HOMEPAGE / News ed Eventi / Regolarizzazione capitali: la voluntary disclosure ha portato 4 miliardi di euro

Regolarizzazione capitali: la voluntary disclosure ha portato 4 miliardi di euro

guadagni in nero Buone notizie per le casse dello Stato: si sono registrate circa 130mila istanze di adesione per la regolarizzazione ed il rientro di capitali in nero (voluntary disclosure), detenuti da nostri concittadini e presenti in Italia ed all’Estero. Come ovvio il 70% delle richieste di rientro proviene dalla Svizzera, istanze pervenute principalmente da cittadini residenti in Lombardia.

Insomma sono ricomparsi sotto la lente del Fisco circa 60 miliardi di euro di capitali che garantiranno un gettito fiscale di oltre 4 miliardi di euro, i quali finiranno dritti dritti nelle casse dello Stato, con un effetto superiore alle aspettative iniziali di circa 600 milioni. Sono questi i numeri imponenti e “positivi” della cosiddetta voluntary disclosure, la finestra per dichiarare i capitali accumulati, all’estero e non solo, al riparo dagli sguardi dell’Erario, potendo incorrere in sanzioni meno pesanti per la suddetta evasione fiscale.

Fabrizia Lapecorella, capo del dipartimento finanze del Mef, ci ha fornito i dettagli dell’operazione: “Grazie alla voluntary disclosure tornano visibili al Fisco 59,6 miliardi di euro. Di questi, 41,5 miliardi riguardano capitali detenuti in Svizzera. Altri 4,6 miliardi di euro sono emersi dal Monaco, 2,2 dalle Bahamas e 1,3 da Singapore. Se si guarda alla percentuale, le attività estere provengono da Svizzera (69,6%), Principato Di Monaco (7,7%), Bahamas (3,7%), Singapore (2,3%), Lussemburgo (2,2%) e San Marino (1,9%). Su quei quasi 60 miliardi di imponibile, circa 16 miliardi sono rientrati in Italia, pari al 26,4%”.

Sempre secondo il Mef, il gettito fiscale sarà di circa 3,8 miliardi di euro, mentre il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, si dimostra più ottimista sull’argomento: “Supereremo per forza i 4 miliardi di euro”. Che i proventi della voluntary disclosure servano almeno ad abbassare le tasse dei contribuenti onesti!??!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.