuito)

Vi ricordo sempre e comunque di dare uno sguardo al sito della regione di vostra immatricolazione, che potrebbe prevedere delle addizionali aggiuntive o anche delle esenzioni o anche delle limitazioni agli stessi scnti sopra per cui controllare è sempre meglio

SUPER BOLLO AUTO SUV o GRANDE CILINDRATA

Cilindrata (cm³) CV fiscali (Cavalli Fiscali)
da 19,8 a 57,1 1
da 57,2 a 106,1 2
da 106,2 a 164,8 3
da 164,9 a 231,8 4
da 231,9 a 306,4 5
da 306,5 a 387,8 6
da 387,9 a 475,6 7
da 475,7 a 569,5 8
da 569,6 a 669,0 9
da 669,1 a 774,0 10
da 774,1 a 884,1 11
da 884,2 a 999,2 12
da 999,3 a 1119,1 13
da 1119,2 a 1243,6 14
da 1243,7 a 1372,5 15
da 1372,6 a 1505,8 16
da 1505,9 a 1643,3 17
da 1643,4 a 1784,9 18
da 1785,0 a 1930,5 19
da 1930,6 a 2080,1 20
da 2080,2 a 2233,4 21
da 2233,5 a 2390,4 22
da 2390,5 a 2551,1 23
da 2551,2 a 2715,4 24
da 2715,5 a 2883,2 25
da 2883,3 a 3054,5 26
da 3054,6 a 3229,1 27
da 3229,2 a 3407,1 28
da 3407,2 a 3588,4 29
da 3588,5 a 3772,8 30
da 3772,9 a 3960,5 31
da 3960,6 a 4151,2 32
da 4151,3 a 4345,1 33
da 4345,2 a 4542,0 34
da 4542,1 a 4741,9 35
da 4742,0 a 4944,7 36
da 4944,8 a 5150,5 37
da 5150,6 a 5359,2 38
da 5359,3 a 5570,7 39
da 5570,8 a 5785,0 40
da 5785,1 a 6002,1 41
da 6002,2 a 6221,9 42
da 6222,0 a 6444,5 43
da 6444,6 a 6669,8 44
da 6669,9 a 6897,7 45
da 6897,8 a 7128,2 46
da 7128,3 a 7361,4 47
da 7361,5 a 7597,2 48
da 7597,3 a 7835,5 49
oltre 7835,6 50

Bollo per auto usata: chi deve pagare la tassa di circolazione?

Pagamento bollo auto nuova: a chi e come pagare la tassa di circolazione, ed esenzioni

Nuovo Super Bollo sulle auto grossa cilindrata e SUV

Valuta l'articolo
[Totale: 11 Media: 3.5]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

1 commento

  1. guida veloce ma completa. complimenti!

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.