HOMEPAGE / Fisco Auto e Veicoli / Il confronto tra il noleggio auto e proprietà dell’auto dopo il 2013

Il confronto tra il noleggio auto e proprietà dell’auto dopo il 2013

Facciamo un confronto fra tassazione nel noleggio auto e nell’acquisto diretto dopo la Riforma Fornero 2012, per valutare la convenienza economica e fiscale tra le due opzioni, alla luce del nuovo regime di deducibilità connesso alle auto.
Con l’introduzione del nuovo regime di deducibilità delle auto introdotto dalla riforma Fornero nel 2012, si dovrà effettuare un calcolo di convenienza e confrontare il regime di deducibilità connesso al noleggio dell’auto rispetto all’acquisto diretto e quindi alla proprietà del mezzo.
Facendo un passo indietro abbiamo visto che nel caso dell’acquisto di auto per le aziende il regime di deducibilità Ires viene ridotto dal 40% al 27,5% a partire dal 1 gennaio 2013. Nel caso invece di auto concesse per la maggior parte del periodo di imposta in uso ai dipendenti il nuovo regime fiscale delle auto prevede una riduzione dal 90% attuale valido fino al 31 dicembre 2012 al 70% a partire dal 1 gennaio 2013.
Questi intervalli temporali servono a evidenziare, nel caso delle società di capitali, i costi di competenza e quindi, essendo prestazioni di servizi, si fa riferimento al periodo di sostenimento del costo e per tutti i costi sostenuti per acquisto, gestione, lavorazioni ordinarie e straordinarie sul veicolo. Lo spartiacque è proprio la data del 31 dicembre 2012, giorno a partire dal quale il regime di deducibilità si modificherà in senso restrittivo a spese del contribuente.

Convenienza economica e fiscale Ires tra noleggio e acquisto auto
Come sappiamo con il regime di deducibilità delle auto contenute nell’articolo 164 del Tuir tende a equiparare ai fini fiscali il trattamento previsto per le auto acquistate in propriet,  acquistate in leasing e acquistate (anzi utilizzate) con il noleggio auto a lungo termine.
Con la Riforma Fornero 2012 assistiamo a una riduzione della deducibilità connessa alle auto dal 40% al 27,5% con una riduzione netta del 12,5%: percentuale questa senza dubbio in grado di modificare il comportamento d’acquisto dei consumatori (senza parlare poi degli istituti come il super bollo sulle auto di grande cilindrata). ne saranno sicuramente contenti i venditori di auto.
Se prendiamo in considerazione quindi l’acquisto di un’auto del valore di 18.000 zero € 75,99 che era il limite previsto per l’acquisto di tali beni per le imprese notiamo che la percentuale irriducibilità scende dagli attuali € 7200 forze qualcosa in più ai Hai quasi 5000 a euro.

Facciamo un esempio
Nel noleggio a lungo termine, che ormai sapete essere deducibile nel limite di € 3.615,20 all’anno (potete usare la ricerca interna al sito per cercare altri articoli connessi a questo tema, oppure navigare la categoria FISCO AUTO E VEICOLI), la contrazione che si registra sulla deducibilità è pari a circa euro 400 netti l’anno, in quanto si deve effettuare il calcolo del 12,5% che viene “lasciato sul campo” come indeducibile a partire dal 1 gennaio 2013.
Ancora una volta quindi chiariamo che, così com’è attualmente strutturato il sistema tributario e come definito l’articolo 164 del Tuir, vi sia una sostanziale equiparazione del regime fiscale delle auto sia nel caso di acquisto, sia nel caso di leasing o anche nel noleggio a lungo termine e quindi divengono determinanti ai fini della scelta altre variabili come quella finanziaria.

La variabile finanziaria diviene la discriminante o anche il trattamento degli interessi passivi su leasing
Ai fini Ires almeno dal lato della quota capitale o del costo sostenuto non si hanno particolari differenze se non nella misura della disponibilità liquida che vogliamo avere sul nostro conto corrente per altre esigenze: nell’acquisto infatti abbiamo un immediato impegno di liquidità mentre nel noleggio abbiamo un canone diluito nel tempo a cui però non fa fronte la quota di costo che possiamo dedurci come ammortamento del veicolo nè il valore finale che ci rimarrà. A questo dovete anche considerare l’esigenza/comodità/scomodità di avere un bene di proprietà (vedi redditometro o studi di settore). Per questo ormai avete anche dei contratti di noleggio a lungo termine con tante condizioni di noleggio, in termini di chilometraggio annuale consentito oppure con un costo di gestione compreso nel canone per assicurazioni varie, assistenza, ecc.

 

1 commento

  1. volevo sapere se per riscattare il mio ufficio strumentale come professionista normale, devo nuovamente farlo tramite atto notarile e se posso riscattarlo anche come privato, considerando che non ho mai detratto i costi dei canoni di leasing ma solo l’IVA. Il riscatto e’ soggetto a reverse charge?
    Grazie

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.