HOMEPAGE / Lavoro Dipendente / Direttori artistici e collaboratori tecnici: trattamento fiscale

Direttori artistici e collaboratori tecnici: trattamento fiscale

Il trattamento fiscale delle prestazioni dei Direttori artistici e collaboratori tecnici per cori, bande musicali e filodrammatiche

Le professioni “musicali” devono essere analizzate caso per caso come per le professioni di autore, compositore, interprete ed esecutore, i direttori artistici e i collaboratori di cori, bande musicali e filodrammatiche, tutte libere professioni ma i cui proventi sono soggetti a diverso trattamento fiscale.

Prima caratteristica è la mancanza della continuità nella prestazione che produce unicamente il passaggio delle determinazione dei singoli redditi dall’articolo 53 (lavoro autonomo) all’articolo 67 , comma 1, lettera l) del Tuir (redditi diversi) quali redditi derivanti da prestazioni di lavoro autonomo professionale.

La seconda caratteristica è relativa alla residenza del soggetto che eroga la prestazione (DJ o compositore estero che viene in Italia).

Il trattamento fiscale di pertinenza cambia poi a seconda che la prestazione sia eseguita da un soggetto fiscalmente residente in Italia o no.

Ulteriori accorgimenti fiscali, di natura agevolativa, riguardano, invece, che perseguono finalità dilettantistiche nonché l’utilizzazione economica di opere dell’ingegno. In entrambi i casi è prevista, infatti, una determinazione forfettaria del reddito in considerazione dell’eminente bene sociale tutelato, ovvero la diffusione della cultura e dell’arte.

Nel caso di Direttori artistici e collaboratori tecnici per cori, bande musicali e filodrammatiche che svolgono le prestazioni per finalità dilettantistiche i relativi proventi sono inquadrati come redditi diversi e soggetti a ritenta del 20% sugli onorari sempre che non costituiscano redditi di capitale ovvero se non siano conseguiti nell’esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali o da società in nome collettivo e in accomandita semplice, né in relazione alla qualità di lavoratore dipendente, le indennità di trasferta, i rimborsi forfetari di spesa.

L’art. 69, comma 2, tuttavia impone che i proventi percepiti, le indennità, i rimborsi forfettari, i premi e i compensi di cui alla lettera m) del comma 1 dell’articolo 67 non concorrono a formare il reddito per un importo non superiore complessivamente nel periodo d’imposta a 7.500 euro.

Nel montante dei 7.500 euro non entreranno certo le spese rimborsate, purché documentate relative al vitto, all’alloggio, al viaggio e al trasporto sostenute in occasione di prestazioni effettuate fuori dal territorio comunale di residenza del musicista

Nel caso di Direttori artistici e collaboratori tecnici per cori, bande musicali e filodrammatiche che svolgono le prestazioni per finalità dilettantistiche i relativi proventi sono inquadrati come redditi diversi e soggetti a ritenta del 20% sugli onorari sempre che non costituiscano redditi di capitale ovvero se non siano conseguiti nell’esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali o da società in nome collettivo e in accomandita semplice, né in relazione alla qualità di lavoratore dipendente, le indennità di trasferta, i rimborsi forfetari di spesa.

L’art. 69, comma 2, tuttavia impone che i proventi percepiti, le indennità, i rimborsi forfettari, i premi e i compensi di cui alla lettera m) del comma 1 dell’articolo 67 non concorrono a formare il reddito per un importo non superiore complessivamente nel periodo d’imposta a 7.500 euro.

Nel montante dei 7.500 euro non entreranno certo le spese rimborsate, purché documentate relative al vitto, all’alloggio, al viaggio e al trasporto sostenute in occasione di prestazioni effettuate fuori dal territorio comunale di residenza del musicista

Seguirà l’analisi delle altre figure professionali del settore ed il relativo trattamento fiscale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.