HOMEPAGE / Persone Fisiche e IRPEF / Reddito di Inclusione 2019: come funziona: quanto vale, come fare domanda REI

Reddito di Inclusione 2019: come funziona: quanto vale, come fare domanda REI

Come funziona il Reddito di inclusione e come presentare domanda REI nel 2019 e per conoscere quanto vale ed il proprio Stato Domanda REI con il nuovo servizio messo a punto dall’INPS sono solo alcune informazioni che trovate riguardanti i requisiti di accesso, la decorrenza, la durata, il finanziamento e l’importo del Reddito di Inclusione, per avere alcuni chiarimenti aggiuntivi e risposte alle domande sui vari casi particolari che già giungono da voi lettori.

Nel seguito trovate anche la guida pratica gratuita sul nuovo reddito di cittadinanza che entra in funziona da aprile 2019.

Come funziona il reddito di inclusione 2019 o Carta REI

La prima domanda che ci si pone cosa è il reddito di inclusione, come funziona e e quali sono i requisiti per poter accedere a questo trattamento economico integrativo ho sostitutivo assegno mensile erogato a titolo di indennità finalizzato a contrastare la povertà riusciti bassi.

Dal 1° gennaio 2018 è stato istituito il Reddito di inclusione (ReI) quale misura unica nazionale di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale, condizionata allavalutazione della condizione economica attraverso l’ISEE. Il ReI ha sostituito ilSIA (Sostegno per l’inclusione attiva) e l’ASDI (Assegno di disoccupazione).

Il ReI si compone di due parti:

  • un beneficio economico, su dodici mensilità, con un importo variabile a secondo della numerosità del nucleo familiare (da circa 187 a circa 539 euro per nuclei familiari con 6 o più componenti). Il beneficio economico viene erogato mensilmente attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta ReI);
  • un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà, predisposto sotto la regia dei servizi sociali del Comune

Nella realtà anche se sentite parlare di nuove iniziative, agevolazioni, incentivi questo trattamento economico è uguale alla carta acquisti introdotta al Governo Tremonti una decina di anni or sono. Sicuramente anche la carta acquisti avrà avuto un suo predecessore. Il meccanismo di funzionamento è volto a dotare di una carta elettronica il contribuente per l’effettuazione di acquisti.

L’organo la responsabilità di gestione della Progetto REI sono i servizi sociali del Comune

Chi può avere il Reddito di Inclusione 2019

Potranno presentare la domanda tutti i nuclei familiari che dimostrano il possesso di determinati requisiti non solo familiari, reddituali e patrimoniali e ce trovate nel seguito descritti in sintesi e per punti.

Requisiti Nucleo familiare REI 2019

Per quello che concerne la composizione del nucleo familiare questo dovrà soddisfare almeno uno di questi requisiti:

  • da un componente di minore età;
  • da una persona con disabilità e almeno un suo genitore o tutore;
  • da una donna in stato di gravidanza;
  • da un componente che abbia 55 anni o più e sia disoccupato.

Novità: Dal primo luglio 2018 le domande di accesso al REI non dovranno soddisfare i requisiti familiari di cui all’articolo 3, comma 2 del D.Lgs n. 147/2017.

Requisiti Economici REI 2018, 2019

Per quanto riguarda i requisiti economici i requisiti da soddisfare sono:

  • valore ISEE inferiore a 6 mila euro (consulta articolo gratuito su calcolo ISEE alla fine)
  • valore ISRE inferiore a 3 mila euro;
  • Valore patrimonio immobiliare al di fuori della abitazione principale e delle pertinenze inferiore a 20 mila euro;
  • Valore del conto corrente, titoli, azioni, obbligazioni, depositi, certificati, titoli di stato etc o altri valori mobiliare inferiori a 10 mila, o 8 euro se vi sono due persone o 6 mila se il nucleo è composto da una persona.

Altri Requisiti

Sono previsti anche altri requisiti che riguardano la percezione di altri trattamento indennitari o integrativi dello stato di difficoltà economiche (non mi piace chiamarla povertà , soprattutto se parliamo di persone che per richiederla possono avere una abitazione e 10 mila euro sul conto che non mi sembra proprio una povertà).

Il legislatore tuttavia ha imposto il divieto di presentare domanda per coloro che già accedono all’assegno sociale per l’impiego che prende il nome di NASPI. Inoltre non è consentita la presentazione della domanda i soggetti che ne ventiquattro mesi precedenti la presentazione della domanda abbiano acquistato qualsiasi autoveicolo o motoveicolo di nuova immatricolazione. Inoltre, anche se secondo me non era il caso di scriverlo, sono esclusi anche i contribuenti che siano proprietari di imbarcazioni da diporto. Non parliamo di natanti di imbarcazioni da diporto per cui la lunghezza devi essere superiore a 10 metri.

