Associazioni Sportive Dilettantistiche, Tassazione Ires

Le associazioni sportive dilettantistiche sono considerate enti non commerciali: ai sensi dell’art. 73 del Tuir infatti sono considerati tali le società che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di un’attività commerciale.




Il carico impositivo sarà dato dalla somma delle due principali voci di entrate:

  1. entrate/proventi dall’attività commerciale;
  2. entrate/proventi dell’attività sportive e dilettantistiche;

Il reddito imponibile sarà determinato autonomamente per le due categorie di reddito ad esclusione di alcune voci distintamente indicate dal fisco all’interno del Tuir (ex: le quote versate dagli associati o i contributi che riceve l’associazione in caso di manifestazioni, i redditi esenti, …)

I redditi derivanti dall’attività commerciale saranno soggetti alle disposizioni previste per il reddito di impresa (libro V del Tuir, dall’art. 73 in poi) mentre quelli derivante dal perseguimento dello scopo istituzionale saranno assoggettai ad una differente normativa.


Giova ricordare che è altresì prevista dal fisco la possibilità di aderire ad un regime forfettario quinquennale di determinazione dell’imposta basato sull’applicazione ai ricavi conseguiti di un coefficiente forfettario del 3% a patto che la somma dei ricavi derivanti dall’attività di tipo commerciale non superi i 250.000 Euro. A tale requisito se ne aggiungono altri che devono anche essere contemplati nello statuto dell’associazione. E che approfondiremo nel corso dei successivi articoli.

Nel corso dei successivi articoli potrete trovare i regimi di tassazione previsti ai fini Irap ed Iva ed i principali adempimenti.


Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]
error: Questo contenuto è protetto