HOMEPAGE / Società e Redditi / TOSAP è la Tassa Occupazione Suolo Pubblico: i suoi segreti

TOSAP è la Tassa Occupazione Suolo Pubblico: i suoi segreti

ristorante con tavoli che occupano suolo pubblico: paga la tosap?Molti domande giungono rispetto al pagamento delle tasse per l’occupazione del suolo pubblico,  la cosiddetta TOSAP, da parte di negozianti che non sanno bene come muoversi rispetto alla richiesta di versamento, o improvvise multe o sanzioni del comune o dell’agenzia delle Entrate a cui non sanno opporsi al momento. Qui vediamo di fornire alcuni principali chiarimenti su come muoversi, chi deve pagare l’imposta, quanto costa e come si effettua il calcolo della Tosap, con tabelle complete e aggiornate.

Definizione Tosap

La Tosap prende il nome proprio dalla Tassa per l’Occupazione del Suolo Pubblico ed è un tributo che va a colpire l’occupazione, permanente o temporanea, del suolo pubblico e dei relativi spazi soprastanti o sottostanti, che parte dal presupposto che stiamo sottraendo appunto uno spazio, un’area, al pubblico, a nulla rilevando che stiamo erogando un servizio o vendendo un bene per il quale saremmo tassati e reimpiegheremo i nostri guadagni per comprare beni e servizi.

L’ente impositore per questa tassa è il comune o la provincia che hanno autonomia nella applicazione della stessa o della suo sostituzione con la Cosap che consiste invece nel pagamento di un canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche. L’ente Comune o Provincia annualmente entro il 31 dicembre di ciascun anno con propria regolamento determina eventuali modifiche sulle tariffe da applicare che vedremo dopo. Le nuove tariffe avranno valore dal primo gennaio dell’anno successivo.

La Tosap disciplinata dagli artt. 38 a 57 del D.Lgs. 15.11.1993, n. 507 mentre la Cosap è disciplinata dall’art. 63, D.Lgs. 446 del 1997 anche se comunque sarà necessario poi visionare il regolamento del singolo comune o provincia che vi interessa per verificare eventuali modifica concesse o introdotte da apposito regolamento o delibera in materia che potrebbe imporre aliquote diverse.

La soppressione della Tosap era prevista a decorrere dall’1.1.1999 dall’art. 51, co, 2, lett. a), D.Lgs. 15.12.1997, n. 446 (decreto istitutivo dell’Irap). Successivamente l’art. 31, co. 14, L. 23.12.1998, n. 448 ha abrogato tale disposizione con effetto dall’1.1.1999, mantenendo l’applicazione della Tosap.

Calcolo della Tosap

Il calcolo della Tosap è piuttosto semplice in quanto si prende a riferimento la superficie dell’area occupata e la si moltiplica per una tariffa che varia in funzione della classificazione attribuita alla zone del comune o della Provincia.
Una volta definito il perimetro per i calcolo vi sono poi situazioni che nel tempo si sono delicate e che hanno dato luogo a maggiorazioni o riduzioni. Parliamo naturalmente del fenomeno tanto in voga in Italia: l’abusivismo.

Tabella Tariffa TOSAP Occupazioni permanenti

OCCUPAZIONI PERMANENTI  

 TARIFFA ANNUALE PER MQ 

 I

(LIRE)

II

(LIRE)

III

(LIRE)

 I 

(EURO)

II

(EURO)

III

(EURO)

Occupazioni del suolo (comma 1 lett. a) 54.000 40.500 27.000  27,89  20,92  13,94
Occupazioni di spazi soprastanti il suolo (comma 1, lett.c) 27.000 20.250 3.500  13,94  10,46  1,81
Divieto di sosta indiscriminato, previo rilascio di apposito cartello segnaletico, sull’area antistante semplici gli accessi, per una superficie comunque non superiore a mq 10 (comma8) 5.400 13.500 2.700  2,79  6,97  1,39
Occupazioni permanenti con autovetture adibite a trasporto pubblico nelle aree a ciò destinate. La tassa è commisurata alla superficie dei singoli posti assegnati. (comma 12) 54.000 40.500 27.000  27,89  20,92  13,94