Quanto dura il Reddito di Inclusione

La carta acquisti Rei dura per un periodo di 18 mesi. Tuttavia è possibile ripresentare nuovamente la domanda dopo 6 mesi dalla conclusione del primo ciclo di 18 mesi. Nel caso invece si sia presentata domanda ma non si accede per mancanza dei requisiti è possibile ripresentarla il mese successivo.

Come fare domanda e come avviene l’accredito

La domanda deve essere presentata utilizzando il nuovo modello cartaceo contenuto come allegato al messaggio n. 1972 dell’11 maggio 2018 l’INPS. Il pagamento del Reddito di inclusione è disposto dall’INPS e decorre dal mese successivo l’accoglimento della domanda di accesso al progetto personalizzato REI.

Quanto spetta

L’ammontare del beneficio economico viene determinato integrando fino a una data soglia, le risorse a disposizione delle famiglie.

Quanto vale il Reddito di Inclusione 2018, 2019

Il valore del Reddito di inclusione ha comunque un importo massimo inferiore al 110% del valore annuo stabilito per l’assegno sociale. Il valore dell’assegno sociale viene definito annualmente. A titolo di esempio come previsto dall’articolo  3, della Legge 8 agosto 1995, n. 335. A titolo di esempio per il 2017 ammonta a 448,07 euro per 13 mensilità e per quello che concerne i limiti di reddito dell’assegno sociale si parla di 5.824,91 euro annui e 11.649,82 euro, se l’istante è coniugato.

Possiamo dire in estrema sintesi quindi che il reddito in inclusione potrà assumer ragionevolmente un valore massimo di 550 euro se volete farvi un’idea di massima del valore di cui stiamo parlando. 

La soglia è pari a 3.000 euro, ma in sede di prima applicazione viene coperta solo al 75%. Pertanto, inizialmente, la soglia con cui confrontare le risorse economiche del nucleo familiare è pari, per un singolo, a 2.250 euro (il 75% di 3.000 euro), e cresce in ragione della numerosità familiare (viene infatti riparametrata per mezzo della scala di equivalenza dell’ISEE), come indicato nella tabella seguente (il massimo è fissato dall’ammontare annuo dell’assegno sociale mensilizzato, incrementato del 10%).

Calcolo Reddito di inclusione 2019 on line

A questo link trovate le modalità di calcolo del REI 

La legge di stabilità per il 2018 (articolo 1, comma 194, della legge n. 205 del 27 dicembre 2017) ha ulteriormente specificato tale meccanismo di calcolo. Infatti, nel caso in cui all’atto del riconoscimento del ReI il beneficio economico risulti di ammontare inferiore o pari a 20 euro su base mensile, lo stesso è versato in soluzioni annuali. Diversamente, nel caso in cui il beneficio economico risulti diammontare nullo all’atto di definizione del procedimento, la mensilità non viene considerata utile ai fini del numero di mesi per i quali si ha diritto alla prestazione.

Il valore del reddito di inclusione aumenta con il numero dei componenti del nucleo familiare tramite la famosa scala di equivalenza dell’ISEE. Per il calcolo dell’assegno si dovrà prendere il valore soglia di 2.250 euro e portare in riduzione eventuali trattamenti assistenziali che non vanno a indennizzare una mancanza, handicap, o similare. Per intenderci quelli che non entrano nel calcolo dell’ISEE non devono essere sottratti dal valore soglia.

Si dovrà poi sottrarre l’indicatore della Situazione Reddituale chiamato ISR. Se da questo calcolo ne deriva un importo inferiore a 20 euro mensili importo sarà corrisposto annualmente.

Stato di Avanzamento Domanda REI

Per conoscere lo Stato di avanzamento della domanda REI è stato creato e messo a disposizione il nuovo servizio INPS per la presentazione della domanda del reddito di inclusione e la consultazione dello stato di lavorazione della pratica e dei pagamenti ricevuti fino al giorno della consultazione. L’aggiornamento non è proprio real time. Per effettuare l’accesso sarà necessario inserire le credenziali ossia i propri dati anagrafici nome, cognome e data di nascita e l’identificativo della pratica presentata.

Il servizio si chiama non a caso Stato domanda REI. In alternativa è possibile contattare il numero telefonico gratuito 803164  da telefono fisso o il numero 06164164 da telefono cellulare. Il consiglio che do qualora chiamate da telefono è quello di munirvi di codice fiscale e numero identificativo della pratica presentata di lavorazione della pratica e fornirà informazioni relative alla consultazione dei pagamenti.

Reddito di cittadinanza 2019: come funziona, quanto vale, requisiti, Domanda

Legge Reddito di Inclusione e Riferimenti Normativi

Legge n. 147/2017 o Legge di Stabilità 2017

Legge n. 205/2017 o Legge di Bilancio 2018

Articoli di approfondimento gratuiti

Fattura Elettronica 2019 in pdf: quando è possibile e come si conserva

Valuta l'articolo
[Totale: 3 Media: 3.7]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.