Tracciabilità dei pagamenti anche per acquisti di pochi centesimi: insorgono i negozianti

icona paypal e icona postepay Gli emendamenti alla legge di Stabilità che prevedono l’azzeramento della soglia minima per accettare obbligatoriamente un pagamento elettronico (anche fosse di solo 1 centesimo di euro), l’introduzione di sanzioni per commercianti e liberi professionisti che non si mettono in regola entro il prossimo Aprile con i Pos (con il taglio delle commissioni alle banche per i micropagamenti sotto i 5 euro), ha fatto subito insorgere commercianti e negozianti, com’era prevedibile. Stiamo parlando di tracciabilità dei pagamenti.

Cominciamo però dai consumatori e da Codacons che esclama entusiasta: “L’Italia è agli ultimi posti in Europa per l’uso di carte di credito e bancomat nei pagamenti, quindi sposiamo del tutto un provvedimento del genere, a patto però di prevedere sanzioni durissime nei confronti degli esercenti e degli operatori che si rifiutino di accettare il bancomat anche per piccoli importi”.

Per i commercianti però un provvedimento del genere sulla tracciabilità dei pagamenti rappresenterebbe una mazzata non indifferente, anche tagliando le commissioni bancarie: tra costi d’installazione e di utilizzo di un nuovo Pos, si parla infatti di ben 1.700 euro all’anno. 900mila imprese tra l’altro non dispongono ancora di Pos, e tale obbligo comporterà una spesa complessiva di 1,5 miliardi l’anno. Secondo i commercianti tale provvedimento si rivelerà per lo più inutile, visto il numero alto di persone che in Italia è senza conto corrente, carte di credito o bancomat, e quindi il 70% di loro continuerà continuerà comunque a pagare in contanti.

“Non siamo contrari alla diffusione della moneta elettronica, alla tracciabilità dei pagamenti, ma a condizione che vengano abbattuti i costi fissi e ridotte drasticamente le commissioni”, ha detto il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, mentre l’Unione Artigiani è più diretta: “Chiedamo l’azzeramento del costo per i Pos”. Durissimo il presidente di Confartigianato Veneto, Luigi Curto: “Non ci sono parole. E’ una sciocchezza che dimostra una volta di più come la politica abbia a cuore solo banche e assicurazioni, inventandosi ogni mese un nuovo modo di far pagare a noi imprenditori il relativo pizzo“.

E voi da che parte state in merito alla tracciabilità dei pagamenti?


Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

1 commento

  1. Questo dimostra senza più alcun dubbio che le banche sono i veri padroni dell’Italia…mi dispiace constatare anche che il Codacons vuole diventare complice di questa dittatura mascherata e che non si renda conto di cosa sta succedendo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]
error: Questo contenuto è protetto