HOMEPAGE / Società e Redditi / IVA / Le aliquote Iva

Le aliquote Iva

IvaLe aliquote Iva sono suddivise in tre gruppi, quello per l’ordinaria del 22%, quello con le agevolate al 10% ed infine quello con le aliquote IVA al 4%: in questo articolo vediamo in sintesi quali sono e dove troverete i link agli articoli di approfondimento correlati. ;-)

Novità sulle aliquote Iva

Con la Manovra di Ferragosto l’aliquota ordinaria per le operazioni dal 17 settembre hanno subito un incremento dell’aliquota ordinaria dal 20% al 21% per poi salire al 22% ma questa ormai è acqua passata e volgiamoci invece all’analisi delle altre fattispecie.

Le aliquote Iva agevolate al 4%

L’aliquota agevolata del 4% risponde all’esigenza del Legislatore di tutelare i consumi di alcune tipologie di beni come per esempio i beni di prima necessità, o prestazioni di servizi di utilità sociale (esempio l’acquisto di auto da parte di portatori di handicap) gli alimenti ma anche talune tipologie di prestazioni di servizi come quelle nel settore edile limitatamente a quelle che interessano alcune tipologie di immobili e alcune condizioni soggettive (agevolazioni prima casa).

La stessa aliquota IVA si applicherà per alcune tipologie di prestazioni socio sanitarie rese in favore di alcuni soggetti svantaggiati da cooperative e loro consorzi sia direttamente sia in base a contratti di appalto e a convenzioni che troverete indicate nell’articolo 10 del DPR 633 del 1972.

Vi ricordo che le parole in celeste vi rimandano agli articoli di approfondimenti o ai contenuti speciali o alle tabelle.

Le aliquote Iva al 4%

Vi segnalo che le aliquote iva agevolate al 4% le troverete nella Tabella A, Parte II  del DPR 633 del 1972

Lo stesso vale per le aliquote Iva al 10% che il Legislatore tutela per la loro natura e funzione sociale e che ritroviamo soprattutto come espressione di prestazioni di servizi svolte nel settore edile ma anche altre molto particolari come per esempio la gestione di impianti di fognatura o di depurazione oppure servizi di pulizia di caditoie o la rimozione del sedime dal fondo dei pozzetti stradali o la disostruzione dei sifoni e relativo smaltimento dei residui e adeguamento bocchette

