Enasarco: cos’è, contributi, pensione e Firr

cassa previdenziale per denaroL’Enasarco è una cassa previdenziale integrativa, ma obbligatoria, a cui devono essere iscritti i rappresentati di commercio e gli agenti.
Ecco come funzione, chi deve iscriversi e cosa sia nella sua interezza.

Cos’è l’Enasarco, esattamente?
I rappresententi ed agenti di commercio in Italia sono gli unici lavoratori che devono obbligatoriamente essere iscritti a due enti previdenziali. La legge prevede per questi lavoratori autonomi l’obbligo di iscriversi alla gestione separata INPS a cui devono essere versati i contributi e all’Enasarco (Ente nazionale di assistenza per gli agenti e i rappresentanti di commercio). Questo ente nasce nel 1938, ma la disciplina che ora si vedrà è successiva alla modifica del 1996 che ha portato alla privatizzazione dell’ente e alla nascita di un Fondo dove devono essere versati i contributi integrative e obbligatori. Il contributo viene calcolato tenendo in considerazione tutte le somme percepite da agenti e rappresentanti nell’ambito delle loro attività. Tra queste si ricordano le principali, cioè:

  • le provvigioni quindi l’entrata principale di tali professionisti basate sull’ammontare dei contratti conclusi per le aziende mandatarie
  • i rimborsi spese, ad esempio i rimborsi di carburante o spese varie come cancelleriap
  • Premi di produzione, cioè gli incentivi che l’agente e il rappresentante ricevono dalle aziende in base ai risultati ottenuti
  • l’indennità di mancato preavviso

A quanto ammontano i contributi e chi li versa

Deve essere sottolineato fin da subito che sarà la ditta mandante a doversi fare carico di eseguire i versamenti, questo implica che tratterrà le somme da quanto dovuto all’agente e le verserà ad Enasarco in qualità di sostituto e proprio per questo il rischio di evasione è piuttosto ridotto. Stabilire l’ammontare esatto del contributo da versare non è semplice perché devono essere tenute in considerazione le aliquote che cambiano di anno in anno, i minimali e i massimali. Ad esempio per il 2017 l’aliquota prevista era del 15,55%, nel 2018 sale al 16%, per il 2019 si applica l’aliquota del 16,50%, mentre per il 2020 è previsto l’ulteriore aumento di mezzo punto percentuale che porterà l’aliquota a raggiungere il 17%.
Il 3% di tale aliquota viene separata dal resto del fondo e viene contabilizzata come contributo di solidarietà, mentre la rimanente parte andrà a costituire la futura pensione.

Si è anticipato che i contributi versati hanno anche un ammontare minimo e uno massimo, queste somme quindi sono indipendenti dai reali guadagni. I minimali e i massimali vengono determinati annualmente in base agli indici ISTAT dei prezzi al consumo calcolati per impiegati e operai. In poche parole dipendono dal costo della vita delineato tramite il “famoso” paniere ISTAT. Il minimo e il massimo da versare dipendono, infine, dall’essere agente o rappresentante mono-mandatario o pluri-mandatario. Nel primo caso il minimo da versare per il 2019 è di 836 euro, mentre il massimo di contributo da pagare è 37.500 euro. Per gli agenti plurimandatario la quota minima ammonta a 418 euro, mentre la massima a 25.000 euro.

La pensione Enasarco

Versare contributi a un ente previdenziale vuol dire avere in futuro delle prestazioni sociali che possano tenere al riparo da problemi economici. L’Enasarco prevede due tipologie di prestazioni. La prima è la pensione di vecchiaia, rispetto alle norme generalmente conosciute, questa ha regole parzialmente diverse. Anche in questo caso ci sono due regole applicabili. La prima prevede per gli uomini la possibilità di andare in pensione dopo aver maturato 20 anni di contribuzione e 65 anni di età. Parzialmente diversa è la regolamentazione per l’accesso alla pensione di vecchiaia per le donne che possono usufruirne a 63 anni, sempre dopo aver versato almeno 20 anni di contributi. In alternativa vi è una pensione di vecchiaia calcolata con metodo simile alla quota 100 prevista per i lavoratori dipendenti, in questo caso si può però parlare di quota 92 o 86.

In breve per gli uomini è possibile andare in pensione nel caso in cui sommando età anagrafica e anni di contributi si raggiunge quota 92, mentre per le donne è necessario sommare età anagrafica e contributi e raggiungere quota 87. Nel tempo però le condizioni per l’accesso al pensionamento tra uomini e donne devono essere parificate in modo graduale. La parificazione deve avvenire entro il 2022.

Oltre alla pensione di vecchiaia è prevista anche la rendita integrativa Enasarco introdotta nel 2012. La stessa spetta agli iscritti che abbiano versato contributi, ma non hanno maturato quanto necessario per l’accesso alla pensione di vecchiaia. Per ottenere questa rendita è necessario avere almeno un’anzianità contributiva di 5 anni mentre l’ammontare viene calcolato su quanto effettivamente versato ridotto del 2% per ogni anno mancante al raggiungimento di quota 92. Per poter ottenere questa rendita è necessario anche un altro requisito e cioè aver compiuto 67 anni di età. Un’importante novità è data dal fatto che anche la rendita contributiva è reversibile quindi il coniuge sopravvissuto potrà ottenere una quota del contributo.

Enasarco FIRR: di cosa si tratta

Il FIRR è un Fondo Indennità di Risoluzione Rapporto, può essere considerato l’equivalente del TFR corrisposto ai lavoratori dipendenti. Nel calcolo di quanto effettivamente spettante al singolo agente o rappresentante di commercio devono essere tenuti in considerazione diversi parametri. In particolare il tipo di mandato, pluri-mandatario o mono-mandatario, le provvigioni maturate l’anno antecedente rispetto a quella della risoluzione del rapporto, la durata del mandato da cui si cessa. Anche in questo caso, come nel TFR le somme sono accantonate presso l’Enasarco in seguito ai versamenti eseguiti dai committenti a favore dei propri agenti. Al momento della risoluzione del contratto le somme vengono richieste attraverso il sito dell’ente.

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

1 commento

  1. Salve avrei bisogno di alcune informazione in merito alla mia situazione con rapporto con Enasarco

    quindici anni di contributi cosa dovrei fare per ottenere la pensione nato il 28/06/1943

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

6,079FansMi piace
4FollowerSegui
12,409FollowerSegui
356FollowerSegui

Articoli più commentati

articoli correlati

error: Questo contenuto è protetto