HOMEPAGE / Società e Redditi / Ravvedimento Operoso Tassa annuale vidimazione libri sociali 2017: foglio di calcolo

Ravvedimento Operoso Tassa annuale vidimazione libri sociali 2017: foglio di calcolo

Se vie siete scordati del versamento della tassa annuale di vidimazione dei libri sociali o avete commesso errori o la avete versata in misura ridotta rispetto al dovuto siete ancora in tempo per versare il differenziale avvalendovi del ravvedimento operoso.

Il ravvedimento operoso serve a ridurre la sanzione che avreste se vi notificassero un avviso di accertamento fiscale l’agenzia delle entrate che vi applicherebbe e sanzioni in misura che potrebbe andare dal 100% al 200% della tassa non versata.

La sanzione applicabile alla fattispecie in oggetto infatti è disciplinata a mio avviso dall’art. 9 del DPR n. 641/1972 che recita “Chi esercita un’attività per la quale è necessario un atto soggetto a tassa sulle concessioni governative senza aver ottenuto l’atto stesso o assolta la relativa tassa è punito con la sanzione amministrativa dal cento al duecento per cento della tassa medesima e, in ogni caso, non inferiore a lire duecentomila (ossia gli attuali 103,29 euro).”

Il ravvedimento operoso, come sapete ormai, dipende proprio dalla sanzione ordinaria prevista per la fattispecie di omesso o errore nel versamento o anche nella compilazione del modello F24 o F23, perchè stabilisce delle percentuali che vanno a picchiare sulla sanzione minima e che varia a seconda dei giorni entro cui cui vi ravvedete a partire dalla scadenza ordinaria.

Nel seguito per ciascuna situazione in cui vi trovate potete verificare quale percentuale applicare al tributo omesso. La base a su cui applicarla riguarda solo la quota parte di tassa che non avete versato e non l’intero, secondo lo schema seguente:

  • 0,1% per ciascun giorno di ritardo fino al 14esimo; per fare un esempio al quarto giorno dovrete versare a titolo di sanzione lo 0,4% del tributo omesso.
  • 1,5 dal 15 giorno al 30 giorno dalla scadenza ( 1/10 del 15%);
  • 1,67% dal 31 giorno al 90 giorno dalla scadenza ( 1/9 del 15%);
  • 3,75% dal 91 giorno e entro 1 anno dalla scadenza ( 1/8 del 30%);
  • 4,29% entro due anni dalla scadenza del versamento ( 1/7 del 30%);
  • 5% oltre due anni dalla scadenza del versamento ( 1/6 del 30%).

Per cui in base alla tassa da versare e dal momento avremo

Importo

Tassa

 

Importo Tassa
Sanzione 309,87 516,46
0,10%  0,31  0,52
1,50%  4,65  7,75
1,67%  5,17  8,62
3,75%  11,62  19,37
4,29%  13,29  22,16
5%  15,49  25,82

Il principio di fondo è che più vi allontanate dalla scadenza naturale i versamento maggiori saranno le sanzioni applicabili.

Bollatura e numerazione di libri e registri

Indicazione degli atti soggetti a tassa

Ammontare delle tasse in euro

Modalità di pagamento Annotazioni

1. Bollatura e numerazione di libri e registri (art. 2215 del Codice civile):
– per ogni 500 pagine o frazione di 500 pagine

67,00

[1]

1. La tassa può essere pagata anche a mezzo marche ed è dovuta

per i libri di cui all’art. 2215 del codice civile e per tutti gli altri libri e registri che per obbligo di legge o volontariamente (art. 2218 codice civile) sono fatti bollare nei modi ivi indicati, tranne quelli la cui tenuta è prescritta soltanto da leggi tributarie.

2. L’attestazione del versamento della tassa deve essere esibita al pubblico ufficiale, il quale vi appone la data, la firma e il timbro

3. Per la numerazione e bollatura di libri e registri tenuti da esercenti imprese, soggetti d’imposta agli effetti dell’IVA, la tassa è dovuta annualmente per le sole società di capitali nella misura forfetaria di lire 309,87 euro, prescindendo dal numero dei libri o registri tenuti e delle relative pagine; tale misura è elevata a 516,46 euro se il capitale o il fondo di dotazione supera, alla data del 1° gennaio, l’importo di 516.456,90 euro. La tassa deve essere corrisposta entro il termine di versamento dell’imposta sul valore aggiunto dovuta per l’anno precedente, mediante delega alle aziende e agli istituti di credito che provvedono a versarla alle sezioni della tesoreria provinciale dello Stato; per l’anno di inizio dell’attività la tassa di cui alla presente nota deve essere corrisposta in modo ordinario prima della presentazione della relativa dichiarazione nella quale devono essere indicati gli estremi dell’attestazione di versamento.

Omesso o mancato versamento o ritardato versamento della Tassa vidimazione libro sociali

Tuttavia per il versamento dovrete versare le sanzioni utilizzando il modello F23 inserendo come codice ufficio “RCC”, causale SZ e come codice tributo quello relativo alla “sanzione pecuniaria tasse sulle concessioni governative” ossia il codice tributo 678T.

Riferimento normativo tassa annuale vidimazione libri sociali

Art. 23 della Tariffa allegata al DPR 641/72 TCG_Tariffa_2014

Valuta l'articolo
[Totale: 3 Media: 3.3]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.