PARTE II
ALTRI PRODOTTI

1)NUMERO SOPPRESSO DAL D.L. 13 MAGGIO 1991, N. 151, CONVERTITO CON
MODIFICAZIONI DALLA L. 5 LUGLIO 1991, N. 197;
2)NUMERO SOPPRESSO DAL D.L. 13 MAGGIO 1991, N. 151, CONVERTITO CON
MODIFICAZIONI DALLA L. 5 LUGLIO 1991, N. 197;
3) carni, frattaglie e parti, commestibili, congelate o surgelate
di conigli domestici, piccioni, lepri, pernici e fagiani (v.d. ex
02.04);
4) lardo, compresa la ventresca e compreso il grasso di maiale non
pressato ne’ fuso, fresco, refrigerato, congelato o surgelato, salato
o in salamoia, secco o affumicato; grasso di volatili congelato o
surgelato (v.d. ex 02.05 – ex 02.06); (26 A)
5) pesci, crostacei e molluschi, compresi i testacei (anche
separati dal loro guscio o dalla loro conchiglia), congelati o
surgelati (v. d. ex 03.01 – ex 03.03);
6) latte e crema di latte, conservati, concentrati o zuccherati (v.
d. 04.02);
7) uova di volatili e giallo di uova, essiccati o altrimenti
conservati, zuccherati o non, destinati ad uso alimentare (v.d. ex
04.05);
8) budella, vesciche e stomachi di animali, interi o in pezzi,
esclusi quelli di pesci, destinati all’alimentazione umana od animale
(v.d. ex 05.04);
9) ossa gregge, sgrassate o semplicemente preparate, acidulate o
degelatinate, loro polveri e cascami, destinati all’alimentazione
degli animali (v.d. ex 05.8);
10) prodotti di origine animale, non nominati ne’ compresi altrove
(v.d. 05.15);
11) ortaggi e piante mangerecce, anche cotti, congelati o surgelati
(v.d. 07.02);
12) ortaggi e piante mangerecce, esclusi i tartufi, disseccati,
disidradati o evaporati, anche tagliati in pezzi o in fette oppure
macinati o polverizzati, ma non altrimenti preparati (v.d. ex 07.04);
12-bis) basilico, rosmarino e salvia, freschi, destinati
all’alimentazione (v.d. ex 12.07)
13) frutta, anche cotte, congelate o surgelate, senza aggiunta di
zuccheri (v.d. 08.10);
14) caffe’, anche torrefatto o decaffeinato, e succedanei del
caffe’ contenenti caffe’ in qualsiasi proporzione; te’; mate (v. d.
ex 09.01 – 09.02 – 09.03);
15) paste alimentari; crackers e fette biscottate; pane, biscotto
di mare e altri prodotti della panetteria ordinaria anche contenenti
ingredienti e sostanze ammessi dal titolo III della legge 4 luglio
1967, n. 580, senza aggiunta di zuccheri, miele, uova o formaggio;
16) farine di legumi da granella secchi; farine di frutta; farina,
semolino e fiocchi di patate (v. d. 11.03 – 11.04 – 11.05);
17) farine e semolini di sago, di manioca, d’arrow-root, di salep,
di topinambur, di patate dolci e di altre simili radici e tuberi ad
alto tenore di amido o di inulina (v. d. 11.06);
18) giornali e notiziari quotidiani, dispacci delle agenzie di
stampa, libri, periodici, anche in scrittura braille e su supporti
audio-magnetici per non vedenti e ipovedenti, ad esclusione dei
giornali e periodici pornografici e dei cataloghi diversi da quelli
di informazione libraria, edizioni musicali a stampa e carte
geografiche, compresi i globi stampati;carta occorrente per la stampa
degli stessi e degli atti e pubblicazioni della Camera dei deputati e
del Senato della Repubblica; materiale tipografico e simile attinente
alle campagne elettorali se commissionato dai candidati o dalle liste
degli stessi o dai partiti o dai movimenti di opinione politica;
19) fertilizzanti di cui alla legge 19 ottobre 1984, n. 748;
organismi considerati utili per la lotta biologica in agricoltura;
20) glutine e farina di glutine, anche torrefatti (v. d. 11.09);
21) case di abitazione ad eccezione di quelle di categoria
catastale A1, A8 e A9, ancorche’ non ultimate, purche’ permanga
l’originaria destinazione, in presenza delle condizioni di cui alla
nota II-bis) all’articolo 1 della tariffa, parte prima, allegata al
testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro,
approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986,
