HOMEPAGE / Tassazione rendite / Novità PIR Legge di BIlancio 2019: proposta per aumento quota dal 5% all’8%

Novità PIR Legge di BIlancio 2019: proposta per aumento quota dal 5% all’8%

La legge di Bilancio 2019 propone alcune novità che incentivano ancor di più verso la pianificazione e l’utilizzo di questo strumento attraverso la leva della detassazione dei proventi eventualmente generati dalla gestione (che non è detto di certo abbia un utile garantito). Peccato che le commissioni siano sempre piuttosto elevato e che rendimenti degli ultimi due anni abbiano fatto pena per la maggior parte dei PIR.

Si segnala 1, comma 154, che innalza l’importo che gli enti di previdenza obbligatoria possono destinare agli investimenti qualificati ed ai PIR (Piani individuali di risparmio a lungo termine) dal 5 all’8 per cento del loro attivo patrimoniale.

A ta l proposito si legge ancora che la modifica, introdotta alla Camera, della disciplina dei Piani di risparmio a lungo termine – PIR, che vincola le somme o i valori destinati nel piano all’effettuazione di investimenti, per almeno il 3 per cento del valore complessivo, in strumenti finanziari non negoziati nei mercati regolamentati o nei sistemi multilaterali di negoziazione di piccole e medie imprese ( comma 128);

A tal proposito la RT non ha tenuto in considerazione la destinazione delle risorse, da parte delle Casse, in piani individuali di risparmio (PIR), che è ora possibile a seguito della novella operata dal D.L. 50 del 2017 ed a cui la proposta normativa in esame comunque si rivolge visto che il limite che si propone di elevare all’8% interessa entrambe le tipologie di impieghi. La quantificazione andrebbe quindi integrata, anche perché i rendimenti da PIR potrebbero risultare differenti. In considerazione di quanto precede, in assenza di ulteriori elementi informativi, non è possibile riscontrare la quantificazione proposta.

I Piani Individuali di Risparmio potranno investire nel settore immobiliare non perdendo la possibilità di detestare i proventi come avrete avuto modo di leggere nell’articolo dedicato alla Tassazione dei PIR.

Il Legislatore incentiva l’investimento dei PIR introducendo la possibilità di far partecipare ai fondi anche le società immobiliari pure e di investimento immobiliare quotate – SIIQ.

La ratio è quella di supportare il settore edilizio che negli ultimi anni ha sofferto particolarmente la crisi di liquidità e di accesso al credito e ai prestiti delle banche anche se nell’ultimo anno le richieste di mutuo hanno mostrato evidenti ed interessanti segnali di crescita.

Il regime fiscale agevolato è quello che potete trovare nell’articolo dedicato alla tassazione dei PIR. (Link)

Per gli ulteriori  approfondimenti potete fare riferimento all’articolo sopra citato.

Trattamento Fiscale PIR: requisiti, durata, importo e rischiosità

Valuta l'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.