HOMEPAGE / Liberi Professionisti / Prestazioni Italia verso Slovenia: TASSE DA VERSARE

Prestazioni Italia verso Slovenia: TASSE DA VERSARE

DOMANDA

Buonasera, sono disoccupato, nulla tenente, ma sto cercando di ritagliarmi una carriera nell’arte (sculture), emetto qualche ritenuta d’acconto di scarsa entità all’anno. Ora mi si è presentata l’occasione di vendere una scultura in slovenia, per una cifra di circa 9.000 euro. Come posso fare? Posso pagare le tasse solo in Slovenia? o devo pagarle anche in italia? devo fare la dichiarazione dei redditi? Nel caso la cifra sforasse potrei chiedere se posso al limite farmi dividere la cifra in due anni essendo un lavoro a cavallo del 2010. grazie

RISPOSTA

Buongiorno Piero,

avrei bisogno di verficare il trattamento relativo alle doppie imposizioni tra italia e slovenia, in quanto i redditi che un residente di uno Stato Contraente ritrae dall’esercizio di una libera professione o da altre attività di carattere indipendente sono imponibili soltanto in detto Stato, a meno che tale residente non disponga abitualmente nell’altro Stato Contraente di una base fissa per l’esercizio delle sue attività. Se egli dispone di tale base fissa, i redditi sono imponibili nell’altro Stato ma unicamente nella misura in cui sono imputabili a detta base fissa.
2. L’espressione “libera professione” comprende in particolare le attività indipendenti di carattere scientifico, letterario, artistico, educativo o pedagogico, nonché le attività indipendenti di medici, avvocati, ingegneri, architetti, dentisti e contabili. Ritengo quindi che non debba applicare alcuna ritenuta in fattura.
Il prblema forse potrebbe riguardare il soddisfacimento del presupposto applicativo dell’iva che, nel suo caso, potrebbe configurarsi ed imporle di aprire la partita Iva. per questo però avrei bisogno di fare una ricerca.
Sul suo spunto di divedere la prestazione “in due”, vi sono delle impotesi, come nel caso di una scultura, in cui l’unitarietà dell’opera seppur suddivisa e frazionata, lascia comuqnue intendere un unico lavoro.
Per questo avrei bisogno di più tempo per risponderLe.
Per la dichiarazione delle imposte le posso dire di si, deve dichiararla in Italia e pagherà le imposte secondo gli scalgioni irpef.
Vediamo cosa si può fare.
L’obiettivo è quello di fare la scultura e non aprire la prtita iva almeno per ora, poi certo che se il business inizia a diventare fruttifero sarà abbligato e noi ci candidiamo come suoi consulenti e promoter!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.