n. 131 (a) . In caso di dichiarazione mendace nell’atto di acquisto,
ovvero di rivendita nel quinquennio dalla data dell’atto, si
applicano le disposizioni indicate nella predetta nota;
21-bis) costruzioni rurali destinate ad uso abitativo del
proprietario del terreno o di altri addetti alle coltivazioni dello
stesso o all’allevamento del bestiame e alle attivita’ connesse,
cedute da imprese costruttrici, ancorche’ non ultimate, purche’
permanga l’originaria destinazione, sempre che ricorrano le
condizioni di cui all’articolo 9, comma 3, lettere c) ed e), del
decreto-legge 30 dicembre 1993, n. 557, convertito, con
modificazioni, dalla legge 26 febbraio 1994, n. 133;
22) succhi ed estratti vegetali di luppolo, manna (v. d. ex 13.03)
;
23)strutto ed altri grassi di maiale pressati o fusi; grasso di oca
e di altri volatili, pressato o fuso (v.d. 15.01); (26)
24) beni, escluse le materie prime e semilavorate, forniti per la
costruzione, anche in economia, dei fabbricati di cui all’articolo 13
della legge 2 luglio 1949, n. 408, e successive modificazioni, delle
costruzioni rurali di cui al numero 21-bis) e, fino al 31 dicembre
1996, quelli forniti per la realizzazione degli interventi di
recupero del patrimonio pubblico e privato danneggiato dai movimenti
sismici del 29 aprile, del 7 e dell’11 maggio 1984;
25) NUMERO SOPPRESSO DAL D.L. 30 DICEMBRE 1993, n. 557, CONVERTITO
CON MODIFICAZIONI DALLA L.26 FEBBRAIO 1994, N. 133;
26) assegnazioni,anche in godimento, di case di abitazione di cui
al numero 21), fatte a soci da cooperative edilizie e loro consorzi;
27) altri grassi e oli animali destinati alla nutrizione degli
animali (v. d. ex 15.06); (39) (40)
28) oli vegetali destinati all’alimentazione umana od animale,
escluso l’olio d’oliva (v. d. ex 15.07);
29) oli e grassi animali o vegetali parzialmente o totalmente
idrogenati e oli e grassi animali o vegetali solidificati o induriti
mediante qualsiasi altro processo, anche raffinati, ma non preparati,
destinati all’alimentazione umana od animale (v. d. ex 15.12);
30) margarina, imitazioni dello strutto ed altri grassi alimentari
preparati (v. d. 15.13);
31) poltrone e veicoli simili per invalidi anche con motore o altro
meccanismo di propulsione (v.d. 87.11), intendendosi compresi i
servoscala e altri mezzi simili atti al superamento di barriere
architettoniche per soggetti con ridotte o impedite capacita’
motorie; motoveicoli di cui all’articolo 53, comma 1, lettere b), c)
ed f), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, nonche’
autoveicoli di cui all’articolo 54, comma 1, lettere a), c) ed f),
dello stesso decreto, di cilindrata fino a 2000 centimetri cubici se
con motore a benzina, e a 2800 centimetri cubici se con motore
diesel, anche prodotti in serie, adattati per la locomozione dei
soggetti di cui all’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104,
con ridotte o impedite capacita’ motorie permanenti, ceduti ai detti
soggetti o ai familiari di cui essi sono fiscalmente a carico,
nonche’ le prestazioni rese dalle officine per adattare i veicoli,
anche non nuovi di fabbrica, compresi i relativi accessori e
strumenti necessari per l’adattamento, effettuate nei confronti dei
soggetti medesimi; autoveicoli di cui all’articolo 54, comma 1,
lettere a), c) ed f), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285,
di cilindrata fino a 2000 centimetri cubici se con motore a benzina,
e a 2800 centimetri cubici se con motore diesel, ceduti a soggetti
non vedenti e a soggetti sordomuti, ovvero ai familiari di cui essi
sono fiscalmente a carico;
32) altre preparazioni e conserve di carni o di frattaglie ad
esclusione di quelle di fegato d’oca o di anatra e di quelle di
selvaggina (v. d. ex 16.02);
33) estratti e sughi di carne ed estratti di pesce (v. d. 16.03);
