HOMEPAGE / Casa, immobili, terreni / Valutazione Convenienza Detrazione sugli affitti: quale scegliere tra le tante

Valutazione Convenienza Detrazione sugli affitti: quale scegliere tra le tante

Il contribuente persona fisica può beneficiare di un sistema di agevolazioni fiscali che insistono sui costi sostenuti per il canone di affitto mensile che si pone il problema su quale scegliere in termini di convenienza economica. nel seguito facciamo una sintesi di quelle a disposizione in modo di incrociare quella che fa più al caso nostro e vedremo anche le modalità di calcolo e di compilazione della sezione oneri e spese del modello per la dichiarazione dei redditi 730 o anche modello Unico redditi PF.

Nella guida alla detrazione fiscale sui canoni di affitto gratuita le trovate tutte e potete agilmente vedere quanto valgono. L’articolo è quello nel seguito:

Detrazione spese di affitto nel 730 o in Unico 2018: risparmiare costi sui canoni di locazione

nel seguito infatti vi segnalo i singoli articoli contenente le detrazioni fiscali spettanti al contribuente a seconda del caso abbia stipulato il contratto con un canone convenzionale o con la cedolare secca, abbia trasferito la residenza per esempio per motivi di lavoro da almeno tre anni oppure in altro comune diverso da quello della residenza precedente e comunque in altra provincia.

Sono tutte caratteristiche anche singolarmente danno diritto ad una detrazione fiscale valevole ai fini Irpef.

  1. Detrazione Canoni di locazione per l’abitazione principale
  2. Detrazione Canone d locazione per affitti a canone convenzionale
  3. Detrazione Canoni di locazione per motivi di lavoro
  4. Detrazione di locazione per studenti universitari fuori sede o da giovani tra 20-30 anni

La detrazione fiscale di cui al punto 1 –  detrazione per abitazione principale da diritto ad una risparmio indipendentemente dalla tipologia del contratto e mira ad agevolare il fatto che rappresenta un costo per l’affitto della propria abitazione principale e non della casa al mare. In sintesi mira a tutelare il diritto ad avere una casa e ad agevolare il contribuente con un aiuto economico per averne la disponibilità.

La detrazione Irpef vale 300 euro ed andrà indicata nel rigo E71 del modello di dichiarazione con il codice 1 del quadro Oneri e Spese R. Nel caso in cui utilizziate il modello dichiarazione Unico redditi PF, vale la regola per cui le spese andranno indicate  nel quadro RE.

Nel seguito l’articolo di approfondimento con le ulteriore condizioni da rispettare, consigli e chiarimenti e tanti altri

La detrazione  di cui al punto 2 – detrazione per contratti di affitto a canone concordato invece richiede oltre alla destinazione anche la tipologia del contratto quale ulteriore condizione per poter fruire del bonus sugli affitti. Il canone è quello convenzionale ossia quello basato sulle tariffe stabilite periodicamente dalle principali associazioni di categoria per ogni zona censuaria.

In questo caso la detrazione fiscale Irpef da indicare nel modello per la dichiarazione dei redditi sale a 495 euro per ciascun anno di imposta, segno del maggior grado di tutela che attribuisce il legislatore fiscale a questa fattispecie. In questo caso infatti il legislatore agevola maggiormente l’utilizzo di canoni convenzionali.

L’importo detraibile (non parliamo di deduzione fiscale ma direttamente di detraibilità dalle tasse rispetto alle tasse da versare). L’importo detraibile andrà indicato nel rigo E71 ma con il codice 2. Il quadro è sempre quello relativo agli oneri e le spese E.Nel caso in cui utilizziate il modello dichiarazione Unico redditi PF, vale la regola per cui le spese andranno indicate  nel quadro RE.

Attenzione perchè la detrazione richiede anche il rispetto di altre condizioni, prima tra tutte i diversi limiti di reddito imponibile Irpef al di sopra dei quali non scatta alcuna detrazione. Vi invito per tanto a leggere i singoli articoli di approfondimento dove sono riepilogati anche gli altri requisiti richiesti.

La detrazione  di cui al punto 3detrazione per canoni di locazione relativi ai lavori dipendenti che variano la residenza per motivi di lavoro. Questa è stata oggetto di uno speciale articolo di approfondimento. Nella sostanza qui ci preme dire che le detrazioni  fiscali aumentano in quanto il legislatore fiscale conosce una maggiore condizione di disagio rispetto al contribuente che è “costretto” a cambiare residenza per motivi i lavoro lontano dalla propria residenza con tutti i costi aggiuntivi che questo comporta.
La detrazione fiscale irpef in questo caso vale 991,60 euro, arrotondata a 992 euro,  per ogni anno i imposta oggetto di dichiarazione e dovrà essere indicato nel rigo E72 del modello 730.  Nel caso in cui utilizziate il modello dichiarazione Unico redditi PF, vale la regola per cui le spese andranno indicate  nel quadro RE.

Attenzione: la detrazione spetta e matura per giorni per cui qualora il contratto decorra per esempio dal primo luglio parliamo di metà degli sopra citati. In altre parole andrà rapportata al periodo di vigenza del contratto. Se per esempio il contratto interessa solo 100 giorni dell’anno allora dovremmo prendere la detrazione, dividerla per 365 e moltiplicarla per 100.

La risultante andrà indicata nei righi sopra indicati a seconda di quella che vi spetta.

Detrazione Fiscale per gli affitti 2018 all’estero per motivi di lavoro

La detrazione  fiscale di cui al punti 4 per studenti universitari o per giovani di età compresa tra 20 e 30 anni rappresenta un ulteriore tipologia di detrazione e fiscale valevole ai fini irpef che matura nel momento in cui parliamo di studenti universitari fuori sede costretti a sostenute canoni di locazione al ricorrere di una certa distanza tra la propria residenza e quella dell’università. La detrazione e vale tra nello stesso senso di quella precedente e vale anche nel caso comune in cui siano i genitori a sostenere l’onere dell’università e della casa o stanza da affittare. Le ulteriore condizioni richieste sono descritte nell’articolo di approfondimento gratuito che trovate qui sotto.

La detrazione  fiscale sulle tasse (che si chiamano imposte nel caso dell’Irpef vale quanto quella di cui al punto pretendete per cui 991,60 arrotondata a 992 euro.  L’unica differenza è il codice 3 da inserire sempre nel rigo E71 del quadro E, oneri e spese del modello 730 o quadro RE se utilizzate il modello unico redditi PF.

Detrazione sugli affitti per i fuori sede e giovani studenti universitari nel 730 ai fini Irpef

Detrazione Canoni Affitto Studenti fuori sede Distanza Meno 100 KM – Comuni Montani

Conclusione

In conclusione la convenienza dell’una piuttosto che dell’altra rappresenta più che altro una analisi diretta ad individuare se possiamo sfruttare quella maggiore a seconda del rispetto di tutti i requisiti richiesti per ciascun. Logico pensare che dovremmo prendere quella per motivi di lavoro ma è anche vero che per soddisfarla è necessario aver cambiato residenza e trasferirsi a distanza. Per le altre invece il limite del reddito rappresenta un importante condizioni perchè non parliamo di redditi elevatissimi

Casi particolari: affitto casa all’estero

Guida alle nuove deduzioni e le detrazioni Irpef per i residenti all’estero

 

La cedolare secca sugli affitti conviene: facciamo un calcolo per la convenienza

Valuta l'articolo
[Totale: 1 Media: 5]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.