Assunzione colf e badanti: modello F24 per la compilazione e la regolarizzazione

Dal 21 agosto 2009 se il datore di lavoro vuole regolarizzare colf, badanti o donne di servizio, assistenti familiari, baby sitter, comunitari o extracomunitari, occupati in casa o in attività di assistenza alla persona e nel lavoro domestico, può farlo attraverso il pagamento del contributo per l’emersione di 500 euro per ogni lavoratore.
Deve essere effettuato con il modello F24 versamenti, tramite home banking, presso gli sportelli bancari, alla posta, presso gli agenti della riscossione o telematicamente utilizzando esclusivamente i servizi online dell’Agenzia delle Entrate con esclusione.

I codici tributi da utilizzare per il versamento del contributo e la regolarizzazione della COLF, sono

  • RINT per l’emersione di lavoratori italiani, colf e badanti e comunitari
  • REXT per l’emersione di lavoratori extracomunitari, colf e badanti e nel campo “elementi identificativi” occorre riportare il codice fiscale del lavoratore o qualora questi ne sia sprovvisto i primi 17 caratteri del numero di un valido documento di identità.

Ricordiamo che il modello F24 non può essere presentato in BANCA, mentre il modello F23 deve necessariamente essere presentato presso lo sportello.

Come si calcola il TFR delle badanti

Regolarizzare colf e badanti

Deduzione contributi nel 730 o Unico

Ti è piaciuto l'articolo? Per continuare a darvi spunti gratuiti, condividi questo articolo tramite i pulsanti qui sopra!

Scrivi un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>