34) preparazioni e conserve di pesci, escluso il caviale e i suoi
succedanei; crostacei e molluschi (compresi i testacei) preparati o
conservati (v. d. ex 16.04 – 16.05);
35) prestazioni relative alla composizione montaggio, duplicazione,
legatoria e stampa anche in scrittura braille e su supporti audio-
magnetici per non vedenti e ipovedenti, dei giornali e notiziari
quotidiani, libri, periodici, ad esclusione dei giornali e periodici
pornografici e dei cataloghi diversi da quelli di informazione
libraria, edizioni musicali a stampa, carte geografiche, atti e
pubblicazioni della Camera dei deputati e del Senato della
Repubblica;
36) altri zuccheri, sciroppi, succedanei del miele, anche misti con
miele naturale, zuccheri e melassi caramellati, destinati alla
alimentazione umana od animale (v. d. ex 17.02); (62)
37) somministrazioni di alimenti e bevande effettuate nelle mense
aziendali ed interaziendali, nelle mense delle scuole di ogni ordine
e grado, nonche’ nelle mense per indigenti anche se le
somministrazioni sono eseguite sulla base di contratti di appalto o
di apposite convenzioni;
38) NUMERO ABROGATO DAL D.L. 4 GIUGNO 2013, N. 63, CONVERTITO CON
MODIFICAZIONI DALLA L. 3 AGOSTO 2013, N. 90; (146)(148)
39) prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto
relativi alla costruzione dei fabbricati di cui all’articolo 13 della
legge 2 luglio 1949, n. 408, e successive modificazioni, effettuate
nei confronti di soggetti che svolgono l’attivita’ di costruzione di
immobili per la successiva vendita, ivi comprese le cooperative
edilizie e loro consorzi, anche se a proprieta’ indivisa, o di
soggetti per i quali ricorrono le condizioni richiamate nel numero
21), nonche’ alla realizzazione delle costruzioni rurali di cui al
numero 21-bis);
40) cioccolato ed altre preparazioni alimentari contenenti cacao in
confezioni non di pregio quali carta, cartone, plastica, banda
stagnata, alluminio o vetro comune (v.d. 18.06); (28) (39)
41) estratti di malto (v. d. 19.01);
41-bis) NUMERO ABROGATO DALLA L. 24 DICEMBRE 2012, N. 228; (148)
41-ter) prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto
aventi ad oggetto la realizzazione delle opere direttamente
finalizzate al superamento o alla eliminazione delle barriere
architettoniche.
41-quater) protesi e ausili inerenti a menomazioni di tipo
funzionale permanenti; (116)
42) preparazioni per l’alimentazione dei fanciulli, per usi
dietetici o di cucina, a base di farine, amidi, fecole o estratti di
malto, anche addizionate di cacao in misura inferiore al 50 per cento
di peso (v. d. 19.02);
43) NUMERO SOPPRESSO DALLA L. 22 DICEMBRE 1980, N.889;
44) tapioca, compresa quella di fecola di patate (v. d. 19.04);
45) prodotti a base di cereali ottenuti per soffiatura o tostatura:
“piffed rice”, “corn flakes” e simili (v. d. 19.05);
46) NUMERO SOPPRESSO DALLA L. 22 DICEMBRE 1980, N.889;
47) prodotti della panetteria fine, della pasticceria e della
biscotteria, anche addizionati di cacao in qualsiasi proporzione (v.
d. 19.08);
48) ortaggi, piante mangerecce e frutta, preparati o conservati
nell’aceto o nell’acido acetico, con o senza sale, spezie, mostarda o
zuccheri (v. d. 20.01);
49) ortaggi e piante mangerecce (esclusi i tartufi) preparati o
conservati senza aceto o acido acetico (v. d. ex 20.02);
50) frutta congelata, con aggiunta di zuccheri (v. d. 20.03);
51) frutta, scorze di frutta, piante e parti di piante, cotte negli
zuccheri o candite (sgocciolate, diacciate, cristallizzate) (v. d.
20.04);
52) puree e paste di frutta, gelatine, marmellate, ottenute
mediante cottura, anche con aggiunta di zuccheri (v. d. 20.05);
53) frutta altrimenti preparate o conservate, anche con aggiunta di
zuccheri (v. d. ex 20.06);
54)NUMERO SOPPRESSO DAL D.L. 18 MARZO 1976, N. 46,CONVERTITO CON
MODIFICAZIONI DALLA l. 10 MAGGIO 1976, N. 249;
55) cicoria torrefatta ed altri succedanei torrefatti del caffe’ e
