Ristrutturazione edilizia: nuove agevolazioni fiscali e novità dalla finanziaria 2010

sicurezza-acquisto-immobileLa nuova finanziaria 2010 ha riproposto i bonus e le agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e per i costi di manutenzione straordinaria anche per gli anni 2010 2011 e 2012 (ex Legge 191 del 2009, art. 2, c. 10 e 11) con uno sconto pari al 36% delle tasse e facendo risparmiare pertanto all’incirca il 10-15% netto di quello che si andrà a pagare.




Il limite delle agevolazioni fiscali previste dalla finanziaria 2010 per le spese di ristrutturazione edilizia e manutenzione straordinaria delle unità abitative è sempre è di 48.000 euro per unità abitative ed indipendentemente dall’anno interessato (2010 2011 e 2012) e nei limiti delle spese effettivamente sostenute e documentate.

Sarà necessario ai fini delle agevolazioni per la ristrutturazione previste dalla finanziaria 2010 sulle spese di ristrutturazione edilizia che l’importo da dedurre sia comprovato da fattura della manodopera e dei materiali utilizzati.

Lo stesso tipo di bonus fiscale 2010 prevede anche il caso di acquisto di immobili ristrutturati o oggetto di interventi di restauro e risanamento conservativo nonché ristrutturazione edilizia relativi a interi fabbricati che godranno anch’essi del nuovo bonus fiscale 2010 e degli interventi fino al 31 dicembre 2012.


Tale data riteniamo sia coincidente con l’esecuzione dei lavori da parte delle imprese di costruzione, ristrutturazione, risanamento conservativo ad opera di imprese di costruzione, ditte di ristrutturazione o anche cooperative edilizie. Saranno tuttavia previste alcune condizioni per questo tipo di lavori affinché si possa beneficare del nuovo bonus 2010 per le ristrutturazioni edilizie ossia che:

  • L’acquisto o l’assegnazione del fabbricato avvenga entro il 30 giugno del 2013;
  • Il fabbricato immobiliare ceduto o assegnato deve fare parte di un edificio sul quale sono stati eseguiti interventi sull’intero edificio;
  • L’esecuzione dei lavori deve avvenire entro il 31 dicembre 2012 e pertanto sarà necessario che siano ultimati entro tale data.

In questi ultimi casi l’agevolazione fiscale sarà diversa in quanto lo sconto fiscale sarà calcolato su un importo forfettario pari sempre al 36 per cento (%) ma calcolato su un valore forfettario quantificato nel 25 per cento (%)del prezzo di vendita o di assegnazione dell’immobile risultanti dal rogito notarile e sempre nei limiti di 48mila euro.

I casi particolari possono riguardare:

  • Soggetti di età non inferiore a 75 e a 80 anni e titolari del diritto reale di proprietà o altro sull’immobile che potranno usufruire anziché della rateizzazione in dieci 10 anni di quella in cinque 5 rate o 3 quote se hanno 80 anni di età.
  • L’agevolazione fiscale si trasmette interamente agli eredi o agli acquirenti dell’immobile sempreché non ne godano entrambi e ne possono beneficare non solo i proprietari del diritto ma anche coloro che pur non essendo proprietari sostengono le spese sull’immobile come per esempio il caso dell’affittuario o di colui che coabita con il proprietario.

Vi consigliamo di leggere anche articoli inseriti dopo l’introduzione degli incentivi fiscali sull’acquisto di immobili di nuova costruzione per la prima abitazione della famiglia in cui vi indichiamo quanto vale la nuova agevolazione fiscale che si misura sui metri quadrati di superficie utile agevolabile (83 euro o 116 euro a seconda rispettivamente del risparmio energetico del 30% o del 50% prodotto).

Se poi avete bisogno di acquistare anche gli elettrodomestici per casa vi consigliamo di verificare la disponibilità dei fondi per l’acquisto di beni mobili introdotti dal decreto incentivi 2010.

http://www.tasse-fisco.com/dichiarazione-dei-redditi-730-o-unico/detrazione-spese-ristrutturazione-inquilino-chi-come-indicazione/37263/


Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 5]

25 Commenti

  1. ho un appartamento grezzo e sto iniziando ad effettuare tutte lòe opere di tramezzatura intonaco impianti istallazione finestre ecc..
    mi è stato detto ke posso usufruire solo dell iva al 4% ma volevo tue delucidazioni se ci sono delle possibilita di agevolazioni particolari che mi permettano di risparmiare

  2. buongiorno mi sto accingendo a portare l’acqua e il gas dalla strada dentro un appartamento del centro storico in provincia di Bari, oltre manutenzionare un locale (togliere il vecchio intonato e mettere il nuovo) vorrei gentilmente chiedere se mi spetta l’esenzione del 36%, in particolare per la spesa sostenuta per lo sfondamento della strada e l’allacciamento alla rete. Grazie della risposta . saluti Giuseppe

