HOMEPAGE / Società e Redditi / Acquisti da Produttori Agricoli: come funziona l’autofattura

Acquisti da Produttori Agricoli: come funziona l’autofattura

Nel caso di acquisti di merci o prodotti finiti o semilavorati o anche di servizi da acquirenti titolari di partita Iva da produttori agricoli esonerati sarà necessario seguire un particolare trattamento fiscale in far di fatturazione che si sostanzia nell’autofattura. Nel seguito forniamo chiarimenti e risposte ai casi particolari che pervengono dai lettori con l’aiuto anche alcuni esempi pratici e di un modello di autofattura.

Questo particolare regime si applica solo ai soggetti titolari di partita Iva che acquistano merci, prodotti o servizi da parte di produttori agricoli che agiscono con il regime speciale dell’Iva di cui all’articolo 34 del d.p.r. numero 633 del 1972.

L’acquirente dovrà emettere autofattura al momento di effettuazione dell’acquisto che come sappiamo assume momento diversi a seconda si tratti di acquisto di beni mobili o immobili o prodotti finiti o semilavorati o che si tratti di prestazioni di servizi.

Nel caso della vendita di di prodotti il momento di effettuazione coincide con la consegna della merce. Se trattasi tuttavia di beni immobili, anche se questo non è l’ambito di applicazione perchè parliamo di prodotti agricoli il momento coincide con il perfezionamento dell’atto di acquisto con atto o senza. Mi viene in mente l’esempio di un terreno o un mulino, beni che sono identificati catastalmente o presso pubblici registri.

Nel caso particolare (che poi in agricoltura così particolare non è perchè rappresenta la prassi consuetudinaria di merci viaggianti dovranno per il documento di trasporto successivamente l’autofattura. L’emissione dell’autofattura libera l’acquirente dell’emissione del documento di trasporto.

Caratteristiche della fattura

Nella fattura l’Iva sarà determinata attraverso le percentuali di compensazione definite nel decreto del ministero dell’economia delle finanze che nel seguito riportiamo. Sulla base del proprio regime di detrazione Iva.

L’autofattura dovrà essere messa anche nell’ipotesi di acquisto di attività diverse da quelle agricole può anche connesse a quest’ultima.

Come funziona in pratica l’acquisto da produttori agricoli in regime di esonero Iva

In pratica al momento di effettuazione dell’operazione si consiglia di emettere l’autofattura in due esemplari di cui uno andrà consegnato al venditore imprenditore agricolo sia esso un coltivatore diretto o uno IAP – Imprenditore Agricolo professionale. Eliminazione dell’autofattura dovrà avvenire più entro il 15º giorno successivo all’effettuazione dell’operazione.

L’annotazione delle fatture dovrà essere effettuata distintamente nel registro oppure in un apposito sezionale Iva.

Esempio autofattura acquisto da produttore agricolo con un format o modello

Nel seguito un esempio di autofattura per gli acquisti da produttori agricoli esonerati

Anagrafica Soggetto Acquirente

Denominazione Sociale

Codicie Fiscale

Partita Iva

Sede Legale

 

Autofattura N.  del
Oggetto dell’acquisto per tipologia di merci e quantità dalla ditta, società

Anagrafica Produttore Agricolo Esonerato Venditore

Denominazione Sociale

Codicie Fiscale

Partita Iva

Sede Legale

Tipologia per Quantità prodotti X prezzo al Kg o al pz
TOTALE IMPONIBILE
ALIQUOTA IVA DI COMPENSAZIONE

TOTALE FATTURA

Autofattura emessa per acquisti da soggetto esonerato a norma dell’art. 34, 6° c. DPR 633/72

Nel caso immaginiamo di dover acquistare una partita di frutta da un produttore agricolo in regime di esonero ai sensi dell’articolo 34 comma 6 del DPR. 633 del 1972 dovremmo registrare NOI emettere una autofattura indicante la descrizione della frutta (banane, pere, Uva), ed inserire quale cedente il produttore mentre come acquirente noi. Supponiamo abbia un valore di 1.000 euro e Iva al 4% dovremmo indicare quale totale fattura 1.040.

Acquisto da un produttore agricolo in regime ordinario Iva che hanno presentato appositamente opzione per la sua applicazione in quanto sappiamo che il regime di esonero è quello naturale, la fatturazione avverrà in modo diverso in quanto il produttore agricolo dovrà emettere lo scontrino fiscale. Dal punto di vista della detrazione Iva invece seguirà le regole ordinaria di detrazione in base al saldo dell’Iva a debito e a credito derivante dall’applicazione analitica delle aliquote Iva delle vendite e degli acquisti annotati nei registri Iva.

Acquisti da produttori agricoli in regime ordinario per opzione: come comportarsi

Per approfondimento e ulteriori chiarimenti vi segnalo la Guida Gratuita per l’emissione sullo scontrino fiscale dove troverete le indicazioni su come e quando emettere lo scontrino, le caratteristiche ed i dati che deve avere e le sanzioni che si rischiano in caso di mancata emissione.

Scontrino Fiscale non in regola: multe salate… ma quali dati deve riportare?

Casi particolari

Nel caso in cui sia l’acquirente sia il venditore siano soggetti esonerati svolgono solamente prestazioni esenti da Iva non dovrà emettere alcuna autofattura ma si limiterà all’emissione di una ricevuta fiscale con apposizione della marca da bollo in quanto l’operazione è esente dall’imposta sul valore aggiunto. Come sempre le fatture in esenzione di imposta Iva dovranno riportare la marca da bollo. Per i chiarimenti sulle modalità applicate anche in virtù della fatturazione elettronica che entrerà in vigore dal primo gennaio 2019 vi invito a leggere la guida gratuita all’emissione della fattura

Regime Speciale IVA Agricoltura 2019: Calcolo Detrazione Forfettaria, Percentuali compensazione con Esempi e Tabella

 

IAP Imprenditore Agricolo Professionale: Requisiti, agevolazioni fiscali, domanda alla regione

Valuta l'articolo
[Totale: 5 Media: 5]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

3 commenti

  1. Tasse-Fisco

    cambiare software o richiedere aggiornamento

  2. Avatar

    So già come si emetteva un’autofattura, finché questa veniva compilata in maniera manuale, ma adesso con le nuove disposizioni in materia di fatturazione elettronica sono praticamente ritornato indietro.
    Come faccio a compilare e successivamente inviare allo SDI un’autofattura considerando che il software che ho acquistato non prevede questo caso?
    La ringrazio anticipatamente e Le sarei molto grato se potesse rispondermi nel più breve tempo possibile cercando di essere quanto più dettagliato possibile. Grazie

  3. Avatar

    buongiorno e grazie per l’articolo
    sono un’azienda di trasformazione che acquista da agricoltori esonerati ex art 34

    assodato che se si emette autofattura in data di acquisto merce si è esonerati dall’emissione del DDT
    vorrei capire il caso in cui se si emette un DDT o un autoDDT si possa posticipare l’emissione della autofattura (magari cumulativa per lo stesso fornitore) al 15° giorno successivo

    infatti non è chiaro in questo punto dell’articolo

    “In pratica al momento di effettuazione dell’operazione si consiglia di emettere l’autofattura in due esemplari di cui uno andrà consegnato al venditore imprenditore agricolo sia esso un coltivatore diretto o uno IAP – Imprenditore Agricolo professionale. Eliminazione dell’autofattura dovrà avvenire più entro il 15º giorno successivo all’effettuazione dell’operazione.”

    ringrazio sin d’ora per la gentile risposto
    cordiali saluti
    Antonio

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.