loro estratti (v. d. 21.01);
56) estratti o essenze di caffe’, di te’, di mate e di camomilla;
preparazioni a base di questi estratti o essenze (v. d. 2102 – ex
30.03);
57) farina di senapa e senapa preparata (v. d. 21.03);
58) salse, condimenti composti; preparazioni per zuppe, minestre,
brodi; zuppe, minestre, brodi, preparati; preparazioni alimentari
composte omogeneizzate (v. d. 21.04 – 21.05);
59) lieviti naturali, vivi o morti, lieviti artificiali preparati
(v. d. 21.06);
60) preparazioni alimentari varie (v. d. 21.07);
61) acqua, acque minerali;
62) NUMERO SOPPRESSO DAL D.L. 18 MARZO 1976, N. 46,CONVERTITO CON
MODIFICAZIONI DALLA L. 10 MAGGIO 1976, N. 249;
63) birra (v. d. 22.03);
64) vini liquorosi ed alcoolizzati; vini spumanti ad eccezione di
quelli portanti la indicazione “fermentazione naturale in bottiglia”
o equivalente, ovvero una denominazione di origine la cui
regolamentazione obbliga alla preparazione mediante fermentazione
naturale in bottiglia; vermouth ed altri vini di uve fresche e
aromatizzate con parti di piante o con sostanze aromatiche con
esclusione di quelli contenenti piu’ del ventuno per cento in volume
di alcole (v. d. ex 22.05 – ex 22.06);
65) aceti commestibili non di vino e loro succedanei (v. d. ex
22.10);
66) farine e polveri di carne e di frattaglie, di pesci, di
crostacei, di molluschi, non adatte all’alimentazione umana e
destinate esclusivamente alla nutrizione degli animali; ciccioli
destinati all’alimentazione umana od animale (v. d. ex 23.01);
67) crusche, stacciature ed altri residui della vagliatura, della
molitura o di altre lavorazioni dei cereali e dei legumi (v. d.
23.02);
68) polpe di barbabietole, cascami di canne da zucchero esaurite ed
altri cascami della fabbricazione dello zucchero; avanzi della
fabbricazione della birra e della distillazione degli alcoli; avanzi
della fabbricazione degli amidi ed altri avanzi e residui simili (v.
d. 23.03);
69) panelli ed altri residui della disoleazione dei semi e frutti
oleosi (v.d. ex 23.04);
70) foraggi melassati o zuccherati; altre preparazioni del genere
di quelle utilizzate nella alimentazione degli animali (v.d. 23.07);
71) NUMERO SOPPRESSO DALLA L. 22 DICEMBRE 1980, N. 889;
72) lecitine destinate all’alimentazione umana od animale (v.d. ex
29.04);
73) polveri per acque da tavola (v.d. ex 30.03);
74) pelli gregge, ancorche’ salate, degli animali della specie
bovina, ovina, suina ed equina (v.d. ex 41.01); (26)
75) saponi comuni;
76) gas ed energia elettrica per uso domestico;
77) fabbricati e porzioni di fabbricati di cui all’art. 13 della
legge 2 luglio 1949, n. 408, e successive modificazioni e aggiunte
case rurali, ceduti dalle imprese costruttrici; beni, ad esclusione
delle materie prime e semilavorate, forniti per la costruzione anche
in economia dei fabbricati stessi;
78) prodotti farmaceutici per la medicina umana o veterinaria,
inclusi i vaccini, nonche’ prodotti la cui vendita deve essere
obbligatoriamente effettuata dalle farmacie;
79) libri, compresi quelli di antiquariato; edizioni musicali a
stampa, carte geografiche; materiali audiovisivi e strumenti musicali
per uso didattico; periodici aventi carattere prevalentemente
politico o sindacale o culturale o religioso o sportivo; (28)
80) materiali e prodotti dell’industria lapidea in qualsiasi forma
o grado di lavorazione;
81) apparecchiature scientifiche la cui esclusiva destinazione alla
ricerca sia stata accertata dal Consiglio nazionale delle ricerche;
82) fertilizzanti e prodotti fitosanitari;
83) seme per la fecondazione artificiale del bestiame;
84) principi attivi per la preparazione ed integratori per mangimi;
85) prodotti di origine minerale e chimico-industriale ed additivi
per la nutrizione degli animali.
86) NUMERO SOPPRESSO DAL D.P.R. 29 GENNAIO 1979, N. 24. (50) (51)
(96)

