HOMEPAGE / Persone Fisiche e IRPEF / Calcolo Grado di parentela nella successione: Nipote, Nonno, Zio e cugino, cognato, nuora, Esempi

Calcolo Grado di parentela nella successione: Nipote, Nonno, Zio e cugino, cognato, nuora, Esempi

detrazioni per la famigliaVediamo insieme come si calcola il grado di parentela nell’eredità a seguito di successione e vediamo così se rientrate come parenti e fino a quale grado avreste diritto ad entrare nella quota legittima come eredi del defunto non solo perchè vi potreste trovare ad essere eredi senza saperlo oppure anche perchè già lo siete e vorreste capire se è necessario versare imposte sulla successione.

Possiamo dire che i parenti entro il quarto grado, affini in linea retta e affini in linea collaterale fino al terzo grado possono entrare nella successione.

Il problema è capire chi sono e come si calcola il gradi parentela fino al quarto grado e affini. 

Vediamo come si calcola: La premessa è che esistono due versi per calcolarla: uno discendente che sarebbe quello della naturale evoluzione e quello ascendente.

I figli rappresentano i parenti di primo grado….e su questo penso siamo tutti d’accordo.

Il nipote del defunto si intende come parente di secondo grado: se in linea non retta diventa di terzo grado.
Il figlio del nipote in linea retta si chiama pronipote ed è considerato parente di terzo grado: se in linea non retta diventa di quarto grado. I cugini sono di quarto grado tra loro e così via fino a scendere oltre il

Esempi calcolo Grado di parentela

Altri esempi per effettuare il complicato calcolo del gradi parentela possono essere per esempio:

Gradi di parentela tra:

  • Fratelli e sorelle: secondo grado
  • Genitori e figli: primo grado
  • Nonni e Nipoti: secondo grado
  • zii e nipoti: terzo grado
  • Bisnonni e Bisnipoti: terzo grado
  • Pro zii e bisnipoti: quarto grado
  • i figli dei cugini di primo grado: quinto grado
  • i figli dei cugini di secondo grado: sesto grado

Superato il sesto grado la legge non riconosce la parentela e non si ha diritto ad ereditare alcunché per successione legittima.

I grandi esclusi sono sicuramente i suoceri che nella maggior parte dei casi se ne avessero avuto diritto secondo me sarebbero stati il più delle volte esclusi per espressa disposizione testamentaria.

Quanto si paga di imposte sulla successione

Terminiamo con il dire che comunque questi dovranno per il fatto di essere parenti alla lontana versare una maggiore imposta di successione rispetto ai primi e questo non mi sembra assolutamente un principio felice applicato da legislatore che mi sembra in questo caso più propenso a sposare l’obiettivo di fare cassa piuttosto che trovare un principio di equità.

Questi applicheranno comunque un’imposta del 6% e per di più senza franchigia quindi tutto quello che prendiamo è tassato al 6%.

Per aiutarvi nella comprensione potete vedere la tabella nel seguito:

Tabella sulla tassazione per successioni e donazioni

EREDE –
  LEGATARIO – DONATARIO
FRANCHIGIA ALIQUOTE
  IMPOSTE SUCCESSIONI E DONAZIONI
Coniuge Euro
1.000.000
4%
Parenti in linea retta Euro
1.000.000
Fratelli e sorelle Euro
100.000
6%
Parenti affinifino al 4°grado Su
tutto il valore donato
6%
Affini in linea collaterale fino al 3° grado Su
tutto il valore donato
6%
Altri soggetti Su
tutto il valore donato
8%

Stesso discorso di sopra per le imposte di trascrizione e catastali in base alla tipologia di beni ereditati che se riferiti a prima casa saranno di 200 euro altrimenti 2% e 1%. Per la categoria residuale di beni invece non abbiamo alcuna franchigia ed abbiamo una imposta secca dell’8% sulla base imponibile valida ai fini dell’imposta e imposte ipotecarie e catastali della stessa misura.

Tuttavia vi invitio a leggere l’articolo dedicato al calcolo dell’imposta di successione per questo tema dove trovate anche la tabella con tutti i casi di parentela e per ciascuna la tassazione da applicare

Guida Pratica Fiscale alle Successioni: come si calcola l’imposta

Unioni Civili e Convienti di Fatto: come funziona la successione e quali diritti si hanno

Valuta l'articolo
[Totale: 47 Media: 2.6]

About Tasse-Fisco

Tasse-Fisco
Dottore Commercialista Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e Revisore Legale con la passione per il diritto Tributario e Societario e Esperto nella Consulenza Aziendale.

2 commenti

  1. Il passaggio da NONNO a NIPOTE (figlio/a di figlio/a) è considerato in linea retta?
    E’ soggetto ad aliquota del 4% oltre ad una franchigia di 1 milione di euro?
    Oppure è soggetto ad aliquota del 6% senza franchigia?

  2. Grazie per la spiegazione su esposta.
    Ho una domanda.
    Nel caso il defunto non abbia nè coniuge nè figli, i nipoti (figli di sorelle/fratelli del defunto) sono sempre considerati di secondo grado oppure, mancando i figli, diventano parenti di primo grado?
    E come sono considerati i fratelli/sorelle del defunto, nel caso manchino sia coniuge sia figli?
    Grazie

Per domande su casi specifici o personali, CLICCA QUI
I commenti qui sotto sono dedicati solo a correzioni e suggerimenti in merito al testo dell'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.