La tassa è dovuta per anni solari, per cui laddove per il primo o ultimo esercizio di attività occupiate il suolo per una frazione dell’anno dovrete dividere il risultato per 365 e rimoltiplicarlo per il numero di giorni effettivo di occupazione:

Tabella Tariffa TOSAP Occupazioni suolo pubblico permanenti

OCCUPAZIONI TEMPORANEE  TARIFFA ANNUALE PER MQ 
  II III  I  II III
Occupazioni di suolo (c. 2, lett. a)  Lire   Lire   Lire   Euro   Euro   Euro
Fino a 8 ore 1.800 1.350 900  0,93  0,70  0,46
Da 8 a 16 ore 2.160 1.620 1.080  1,12  0,84  0,56
Giornaliera 3.000 2.250 1.500  1,55  1,16  0,77
Occupazioni di spazi soprastanti e sottostanti il suolo (c. 2, lett. c)
Fino a 8 ore 900 675 450  0,46  0,35  0,23
Da 8 a 16 ore 1.080 810 540  0,56  0,42  0,28
Giornaliera 1.500 1.125 750  0,77  0,58  0,39
Occupazioni effettuate in occasione di fiere e festeggiamenti, con esclusione di quelle realizzate con installazioni di attrazioni, giochi e divertimenti dello spettacolo viaggiante (c. 4)
Fino a 8 ore 2.250 1.688 1.125  1,16  0,87  0,58
Da 8 a 16 ore 2.700 2.025 1.350  1,39  1,05  0,70
Giornaliera 3.750 2.812 1.875  1,94  1,45  0,97
Occupazioni realizzate da venditori ambulanti, pubblici esercizi e da produttori agricoli che vendono direttamente il loro prodotto (c. 5, I periodo)
Fino a 8 ore 900 675 450  0,46  0,35  0,23
Da 8 a 16 ore 1.080 810 540  0,56  0,42  0,28
Giornaliera 1.500 1.125 750  0,77  0,58  0,39
Occupazioni poste in essere con installazioni di attrazioni, giochi e divertimenti dello spettacolo viaggiante (c. 5, II periodo)
Fino a 8 ore 360 270 180  0,19  0,14  0,09
Da 8 a 16 ore 432 324 216  0,22  0,17  0,11
Giornaliera 600 450 300  0,31  0,23  0,15
Occupazioni con autovetture di uso privato realizzate su aree a ciò destinate dal Comune (c. 6)
Fino a 8 ore 1.800 1.350 900  0,93  0,70  0,46
Da 8 a 16 ore 2.160 1.620 1.080  1,12  0,84  0,56
Giornaliera 3.000 2.250 1.500  1,55  1,16  0,77
Occupazioni realizzate per l’esercizio dell’attività edilizia (c. 6 bis)
Fino a 8 ore 1.260 945 630  0,65  0,49  0,33
Da 8 a 16 ore 1.512 1.134 756  0,78  0,59  0,39
Giornaliera 2.100 1.575 1.050  1,08  0,81  0,54
Occupazioni realizzate in occasione di manifestazioni politiche, culturali o sportive (c.7)
Fino a 8 ore 360 270 180  0,19  0,14  0,09
Da 8 a 16 ore 432 324 216  0,22  0,17  0,11
Giornaliera 600 450 300  0,31  0,23  0,15

ATTENZIONE: 