Le aliquote Iva al 10%

lAnche queste le troverete nella Tabella A, Parte III  del DPR 633 del 1972

PARTE III
SERVIZI

1) Cavalli, asini, muli e bardotti, vivi, destinati ad essere
utilizzati nella preparazione di prodotti alimentari;
2) animali vivi della specie bovina, compresi gli animali del
genere bufalo, suina, ovina e caprina (v.d. 01.02; 01.03; 01.04);
3) carni e parti commestibili degli animali della specie equina,
asinina, mulesca, bovina (compreso il genere bufalo), suina, ovina e
caprina, fresche, refrigerate, congelate o surgelate, salate o in
salamoia, secche o affumicate (v.d. ex 02.01 – ex 02.06);
4) prestazioni rese ai clienti alloggiati nelle aziende
alberghiere, escluse quelle classificate di lusso, e nei parchi di
campeggio. (9)
5) prestazioni di servizi mediante macchine agricole o aeromobili
rese a imprese agricole singole o associate;
6) NUMERO SOPPRESSO DALLA L. 22 DICEMBRE 1980, N.889;
7) prestazioni di servizi effettuati in dipendenza di contratti di
appalto relativi alla costruzione dei fabbricati di cui al n. 77)
della parte seconda. (126)
8) prestazioni di servizi relativi alla fornitura e distribuzione
di calore-energia per uso domestico.
9) prestazioni di trasporto eseguite con i mezzi di cui alla legge
23 giugno 1927, n. 1110 e al regio decreto-legge 7 settembre 1938, n.
1696, convertito nella legge 5 gennaio 1939, n. 8. (38)
10-bis) pesci freschi (vivi o morti), refrigerati, congelati o
surgelati, destinati all’alimentazione; semplicemente salati o in
salamoia, secchi o affumicati (v.d. ex 03.01 – 03.02). Crostacei e
molluschi compresi i testacei (anche separati dal loro guscio o dalla
loro conchiglia), freschi, refrigerati, congelati o surgelati,
secchi, salati o in salamoia, esclusi astici, aragoste e ostriche;
crostacei non sgusciati, semplicemente cotti in acqua o al vapore,
esclusi astici e aragoste (v.d. ex 03.03); (49)
127-bis) somministrazione di gas metano usato per combustione per
usi civili limitatamente a 480 metri cubi annui; somministrazione,
tramite reti di distribuzione, di gas di petrolio liquefatti per usi
domestici di cottura cibi e per produzione di acqua calda, gas di
petroli liquefatti contenuti o destinati ad essere immessi in bombole
da 10 a 20 kg in qualsiasi fase della commercializzazione; (125)
127-ter) NUMERO SOPPRESSO DAL D.L. 4 LUGLIO 2006, N.223, CONVERTITO
CON MODIFICAZIONI DALLA L. 4 AGOSTO 2006, N. 248;
127-quater) prestazioni di allacciamento alle reti di
teleriscaldamento realizzate in conformita’ alla vigente normativa in
materia di risparmio energetico;
127-quinquies) opere di urbanizzazione primaria e secondaria
elencate nell’articolo 4 della legge 29 settembre 1964, n. 847,
integrato dall’articolo 44 della legge 22 ottobre 1971, n. 865; linee
di trasporto metropolitane tramviarie ed altre linee di trasporto ad
impianto fisso; impianti di produzione e reti di distribuzione
calore-energia e di energia elettrica da fonte solare-fotovoltaica ed
eolica; impianti di depurazione destinati ad essere collegati a reti
fognarie anche intercomunali e ai relativi collettori di adduzione;
edifici di cui all’articolo 1 della legge 19 luglio 1961, n. 659,
assimilati ai fabbricati di cui all’articolo 13 della legge 2 luglio
1949, n. 408, e successive modificazioni;
127-sexies) beni, escluse materie prime e semilavorate, forniti per
la costruzione delle opere, degli impianti e degli edifici di cui al
numero 127-quinquies);
127-septies) prestazioni di servizi dipendenti da contratti di
appalto relativi alla costruzione delle opere, degli impianti e degli
edifici di cui al numero 127-quinquies);
127-octies) NUMERO ABROGATO DALLA L. 15 DICEMBRE 2011, N. 217;
127-novies prestazioni di trasporto di persone e dei rispettivi
bagagli al seguito, escluse quelle esenti a norma dell’articolo 10,
numero 14), del presente decreto;
127-decies) francobolli da collezione e collezioni di Francobolli;
127-undecies) case di abitazione non di lusso secondo i criteri di
cui al decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 agosto 1969 (b),
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 218 del 27 agosto 1969, anche
se assegnate in proprieta’ o in godimento a soci da cooperative
edilizie e loro consorzi,ancorche’ non ultimate, purche’ permanga
