Scadenze IMU 2020: quando versare il saldo e l’acconto IMU

Le scadenze dell’imu sono state oggi confermate da un comunicato del MEF che individua i passi per il pagamento del saldo Imu di dicembre, le date entro cui i comuni dovranno presentare le delibere comunali approvate e altri punti importanti da fissare per non sbagliare e pagare oltre scadenza.




Le scadenze per il pagamento dell’IMU e della TASI

Anno 2020

La prima rata di acconto deve essere versata entro il 16 giugno di ciascun anno mentre la seconda rata o saldo deve essere versata entro la scadenza del 16 dicembre. Come leggete nel seguito in principio la struttura delle scadenza era differente.

Vi ricordo prima di tutto che le scadenze per il pagamento dell’IMU sono le seguenti

ACCONTO (o intera imposta) SALDO
IMU 16 Giugno 2020 (Lunedì) 16 Dicembre 2020 (Lunedì)
TASI 17 Giugno 2020 (Lunedì) 16 Dicembre 2020 (Lunedì)

 

Anno 2019

La prima rata di acconto deve essere versata entro il 16 giugno di ciascun anno mentre la seconda rata o saldo deve essere versata entro la scadenza del 16 dicembre. Come leggete nel seguito in principio la struttura delle scadenza era differente.

Vi ricordo prima di tutto che le scadenze per il pagamento dell’IMU 2019 sono le seguenti

ACCONTO (o intera imposta) SALDO
IMU 17 Giugno 2019 (Lunedì) 16 Dicembre 2019 (Lunedì)
TASI 17 Giugno 2019 (Lunedì) 16 Dicembre 2019 (Lunedì)

La scadenza dell’acconto è il 16 Giugno ma cadendo di domenica è rinviata a Lunedì 17 Giugno

Modifiche al tributo IMU

Con l’entrata in vigore della Legge 44 del 2012 detto decreto semplificazioni  la disciplina dell’IMU è stata parzialmente modificata infatti viene prevista la possibilità di versare il tributo in tre modi:

  1. Unica soluzione
  2. Due rate
  3. Tre rate (solo per l’abitazione principale  – Valida solo fino al 2012)

Le due rate si versano entro il 16 giungo nella misura del 50% del tributo calcolato e il restante 50% entro il 16 dicembre. Il versamento del 16 giugno può essere posticipato al 16 luglio pagando una maggiorazione dello 0,40% al pari di quanto avviene per l’Irpef o l’Ire per esempio. Molti devo dire vi ricorrono.

Verifica sempre con la delibera comunale approvata

Scadenza per l’approvazione del regolamento comunale che disciplina eventuali modifiche rispetto al testo normativo dell’IMU
I comuni devono presentare infatti, il regolamento e la deliberazione comunale per quello che concerne le caratteristiche dell’imposta municipale unica che possono essere modificate (come per esempio detrazione per l’abitazione principale, aliquote residenza primaria o secondaria, eventuali detrazioni previste per particolari tipologie di fabbricati ecc) relativa alle aliquote IMU. Questa scadenza è importante perchè già sapete che solo dopo tale data potete andare a verificare sul sito quali sono eventuali modifiche da apportare (sulla base di quanto deliberato dai comuni) al calcolo in sede di determinazione del saldo.

Nel caso in cui i Comuni non dovessero deliberare nuove aliquote valgono quelle dell’anno precedente.

Foglio excel per la stima dell’IMU

Articoli correlati

Riferimenti Normativi: Articolo 13 del Decreto Salva Italia e Decreto sul Federalismo Municipale.

http://www.tasse-fisco.com/case/fabbricato-inagibile-inabitabile-imu-tasi-quando/18558/


Valuta l'articolo
[Totale: 17 Media: 2.5]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

articoli correlati

Valuta l'articolo
[Totale: 17 Media: 2.5]
error: Questo contenuto è protetto