Per le occupazioni di durata non inferiore a quindici giorni la tariffa è ridotta in misura del 35% (c. 1)
Per le occupazioni temporanee di durata non inferiore ad un mese o che si verifichino con carattere ricorrente, la tassa viene riscossa, mediante convenzione, con tariffa ridotta del 50% (c. 8)
Per le occupazioni che, di fatto, si protraggono per un periodo superiore a quello consentito originariamente, ancorché uguale o superiore all’anno, si applica la tariffa dovuta per le occupazioni temporanee di carattere ordinario, aumentata del 20% (art. 42, c. 2, dlgs 507/93)
Le superfici eccedenti i 1000 mq sono calcolate in ragione del 10% (art. 42, c. 5 primo periodo, dlgs 507/93)
Per le occupazioni realizzate con installazioni di attrazioni, giochi e divertimenti dello spettacolo viaggiante, le superfici sono calcolate in ragione del 50% sino a 100 mq, del 25% per la parte eccedente 100 mq e fino a 1000 mq, del 10% per la parte eccedente 1000 mq (art. 42, c. 5 secondo periodo, dlgs 507/93)

TABELLA TOSAP PER DISTRIBUTORI DI CARBURANTI su  suolo pubblico

Località dove sono situati gli impianti Per ogni serbatoio autonomo di capacità fino a 3000 litri (LIRE) Per ogni 1000 litri o frazione superiore a 3000 litri

(LIRE)

Per ogni serbatoio autonomo di capacità fino a 3000 litri

(EURO)

Per ogni 1000 litri o frazione superiore a 3000 litri

(EURO)

a) centro abitato 96.000 19.200  49,58  9,92
b) zona limitrofa 58.000 11.600  29,95  5,99
c) sobborghi e zone periferiche 25.000 5.000  12,91  2,58
d) frazioni 12.500 2.500  6,46  1,29

Per l’impianto e l’esercizio di distributori di carburante e dei relativi serbatoi sotterranei e la conseguente occupazione del suolo e sottosuolo comunale è dovuta la seguente tassa annuale

TABELLA TOSAP PER DISTRIBUTORI DI ALTRO GENERE

Località dove sono situati gli apparecchi  LIRE EURO
Tassa annuale
a) centro abitato 25.000  12,91
b) zona limitrofa 19.000  9,81
c) frazioni, sobborghi zone periferiche 12.500  6,46

Su cosa si calcola la Tosap: ambito oggettivo di applicazione

La base imponibile della Tosap è rappresentata dal computo dei mq sottratti al beneficio o uso pubblico siano stati sottratti per un atto di concessione gratuita o a pagamento da parte dello Stato o Altra amministrazione pubblica sia abusivamente. Le aree possono essere sia pubbliche sia private. Le occupazioni invece potranno essere sia permanenti come per esempio avviene per la stragrande maggioranza dei ristoranti per esempio anche temporanee quando sono limitate nel tempo come per esempio in particolari giorni della settimana o stagionali ed aventi durata complessivamente inferiore all’anno.

Chi deve pagare la Tosap: Ambito soggettivo di applicazione

Sono tenuti al pagamento della tassa, il titolare dell’atto di concessione o di autorizzazione o, in mancanza, l’occupante di fatto, anche abusivo, in proporzione alla superficie effettivamente sottratta all’uso pubblico nell’ambito del rispettivo territorio.

Casi di esenzione

Esistono casi di esenzione appositamente disciplinati dal legislatore in base alla tipologia di occupazione:

  • occupazioni di spazi soprastanti il suolo pubblico realizzate con balconi, ve-rande, bow-windows e simili infissi di carattere stabile (ad es. tende da sole);
  • occupazioni di aree appartenenti al patrimonio disponibile dei Comuni e delle Province o al demanio statale;
  • occupazioni, anche abusive, complessivamente inferiori a mezzo metro quadrato o lineare rispetto all’area di riferimento effettiva, vale a dire la porzione di area pubblica o il tratto di strada sul quale insiste la specifica occupazione (C.M. 20.2.1996, n. 43/E)

Casi di esclusione dal pagamento

Esenzioni obbligatorie

Vi sono poi una serie di casi di esenzione che dato diritto comunque a non effettuare il pagamento della tassa indipendentemente da quello che il regolamento può disciplinare. La tipologia di occupazione in questo caso prevale rispetto all volontà del Comune  o della Provincia di imporre la tassa du queste specifiche aree nel seguito descritte:

  • le occupazioni effettuate dallo Stato, dalle Regioni, dalle Province e dai Comuni e loro consorzi;
  • le occupazioni effettuate da enti pubblici non commerciali residenti in Italia per specifiche finalità di assistenza, previdenza, sanità, educazione, cultura e ricerca scientifica e quelle realizzate da enti religiosi per l’esercizio di culti ammessi dallo Stato;
  • le occupazioni di aree cimiteriali;
  • gli allacciamenti agli impianti dei servizi pubblici;
  • gli accessi carrabili destinati ai soggetti portatori di handicap.