l’originaria destinazione,qualora non ricorrano le condizioni
richiamate nel numero 21) della parte seconda della presente tabella;
fabbricati o porzioni di fabbricato, diversi dalle predette case di
abitazione, di cui all’articolo 13 della legge 2 luglio 1949, n. 408,
e successive modificazioni ed integrazioni , ancorche’ non ultimati,
purche’ permanga l’originaria destinazione, ceduti da imprese
costruttrici;
127-duadecies) prestazioni di servizi aventi ad oggetto la
realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria di cui
all’articolo 31, primo comma, lettera b), della legge 5 agosto 1978,
n. 457, agli edifici di edilizia residenziale pubblica;
127-terdecies) beni, escluse le materie prime e semilavorate,
forniti per la realizzazione degli interventi di recupero di cui
all’articolo 31 della legge 5 agosto 1978, n. 457, esclusi quelli di
cui alle lettere a) e b) del primo comma dello stesso articolo;
127-quaterdecies) prestazioni di servizi dipendenti da contratti di
appalto relativi alla costruzione di case di abitazione di cui al
numero 127-undecies) e alla realizzazione degli interventi di
recupero di cui all’articolo 31 della legge 5 agosto 1978, n. 457,
esclusi quelli di cui alle lettere a) e b) del primo comma dello
stesso articolo
127-quinquiesdecies) fabbricati o porzioni di fabbricati sui quali
sono stati eseguiti interventi di recupero di cui all’articolo 31
della legge 5 agosto 1978, n. 457, esclusi quelli di cui alle lettere
a) e b) del primo comma dello stesso articolo, ceduti dalle imprese
che hanno effettuato gli interventi; (54) (55)
127-sexiesdecies) prestazioni di gestione, stoccaggio e deposito
temporaneo, previste dall’articolo 6, comma 1, lettere d), l) e m),
del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, di rifiuti urbani di
cui all’articolo 7, comma 2, e di rifiuti speciali di cui
all’articolo 7, comma 3, lettera g), del medesimo decreto nonche’
prestazioni di gestione di impianti di fognatura e depurazione. (57A)
(60) (62) (69)
127-septiesdecies oggetti d’arte, di antiquariato, da collezione,
importati; oggetti d’arte di cui alla lettera a) della tabella
allegata al decreto-legge 23 febbraio 1995, n. 41, convertito, con
modificazioni, dalla legge 22 marzo 1995, n. 85, ceduti dagli autori,
dai loro eredi o legatari.
127-duodevicies) locazioni di fabbricati abitativi effettuate dalle
imprese costruttrici degli stessi o dalle imprese che vi hanno
eseguito gli interventi di cui all’articolo 3, comma 1, lettere c),
d) ed f), del Testo Unico dell’edilizia di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, e locazioni di
fabbricati abitativi destinati ad alloggi sociali come definiti dal
decreto del Ministro delle infrastrutture 22 aprile 2008, pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008.
127-undevicies) le prestazioni di cui ai numeri 18), 19), 20), 21)
e 27-ter) dell’articolo 10, primo comma, rese in favore dei soggetti
indicati nello stesso numero 27-ter) da cooperative sociali e loro
consorzi in esecuzione di contratti di appalto e di convenzioni in
generale.
(74) (77) (91) (92)

Articoli di approfondimento

Gli articoli di approfondimento dedicati al tema sono per lo più rivolti a dare ulteriori spunti all’applicazione dell’Iva del 4% in edilizia o del 10% sulle ristrutturazioni di casa. Per cui leggete anche l’articolo Iva 10% o Iva 4% con appunto l’approfondimento delle aliquote IVA nel settore edile.

Approfondimenti e articoli correlati alle aliquote Iva

Vi segnalo poi l’articolo dedicato all’apertura della partita IVA e la Guida al Reverse Charge o Integrazione Iva

4 commenti

  1. Pardon grazie della segnalazione dle refuso, è stata subito corretta

  2. Vorrei solo farvi notare che l’aliquota IVA è passata dal 21 al 22% in data 01.10.2013 …

  3. Sta leggendo l’articolo errato, dovrebbe andare in quello edicato all’Iva al 10% o al 4% e verificare se rientra in una delle fattispecie che consentono l’applicazione dell’Iva agevolata. Se ha problemi mi riscriva

  4. ho una casa di nuova costruzione ma purtroppo gli infissi non sono stati montati bene e dobbiamo mettere i doppi infissi esterni, volevo sapere quale aliquota iva devo richiedere al venditore visto che è la mia prima casa?

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.