HOMEPAGE / Società e Redditi / Home Restaurant: cos’è, come si apre, legislazioni, dubbi, costi

Home Restaurant: cos’è, come si apre, legislazioni, dubbi, costi

home restaurantL’home restaurant è una delle ultime mode in fatto di ristorazione. È apprezzato dai clienti che per una sera possono scegliere un’alternativa rispetto al classico ristorante ma è anche un modo per gli appassionati di cucina che vogliono fare della ristorazione la propria professione per iniziare a lavorare nel settore senza dover investire troppo. Ma cos’è esattamente e come si può aprire un home restaurant? Ecco una piccola guida all’argomento che vi fornisci chiarimenti e risposte utile alle domande rispetto ai requisiti richiesti dalla legge Italiana per aprire un home restaurant e come avviare attraverso una SCIA o una Comunicazione Unica l’attività senza paura di dover incorrere in sanzioni o multe che possono trasformare il diletto in un problema da gestire.

Che cos’è un home restaurant? (Definizione)

L’home restaurant è un tipo di attività che appartiene alla sfera della ristorazione ma che invece di svolgersi in un classico locale viene organizzata all’interno di un appartamento privato. Il fenomeno nasce all’inizio degli anni Duemila negli Stati Uniti, sull’esempio delle case particular che si trovano a Cuba, ma si diffondono ben presto anche in Inghilterra. In Italia si diffondono grazie ai social network che sono il primo canale di promozione dell’home restaurant. L’home restaurant è un ristorante che si “svolge” all’interno di un appartamento privato. Nasce dalla voglia dei padroni di casa di ospitare e di mettersi ai fornelli, avendo come ospiti persone sconosciute che non si conoscono neanche tra loro. Ovviamente ci deve essere anche la passione per la cucina perché si dovrà preparare un men§ specifico, magari che proponga ricette regionali e pietanze tipiche locali.

La caratteristica principale dell’home restaurant è quella di non essere un’attività organizzata da professionisti del settore ma da principianti che mettono a disposizione pochi coperti in determinate serate che vengono pubblicizzate attraverso i social network. Un home restaurant non dovrebbe superare un certo fatturato annuo ma, in compenso, non ha necessità di autorizzazioni particolari, cosa che invece viene richiesta ai ristoranti professionali. Un sistema alternativo, dunque, per riuscire ad arrotondare le proprie entrate mensili ma anche un modo per saggiare le proprie abilità di cuoco prima di lanciarsi nell’avventura di un ristorante vero e proprio, soprattutto se si tratta della prima esperienza nel settore.

Le diverse tipologie di ristorante casalingo

Per aprire un home restaurant non sono necessari particolari requisiti. Basta avere lo spazio in casa, saper cucinare magari proponendo un menu culinario tipico e avere voglia di ospitare persone sconosciute per serate basate sulla cucina e sulla socialità. Non deve mancare una certa conoscenza del web per riuscire a promuovere i propri eventi di home restaurant nel modo migliore, così da avere sempre un buon giro di clienti e il salotto pieno ad ogni serata.

Esistono 2 formule diverse per l’home restaurant. La prima è quella di un evento del genere social eating, quindi una cena che viene organizzata non solo per gustare tutte le specialità locali ma anche e soprattutto per conoscere tante persone nuove, con i padroni di casa come anfitrioni della serata.

La seconda tipologia è invece quella del tourist eating ossia cene che vengono organizzate per consentire ai turisti di assaporare il vero gusto locale, facendosi ospitare per cena a casa di persone comuni che si dilettano con la cucina. Anche per quanto riguarda le formule di pagamento esistono diverse possibilità. C’è, infatti, chi prevede una quota per ogni cena, a copertura delle spese della cena, variando quindi di volta in volta. Ma c’è pure chi organizza una sorta di associazione e prevede un’iscrizione annuale o mensile per partecipare ad ogni evento. Chi desidera aprire il proprio home restaurant deve solo individuare la formula migliore per le proprie esigenze e per lo spazio che ha a disposizione in casa.

Quale normativa regolamenta gli home restaurant

Gli home restaurant sono un nuovo business imprenditoriale che però sono caratterizzati da un grande vuoto legislativo. Tuttavia visto che molti siti si limitano a scrivere che esiste sono un vuoto da colmare a mio avviso questo vuoto esiste solo parzialmente nelle loro teste.