Esenzioni facoltative

I Comuni e le Province possono poi deliberare annualmente altri casi di esenzione nei limiti sotto riportati che trovate disciplinati da in cui si legge che “I comuni e le province, anche in deroga agli articoli 44 e seguenti del decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507, e successive modificazioni, possono con apposite deliberazioni:

  1. stabilire la non applicazione della tassa sui passi carrabili;
  2. esonerare dalla tassa le occupazioni permanenti con autovetture adibite a trasporto pubblico o privato nelle aree pubbliche a cio’ destinate o commisurare la tassa alla superficie dei singoli posti
    assegnati;
  3. esonerare dalla tassa le occupazioni permanenti e temporanee del sottosuolo con condutture idriche necessarie per l’attività agricola nei comuni classificati montani;
  4. attribuire alle deliberazioni di cui al presente comma anche effetto retroattivo per gli anni nei quali non abbiano applicato la rispettiva tassa;
  5. i comuni e le province possono fissare nel regolamento un ammontare comunque non superiore a lire 20 mila al di sotto del quale la tassa per l’occupazione permanente o temporanea di spazi ed aree pubbliche non è dovuta.

Casi particolari

Vi sono poi dei casi che sono stati oggetto di specifico chiarimenti già in passato da parte dell’agenzia delle entrate e che qui sono riproposti come per esempio.

Tende da sole

Non sono soggette alla Tosap le tende, occupazioni di suolo pubblico realizzate con tende da sole e carrelli espositori sul marciapiede antistante negozi o pubblici esercizi, o su aree di pertinenza di questi se non nel caso in cui è costituita una servirà di pubblico passaggio. Anche nel caso in cui si tratti di una proprietà privata sottratta dal proprietario all’uso pubblico con apposita indicazione “proprietà privata”.

Impianti sportivi comunali

Nel caso in cui siano utilizzati come dicevo prima per occupazioni temporanee come potrebbero essere fiere o sagre o manifestazioni similari di durata inferiore all’anno non sono soggette e nel caso in cui gli impianti siano concessi in uso ad un privato per l’organizzazione di una manifestazione fieristica. Gradini e scale esterne delle abitazioni — i gradini e le scale esterne destinate all’accesso ad abitazioni civili realizzati su aree private (anche non contestual-mente alla costruzione del fabbricato) non sono soggetti alla Tosap nemmeno se successivamente si sia costituita una servitù di pubblico passaggio su tali aree. invece la tassa è applicata se gradini e scale sono stati realizzati su un suolo pubblico o un suolo privato già gravato dalla servitù (R.M. 10.1.1995, n. 7/E).
Ho trovato anche per esempio l’applicazione di tariffe per l’ooccupazione derivante dagli impianto e l’esercizio di apparecchi automatici per la distribuzione dei tabacchi o per i distributori di altro genere.

Prassi collegata

Circolare Ministeriale 13 del 1994
Risoluzione Ministeriale 512 del 1994
Risoluzione Ministeriale n. 281 del 1995
Fonti normative primarie: art. 49, D.Lgs. 507 del 1993

Conclusioni

Premesso ciò, al fisco poco importa perchè stiamo occupando le aree. Ha previsto dei casi di esenzione ma a mio avviso troppo pochi. La logica sembra sempre quella di introdurre e aumentare il prelievo erariale per alimentare la macchina dello Stato e produrre posti di lavoro a basso salario, condividete?

Valuta l'articolo
[Totale: 3 Media: 4.3]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.