  3. x Andy: Cosa intendi per onere aggiuntivo in termini di comunicazione?
    Anch’io sto effettuando gli stessi lavori iniziati nel 2010 che finiranno nel 2011, alcuni pagati nel 2010 altri lo saranno a gennaio prossimo.
    Grazie

  4. Alessio,
    se bonifichi entro il 31.12.2010 potrai fruire prima delle detrazioni di imposta per entrambe e relativamente a quelle del 55% non rientrerai nella nuova previsione normativa contenuta nella legge di stabilità 2011 che prevede la fruizione del beneficio non più in 5 anni ma in 10 anni, il che se permetti dimezza il benefici in termini finanziari.
    Quidni almeno il bonifico fallo subito (almeno io farei così), per la fine lavori invece è previsto un onere aggiuntivo in termini di comunicaizone nel caso in cui slitti al 2011, ma il beneficio dei 5 anni è salvaguardato.
    Puoi provare anche a leggere oltre alla legge di stabilità anche alcuni articoli sulle spese di ristrutturazione ed il risparmio energetico del 55%

  5. Buongiorno Andy,

    grazie delle preziose informazioni. Io sto facendo una ristrutturazione con opere detraibili al 36% e altre con le agevolazioni per riqualificazione energetica al 55%. La ristrutturazione si sta concludendo (fine prevista a Gennaio 2011). Ci sono vantaggi (o svantaggi) nell’esaurire i pagamenti entro il 31.12.2010?

    Grazie

    Alessio

  6. Buongiorno Francesca, non credo di aver compreso la domanda:
    Ha fatto un bonifico per ‘acquisto di beni oggetto della detrazione del 55% ma non ha seguito le modalità descritte negli articoli per ottenere lo sconto. Se si provi a contattare l’Enea oppure il centro operativo di pescara per il rilascio dei crediti di imposta che hanno esprienza in questo campo.
    L’unica cosa è che impiegano un tempo considerevole prima di risponderti. Ma ora si stanno velocizzando.
    Se nn le hanno trattenuto la ritenuta del 10% sul bonifico non è un problema suo 8se non in via indirietta, perchè lei è solidalmente responsabile con il suo fornitore per il pagamento della ritenuta) ma del soggetto che le ha venduto i beni. Provi inoltre s entire la banca, magari siete ancora in tempo per versare la ritenute e rispettare la procedura. Buona domenica

  7. Ho fatto pasticcio!, pagati acconti su fatture utili per detrazione 55% per risarmio energetico con internet banking, solo oggi ho appreso che su questi non viene trattenuta la ritenuta del 10 %, posso rimediare?
    grazie a chi saprà aiutarmi

  8. La sostituzione degli infissi rientra negli interventi che prevedono l’agevolazione per il risparmio energetico nella isura del 55% da fruirsi in 5 anni sugli acquisti effettuati fino al 31 dicembre 2010, salvo eventuali proroghe per il 2011 che stanno tutti chiedendo a gran voce.
    Provo a consultare anche gli altri articoli che trova sul tema in cui trova le altre tipologie di spese ammesse.

  9. Buongiorno,
    vorrei sapere se per ristrutturazione si intende anche cambiare solo le finestre della propia abitazione per risparmio energetico.
    E, se sì vale sempre la detrazione del 36% fino al 2011?
    Grazie

  10. Buongiorno,
    mi ricordo di aver scritto un post sull’argomeno detrazioni previste per gli interventi di ristrutturazione del 36% e del 55% e cumulabilità degli incentivi e la loro cumulabilità in quanto dalla lettura dei testi normativi non rinvengo un divieto esplicito ma ti consiglio di procedere con cautela e co l’aiuta di un professionista se intendi procedere su questa strada al fine di non esporti ad accertamenti da parte del Fisco e dell’agenzia delle Entrate.
    Saluti,

  11. Si , si ricorsi comunque che esistono diverse tipologie di detrazioni fiscali di cui potrà usufruire a seconda della tipologia dei lavori di ristrutturazine sulla casa.Vi sono sia le detrazioni del 36% sia quelle del 55% per gli interventi finalizzati al risparmio energetico. Questi ultimi però presentano dei requisiti che le consiglio di controllare sia in ordine alla tipologia di interventi chiaramente individuati e che abbiamo indicato nei post precedenti sia in ordine alla dota di sostenimento del costo.
    Alcune inoltre sono cumulabili e questo problema l’avevamo sollevato all’interno di uno degli articoli dedicati al tema.

  12. Buongiorno

    L’anno prossimo (2011), dovrei iniziare la ristrutturazione di un appartamento.
    Qualcuno s dirmi se le detrazioni varranno anche per le fatture emesse nel 2011?

    grazie

  13. sto ristrutturando casa devo fruire detrazione 36%, l’impianto idrico e di riscaldamento me l’hanno fatturato al 10 e 20% materiali e manodopera con un conteggio che non capisco, il piastrellista, il muratore e l’imbianchino devono fare altrettanto o non si tratta di beni significativi la vernice, le piastrelle e i mattoni?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 5]
error: Questo contenuto è protetto