Esiste infatti una risoluzione del Ministero ad hoc proprio per questo tipo di attività che qualifica giuridicamente l’attività e indica i requisiti da rispettate in termine di onorabilità e professionalità del cuoco che è la Risoluzione numero 50481.

Questa Risoluzione paragona l’Home restaurant a dei veri e propri ristoranti, obbligandoli a sottostare ad una lunga e rigida trafila per ottenere le autorizzazioni.

Infatti “In via preliminare si precisa che l’attività di somministrazione di alimenti e bevande è disciplinata dalla legge 25 agosto 1991, n. 287, così come modificata dal decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 e s.m.i.., la quale distingue tra attività esercitate nei confronti del pubblico indistinto (cfr. articolo 1) e attività riservate a particolari soggetti (cfr. articolo 3, comma 6). Detta legge all’articolo 1, comma 1 dispone che “per somministrazione si intende la vendita per il consumo sul posto” che si esplicita in “… tutti i casi in cui gli acquirenti consumano i prodotti nei locali dell’esercizio o in una superficie aperta al pubblico, all’uopo attrezzati”.

A tal proposito la nota n. 98416 del 12-6-2013 del  ministero ha classificato come un’attività vera e propria di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande quella effettuata da un soggetto che, proprietario di una villa, intendeva preparare cibi e bevande nella propria cucina fornendo tale servizio solo su specifica richiesta e prenotazione che altro non è se non quello che comunemente chiamiamo oramai con il nome di home restaurant o cuoco a domicilio.

Pertanto, ad avviso del Ministero si applicano per questa  le disposizioni di cui all’articolo 64, comma 7, del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 e s.m.i.. L’articolo 64 lo trovate qui di seguito da stampare. DettaglioArticolo 64

Ciò significa che, previo possesso dei requisiti di onorabilità nonché professionali di cui all’articolo 71 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 e s.m.i., detti soggetti sono tenuti a presentare la SCIA o a richiedere l’autorizzazione, ove trattasi di attività svolte in zone tutelate.

Per quello che concerne i registi della persona vi rimando all’articolo dedicato proprio ai requisiti per aprire qualsiasi attività commerciale sia essa di commercio di beni e servizi alimentari e non e che riguardano il titolare della dell’attività. Vi consiglio di leggerli attentamente anche se posso riassumerci in estrema sintesi che tratti delinquenti abituali, professionali o per tendenza, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione, o coloro che hanno riportato una condanna, con sentenza passata in giudicato, per delitto non colposo e tanti tanti altri casi.

Tornando invece alla tipologia di attività specifica quale quella dello chef a domicilio o home restaurant non esiste ancora una norma ad hoc che regoli in modo preciso il settore e sono andati vanificati tutti gli sforzi fatti in tal senso. In particolare nei tempi più recenti è arrivata una bocciatura da parte del Garante della concorrenza che ha ritenuto incostituzionale la proposta di legge che prevedeva grosse limitazioni per gli home restaurant, soprattutto dal punto di vista del numero dei coperti e del tetto massimo di fatturato. Secondo il Garante, infatti, queste limitazioni sarebbero del tutto ingiustificate e quindi improponibili. Tuttavia non sono presenti normative di settore per tutto per cui se c’è un ritardo è legittimo rifarsi alla normativa primaria per cui valgono le norme previste più affini per la tipologia di attività svolta.

Proposte di legge sull’attività di cuoco a Domicilio

La proposta di legge è ancora oggetto di discussione ma se entrasse in vigore limiterebbe a 500 il numero di ospiti annuo da non superare mentre il fatturato massimo non potrebbe superare i 5 mila euro.

Inoltre sono previsti una serie di paletti non indifferenti che di fatto potrebbero smorzare la vena creativa o indurre persone a tentare di seguire le proprie passioni. Parliamo di requisiti che se dovessero passare passerebbe la voglia a chiunque e che trovate nel seguito:

  1. limite 500 coperti annui: che si traduce di fatto a organizzare in media, considerando cene con una distribuzione di frequenza di 2, 4, o 6 invitati circa 120 annue per un costo in media che oscilla tra i 30 e 50 euro per cui 3.750 – 6.250 di ricavi fatturati annui. A questo andrebbero eliminati i costi per materie prime.
  2. limite 5 mila euro annui
  3. Prenotazione on line: solo con piattaforme on line al pari di airbnb o altri siti di home rent; se cosi fosse facile prevedere che si determinerebbe anche l’obbligo alla trattenuta da arte dell’intermediario sui proventi al pari di quello che avviene oggi con le piattaforme per le locazioni immobiliari
  4. Pagamenti on line: solo strumenti di pagamento tracciati il che sembrerebbe essere un paradosso se consideriamo il nero e la mafia che che caratterizza l’attività di tantissimi ristoranti Italiani
  5. Normative igienico sanitarie HACCP: questa per quanto restrittiva come previsione mi sento di dire che l’unica veramente utile in quanto mi farebbe piacere essere sicuro che se invito uno chef a domicilio o vado a mangiare da qualcun consigliato magari da un amico so che questo abbia le certificazione per maneggiare determinati alimenti che sta per cucinare. Questo si traduce nel fatto di seguire corsi di formazione e aggiornamento professionale per cui anche qui i costi aumentano e parliamo di corsi che possono costare anche 2 mila euro annue che seppur deducibili fiscalmente contribuiscono a far lievitare i costi di una piccola attività.
  6. Assicurazione contro i rischi derivanti dall’attività: polizza assicurativa RC verso terzi sia per l’attività che per l’abitazione per eventuali danni causati a terzi che potrebbe costare intorno ai 300-500 euro di premio assicurativo annuo che seppur deducibile fiscalmente contribuisce anche qui a far crescere i costo di gestione.

Tale importo non deve essere superato soprattutto perché altrimenti si deve obbligatoriamente aprire la partita iva, facendo diventare un’attività occasionale e non professionale in un lavoro vero e proprio, soggetto a contributi e tasse.

Inoltre questa attività potrebbe anche essere sottoposta all’obbligo di SCIA ossia dichiarazione di inizio attività. Tale normativa, però, è al momento bloccata alla discussione del Senato e non si sa quale iter seguirà né quali modifiche saranno apportate. Intanto, però, gli home restaurant si diffondono e diventano un appuntamento interessante in ogni città italiana. Curioso poi sarebbe all’interno della SCIA rintracciare il codice ATECO per aprire la partita IVA. A mio avviso potrebbe essere utile rifarsi alla categoria comunque di somministrazione di alimenti e bevande.

Quanto costa aprire un home restaurant in casa?

I costi per aprire un home restaurant non sono eccessivamente alti e anzi in alcuni casi si può iniziare l’attività di ristorazione casalinga addirittura a costo zero ossia limitandosi al costo delle materie prime  per cucinare e alle attrezzature iniziali ma queste sono variabili un funzione del meno che decidete di presentare e alla tipologie e gamma di servizi offerti: andiamo da cucine presso la propria abitazione a chef a domicilio che vi preparano cene di sushi e vi servono la cena per 50 euro a testa.

Infatti non sono previsti costi particolari per l’attrezzatura, che non deve essere utilizzata, né per l’affitto dei locali in quanto il ristorante viene organizzato a casa propria. Sicuramente la spesa maggiore è quella che viene sostenuta per acquistare gli ingredienti e le materie prime per organizzare i manicaretti ma oltre questo non c’è altro. Non deve mancare, però, l’impegno del padrone di casa non solo per l’organizzazione della serata e della cena ma soprattutto per la promozione dell’evento, in modo particolare attraverso l’impiego dei social, mezzo di comunicazione di massa gratuito ed efficace.

Per questo motivo sono nati tanti home restaurant a Milano, Roma e altre grandi città.

Parere del Ministero dello Sviluppo Economico: Nota primo febbraio 2019

Con Nota del primo febbraio 2019 il Ministero dello sviluppo economico paragona gli home restaurant e dei pubblici esercizi ma solo quando questi sono organizzati in forma di impresa. Questi devono essere prima di tutto accessibili alla polizia ma v’è da dire che non esiste ancora un corpus di norme d hoc per questa specifica attività. Di fatto sarebbero assimilabili per lo più a cene private.

Comunicazione Questura Reggio Calabria

Iniziare la propria attività: i passi da seguire per la libera professione e Lavoro Autonomo

Requisiti Apertura Negozio o attività commerciale: quali sono e Legge Italiana

Principali Leggi di riferimento

Risoluzione numero 50481

Valuta l'articolo
[Totale: 2 Media: 3]

About Promy

Promy
Giovane ma intrapredente laureato in Economia, segue temi economici di interesse generale con lo scopo di aiutare tanti italiani a districarsi fra temi spesso ostici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.